Christiane Endler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Christiane Endler
Chile v Colombia 20190519 39.jpg
Nazionalità Cile Cile
Altezza 182 cm
Peso 65 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Squadra Paris SG
Carriera
Squadre di club1
2008-2009Unión La Calera
2010Everton
2011-2012Colo-Colo
2012-2014South Florida Bulls
2012Colo-Colo
2014Chelsea
2015-2016Colo-Colo3 (0)
2016-2017Valencia
2017-Paris SG17 (0)
Nazionale
Cile Cile U-17
2008Cile Cile U-203 (0)
2009-Cile Cile17 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 gennaio 2019

Claudia Christiane Endler Mutinelli (Santiago del Cile, 23 luglio 1991) è una calciatrice cilena, portiere del Paris Saint-Germain e della nazionale cilena.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Christiane Endler, nata a Santiago del Cile da padre tedesco e madre cilena, si appassiona allo sport fin da giovanissima, praticando diverse discipline tra le quali, tennis, nuoto, hockey, pallacanestro, pallavolo e ginnastica artistica, decidendo infine di continuare con il calcio.[1][2]

All'età di 10 anni si tesserò per la prima volta con una squadra di calcio, all'Estadio Italiano, dove giocò principalmente nel ruolo di attaccante.[1][2] Successivamente partecipò ai campionati scolastici, indossando le maglie prima del Colegio Alemán de Santiago e poi Club Deportivo Santiago Oriente, sotto la direzione tecnica rispettivamente di Manuel Moncada e Bernardita Sotomayor.[3]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato un torneo scolastico organizzato dall'Asociación Nacional de Fútbol Profesional (ANFP), l'associazione cilena di calcio professionistico, Endler si mise in luce attirando l'attenzione della federazione calcistica del Cile (Federación de Fútbol de Chile - FFCh). Vedendola all'opera l'ex portiere della nazionale cilena Marco Cornez le suggerì di cambiare ruolo anche in ragione della sua già notevole altezza.[1][2]

Di seguito Endler si trasferisce al Unión La Calera, per competere in Primera División dal 2008, nella prima edizione del neofondato campionato cileno di calcio femminile.[1][2] Alla sua prima stagione condivide con le compagne il raggiungimento del quinto posto in campionato, e nel 2009 del sesto, e in entrambi venne premiata come miglior giocatrice di calcio femminile in Cile.

Nel 2010 trova un accordo con le campionesse dell'Everton de Viña del Mar per giocare in Primera División la stagione entrante. La squadra, pur avendo ottenuto il primo posto nella prima e nella seconda fase regolare del campionato, nel quadrangolare che assegna il titolo si ferma al secondo posto, a 3 punti dal Colo-Colo che si laurea campione del Cile per la prima volta, strappando comunque alle neocampionesse la Coppa del Cile vincendo per 2-1 la finale del 19 dicembre 2010.

L'anno successivo si trasferisce al Colo-Colo, società con cui rimane inizialmente per due stagioni, per tornarvi, in prestito nel 2012 e nelle stagioni 2015 e 2016. Alla sua prima stagione con la maglia bianconera della società di Santiago del Cile ottiene il primo posto in Primera División e il secondo in Coppa Libertadores, battuta in finale per 1-0 dalle brasiliane del São José, mentre nel successivo ottiene entrambi i titoli, quello nazionale e la Coppa Libertadores 2012, ottenuta ai tiri di rigore sulle avversarie del Foz Cataratas.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Paris Saint-Germain: 2017-2018

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Colo-Colo: 2012

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d María Jesús del Pozo, La atajada de Christiane, su Qué Pasa.cl, 6 dicembre 2012. URL consultato il 22 dicembre 2015.
  2. ^ a b c d Javiera Mieres, Christiane Endler: De la liga inglesa al campeonato nacional, su Domadores.cl, 12 luglio 2015. URL consultato il 22 dicembre 2015.
  3. ^ Eduardo Sepúlveda, Endler: «Si vamos al Mundial, Chile está antes que Chelsea», su La Tercera.com, 24 agosto 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]