Daniëlle van de Donk

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daniëlle van de Donk
Danielle van de Donk.JPG
van de Donk con la maglia del PSV/FC Eindhoven nel 2012
Nazionalità sportiva Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 160 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra Arsenal
Carriera
Giovanili
non conosciuta Valkenswaard42 (3)
2006-2008UNA8 (1)
Squadre di club1
2008-2011Willem II47 (5)
2011-2012VVV-Venlo18 (8)
2012-2015PSV/FC Eindhoven66 (36)
2015-2015K. Göteborg13 (4)
2015-Arsenal102 (23)
Nazionale
2006Paesi Bassi Paesi Bassi U-151 (0)
2007-2008Paesi Bassi Paesi Bassi U-177 (0)
2008-2009Paesi Bassi Paesi Bassi U-196 (1)
2010-Paesi Bassi Paesi Bassi104 (21)
Palmarès
FIFA Women's World Cup.svg Mondiali di calcio femminile
Argento Francia 2019
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 novembre 2016 (club)
10 marzo 2020 (nazionale)

Daniëlle van de Donk (daːniˈɛlə vɑn də dɔnk; Valkenswaard, 5 agosto 1991) è una calciatrice olandese, centrocampista dell'Arsenal e della nazionale olandese.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Daniëlle van de Donk si appassiona al gioco del calcio fin da giovanissima, tesserandosi con il sv Valkenswaard, società dell'omonimo centro dove nasce e cresce con i genitori, già all'età di 4 anni e giocando nelle sue formazioni giovanili miste fino al 2006, anno in cui si trasferisce al UNA e dove rimane per due stagioni fino al 2008.

Nell'estate 2008 coglie l'occasione offertale dal Willem II per giocare nella propria formazione femminile iscritta all'Eredivisie vrouwen, il livello di vertice del campionato olandese di calcio femminile, per la stagione entrante. Con le Tricolores disputa tre stagioni, fino alla decisione da parte della società dello scioglimento della squadra femminile, condividendo con le compagne il raggiungimento del terzo posto nelle prime due. Alla sua prima stagione van de Donk viene impiegata in 18 delle 24 partite di campionato, andando a segno anche in un'occasione, ma in quella successiva è vittima di un grave infortunio al ginocchio, un problema ad un legamento crociato che la obbligò a rimanere lontana per buona parte della stagione dal terreno di gioco[1], ritornando a giocare nella terza, l'ultima della squadra di Tilburg, conclusa al settimo e penultimo posto del campionato 2010-2011. Con il Willem II van de Donk realizza 5 reti su 47 incontri disputati di campionato.

Nell'estate 2011 trova un accordo con il VVV-Venlo, dove gioca una sola stagione ottenendo il quinto posto in campionato e siglando 8 reti su 18 partite di Eredivisie 2011-2012.

van de Donk (al centro) con la maglia dell'Arsenal.

Durante il calciomercato estivo 2012 si trasferisce al neofondato PSV/FC Eindhoven, formazione femminile che iscritta alla nuova BeNe League, il campionato congiunto voluto dalle federazioni belga e olandese, per la stagione entrante sostituisce il dimissionario Utrecht rappresentando in un'unica squadra le due principali realtà calcistiche dell'omonimo centro abitato della provincia del Brabante Settentrionale, il PSV e l'Eindhoven. van de Donk rimane per tre stagioni, migliore risultato nella prima con il terzo posto in campionato, lasciando la società al termine della stagione 2014-2015, l'ultima della BeNe League, con un tabellino personale di 53 incontri di campionato disputati e 30 reti realizzate.[2]

Dopo l'eliminazione agli ottavi di finale delle Oranje, dove era aggregata alla squadra impegnata al Mondiale di Canada 2015, il 26 giugno il Kopparbergs/Göteborg annuncia di aver formalizzato con la calciatrice un contratto per giocare la seconda parte della stagione di Damallsvenskan 2015 con i propri colori.[3][4]

