Joachim Löw

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joachim Löw
Joachim Löw DFB.jpg
Löw con la Nazionale tedesca nel 2006.
Nazionalità bandiera Germania Ovest
Germania Germania (dal 1990)
Altezza 181 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1995 - giocatore
Carriera
Giovanili
non conosciuta TuS Schönau 1896
non conosciuta Schönau
Squadre di club1
1978-1980 Friburgo 71 (18)
1980-1981 Stoccarda 4 (0)
1981-1982 E. Francoforte 24 (5)
1982-1984 Friburgo 65 (25)
1984-1985 Karlsruhe 24 (2)
1985-1989 Friburgo 116 (38)
1989-1992 Sciaffusa ? (?)
1992-1994 Winterthur ? (?)
1994-1995 Frauenfeld ? (?)
Carriera da allenatore
1992-1994 Winterthur Giovanili
1994-1995 Frauenfeld
1995-1996 Stoccarda Vice
1996-1998 Stoccarda
1998-1999 Fenerbahçe
1999-2000 Karlsruhe
2000-2001 Adanaspor
2001-2002 Tirol Innsbruck
2003-2004 Austria Vienna
2004-2006 Germania Germania Vice
2006- Germania Germania
Palmarès
Coppa mondiale.svg Mondiali di calcio
Bronzo Sudafrica 2010
Oro Brasile 2014
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Austria-Svizzera 2008
Bronzo Polonia-Ucraina 2012
Bronzo Francia 2016
Transparent.png Confederations Cup
Oro Russia 2017
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 2 luglio 2017

Joachim Löw (Schönau im Schwarzwald, 3 febbraio 1960) è un allenatore di calcio ed ex calciatore tedesco, di ruolo attaccante, attuale commissario tecnico della Nazionale tedesca, con cui si è laureato campione del mondo nel 2014.

Löw è il secondo commissario tecnico più longevo attualmente, alle spalle dell'uruguaiano Óscar Tabárez, essendo alla guida della Nazionale tedesca dal 12 luglio 2006.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1978 Löw iniziò la sua carriera di calciatore con il Friburgo, squadra di seconda divisione. Nel 1980 fu acquistato dallo Stoccarda che militava nella massima serie ma ebbe delle difficoltà di ambientamento e giocò solo 4 partite senza segnare alcun gol.

Nella stagione 1981-1982 giocò con l'Eintracht Francoforte (24 partite e 5 gol), e ritornò al Friburgo l'anno seguente. Nella stagione 1982-1983 segnò 8 reti in 34 partite e nel 1983-1984 17 in 31 presenze in Zweite Bundesliga. L'anno seguente ritornò in Bundesliga, passando al Karlsruhe, ma ancora una volta non riuscì ad emergere, realizzando solo un gol in 24 partite. Così la stagione seguente tornò nuovamente al Friburgo dove restò per quattro anni nei quali disputò un totale di 116 partite realizzando 38 reti.

Concluse la sua carriera agonistica in Svizzera, dove giocò con lo Sciaffusa (1989-1992), il Winterthur (1992-1994) e il Frauenfeld, dove fu giocatore-allenatore.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha collezionato 4 presenze con la Nazionale tedesca occidentale Under-21.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore di club[modifica | modifica wikitesto]

Löw segue il consiglio del suo amico Giovanni Casella e inizia allenando le giovanili del Winterthur dal 1º luglio 1992 al 30 giugno 1994, prima ancora di ritirarsi come giocatore, per poi diventare giocatore-allenatore del Frauenfeld dal 1º luglio 1994 al 30 giugno 1995.

Il 1º luglio 1995 divenne vice di Rolf Fringer allo Stoccarda e il 14 agosto 1996, quando Fringer ebbe l'opportunità di diventare CT della Svizzera, ne prese il posto. Con quello che fu definito il Triangolo magico composto dagli attaccanti Krasimir Balakov, Giovane Élber e Fredi Bobic lo Stoccarda disputò una stagione in cui vinse la Coppa di Germania. La stagione seguente la squadra raggiunse la finale di Coppa delle Coppe perdendola 1-0 contro il Chelsea e chiuse al quarto posto in Bundesliga.

