Olympique Lyonnais (femminile)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Olympique Lyonnais
Calcio Football pictogram.svg
Campione di Francia in carica Campione di Francia in carica
Campione d'Europa in carica Campione d'Europa in carica
Olympique lyonnais (logo).png
Les Fenottes
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px upper HEX-D71828 lower HEX-024999 with White OL.svg Bianco, blu e rosso
Dati societari
Città Lione
Nazione Francia Francia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of France.svg FFF
Campionato Division 1 Féminine
Fondazione 1970
Presidente Francia Jean-Michel Aulas
Allenatore Francia Reynald Pedros
Stadio Groupama OL training Center
(1 500 posti)
Sito web www.olweb.fr/
Palmarès
Coppa dei CampioniCoppa dei CampioniCoppa dei CampioniCoppa dei CampioniCoppa dei Campioni
Titoli nazionali 16 Division 1 Féminine
Trofei nazionali 9 Coppe di Francia
Trofei internazionali 5 Women's Champions League
1 Campionato mondiale femminile per club
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Dati aggiornati al 29 luglio 2018
Si invita a seguire il modello di voce

L'Olympique lyonnais, o Olympique lyonnais féminin e in Italia citata come Olympique Lione, è una squadra di calcio femminile francese con sede nella città di Lione, sezione femminile dell'omonimo club. Vince la Division 1 Féminine ininterrottamente dalla stagione 2006-2007. È il club più titolato di Francia, avendo vinto il campionato per 16 volte, ed uno dei più titolati a livello europeo e mondiale, avendo vinto 5 UEFA Women's Champions League e 1 Campionato mondiale femminile per club.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1970 come sezione femminile del FC Lione, dal 2004 è stata assorbita dall'Olympique lyonnais. Come FC Lione la società ha vinto il campionato francese quattro volte negli anni novanta.

Al termine della stagione 2006-2007 ha vinto la Division 1 Féminine per la prima volta come Olympique Lione. Considerando la vittoria da parte della sezione di calcio maschile della Ligue 1, la stagione 2006-2007 ha visto la stessa società vincere sia il campionato di calcio maschile sia quello femminile. La stessa situazione si è riproposta la stagione successiva, in cui entrambe le compagini hanno vinto i rispettivi campionati. Nella stessa stagione la sezione femminile si è messa in mostra in ambito europeo, dove alla prima partecipazione alla UEFA Women's Cup ha raggiunto le semifinali, venendo eliminata dalle svedesi dell'Umeå solamente grazie alla regola dei gol fuori casa[1]. Dopo aver agevolmente superato la prima fase a gironi con 29 reti realizzate e nessuna subita, ha superato anche la seconda fase a gironi arrivando ad affrontare le campionesse in carica dell'Arsenal. Dopo lo 0-0 allo Stade de Gerland, l'Olympique Lione è andato a vincere in casa delle londinesi per 3-2 grazie ad una rete di Élodie Thomis a cinque minuti dal termine[1]. Il doppio pareggio in semifinale (1-1 in casa e 0-0 in trasferta) ha consegnato all'Umeå l'accesso in finale.

La stagione 2008-2009 ha portato il terzo titolo nazionale consecutivo, conquistato trionfalmente con 21 vittorie e un solo pareggio, 13 punti di vantaggio sul Montpellier, 114 reti realizzate e solo 11 subite[2]. In Women's Cup l'Olympique Lione è partito direttamente dalla seconda fase a gironi, raggiungendo prima i quarti di finale e poi le semifinali. Come nell'edizione precedente, il cammino si è fermato alle semifinali con l'eliminazione subita dalle tedesche del FCR Duisburg, che hanno successivamente vinto il trofeo[3].

Nella prima edizione della UEFA Champions League l'Olympique Lione è arrivato ad un passo dal titolo continentale. Dopo aver sconfitto in sequenza le serbe del Mašinac, le danesi del Fortuna Hjørring, le italiane della Torres e le svedesi dell'Umeå IK, la finale del torneo ha messo le francesi di fronte alle tedesche del Turbine Potsdam[4]. La finale disputata a Getafe è terminata a reti inviolate anche dopo i tempi supplementari e ha richiesto 18 tiri di rigore (decisiva è stata la traversa colpita da Élodie Thomis) per decretare la vittoria del Turbine Potsdam[4].

