Marcelo Vieira da Silva Júnior

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Marcelo
Marcelo con il Real Madrid nel 2019
Nazionalità Bandiera del Brasile Brasile
Altezza 174 cm
Peso 80 kg
Calcio
Ruolo Difensore
Squadra Fluminense
Carriera
Giovanili
2002-2005Fluminense
Squadre di club1
2005-2007Fluminense28 (4)
2007-2022Real Madrid386 (26)
2022-2023Olympiakos5 (0)
2023-Fluminense19 (1)[1]
Nazionale
2005Bandiera del Brasile Brasile U-173 (1)
2007Bandiera del Brasile Brasile U-204 (0)
2008-2012Bandiera del Brasile Brasile olimpica12 (1)
2006-2018Bandiera del Brasile Brasile59 (6)[2]
Palmarès
 Confederations Cup
Oro Brasile 2013
 Olimpiadi
Bronzo Pechino 2008
Argento Londra 2012
 Mondiali di calcio Under-17
Argento Perù 2005
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 febbraio 2024

Marcelo Vieira da Silva Júnior, noto semplicemente come Marcelo (Rio de Janeiro, 12 maggio 1988), è un calciatore brasiliano con cittadinanza spagnola, difensore del Fluminense.

Considerato come uno dei migliori terzini di tutti i tempi,[3] con 25 trofei vinti è il calciatore più titolato della storia del Real Madrid.[4] Con il club della capitale ha infatti vinto nel corso della sua carriera sei campionati spagnoli (2007, 2008, 2012, 2017, 2020 e 2022), due Coppe del Re (2011 e 2014), cinque Supercoppe spagnole (2008, 2012, 2017, 2019 e 2022), cinque Champions League (2014, 2016, 2017, 2018 e 2022), tre Supercoppe UEFA (2014, 2016 e 2017) e quattro Mondiali per club (2014, 2016, 2017 e 2018).

Con la nazionale brasiliana ha disputato due Mondiali (2014 e 2018) e una Confederations Cup (2013), vincendola. Inoltre, con la selezione olimpica ha preso parte a due Olimpiadi (2008 e 2012).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2011 ha acquisito anche la cittadinanza spagnola.[5] È cresciuto in condizioni di estrema povertà, che lo hanno persino portato a considerare l'idea di smettere di giocare. È stato suo nonno Pedro, al quale era molto legato, a convincerlo a non lasciare il calcio.[6]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Terzino sinistro dotato di notevoli abilità atletiche e di un'eccezionale tecnica individuale,[7] fa del dribbling in velocità uno dei suoi marchi di fabbrica. Abile anche nella conclusione,[7] con l'arrivo del tecnico José Mourinho nel 2010 effettua notevoli progressi anche in fase difensiva.[8]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Fluminense[modifica | modifica wikitesto]

Marcelo ha iniziato a giocare a futsal all'età di 9 anni. All'età di 13 anni è stato scoperto dal Fluminense, che lo ha inserito nel proprio settore giovanile. È passato in prima squadra nel 2005 e nella stagione successiva ha totalizzato 29 presenze e 4 gol.

Real Madrid[modifica | modifica wikitesto]

2007-2013[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 2007 si trasferisce al Real Madrid, dove viene indicato da subito come potenziale erede di Roberto Carlos.[7] Ha esordito il 7 gennaio 2007, subentrando a Míchel Salgado nella sconfitta 2-0 rimediata sul campo del Deportivo La Coruña.[9] Il 14 aprile dello stesso anno, Marcelo ha giocato la sua prima partita da titolare, in una partita contro il Racing Santander, persa dalle merengues per 2-1. Con l'arrivo del nuovo tecnico tedesco Bernd Schuster, il giovane terzino sinistro è stato schierato come titolare in quasi tutte le gare di campionato. Le sue abilità, la sua velocità, e le sue doti in attacco e in difesa lo hanno ben presto reso uno dei giocatori più importanti del Real Madrid.

L'arrivo del nuovo allenatore Juande Ramos è coinciso con una serie di prestazioni al di sotto delle aspettative, che hanno portato il brasiliano a giocarsi una maglia da titolare con l'argentino Gabriel Heinze. Ramos ha deciso di utilizzarlo come ala sinistra in più di un'occasione, e a Marcelo non ci è voluto molto prima di adattarsi al suo nuovo ruolo. Ha segnato la sua prima rete nella stagione 2008-2009, grazie a un assist di Higuaín, in una partita vinta per 4-0 contro lo Sporting Gijón. Dopo la partita il CT Juande Ramos ha dichiarato che quella di ala sinistra sarebbe stata la sua nuova posizione ufficiale, e che sarebbe tornato in difesa solo quando era richiesto. Ha segnato il suo secondo gol in una vittoria contro l'Almería, con un potente destro da fuori area. Il 18 aprile 2009 ha segnato la sua terza marcatura con la maglia del Real, firmando il gol vittoria contro il Recreativo Huelva.[10] Si è ripetuto lo stesso mese contro il Siviglia, al Ramón Sánchez-Pizjuán.