Löw lasciò lo Stoccarda il 20 maggio 1998 per passare il 1º luglio al Fenerbahçe. Lascia la squadra di Istanbul il 30 maggio 1999.

Il 25 ottobre 1999 firmò per il Karlsruhe, ma non riuscì ad evitare la retrocessione della squadra in Terza divisione e fu così esonerato il 19 aprile 2000. Dal 20 dicembre 2000 al 4 marzo 2001 ritornò in Turchia come allenatore dell'Adanaspor, venendo esonerato a stagione in corso.

Il 10 ottobre 2001 divenne allenatore del Tirol Innsbruck, conducendolo alla vittoria del campionato austriaco nel 2002. Lo stesso anno il club dovette dichiarare la bancarotta e scomparve, così Löw rimase ancora senza panchina.

Il 1º luglio 2003 fu chiamato dall'Austria Vienna, che guidò fino al 24 marzo 2004, quando fu designato da Jürgen Klinsmann come suo vice nella Nazionale tedesca a partire dal 1º agosto.

Nazionale tedesca[modifica | modifica wikitesto]

Fu il secondo di Klinsmann nel biennio 2004-06, in cui la Germania ottenne il terzo posto in Confederations Cup ed ai Mondiali. Il 12 luglio 2006, venne nominato commissario tecnico per le dimissioni del predecessore.[1]

Löw (al centro) in una foto del 2014.

Nelle qualificazioni per l'Europeo 2008 guidò la squadra a battere San Marino per 13-0.[2] Il torneo vide arrivare i tedeschi in finale, perdendo 1-0 contro la Spagna.[3] Ai Mondiali sudafricani conquistò un altro terzo posto, sconfiggendo l'Uruguay.[4] Nel 2011 rinnovò il proprio contratto[5], oltre a vincere il girone eliminatorio per gli Europei a punteggio pieno.[6] Nella fase finale, la Germania venne battuta dall'Italia in semifinale.[7]

Vinse la Coppa del mondo 2014, imponendosi in sei incontri su sette disputati.[8] Nel 2015 allungò ulteriormente l'accordo, poi confermato un anno più tardi nonostante un'altra eliminazione dagli Europei in semifinale.[9]

Nel 2017 vinse la Confederations Cup, imponendosi in quattro incontri su cinque disputati.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 24 marzo 2004.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale Vittorie % Piazz.
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
1996-1997 Germania Stoccarda BL 34 18 7 9 CG 6 3 3 0 I 3 2 0 1 43 23 10 10 53,49
1997-1998 BL 34 14 10 10 CG 5 4 0 1 CdC 9 6 1 2 DFB 2 1 0 1 50 25 11 14 50,00
Totale Stoccarda 68 32 17 19 11 7 3 1 12 8 1 3 2 1 0 1 93 48 21 24 51,61
1998-1999 Turchia Fenerbahçe TL 34 22 6 6 TK CU 4 2 0 2 38 24 6 8 63,16
1999-2000 Germania Karlsruher 2.BL 18 1 7 10 CG 18 1 7 10 &&5,56 Sub.,eson.
2000-2001 Turchia Adanaspor TL 6 0 2 4 TK 6 0 2 4 &&0,00 Sub.,eson.
2001-2002 Austria Tirol Innsbruck BL 24 13 4 7 CA 1 0 0 1 CU 2 0 1 1 27 13 5 9 48,15 Sub.,
2003-2004 Austria Austria Vienna BL 26 14 7 5 CA 1 1 0 0 UCL+CU 2+2 0+0 1+0 1+2 SA 1 1 0 0 32 16 8 8 50,00 Dimiss.
Totale carriera 176 82 43 51 13 8 3 2 22 10 3 9 3 2 0 1 214 102 49 63 47,66