La stagione 2010-2011 ha visto l'Olympique Lione trionfare in campionato per la quinta volta consecutiva e vincendo tutte e 22 le partite[5]. Il trionfo è stato completato dalla vittoria della Champions League, prima volta per una squadra francese[6]. Nella riedizione della finale dell'anno precedente, l'Olympique Lione ha sconfitto il Turbine Potsdam per 2-0 grazie alle reti realizzate da Wendie Renard e da Lara Dickenmann e con Camille Abily nominata migliore giocatrice della finale[6].

L'Olympique Lione si è confermato campione d'Europa per la seconda volta consecutiva nell'edizione 2011-2012 della Champions League[7]. Il percorso verso la finale è stato caratterizzato da 37 reti realizzate e solo una subita (in semifinale dal Turbine Potsdam). Nella finale giocata all'Olympiastadion di Monaco di Baviera le francesi hanno sconfitto le tedesche dell'1. FFC Francoforte per 2-0 grazie alle marcature di Eugénie Le Sommer su rigore e di Camille Abily[7], entrambe migliori marcatrici del torneo con 9 reti segnate a testa. Il trionfo è stato coronato dal sesto campionato francese e dalla vittoria della Coppa di Francia.

Nella stagione successiva l'Olympique Lione è andato vicino a confermare i titoli conquistati l'anno precedente, vincendo nuovamente il campionato e la coppa nazionale, ma mancando il terzo successo consecutivo in Champions League. Nonostante abbia raggiunto per la quarta volta di fila la finale della massima competizione continentale, ha dovuto accontentarsi del secondo posto dietro alle tedesche del Wolfsburg[8]. Nel novembre 2012 ha partecipato alla prima edizione del mondiale femminile per club, disputatosi in Giappone, vincendola sconfiggendo in finale le giapponesi dell'INAC Kobe Leonessa.

Nelle due stagioni successive (2013-2014 e 2014-2015) è riuscito a realizzare nuovamente l'accoppiata campionato-coppa nazionale, mentre in Champions League non è riuscito a superare gli ottavi di finale, venendo eliminato una volta dal Turbine Potsdam e l'altra dalle connazionali del Paris Saint-Germain.

La stagione 2015-2016 si è conclusa con la migliore accoppiata di sempre per la società conquistando la tripletta campionato, Coppa di Francia e Champions League, con l'attaccante norvegese Ada Hegerberg che conquista il titolo di capocannoniere sia in campionato che in Champions League. Anche la stagione 2016-2017 si è conclusa con una tripletta, avendo vinto campionato, Coppa di Francia e Champions League.

La stagione 2017-2018 ha visto l'Olympique Lione continuare il suo dominio in campionato con il dodicesimo titolo consecutivo, ottenuto con 21 vittorie su 22 giornate di campionato e un solo pareggio e otto punti di vantaggio sul Paris Saint-Germain secondo classificato[9]. Proprio dal Paris Saint-Germain ha perso la finale della Coppa di Francia 2017-2018, interrompendo così una striscia di sei coppe di Francia vinte consecutivamente[10]. Nella stessa stagione ha vinto la UEFA Champions League per la terza edizione consecutiva, battendo in finale per 4-1 dopo i tempi supplementari le tedesche del Wolfsburg, diventando la prima squadra a vincere la competizione per tre anni di fila[11], e con il suo attaccante Ada Hegerberg nuovamente miglior marcatrice del torneo.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Olympique Lyonnais
  • 1978-1979 - Semifinalista della Division 1.
  • 1979-1980 - Fase a gironi della Division 1.
  • 1980-1981 - Semifinalista della Division 1.
  • 1981-1982 - Fase a gironi della Division 1.
  • 1982-1983 - Fase a gironi della Division 1.
  • 1983-1984 - Fase a gironi della Division 1.
  • 1984-1985 - Finalista della Division 1.
  • 1985-1986 - Fase a gironi della Division 1.
  • 1986-1987 - Semifinalista della Division 1.
  • 1987-1988 - Quarti di finale della Division 1.
  • 1988-1989 - Quarti di finale della Division 1.
  • 1989-1990 - Semifinalista della Division 1.
  • 1990-1991 - Ligue1 trophy.svg Campione di Francia. (1º titolo)
  • 1991-1992 - Semifinalista della Division 1. La Division 1 National 1A è rinominata National 1A.