Marcelo con la maglia dei Blancos nell'aprile del 2010

Nella stagione 2009-2010 segna 4 gol in 43 partite stagionali e 9 assist. Il 15 settembre gioca la prima partita di UEFA Champions League in stagione contro lo Zurigo, partita vinta 5-2. Contro il Real Valladolid arriva il primo gol il 17 ottobre 2009. In occasione del derby di Madrid contro l'Atletico segna il suo secondo gol del campionato nella sfida vinta 3-2 per il Real Madrid. Il 29 novembre contro il Barcellona gioca titolare tutti i 90 minuti e venendo anche ammonito. Il 5 febbraio 2010 prolunga il contratto con il Real Madrid fino a giugno 2015. Segna contro l'Osasuna il 2 maggio successivo, arrivando a quota tre gol in campionato, partita vinta 3-2. Sei giorni dopo segna il suo 4º gol in campionato contro l'Atletico Bilbao.

Quando, nell'estate del 2010, a Madrid è arrivato José Mourinho, tutto lasciava pensare a una sua partenza, viste le perplessità mostrate dal portoghese verso il brasiliano. Invece, dopo un mese e mezzo, Mourinho ha rivelato che il giocatore lo ha molto colpito, soprattutto per i miglioramenti in fase difensiva.[8][11] Il 29 agosto esordisce in campionato nella partita pareggiata 0-0 contro il Maiorca. L'11 settembre viene schierato titolare nella prima partita giocata in casa contro l'Osasuna vinta 1-0 viene anche ammonito. Gioca la partita del Classico del 30 novembre contro il Barcellona finita 5-0 determinante anche un suo errore che ha portato al 2-0 col gol di Pedro.[12] Dopo il ko di Barcellona gioca la partita vinta per 2-0 contro il Valencia. Il 13 febbraio segna il gol partita, che permette alla squadra madrilena di ottenere i 3 punti, fondamentali nella scalata alla classifica.[13] Il secondo gol arriva il 3 marzo contro il Malaga nella sfida vinta 7-0.[14] Il 16 marzo arriva il suo primo gol in carriera in UEFA Champions League nella gara di ritorno degli ottavi di finale vinta 3-0 contro l’Olympique Lione con un'azione personale e con una conclusione di sinistro.[15] Il 5 aprile 2011 torna dopo un turno di stop nella partita di UEFA Champions League contro il Tottenham vinta 4-0.

Il 20 aprile vince la sua prima Coppa del Re battendo in finale il Barcellona per 1-0 ai supplementari. Gioca per la prima volta una semifinale di UEFA Champions League, il 27 aprile, perdendo 2-0 contro il Barça a Madrid; nella sfida di ritorno del 3 maggio firma il gol del pareggio dell'1-1, inutile per la qualificazione.[16] Il 7 maggio gioca nella partita vinta per 6-2 contro il Siviglia. Il 15 maggio contro il Villarreal segna il suo quinto gol stagionale superando il suo personale record di 4 gol delle stagioni 2008-2009 e 2009-2010.[17]

La stagione comincia con la Supercoppa di Spagna contro il Barcellona, dove nella seconda partita giocata al Camp Nou viene espulso a 2 minuti dal termine. In occasione della prima partita di campionato, vinta per 6-0 in casa del Real Saragozza, segna uno dei gol della sua squadra.[18] Il 22 gennaio 2012 nella sfida vinta per 4-1 contro l'Athletic Bilbao torna al gol. Nella partita del 2 maggio contro l'Athletic Bilbao vince il suo terzo Campionato.[19][20][21] Inizia la stagione vincendo la Supercoppa di Spagna 2012 nella doppia sfida contro il Barcellona.[22][23] Il 18 settembre segna la rete del momentaneo 1-1 al debutto stagionale in Champions League contro il Manchester City, poi finito 3-2 per i padroni di casa del Real Madrid.[24]

2013-2022[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2013-2014, si conferma tra i migliori al mondo nel suo ruolo, disputando una stagione straordinaria culminata con la conquista della Coppa del Re, in finale contro il Barcellona, e della UEFA Champions League, in finale contro l'Atlético Madrid, nella partita del 24 maggio 2014, finita 4-1 per il Real Madrid, in cui segna il goal del momentaneo 3-1 al 118' dei tempi supplementari. La stagione 2014-2015 si apre con la conquista della Supercoppa europea, vinta il 12 agosto 2014 battendo 2-0 il Siviglia,[25] vincitore dell'Europa League. In questa partita Marcelo subenta nel finale di gara. Il 20 dicembre conquista il Mondiale per club, battendo 2-0 in finale il San Lorenzo.[26][27] Il 18 febbraio 2015 segna il secondo gol per il Real Madrid contro lo Schalke 04 con un tiro straordinario. Il 13 luglio rinnova il suo contratto fino al 30 giugno 2020.

