Dante Bonfim Costa Santos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dante
Dante 2013.jpg
Dati biografici
Nome Dante Bonfim Costa Santos
Nazionalità Brasile Brasile
Altezza 188 cm
Peso 87 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Bayern Monaco Bayern Monaco
Carriera
Giovanili
2001 Juventude Juventude
Squadre di club1
2002-2004 Juventude Juventude 22 (0)
2004-2006 Lilla Lilla 12 (0)
2006-2007 Charleroi Charleroi 23 (1)
2007-2008 Standard Liegi Standard Liegi 63 (2)
2009-2012 Borussia M'bach Borussia M'bach 93 (8)
2012- Bayern Monaco Bayern Monaco 44 (1)
Nazionale
2013- Brasile Brasile 10 (2)
Palmarès
FIFA Confederations Cup.svg  Confederations Cup
Oro Brasile 2013
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 22 giugno 2013

Dante Bonfim Costa Santos, meglio conosciuto come Dante (Salvador, 18 ottobre 1983), è un calciatore brasiliano, terzino sinistro o difensore centrale del Bayern Monaco e della Nazionale brasiliana.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Giocatore dotato di intelligenza tattica ed abile nei contrasti, si distingue per la carica agonistica e le capacità nel gioco aereo.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Entrò a far parte del settore giovanile della Juventude nel 2001 e già l'anno seguente passò in prima squadra. Dopo due anni con la squadra uruguaiana, nel 2004 è approdato in Europa venendo acquistato dai francesi del Lilla. Nei due campionati con la squadra francese però, ha trovato poco spazio giocando appena 12 partite: nel 2006 si è quindi trasferito in Belgio, al Charleroi SC.

Nella stagione 2006-2007 è sceso in campo per 27 volte, contribuendo al quinto posto raggiunto dalla sua squadra. Le sue prestazioni lo hanno fatto finire nel mirino dello Standard Liège che lo ha acquistato nell'estate del 2007: con la squadra liegina ha subito vinto lo scudetto, il suo primo personale. Nella stagione 2008-09 ha vinto la Supercoppa nazionale e ha collezionato 15 presenze in campionato, prima della cessione ai tedeschi del Borussia Monchengladbach.

Borussia Mönchengladbach[modifica | modifica sorgente]

Il 27 dicembre 2008 il giocatore firma un contratto valido fino al 2014 con il Borussia Mönchengladbach. L'11 aprile 2009 segna il suo primo gol nella partita contro il Wolfsburg, realizzando il momentaneo 1-1. Il 13 maggio segna al 91' minuto la rete che decide la partita contro l'Energie Cottbus, terminata 1-0; dieci giorni più tardi, all'ultima giornata di campionato contro il Borussia Dortmund, segna la rete dell'1-1 regalando il pareggio e la salvezza alla sua squadra.

Le stagioni seguenti sono difficili sia per lui sia per la squadra: nel 2009-10 segna tre gol in campionato, portando nuovamente la squadra alla salvezza, mentre nel 2010-11 gioca solo metà campionato (il Monchengladbach si salverà ai play-out contro il Bochum). Ha avuto modo di riscattarsi nella stagione 2011-12, in cui ha collezionato 38 presenze totali (senza venire mai sostituito): il Borussia ha inoltre raggiunto le semifinali della DFB Pokal, venendo eliminato dal Bayern München ai calci di rigore. Nel gennaio 2012 tuttavia, il giocatore aveva fatto trasparire la volontà di lasciare il Borussia per una "grande" del calcio tedesco: il 26 aprile, con due anni di anticipo rispetto alla scadenza del contratto, è stata ufficializzata la sua cessione al Bayern per la stagione successiva.

Bayern Monaco[modifica | modifica sorgente]

Nell'estate 2012 si è quindi unito al Bayern München per una cifra vicina ai 4,7 milioni di €. Ha esordito con i bavaresi il 25 agosto seguente, nella partita di campionato contro il Greuther Furth (vinta 3-0 dal Bayern); il 24 novembre ha realizzato il suo primo gol nell'incontro vinto 5-0 sull'Hannover 96. Le ottime prestazioni sfoderate dal giocatore gli sono valse i complimenti dell'allenatore Jupp Heynckes, che lo ha definito uno dei migliori difensori mai visti. Il 6 aprile 2013 ha conquistato il suo secondo scudetto personale, con ben cinque giornate di anticipo, in seguito alla vittoria dei bavaresi sull'Eintracht Frankfurt. Il 25 maggio 2013 con la compagine bavarese approda in finale di Champions League contro i rivali del Borussia Dortmund finale poi vinta dal Bayern per 2-1. Una settimana più tardi gioca anche la finale di Coppa di Germania contro lo Stoccarda all'Olympiastadion, grazie alla vittoria della sua squadra per 3-2 conquista il primo triplete della sua carriera.

L'ottima stagione disputata con il Bayern gli ha inoltre permesso di venire convocato in Nazionale.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Esordisce in Nazionale il 6 febbraio 2013, in un'amichevole persa 2-1 contro l'Inghilterra. Successivamente viene convocato da Luiz Felipe Scolari per la Confederations Cup: il 22 giugno, nella terza partita del girone contro l'Italia, entra in campo al 35' subentrando a David Luiz e dieci minuti dopo segna la sua prima rete in nazionale, sbloccando il risultato (il Brasile vincerà poi 4-2).

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Standard Liegi: 2007-2008
Standard Liegi: 2008
Bayern Monaco: 2012-2013, 2013-2014
Bayern Monaco: 2012-2013
Bayern Monaco: 2012

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

Lilla: 2004
Bayern Monaco: 2012-2013
Bayern Monaco: 2013
Bayern Monaco: 2013

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Brasile 2013

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Nel periodo in cui giocava al Borussia divenne un idolo dei tifosi per la sua particolare acconciatura: prima di alcune partite creò un "siparietto" con i tifosi entrando in campo indossando una parrucca.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]