  • 1992-1993 - Ligue1 trophy.svg Campione di Francia. (2º titolo)
  • 1993-1994 - 2ª in Division 1.
  • 1994-1995 - Ligue1 trophy.svg Campione di Francia. (3º titolo)
  • 1995-1996 - 5ª in Division 1.
  • 1996-1997 - 4ª in Division 1.
  • 1997-1998 - Ligue1 trophy.svg Campione di Francia. (4º titolo)
  • 1998-1999 - 5ª in National 1A.
  • 1999-2000 - 4ª in National 1A.
  • 2000-2001 - 4ª in National 1A.
  • 2001-2002 - 3ª in National 1A. La National 1A è rinominata Division 1 Féminine.
Finalista di Challenge de France.
  • 2002-2003 - 2ª in Division 1.
Vince la Challenge de France. (1º titolo)
  • 2003-2004 - 2ª in Division 1.
Vince la Challenge de France. (2º titolo)
  • 2004-2005 - 3ª in Division 1.
Finalista di Challenge de France.
  • 2005-2006 - 3ª in Division 1.
Finalista di Challenge de France.
Finalista di Challenge de France.
Vince la Challenge de France. (3º titolo)
Seminalista di UEFA Cup.
Semifinalista di Challenge de France.
Seminalista di UEFA Cup.
Semifinalista di Challenge de France.
Finalista di UEFA Champions League.
Quarti di finale di Challenge de France.
Coppacampioni.png Vince la UEFA Champions League. (1º titolo)
Vince la Coppa di Francia. (4º titolo)
Coppacampioni.png Vince la UEFA Champions League. (2º titolo)
Vince la Coppa di Francia. (5º titolo)
Finalista di UEFA Champions League.
Vince il Mondiale per Club. (1º titolo)
Vince la Coppa di Francia. (6º titolo)
Ottavi di finale di UEFA Champions League.
Vince la Coppa di Francia. (7º titolo)
Ottavi di finale di UEFA Champions League.
Vince la Coppa di Francia. (8º titolo)
Coppacampioni.png Vince la UEFA Champions League. (3º titolo)
Vince la Coppa di Francia. (9º titolo)
Coppacampioni.png Vince la UEFA Champions League. (4º titolo)
Finalista in Coppa di Francia.
Coppacampioni.png Vince la UEFA Champions League. (5º titolo)
in Coppa di Francia.
in UEFA Champions League.

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'Olympique Lyonnais (femminile)

Calciatrici[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatrici dell'Olympique Lyonnais (femminile)

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Le calciatrici dell'Olympique Lyonnais Féminin in festa per la vittoria del campionato francese 2009-2010
1990-1991, 1992-1993, 1994-1995, 1997-1998, 2006-2007, 2007-2008, 2008-2009, 2009-2010, 2010-2011, 2011-2012, 2012-2013, 2013-2014[12], 2014-2015[13], 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018
2002-2003, 2003-2004, 2007-2008, 2011-2012, 2012-2013, 2013-2014[14], 2014-2015[15][16], 2015-2016, 2016-2017

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

2010-2011, 2011-2012, 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018
2012