Marcelo in azione durante la finale di Champions League 2018 contro il Liverpool

Nella stagione 2015-2016 vince la sua seconda Champions League con i blancos battendo ai tiri di rigore ancora i rivali cittadini dell'Atlético Madrid nella finale di San Siro, dopo l'1-1 dei tempi supplementari[28]. Nell'annata seguente si aggiudica sia il campionato,[29] che la Champions League, vinta superando la Juventus per 4-1 in finale del Millennium Stadium di Cardiff.[30] Inizia la stagione 2017-2018 vincendo la Supercoppa europea grazie al successo per 2-1 a Skopje contro il Manchester United. Nel corso dell'annata conquista nuovamente la Coppa del mondo per club e la Champions League, sconfiggendo in finale il Liverpool.[31]

Il 22 dicembre 2018, grazie al successo per 4-1 contro dopo l'Al-Ain, campione degli Emirati Arabi Uniti e padrone di casa, si aggiudica con i suoi compagni un'altra Coppa del mondo per club, la quarta nella storia della squadra madrilena (record per la competizione). Grazie al successo diventa, insieme con il compagno Sergio Ramos, il terzo calciatore più titolato in maglia blanca, dopo Francisco Gento (23) e Manuel Sanchís (21)[32]. Con la vittoria del campionato nell'edizione 2019-20, assieme al compagno Sergio Ramos, diventa il secondo calciatore più titolato in maglia blanca, dopo Francisco Gento (23).

Resterà il titolare sulla fascia fino al 2019, quando, a seguito di vari infortuni, perderà il posto da titolare in favore di Ferland Mendy.

Nella stagione 2021-2022, a seguito dell'addio di Sergio Ramos, diventa il capitano del Real Madrid, pur disputando poche partite. A fine stagione conquista il campionato e la sua quinta Champions League, nella vittoria per 1-0 contro il Liverpool il 28 maggio a Parigi (in cui non scende in campo).

Il 12 giugno 2022 ufficializza l'addio al Real Madrid dopo 16 anni.

Olympiakos[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 settembre 2022, dopo un breve periodo da svincolato, viene ingaggiato dai greci dell'Olympiakos, con cui sottoscrive un contratto di un anno con opzione per un'ulteriore stagione.[33] Ha fatto il suo esordio nella partita di Europa League contro il Qarabağ persa 3-0. Il 18 febbraio 2023 risolve il proprio contratto con il club avendo messo insieme in tutto solo 10 presenze e 3 gol (tutti messi a segno in Coppa di Grecia).

Fluminense[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 febbraio 2023, dopo avere interrotto il contratto con l'Olympiakos, torna al Fluminense, con cui nel novembre 2023 vince la Coppa Libertadores.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nazionale giovanile e olimpica[modifica | modifica wikitesto]

Marcelo in nazionale, mentre insegue Lionel Messi durante un incontro dell'Olimpiade del 2008

Le sue prime esperienze a livello internazionale risalgono al mondiale Under-17 del 2005, dove esordisce il 17 settembre contro il Gambia, partita finita 3-1 per la squadra africana. Dopo aver saltato 4 partite torna nella semifinale giocata il 29 settembre a Trujillo contro la Turchia, in cui realizza un gol contribuendo al 4-3. Tale risultato permette al Brasile di accedere alla finale di Lima del 2 ottobre, ma in quella partita, persa per 3-0 contro il Messico, viene espulso.

Al mondiale Under-20 del 2007, in Canada, gioca la prima partita il 30 giugno contro la Polonia, vinta dai polacchi 1-0. Nella seconda partita il Brasile vince per 3-2 contro la Corea del Sud, ma nella successiva e ultima viene eliminato dagli Stati Uniti,

Nel 2008 partecipa alle Olimpiadi di Pechino; esordisce il 7 agosto contro il Belgio (partita finita 1-0 con gol di Hernanes). Il 16 agosto dopo aver superato i gironi, il Brasile affronta il Camerun con Marcelo che segna il gol del 2-0 al 105' dopo il primo gol di Rafael Sóbis al 103'. In semifinale il Brasile perde 3-0 contro l'Argentina. Vince il bronzo nella finale valida per il terzo posto, battendo per 3-0 il Belgio il 22 agosto a Shanghai.

Il 6 luglio 2012 viene convocato per disputare le Olimpiadi di Londra.[34][35] La nazionale brasiliana concluderà il torneo al secondo posto, perdendo per 1-2 contro la nazionale messicana nella finale di Wembley dell'11 agosto.[36][37]

Nazionale maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Marcelo in azione con la maglia del Brasile ai Mondiali 2014

Ha esordito con il Brasile guidato dal CT verdeoro Dunga il 5 settembre 2006, a 18 anni, segnando un gol nella partita amichevole vinta per 2-0 contro il Galles allo stadio White Hart Lane di Londra.