Al termine del campionato, il 20 novembre 2015 lascia il campionato svedese per quello inglese, sottoscrivendo con l'Arsenal un contratto annuale per giocare in FA Women's Super League 1[5], accordo rinnovato anche per la stagione successiva.[6] la scelta si rivela positiva in quanto alla sua prima stagione condivide con le compagne la conquista della FA Women's Cup 2016, primo trofeo da inserire nella sua personale bacheca.[7]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Daniëlle van de Donk viene più volte selezionata dalla Federazione calcistica dei Paesi Bassi (Koninklijke Nederlandse Voetbalbond - KNVB) per vestire la maglia delle giovanili della nazionale olandese, giocando nelle formazioni dall'Under-15, dove debutta nel 2006, per passare alla Under-17, con la quale debutta in un incontro ufficiale UEFA il 10 ottobre 2007, in occasione della prima fase di qualificazione all'edizione 2008 del campionato europeo di categoria, dove le orange superano per 3-0 le avversarie pari età della Grecia Under-17, e infine all'Under-19 dove tra il 2008 e il 2009 gioca sei incontri segnando una rete, uno dei quali valido per tornei UEFA.[8]

Daniëlle van de Donk con la maglia della nazionale olandese durante il campionato europeo di Svezia 2013.

Nel 2010 viene convocata per la prima volta nella Nazionale maggiore, inserita nella rosa che partecipa all'edizione 2010 dell'allora Torneio Internacional Cidade de São Paulo, dove debutta il 15 dicembre 2010, nella partita vinta per 3-1 con il Messico. Per la prima rete con la maglia della nazionale deve attendere il prima fase di qualificazione al campionato europeo di Svezia 2013.[8]

Nel giugno 2013 il ct Roger Reijners inserisce van de Donk nella lista delle atlete convocate alla fase finale di Svezia 2013.[9] In quell'occasione la squadra, inserita nel gruppo B con Germania, Islanda e Norvegia, dopo aver pareggiato 0-0 con le tedesche non riesce a vincere gli altri due incontri venendo così eliminata dal torneo; Reijners la impiega in tutte le tre partite giocate.[10]

Reijners le rinnova la fiducia anche in occasione del Mondiale di Canada 2015.[11] van de Donk scende in campo in tutte le quattro partite disputate dalle olandesi, le tre del gruppo A, dove incontra Canada (pareggio 1-1), Cina (sconfitta 1-0) e Nuova Zelanda (vittoria 1-0), e dopo essere stata ripescata come tra le migliori terze accedendo agli ottavi di finale e venendo eliminata dalle campionesse in carica e future finaliste del Giappone, incontro vinto dalle asiatiche per 2-1.[12]

Anche il nuovo tecnico Sarina Wiegman, subentrato a Reijners, continua a convocarla e la inserisce nella lista delle atlete che rappresentano i Paesi Bassi nell'Europeo casalingo del 2017.[13]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Arsenal: 2018-2019
Arsenal: 2015-2016

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Paesi Bassi 2017

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NL) Danielle van de Donk:'Mijn grote droom is om in het buitenland te mogen spelen' [collegamento interrotto], su eredivisievrouwenvoetbal.nl, 28 aprile 2010.
  2. ^ (EN) Danielle Van de Donk, su Arsenal.com.
  3. ^ (NL) Speelster Van de Donk naar Zweedse topclub, su PSV Eindhoven, 26 giugno 2015. URL consultato il 19 settembre 2015.
  4. ^ (SV) Kopparbergs/Göteborg FC [collegamento interrotto], su Göteborg FC.se.
  5. ^ (EN) van de Donk signs for Ladies, su arsenal.com, 20 novembre 2015. URL consultato il 25 luglio 2017.
  6. ^ (EN) Danielle van de Donk signs new contract, su arsenal.com, 7 ottobre 2016. URL consultato il 25 luglio 2017.
  7. ^ Soccerway, Daniëlle van de Donk.
  8. ^ a b UEFA, Daniëlle van de Donk.
  9. ^ (EN) Trio miss cut in Netherlands squad, su UEFA.com, 30 giugno 2013. URL consultato il 25 luglio 2013.
  10. ^ (EN) Women's EURO 2013: Netherlands Squad, su UEFA.com. URL consultato il 25 luglio 2013.
  11. ^ (NL) Reijners kiest WK-selectie Oranjevrouwen, su knvb.nl, 10 maggio 2015. URL consultato il 10 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2015).
  12. ^ FIFA, Daniëlle van de Donk.
  13. ^ (NL) Wiegman kiest Oranjeselectie voor WEURO 2017, su onsoranje.nl, 14 giugno 2017. URL consultato il 25 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]