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Risultati nelle competizioni UEFA[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Competizione Fase Avversario Risultato
andata ritorno aggregato
2007-08 UEFA Women's Cup fase a gironi, primo turno Slovacchia Slovan Duslo Šaľa 12-0
Macedonia Skiponjat 10-0
Bosnia ed Erzegovina SFK 2000 7-0
fase a gironi, secondo turno Danimarca Brøndby 0-0
Norvegia Kolbotn 1-0
Rep. Ceca Sparta Praga 2-1
quarti di finale Inghilterra Arsenal 0-0 3-2 3-2
semifinali Svezia Umeå IK 0-0 1-1 1-1 (g.f.c.)
2008-09 UEFA Women's Cup fase a gironi, secondo turno Austria Neulengbach 8-0
Svizzera Zurigo 7-1
Inghilterra Arsenal 3-0
quarti di finale Italia Bardolino Verona 5-0 4-1 9-1
semifinali Germania FCR 2001 Duisburg 1-1 1-3 2-4
2009-10 Champions League sedicesimi di finale Serbia Mašinac 1-0 5-0 6-0
ottavi di finale Danimarca Fortuna Hjørring 1-0 5-0 6-0
quarti di finale Italia Torres 3-0 0-1 3-1
semifinali Svezia Umeå 3-2 0-0 3-2
finale Germania Turbine Potsdam 0-0 (6-7 d.t.r.)
2010-11 Champions League sedicesimi di finale Paesi Bassi AZ Alkmaar 2-1 8-0 10-1
ottavi di finale Russia Rossijanka 6-1 5-0 11-1
quarti di finale Russia Zvezda Perm' 0-0 1-0 1-0
semifinali Inghilterra Arsenal 2-0 3-2 5-2
finale Germania Turbine Potsdam 2-0
2011-12 Champions League sedicesimi di finale Romania Olimpia Cluj 9-0 3-0 12-0
ottavi di finale Rep. Ceca Sparta Praga 6-0 6-0 12-0
quarti di finale Danimarca Brøndby 4-0 4-0 8-0
semifinali Germania Turbine Potsdam 5-1 0-0 5-1
finale Germania 1. FFC Francoforte 2-0
2012-13 Champions League sedicesimi di finale Finlandia PK-35 Vantaa 7-0 5-0 12-0
ottavi di finale Russia Zorkij Krasnogorsk 9-0 2-0 11-0
quarti di finale Svezia LdB Malmö 5-0 3-0 8-0
semifinali Francia Juvisy 3-0 6-1 9-1
finale Germania Wolfsburg 0-1
2013-14 Champions League sedicesimi di finale Paesi Bassi Twente 4-0 6-0 10-0
ottavi di finale Germania Turbine Potsdam 1-0 1-2 2-2 (g.f.c.)
2014-15 Champions League sedicesimi di finale Italia Brescia 5-0 9-0 14-0
ottavi di finale Francia Paris Saint-Germain 1-1 0-1 1-2
2015-16 Champions League sedicesimi di finale Polonia Medyk Konin 6-0 3-0 9-0
ottavi di finale Spagna Atlético Madrid 3-1 6-0 9-1
quarti di finale Rep. Ceca Slavia Praga 9-1 0-0 9-1
semifinali Francia Paris Saint-Germain 7-0 1-0 8-0
finale Germania Wolfsburg 1-1 (4-3 d.t.r.)
2016-17 Champions League sedicesimi di finale Norvegia Avaldsnes 5-2 5-0 10-2
ottavi di finale Svizzera Zurigo 8-0 9-0 17-0
quarti di finale Germania Wolfsburg 2-0 0-1 2-1
semifinali Inghilterra Manchester City 3-1 0-1 3-2
finale Francia Paris Saint-Germain 0-0 (7-6 d.t.r.)
2017-18 Champions League sedicesimi di finale Polonia Medyk Konin 5-0 9-0 14-0
ottavi di finale Kazakistan BIIK Kazygurt 7-0 9-0 16-0
quarti di finale Spagna Barcellona 2-1 1-0 3-1
semifinali Inghilterra Manchester City 0-0 1-0 1-0
finale Germania Wolfsburg 4-1 (dts)

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e numeri come da sito ufficiale, aggiornati al 19 agosto 2018[17].