Tenuto in considerazione per le sue qualità tecniche, rimane tuttavia inizialmente ai margini della Seleção, e non viene convocato per il Mondiale 2010. Il 12 ottobre 2011 realizza il suo secondo gol col Brasile nella partita amichevole vinta per 2-1 contro il Messico.[38] Il 31 maggio 2012 realizza il suo quarto gol in 11 partite con la Selecao nella partita amichevole vinta 4-1 contro gli Stati Uniti.[39] Viene espulso nella partita contro l'Argentina, giocata a New York il 9 giugno 2012 e finita 4-3 per gli argentini.

Il CT Luiz Felipe Scolari lo inserisce nella lista dei 23 convocati per la Confederations Cup 2013 in programma in Brasile.[40] Dopo aver battuto per 2-1 l'Uruguay il 26 giugno, in finale il 30 giugno il Brasile vince il titolo battendo 3-0 la Spagna, grazie a 2 gol di Fred e uno di Neymar.[41]

L'anno successivo partecipa al Mondiale 2014, organizzato proprio dal Brasile. Esordisce nella competizione disputando da titolare la prima partita della fase a gironi vinta contro la Croazia (3-1).[42] I verdeoro si arrendono in semifinale, sconfitti per 1-7 dalla Germania futura campione.

Al Mondiale 2018, con il CT Tite, è capitano nella partita inaugurale contro la Svizzera. Il Brasile viene eliminato ai quarti perdendo per 2-1 contro il Belgio. Si tratta, a soli 30 anni, dall'ultima partita di Marcelo coi verdeoro, in quanto dopo la manifestazione non scende più in campo con la nazionale.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 22 dicembre 2023.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005 Bandiera del Brasile Fluminense A1/RJ+A 0+1 0 CB 0 0 - - - - - - 1 0
2006 A1/RJ+A 1+28 0+4 CB 7 2 CS 3 0 - - - 39 6
gen.-giu. 2007 Bandiera della Spagna Real Madrid PD 6 0 CR 0 0 UCL 0 0 - - - 6 0
2007-2008 PD 24 0 CR 2 0 UCL 6 0 SS 0 0 32 0
2008-2009 PD 27 4 CR 2 0 UCL 5 0 SS 0 0 34 4
2009-2010 PD 35 4 CR 2 0 UCL 6 0 - - - 43 4
2010-2011 PD 32 3 CR 6 0 UCL 12 2 - - - 50 5
2011-2012 PD 32 3 CR 3 0 UCL 7 0 SS 2 0 44 3
2012-2013 PD 14 0 CR 1 0 UCL 2 1 SS 2 0 19 1
2013-2014 PD 28 1 CR 4 0 UCL 7 1 - - - 39 2
2014-2015 PD 34 2 CR 3 1 UCL 11 1 SU+SS+CmC 1+2+2 0 53 4
2015-2016 PD 30 2 CR 0 0 UCL 11 0 - - - 41 2
2016-2017 PD 30 2 CR 3 1 UCL 11 0 SU+Cmc 1+2 0 47 3
2017-2018 PD 28 2 CR 0 0 UCL 11 3 SU+SS+CmC 1+2+2 0 44 5
2018-2019 PD 23 2 CR 4 0 UCL 4 1 SU+Cmc 1+2 0 34 3
2019-2020 PD 15 1 CR 3 1 UCL 4 0 SS 1 0 23 2
2020-2021 PD 16 0 CR 1 0 UCL 2 0 SS 0 0 19 0
2021-2022 PD 12 0 CR 2 0 UCL 3 0 SS 1 0 18 0
Totale Real Madrid 386 26 36 3 102 9 22 0 546 38
set. 2022-feb. 2023 Bandiera della Grecia Olympiakos SL 5 0 CG 2 3 UEL 3 0 - - - 10 3
feb.-dic. 2023 Bandiera del Brasile Fluminense A1/RJ+A 1+19 1+1 CB 2 0 CL 8 0 Cmc 2 0 32 2
Totale Fluminense 2+48 1+5 9 2 11 0 2 0 72 8
Totale carriera 441 32 47 8 116 9 24 0 628 49

