João Moutinho

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
João Moutinho
João Moutinho Euro 2012 02.jpg
João Moutinho in conferenza stampa ad Euro 2012
Nome João Filipe Iria Santos Moutinho
Nazionalità Portogallo Portogallo
Altezza 171 cm
Peso 61 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Monaco
Carriera
Giovanili
1994-1999
1999-2005
Portimonense Portimonense
Sporting Lisbona Sporting CP
Squadre di club1
2004-2010 Sporting Lisbona Sporting CP 163 (21)
2010-2013 Porto Porto 83 (4)
2013- Monaco 68 (5)
Nazionale
2003
2004
2004
2005-2007
2005-
Portogallo Portogallo U-17
Portogallo Portogallo U-18
Portogallo Portogallo U-19
Portogallo Portogallo U-21
Portogallo Portogallo
13 (0)
7 (0)
4 (1)
17 (2)
76 (2)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Bronzo Polonia-Ucraina 2012
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 maggio 2014

João Filipe Iria Santos Moutinho (Portimão, 8 settembre 1986) è un calciatore portoghese, centrocampista del Monaco e della Nazionale portoghese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi con lo Sporting[modifica | modifica wikitesto]

Moutinho con la fascia di capitano dello Sporting

Cresciuto nelle giovanili dello Sporting Lisbona, entra in prima squadra nel 2004, ne diventa capitano nel 2007,[1] e colleziona in 6 anni (tra campionato e coppe) 249 presenze e 31 gol.

Con lo Sporting vince due Coppe di Portogallo (2006-2007 e 2007-2008) e due Supercoppe di Portogallo (2007 e 2008).

Porto[modifica | modifica wikitesto]

2010-11: l'esordio e il primo scudetto[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 luglio 2010 si trasferisce al Porto per 11 milioni di euro, firmando un contratto quinquennale;[1] in cambio allo Sporting è andato il difensore centrale Nuno Coelho.[1]

L'esordio arriva il 14 agosto seguente contro il Naval, partita terminata 1-0 per il Porto.

Con 3 dei suoi 6 assist totali riesce a far vincere la sua squadra contro il Rio Ave (1-0), il Portimonense (2-3) e contro la sua ex squadra, lo Sporting Lisbona.

A fine anno vince il suo primo campionato e la sua prima Europa League.

2011-12: il campionato e la Supercoppa[modifica | modifica wikitesto]
Moutinho con la maglia del Porto nel 2011

Il nuovo anno inizia con la sconfitta del Porto in Supercoppa europea contro il Barcellona per 2-0.

L'esordio nel campionato 2011-12 avviene nella prima giornata, contro il Guimarães, vincendo 1-0.

L'esordio in Champions League avviene il 13 settembre 2011, contro lo Shakhtar Donetsk (partita vinta 2-1).

Fa il suo primo gol stagionale nel match, vinto 3-0, contro il Setúbal.

A fine anno il Porto si qualifica al 1º posto in campionato e vince la sua seconda Supercoppa portoghese.

2012-13: il 3º scudetto, la 3ª supercoppa e l'addio[modifica | modifica wikitesto]

Il suo 3º anno con il Porto comincia con un pareggio per 1-1 contro Gil Vicente.

Segna il suo primo gol stagionale contro il Coimbra, dando il contributo finale per la vittoria (2-1).

La sua prima rete con il Porto in Champions arriva contro la Dinamo Zagabria, facendo anche 2 assist e permettendo, in maggioranza, la vittoria per 3-0.

Invece nella Taça da Liga gioca 2 partite, segnando 2 gol, rispettivamente contro l'Estoril Praia (2-2) e contro il Setúbal (vinta 1-0).

Ricapitolando, con il Porto di André Villas-Boas vince subito la Supercoppa di Portogallo, poi, fa il treble vincendo Campionato, Coppa di Portogallo e Europa League. Con il nuovo tecnico Vítor Pereira, rivince la Supercoppa di Portogallo, ma deve arrendersi al Barcellona nella sfida di Supercoppa europea.

Monaco[modifica | modifica wikitesto]

2013-2014: l'approdo in Francia[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 maggio 2013, il Monaco ne ufficializza l'acquisto insieme al compagno di squadra James Rodríguez. Complessivamente il cartellino di entrambi è costato alla squadra francese 70 milioni di euro.

Anche se nelle prime 3 partite rimane in panchina, riesce a conquistare il posto da titolare, difatti esordisce da titolare nella partita contro il Marsiglia (vinta 2-1), uscendo al 90', realizzando anche l'assist della vittoria. Segna il suo primo gol in maglia biancorossa il 29 settembre seguente, contro il Reims (partita finita 1-1).

Il campionato viene chiuso al 2º posto (80 punti), a 9 punti dal PSG.