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 14 novembre 2017

Squadra Naz da a Record
G V N P GF GS DR Vittorie %
Germania Germania 12 luglio 2006 in carica 157 105 30 22 387 146 +241 66,88

Nazionale nel dettaglio[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Piazzamento Andamento Reti
Giocate Vittorie Pareggi Sconfitte % vittorie GF GS DR
2006 Germania Germania Qual. Europeo 2º nel gruppo D, Qualificato 4 3 1 0 75,00 19 2 +17
2007 8 5 2 1 62,50 16 5 +11
Giugno 2008 Europeo 5 3 0 2 60,00 10 7 +3
2008 Qual. Mondiale 1° nel gruppo 4, Qualificato 4 3 1 0 75,00 12 4 +8
2009 6 5 1 0 83,33 14 1 +13
Giu.- lug. 2010 Mondiale 7 5 0 2 71,43 16 5 +11
2010 Qual. Europeo 1° nel gruppo A, Qualificato 4 4 0 0 100,00& 13 1 +12
2011 6 6 0 0 100,00& 21 6 +15
Giu.- lug. 2012 Europeo Semifinali 5 4 0 1 80,00 10 6 +4
2012 Qual. Mondiale 1° nel gruppo C, Qualificato 4 3 1 0 75,00 15 6 +9
2013 6 6 0 0 100,00& 21 4 +17
Giu.- lug. 2014 Mondiale (Vincitore) 7 6 1 0 85,71 18 4 +14
2014 Qual. Europeo 1° nel gruppo D, Qualificato 4 2 1 1 50,00 7 4 +3
2015 6 5 0 1 83,33 17 5 +12
Giu.- lug. 2016 Europeo Semifinali 6 3 2 1 50,00 7 3 +4
2016 Qual. Mondiale 1° nel gruppo C, Qualificato 4 4 0 0 100,00& 16 0 +9
2017 6 6 0 0 100,00& 27 4 +23
Giu.- lug. 2017 Confederations Cup (Vincitore) 5 4 1 0 80,00 12 5 +7
2006- in corso Amichevoli 60 28 19 13 46,67 116 74 +72
Totale Germania 157 105 30 22 66,88 387 146 +241

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Stoccarda: 1996-1997
Tirol Innsbruck: 2001-2002
Austria Vienna: 2003

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Germania: Brasile 2014
Germania: Russia 2017

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Brasile 2014
2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Germania, il ct Klinsmann si dimette al suo posto forse l'assistente Loew, su repubblica.it, 12 luglio 2006.
  2. ^ Repubblica Ceca padrona nel derby, in La Gazzetta dello Sport, 7 settembre 2006.
  3. ^ La Spagna campione d'Europa Un gol di Torres: Germania ko, su repubblica.it, 29 giugno 2008.
  4. ^ Elisabetta Esposito, Sul podio sale la Germania Muslera fa piangere l'Uruguay, su gazzetta.it, 10 luglio 2010.
  5. ^ ANCELOTTI GUADAGNA PIÙ DI MOURINHO sportmediaset.it, 27 novembre 2012
  6. ^ Emiliano Pozzoni, Germania spietata, Ibra 2º Trap e Capello ok, Hamsik out, su gazzetta.it, 7 ottobre 2011.
  7. ^ Riccardo Pratesi, Germania battuta Grande Italia in finale, su gazzetta.it, 28 giugno 2012.
  8. ^ Jacopo Manfredi, Germania-Argentina 1-0, Goetze regala il titolo mondiale ai tedeschi, su repubblica.it, 13 luglio 2014.
  9. ^ Stefano Cantalupi, Germania-Francia 0-2, Griezmann fa due gol e porta Deschamps in finale, su gazzetta.it, 7 luglio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN171699068 · ISNI: (EN0000 0004 4884 7040 · GND: (DE1012781593