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
5-9-2006 Londra Brasile Bandiera del Brasile 2 – 0 Bandiera del Galles Galles Amichevole 1 Uscita al 74’ 74’
5-6-2007 Dortmund Brasile Bandiera del Brasile 0 – 0 Bandiera della Turchia Turchia Amichevole -
26-3-2008 Londra Svezia Bandiera della Svezia 0 – 1 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole - Ingresso al 73’ 73’
19-11-2008 Gama Brasile Bandiera del Brasile 6 – 2 Bandiera del Portogallo Portogallo Amichevole - Ingresso al 82’ 82’ Ammonizione al 85’ 85’
10-2-2009 Londra Brasile Bandiera del Brasile 2 – 0 Bandiera dell'Italia Italia Amichevole -
29-3-2009 Quito Ecuador Bandiera dell'Ecuador 1 – 1 Bandiera del Brasile Brasile Qual. Mondiali 2010 - Ammonizione al 78’ 78’
5-9-2011 Londra Brasile Bandiera del Brasile 1 – 0 Bandiera del Ghana Ghana Amichevole -
12-10-2011 Torreón Messico Bandiera del Messico 1 – 2 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole 1
28-2-2012 San Gallo Bosnia ed Erzegovina Bandiera della Bosnia ed Erzegovina 1 – 2 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole 1
25-5-2012 Amburgo Brasile Bandiera del Brasile 3 – 1 Bandiera della Danimarca Danimarca Amichevole - Uscita al 68’ 68’
30-5-2012 East Rutherford Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole 1 Ammonizione al 62’ 62’ Uscita al 90’ 90’
3-6-2012 Arlington Brasile Bandiera del Brasile 0 – 2 Bandiera del Messico Messico Amichevole - Ammonizione al 55’ 55’
9-6-2012 New York Argentina Bandiera dell'Argentina 4 – 3 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -  90’
7-9-2012 San Paolo Brasile Bandiera del Brasile 1 – 0 Bandiera del Sudafrica Sudafrica Amichevole - Ammonizione al 39’ 39’ Uscita al 59’ 59’
10-9-2012 Recife Brasile Bandiera del Brasile 8 – 0 Bandiera della Cina Cina Amichevole -
11-10-2012 Malmö Brasile Bandiera del Brasile 6 – 0 Bandiera dell'Iraq Iraq Amichevole -
21-3-2013 Ginevra Italia Bandiera dell'Italia 2 – 2 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole - Ingresso al 78’ 78’
25-3-2013 Londra Brasile Bandiera del Brasile 1 – 1 Bandiera della Russia Russia Amichevole -
2-6-2013 Rio de Janeiro Brasile Bandiera del Brasile 2 – 2 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
9-6-2013 Porto Alegre Brasile Bandiera del Brasile 3 – 0 Bandiera della Francia Francia Amichevole -
15-6-2013 Brasilia Brasile Bandiera del Brasile 3 – 0 Bandiera del Giappone Giappone Conf. Cup 2013 - 1º turno -
19-6-2013 Fortaleza Brasile Bandiera del Brasile 2 – 0 Bandiera del Messico Messico Conf. Cup 2013 - 1º turno -
22-6-2013 Salvador de Bahia Italia Bandiera dell'Italia 2 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Conf. Cup 2013 - 1º turno -
26-3-2013 Belo Horizonte Brasile Bandiera del Brasile 2 – 1 Bandiera dell'Uruguay Uruguay Conf. Cup 2013 - Semifinale - Ammonizione al 75’ 75’
1-7-2013 Rio de Janeiro Brasile Bandiera del Brasile 3 – 0 Bandiera della Spagna Spagna Conf. Cup 2013 - Finale -
14-8-2013 Basilea Svizzera Bandiera della Svizzera 1 – 0 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -
7-9-2013 Brasilia Brasile Bandiera del Brasile 6 – 0 Bandiera dell'Australia Australia Amichevole -
12-10-2013 Seul Corea del Sud Bandiera della Corea del Sud 0 – 2 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -
5-3-2014 Johannesburg Sudafrica Bandiera del Sudafrica 0 – 5 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole - Uscita al 58’ 58’
3-6-2014 Goiânia Brasile Bandiera del Brasile 4 – 0 Bandiera di Panama Panama Amichevole - Uscita al 46’ 46’
6-6-2014 San Paolo Brasile Bandiera del Brasile 1 – 0 Bandiera della Serbia Serbia Amichevole - Uscita al 76’ 76’
12-6-2014 San Paolo Brasile Bandiera del Brasile 3 – 1 Bandiera della Croazia Croazia Mondiali 2014 - 1º turno -
17-6-2014 Fortaleza Brasile Bandiera del Brasile 0 – 0 Bandiera del Messico Messico Mondiali 2014 - 1º turno -
23-6-2014 Brasilia Camerun Bandiera del Camerun 1 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Mondiali 2014 - 1º turno -
28-6-2014 Belo Horizonte Brasile Bandiera del Brasile 1 – 1 dts
(3 - 2 dtr)
Bandiera del Cile Cile Mondiali 2014 - Ottavi di finale -
4-7-2014 Fortaleza Brasile Bandiera del Brasile 2 – 1 Bandiera della Colombia Colombia Mondiali 2014 - Quarti di finale -
8-7-2014 Belo Horizonte Brasile Bandiera del Brasile 1 – 7 Bandiera della Germania Germania Mondiali 2014 - Semifinale -
26-3-2015 Parigi Francia Bandiera della Francia 1 – 3 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole - Ingresso al 90’ 90’
29-3-2015 Londra Brasile Bandiera del Brasile 1 – 0 Bandiera del Cile Cile Amichevole - Uscita al 76’ 76’
5-9-2015 Harrison Brasile Bandiera del Brasile 1 – 0 Bandiera della Costa Rica Costa Rica Amichevole -
9-9-2015 Foxborough Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 1 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -
9-10-2015 Santiago del Cile Cile Bandiera del Cile 2 – 0 Bandiera del Brasile Brasile Qual. Mondiali 2018 -
1-9-2016 Quito Ecuador Bandiera dell'Ecuador 0 – 3 Bandiera del Brasile Brasile Qual. Mondiali 2018 -
7-9-2016 Manaus Brasile Bandiera del Brasile 2 – 1 Bandiera della Colombia Colombia Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 79’ 79’
11-11-2016 Belo Horizonte Brasile Bandiera del Brasile 3 – 0 Bandiera dell'Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 48’ 48’