2014-2015: il primo gol in Champions League[modifica | modifica wikitesto]
Moutinho con la maglia del Monaco nel 2014

La sua seconda stagione con il club monegasco inizia male, infatti perde le prime due partite di campionato, la prima contro il Lorient per 1-2 allo Stade Louis II,[2] e l'altra per 4-1 contro il Bordeaux allo Stadio Chaban-Delmas.[3] Inizia con tre punti la sua avventura in Champions League, con un 1-0 contro il Bayer Leverkusen allo Stade Louis II. Decide l'incontro proprio il centrocampista portoghese, che, con l'assist di testa di Dimitar Berbatov, mette a segno il suo primo gol nella massima competizione europea con la maglia del club di Monaco.[4] Perno inamovibile della squadra monegasca, il portoghese fornisce ottime prestazioni coronate con il gol alla 10ª giornata contro l'Evian su calcio di rigore e contro il Caen entrambi allo Stadio Louis II.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2005 al 2007 ha fatto parte della Nazionale Under-21 di calcio del Portogallo, e successivamente entra a far parte di quella maggiore.

Moutinho contrasta Jérôme Boateng ad Euro 2012

L'esordio con il Portogallo avviene il 17 agosto 2005 contro l'Egitto (match vinto 2-0). Partecipa al campionato europeo di calcio 2008, ma non viene selezionato al campionato mondiale di calcio 2010.

Fa parte della lista dei 23 convocati per il campionato europeo 2012. Gioca titolare nei mach contro la Polonia, la Macedonia, la Turchia e altre 5 partite di Euro 2012. Il Portogallo, però, viene eliminato nella semifinale contro la Spagna, perdendo 4-2 ai calci di rigore.

Moutinho, inoltre, disputa i play-off per partecipare al mondiale di Brasile 2014, dove sfida la Svezia di Zlatan Ibrahimović. L'andata, in casa, viene vinta per 1-0,[5] il ritorno, in Svezia, lo vede giocare da protagonista, facendo due assist, trasformati da Cristiano Ronaldo (match vinto 3-2). Il Portogallo ottiene così l'accesso al mondiale brasiliano.[6]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2004-2005 Portogallo Sporting Lisbona PL 15 0 - - CU 3 0 - - - 18 0
2005-2006 PL 34 4 - - UCL+CU 2+2 0+0 - - - 38 4
2006-2007 PL 29 4 - - UCL 6 0 - - - 35 4
2007-2008 PL 30 5 CdL 1 0 UCL+CU 6+6 1+0 SP 1 0 44 6
2008-2009 PL 27 3 CdL 5 0 UCL 8 1 SP 1 0 41 4
2009-2010 PL 28 5 CP+CdL 4+4 2+0 UCL+EL 4+10 1+1 0 0 50 9
Totale Sporting Lisbona 163 21 14 2 47 4 2 0 226 27
2010-2011 Portogallo Porto PL 27 0 CP+CdL 5+3 2+0 EL 13+2 0 SP 1 0 51 2
2011-2012 PL 28 3 CP+CdL 1+4 0 UCL 8 0 SP 2 0 43 3
2012-2013 PL 27 1 CP+CdL 2+5 0+2 UCL 8 2 SP 1 0 43 5
Totale Porto 82 4 20 4 31 2 4 0 137 10
2013-2014 Francia Monaco L1 31 1 CF+CdL 3 0 - - - - - - 34 1
2014-2015 L1 37 4 CF+CdL 3+2 0 UCL 10 1 - - - 38 5
2015-2016 L1 0 0 CF+CdL 0 0 UCL 2 0 - - - 2 0
Totale Monaco 68 5 8 0 12 1 0 0 88 6
Totale 302 28 34 6 93 7 5 0 434 43

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Sporting: 2006-2007, 2007-2008
Porto: 2010-2011
Sporting: 2007, 2008
Porto: 2010, 2011
Porto: 2010-2011, 2011-2012, 2012-2013

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Porto: 2010-2011

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Moutinho dallo Sporting al Porto, uefa.com, 5 luglio 2010. URL consultato il 26 agosto 2015.
  2. ^ Monaco-Lorient 1-2: Falcao ritorno con gol, Tuttosport, 10 agosto 2014. URL consultato il 26 agosto 2015.
  3. ^ Monaco, è crisi nera: sconfitto 4-1 a Bordeaux, Tuttosport, 17 agosto 2014. URL consultato il 26 agosto 2015.
  4. ^ (FR) Monaco - Leverkusen 1-0 : Le miracle monégasque !, sports.fr, 16 settembre 2014. URL consultato il 26 agosto 2015.
  5. ^ Adriano Seu, Spareggio Mondiale: Portogallo-Svezia 1-0, Cristiano Ronaldo gol, Ibrahimovic delude, La Gazzetta dello Sport, 15 novembre 2013. URL consultato il 26 agosto 2015.
  6. ^ Adriano Seu, Svezia-Portogallo 2-3: tripletta di Ronaldo che va in Brasile, Ibra inutile doppietta, La Gazzetta dello Sport, 19 novembre 2013. URL consultato il 26 agosto 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]