N. Ruolo Giocatore
1 Germania P Lisa Weiß
3 Francia D Wendie Renard (capitano)
4 Francia D Selma Bacha
5 Giappone C Saki Kumagai
6 Francia C Amandine Henry
7 Francia C Amel Majri
8 Inghilterra C Isobel Christiansen
9 Francia A Eugénie Le Sommer
10 Germania C Dzsenifer Marozsán
14 Norvegia A Ada Hegerberg
16 Francia P Sarah Bouhaddi
N. Ruolo Giocatore
19 Paesi Bassi A Shanice van de Sanden
20 Francia A Delphine Cascarino
21 Canada D Kadeisha Buchanan
22 Inghilterra D Lucy Bronze
26 Germania D Carolin Simon
27 Francia A Emelyne Laurent
28 Francia A Melvine Malard
29 Francia D Griedge Mbock Bathy
30 Francia P Audrey Dupupet
Francia C Lorena Azzaro
Francia A Danielle Roux

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Francoforte nella storia, su it.uefa.com. URL consultato il 27 aprile 2016.
  2. ^ (EN) France (Women) 2008/09, su www.rsssf.com. URL consultato il 27 aprile 2016.
  3. ^ Al Duisburg l'ultima UEFA Women's Cup, su it.uefa.com. URL consultato il 27 aprile 2016.
  4. ^ a b 2009/10: la nuova era comincia dal Potsdam, su it.uefa.com. URL consultato il 27 aprile 2016.
  5. ^ (EN) France (Women) 2010/11, su www.rsssf.com. URL consultato il 27 aprile 2016.
  6. ^ a b Lione, la prima volta della Francia, su it.uefa.com. URL consultato il 27 aprile 2016.
  7. ^ a b Il Lione ruggisce ancora, su it.uefa.com. URL consultato il 27 aprile 2016.
  8. ^ Il Wolfsburg vende cara la pelle, su it.uefa.com. URL consultato il 27 aprile 2016.
  9. ^ (FR) D1 féminine : 12e sacre consécutif pour ol féminin après sa démonstration face à l'Olympique de Marseille (7-0), su olweb.fr, 13 maggio 2018. URL consultato il 29 luglio 2018.
  10. ^ (FR) Le PSG s'offre la Coupe de France féminine devant Lyon au terme d'un scénario incroyable, su lequipe.fr, 1º giugno 2018. URL consultato il 1º giugno 2018.
  11. ^ (EN) Lyon beat Frankfurt's record, su uefa.com, 24 maggio 2018. URL consultato il 29 luglio 2018.
  12. ^ (FR) Le grand huit de l'OL !, http://www.francefootball.fr/, 24 maggio 2014. URL consultato il 25 maggio 2014.
    «Après leur douzième victoire d'affilée, ce samedi à Guingamp (5-1), les joueuses de l'Olympique Lyonnais sont assurées de remporter leur huitième titre consécutif.».
  13. ^ (FR) L'OL décroche un neuvième Championnat de France consécutif, www.lequipe.fr, 28 marzo 2015. URL consultato il 29 marzo 2015.
    «Nonuples championnes de France! L'Olympique lyonnais féminin a décroché samedi soir son 9e titre d'affilée, le 13e sacre domestique de son histoire.».
  14. ^ (FR) LYON S'IMPOSE ET S'OFFRE LE DOUBLÉ (2-0), http://www.fff.fr/, 7 giugno 2014. URL consultato l'8 giugno 2014.
    «Le verdict de la 13ème édition de la Coupe de France Féminine a été rendu ce samedi à l'issue de la finale OL-PSG, programmée à la MMArena du Mans. Les Lyonnaises s'offre un troisième doublé consécutif Coupe-Championnat après leur victoire 2-0 ce soir grâce à des buts de Lara Dickenmann (56e) et Corine Petit (60e).».
  15. ^ (FR) Les Lyonnaises remportent leur quatrième doublé coupe-championnat de suite, www.france24.com, 18 aprile 2015. URL consultato il 20 aprile 2015.
    «L'équipe féminine de l'Olympique Lyonnais a ajouté une nouvelle ligne à son palmarès déjà bien fourni. Déjà sacrées championnes de France pour la 9e fois de suite, les Lyonnaises ont remporté samedi leur 7e Coupe de France.».
  16. ^ Coupe de France Féminine : Montpellier-Lyon : 1-2, le résumé, su youtube.com, 18 aprile 2015.
  17. ^ (FR) Rosa 2018-2019, su ol.fr. URL consultato il 19 agosto 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]