24-3-2017 Montevideo Uruguay Bandiera dell'Uruguay 1 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 57’ 57’
29-3-2017 San Paolo Brasile Bandiera del Brasile 3 – 0 Bandiera del Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2018 1
1-9-2017 Porto Alegre Brasile Bandiera del Brasile 2 – 0 Bandiera dell'Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2018 - cap. Ammonizione al 80’ 80’
10-11-2017 Lilla Giappone Bandiera del Giappone 1 – 3 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole 1 Uscita al 59’ 59’
14-11-2017 Londra Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 0 – 0 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -
23-3-2018 Mosca Russia Bandiera della Russia 0 – 3 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -
27-3-2018 Berlino Germania Bandiera della Germania 0 – 1 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole -
3-6-2018 Liverpool Brasile Bandiera del Brasile 2 – 0 Bandiera della Croazia Croazia Amichevole - Uscita al 60’ 60’
10-6-2018 Vienna Austria Bandiera dell'Austria 0 – 3 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole - Uscita al 67’ 67’
17-6-2018 Rostov sul Don Brasile Bandiera del Brasile 1 – 1 Bandiera della Svizzera Svizzera Mondiali 2018 - 1º turno - cap.
22-6-2018 San Pietroburgo Brasile Bandiera del Brasile 2 – 0 Bandiera della Costa Rica Costa Rica Mondiali 2018 - 1º turno -
27-6-2018 Mosca Serbia Bandiera della Serbia 0 – 2 Bandiera del Brasile Brasile Mondiali 2018 - 1º turno - Uscita al 10’ 10’
6-7-2018 Kazan' Brasile Bandiera del Brasile 1 – 2 Bandiera del Belgio Belgio Mondiali 2018 - Quarti di finale -
Totale Presenze 59 Reti 6
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Brasile olimpica
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
07/08/2008 Shenyang Brasile olimpica Bandiera del Brasile 1 – 0 Bandiera del Belgio Belgio olimpica Olimpiadi 2008 - 1º turno -
10/08/2008 Shenyang Nuova Zelanda olimpica Bandiera della Nuova Zelanda 0 – 5 Bandiera del Brasile Brasile olimpica Olimpiadi 2008 - 1º turno -
13/08/2008 Qínhuángdǎo Cina olimpica Bandiera della Cina 0 – 3 Bandiera del Brasile Brasile olimpica Olimpiadi 2008 - 1º turno -
16/08/2008 Shenyang Brasile olimpica Bandiera del Brasile 2 – 0 dts Bandiera del Camerun Camerun olimpica Olimpiadi 2008 - Quarti di finale 1
19/08/2008 Pechino Argentina olimpica Bandiera dell'Argentina 3 – 0 Bandiera del Brasile Brasile olimpica Olimpiadi 2008 - Semifinali -
22/08/2008 Shanghai Belgio olimpica Bandiera del Belgio 0 – 3 Bandiera del Brasile Brasile olimpica Olimpiadi 2008 - Finale 3º e 4º posto -
20/07/2012 Middlesbrough Bandiera del Regno Unito Regno Unito olimpica 0 – 2 Bandiera del Brasile Brasile olimpica Amichevole -
26/07/2012 Cardiff Bandiera dell'Egitto Egitto olimpica 2 – 3 Bandiera del Brasile Brasile olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno -
29/07/2012 Manchester Bandiera del Brasile Brasile olimpica 3 – 1 Bandiera della Bielorussia Bielorussia olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno -
01/08/2012 Newcastle Bandiera del Brasile Brasile olimpica 3 – 0 Bandiera della Nuova Zelanda Nuova Zelanda olimpica Olimpiadi 2012 - 1º turno -
04/08/2012 Newcastle upon Tyne Bandiera del Brasile Brasile olimpica 3 – 2 Bandiera dell'Honduras Honduras olimpica Olimpiade 2012 - Quarti - Ammonizione al 83’ 83’
07/08/2012 Manchester Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud olimpica 0 – 3 Bandiera del Brasile Brasile olimpica Olimpiade 2012 - Semifinale -
11/08/2012 Londra Bandiera del Brasile Brasile olimpica 1 - 2 Bandiera del Messico Messico olimpica Olimpiade 2012 - Finale -
Totale Presenze 13 Reti 1
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Brasile Under-20
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
30/06/2007 Montréal Bandiera della Polonia Polonia Under-20 1 – 0 Bandiera del Brasile Brasile Under-20 Mondiale U-20 2007 - 1º turno -
03/07/2007 Montréal Bandiera del Brasile Brasile Under-20 3 – 2 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud Under-20 Mondiale U-20 2007 - 1º turno -
06/07/2007 Ottawa Bandiera del Brasile Brasile Under-20 1 – 2 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Under-20 Mondiale U-20 2007 - 1º turno -
12/07/2007 Burnaby Bandiera della Spagna Spagna Under-20 4 – 2 dts Bandiera del Brasile Brasile Under-20 Mondiale U-20 2007 - Ottavi di finale -
Totale Presenze 4 Reti 0
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Brasile Under-17
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
17/09/2005 Piura Bandiera del Gambia Gambia Under-17 3 – 1 Bandiera del Brasile Brasile Under-17 Mondiale U-17 2005-1º turno - [43]
29/09/2005 Trujillo Bandiera della Turchia Turchia Under-17 3 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Under-17 Mondiale U-17 2005-semifinale 1 [44]
02/10/2005 Lima Bandiera del Brasile Brasile Under-17 0 – 3 Bandiera del Messico Messico Under-17 Mondiale U-17 2005-finale - [45]
Totale Presenze 3 Reti 1
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale (partite non ufficiali) ― Brasile
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
07/10/2006 Madinat al-Kuwait Al-Kuwait Bandiera del Kuwait 0 – 4 Bandiera del Brasile Brasile Amichevole non ufficiale -
Totale Presenze 1 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni statali[modifica | modifica wikitesto]

Fluminense: 2023

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Real Madrid: 2006-2007, 2007-2008, 2011-2012, 2016-2017, 2019-2020, 2021-2022
Real Madrid: 2008, 2012, 2017, 2019, 2022
Real Madrid: 2010-2011, 2013-2014

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Real Madrid: 2013-2014, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2021-2022
Real Madrid: 2014, 2016, 2017
Real Madrid: 2014, 2016, 2017, 2018
Fluminense: 2023

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Pechino 2008
Londra 2012
Brasile 2013

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2006
2011, 2017, 2018
2012, 2015, 2016, 2017, 2018, 2019
Brasile 2014
2015-2016, 2016-2017, 2017-2018
2017, 2018
2020

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 22 (2) se si comprendono le gare disputate nel Campionato Carioca.
  2. ^ 60 (6) se si comprendono anche le amichevoli non ufficiali disputate con la nazionale maggiore brasiliana.
  3. ^ I terzini sinistri migliori d'Europa, su it.uefa.com, 20 settembre 2017.
  4. ^ Champions League, trionfa il Real Madrid: che record per Marcelo, su Footballnews24.it, 28 maggio 2022. URL consultato il 28 maggio 2022.
  5. ^ (ES) Sergio Friede, Marcelo obtiene la nacionalidad española, in Marca.com, 26 luglio 2011. URL consultato il 12 giugno 2012.
  6. ^ Marcelo e il Maggiolino Volkswagen di nonno Pedro: la storia dietro un tatuaggio, su gazzetta.it.
  7. ^ a b c Marcelo, il successore naturale di Roberto Carlos, su goal.com, 17 febbraio 2009. URL consultato il 2 ottobre 2009.
  8. ^ a b Real Madrid, Mourinho: “Bale non ci serve” [collegamento interrotto], su calcionews24.com, 8 ottobre 2010. URL consultato il 7 maggio 2011.
  9. ^ (EN) Deportivo La Coruña-Real Madrid 2-0 - Cronaca partita [collegamento interrotto], su home.skysports.com, skysports.com, 7 gennaio 2007. URL consultato il 13 novembre 2008.
  10. ^ (EN) Offensive onslaught, su realmadrid.com, 15 febbraio 2009. URL consultato il 7 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2012).
  11. ^ Real Madrid, Marcelo: "Mourinho ci ha cambiati dentro, ci ha resi più forti"
  12. ^ Barça-Madrid 5-0. Mou umiliato al Camp Nou gazzetta.it
  13. ^ Il ritorno al goal di Marcelo Moreira [collegamento interrotto], su fiumicinocalcioa5.com.
  14. ^ Real Madrid, 7 gol al Malaga. Ronaldo: 10-15 giorni di stop gazzetta.it
  15. ^ Real travolgente col Lione: 3-0., su gazzetta.it, La Gazzetta dello Sport, 16 marzo 2011. URL consultato il 17 marzo 2011.
  16. ^ Champions, Barcellona in finale. Pedro-Marcelo: 1-1 col Real gazzetta.it
  17. ^ Villarreal 1-3 Real Madrid Archiviato il 19 maggio 2011 in Internet Archive. realmadrid.com
  18. ^ La Liga - Tripletta di Ronaldo, segna anche Kakà!. URL consultato il 28 agosto 2011.
  19. ^ Real Madrid Campione di Spagna 2012, su sport.it, 2 maggio 2012. URL consultato il 4 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 13 ottobre 2013).
  20. ^ Real campione di Spagna, Mourinho nella storia, su corriere.it, 2 maggio 2012. URL consultato il 4 maggio 2012.
  21. ^ Real Madrid campione di Spagna, su ansa.it, 2 maggio 2012. URL consultato il 4 maggio 2012.
  22. ^ (EN) 3-2: The Supercup to be decided in Madrid, in realmadrid.com, 23 agosto 2012. URL consultato il 30 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 25 agosto 2012).
  23. ^ Supershow: il Real piega il Barça. Mou si prende il primo trofeo, in La Gazzetta dello Sport, 29 agosto 2012. URL consultato il 30 agosto 2012.
  24. ^ Real-City 3-2: è grande show - Mou la spunta all'ultimo assalto, in La Gazzetta dello Sport, 18 settembre 2012. URL consultato il 19 settembre 2012.
  25. ^ Supercoppa Europea, Real Madrid-Siviglia 2-0: doppietta di Ronaldo, su gazzetta.it, 12 agosto 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  26. ^ Real Madrid-San Lorenzo 2-0: Ramos e Bale portano i Blancos sul tetto del Mondo, su goal.com, 20 dicembre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  27. ^ Il Real Madrid è campione del mondo, su ilpost.it, 21 dicembre 2014. URL consultato il 21 dicembre 2014.
  28. ^ Champions League, Real Madrid-Atletico 6-4 (1-1 dts): è l'undicesima volta delle merengues, su corrieredellosport.it. URL consultato il 30 maggio 2016.
  29. ^ Real Madrid campione di Spagna: è la Liga numero 33, su gazzetta.it, 21 maggio 2017. URL consultato il 3 giugno 2017.
  30. ^ Champions: Juve, svanisce il sogno. Il Real di Ronaldo campione d'Europa: 4-1, su gazzetta.it, 3 giugno 2017. URL consultato il 3 giugno 2017.
  31. ^ Champions, Real Madrid campione: Bale doppietta, Karius da incubo, 3-1 al Liverpool, su gazzetta.it, 26 maggio 2018. URL consultato il 1º luglio 2018.
  32. ^ Mondiale per Club, Real Madrid-Al Ain 4-1: terzo trionfo di fila e record per i Blancos, La Gazzetta dello Sport, 22 dicembre 2018.
  33. ^ (EL) Ο Βραζιλιάνος σούπερ σταρ Μαρσέλο στον Ολυμπιακό, su olympiacos.org, 3 settembre 2022. URL consultato il 3 settembre 2022.
  34. ^ Olimpiadi di calcio 2012: le convocazioni della nazionale brasiliana, su super-calcio.it, 6 luglio 2012. URL consultato il 12 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2013).
  35. ^ Olimpiadi, Brasile: i convocati di Menezes, su golmania.it, 6 luglio 2012. URL consultato il 12 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 15 marzo 2016).
  36. ^ (EN) Peralta nets match-winning brace for Mexico, in london2012.com, 11 agosto 2012. URL consultato il 13 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2012).
  37. ^ Messico oro, battuto 2-1 il Brasile in finale, in tuttosport.com, 11 agosto 2012. URL consultato il 13 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2012).
  38. ^ Brasile, rimonta vincente - In 10 supera 2-1 il Messico, su gazzetta.it, La Gazzetta dello Sport, 12 ottobre 2011.
  39. ^ BRASILE 4-1 contro gli Usa, su sportmediaset.mediaset.it, sportmediaset.it, 31 maggio 2012. URL consultato il 31 maggio 2012.
  40. ^ Mauricio Cannone, Brasile, Kakà e Ronaldinho non convocati. Non giocheranno la Confederations Cup, in La Gazzetta dello Sport, 14 maggio 2013. URL consultato il 14 maggio 2013.
  41. ^ Il Brasile umilia 3-0 la Spagna: sua la Confederations Cup, su sportmediaset.mediaset.it, sportmediaset.it, 30 giugno 2013. URL consultato il 1º luglio 2013.
  42. ^ Brasile-Croazia 3-1: autorete di Marcelo, doppietta di Neymar e gol di Oscar, su gazzetta.it, La Gazzetta dello Sport, 12 giugno 2014. URL consultato l'8 luglio 2018.
  43. ^ Gambia-Brazil 3-1 Archiviato il 16 giugno 2012 in Internet Archive. fifa.com
  44. ^ Brasile-Turchia 4-3 Archiviato il 22 agosto 2012 in Internet Archive. fifa.com
  45. ^ Brasile-Messico 0-3 Archiviato il 28 agosto 2012 in Internet Archive. fifa.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN48166060319480321821