UEFA Women's Cup 2002-2003

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
UEFA
UEFA Women's Cup 2002-03
Competizione UEFA Women's Cup
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Organizzatore UEFA
Date dal 29 agosto 2002
al 21 giugno 2003
Partecipanti 35
Risultati
Vincitore Svezia Umeå
(1º titolo)
Secondo Danimarca Fortuna Hjørring
Statistiche
Miglior marcatore Svezia Hanna Ljungberg (10)
Incontri disputati 68
Gol segnati 301 (4,43 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2001-2002 2003-2004 Right arrow.svg

La UEFA Women's Cup 2002-2003 è stata la seconda edizione del torneo europeo femminile di calcio per club UEFA Women's Cup, destinato alle formazioni vincitrici dei massimi campionati nazionali d'Europa. Il torneo è stato vinto dalle svedesi dell'Umeå nella doppia finale contro le danesi del Fortuna Hjørring[1].

Formato[modifica | modifica wikitesto]

Partecipano al torneo 2002-2003 un totale di 35 squadre provenienti da 35 diverse federazioni affiliate alla UEFA.

Il torneo si compone di tre fasi: qualificazioni, fase a gironi, fase ad eliminazione diretta. Alle qualificazioni partecipano le squadre appartenenti alle quattro federazioni con il ranking UEFA più basso. La squadra vincente il girone di qualificazione accede alla fase a gironi, dove le 32 squadre sono state raggruppate in 8 gruppi da 4 squadre ciascuno. In ogni gruppo le squadre giocano una contro l'altra in un mini-torneo all'italiana, ospitato da una delle quattro squadre. Le otto vincitrici dei gironi acquisiscono il diritto di accedere alla fase ad eliminazione diretta. I quarti di finale e le semifinali si giocano con partite di andata e ritorno. A differenza dell'edizione precedente la finale si gioca in partite di andata e di ritorno.

Turno Andata Ritorno
Qualificazioni dal 29 agosto al 2 settembre 2002
Fase a gironi dal 25 al 29 settembre 2002
Quarti 30 ottobre-3 novembre 2002 28-30 novembre 2002
Semifinali 5-6 aprile 2003 27 aprile 2003
Finale 9 giugno 2003 21 giugno 2003

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto all'edizione 2001-2002 le federazioni calcistiche di Estonia, Irlanda, Romania, Azerbaigian, Irlanda del Nord e Cipro hanno iscritto la squadra campione del rispettivo campionato nazionale. A queste sei aggiunte si contrappone l'assenza delle squadre rappresentanti Ucraina, Bulgaria, Armenia e Slovacchia.

Fase a gironi
Germania 1. FFC Francoforte (DT) Svezia Umeå Francia Tolosa Finlandia HJK Helsinki
Norvegia Trondheims-Ørn Inghilterra Arsenal Ladies Danimarca Fortuna Hjørring Russia CSK VVS Samara
Bielorussia Bobruichanka Spagna Levante UD Italia Lazio Paesi Bassi Saestum
Rep. Ceca Sparta Praga Serbia e Montenegro Mašinac Svizzera Sursee Scozia Kilmarnock
Belgio KSC Eendracht Aalst Grecia P.A.O.K. Ungheria Femina Fær Øer KÍ Klaksvík
Moldavia FC Codru Chişinău Polonia K.Ś. A.Z.S. Wrocław Portogallo 1º Dezembro Croazia Osijek
Austria Innsbrucker A.C.-F.C.T.L. Estonia T.K.S.K. Visa Tallinn Irlanda Shamrock Rovers Islanda Breiðablik Kópavogur
Israele Maccabi Haifa Galles Bangor City Romania Regal Bucureşti
Qualificazioni
Azerbaigian Gömrükçü Baku Irlanda del Nord Lisburn Distillery Predators Slovenia ŽNK Škale-Mila-Krško Cipro Lefkothea

Qualificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le partite del girone di qualificazione sono state ospitate da una delle quattro squadre, indicata in corsivo.

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Azerbaigian Gömrükçü Baku 9 3 3 0 0 19 0 +19
2. Irlanda del Nord Lisburn Distillery Predators 6 3 2 0 1 4 7 -3
3. Slovenia ŽNK Škale-Mila-Krško 3 3 1 0 2 9 5 +4
4. Cipro Lefkothea 0 3 0 0 3 0 20 -20
29 agosto 2002 ŽNK Škale-Mila-Krško 9 - 0 Lefkothea Velenje
29 agosto 2002 Gömrükçü Baku 7 - 0 Lisburn Distillery Predators Velenje
31 agosto 2002 Lisburn Distillery Predators 1 - 0 ŽNK Škale-Mila-Krško Velenje
31 agosto 2002 Gömrükçü Baku 8 - 0 Lefkothea Velenje
2 settembre 2002 Gömrükçü Baku 4 - 0 ŽNK Škale-Mila-Krško Velenje
2 settembre 2002 Lisburn Distillery Predators 3 - 0 Lefkothea Velenje

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Le partite di ciascun raggruppamento sono state ospitate da una delle quattro squadre, indicata in corsivo.

Gruppo 1[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Svezia Umeå 9 3 3 0 0 17 1 +16
2. Rep. Ceca Sparta Praga 6 3 2 0 1 11 6 +5
3. Fær Øer KÍ Klaksvík 3 3 1 0 2 2 11 -9
4. Estonia T.K.S.K. Visa Tallinn 0 3 0 0 3 0 12 -12
25 settembre 2002 Umeå IK 7 - 0 KÍ Klaksvík Umeå
25 settembre 2002 Sparta Praga 6 - 0 TKSK Visa Tallinn Umeå
27 settembre 2002 TKSK Visa Tallinn 0 - 4 Umeå IK Umeå
27 settembre 2002 Sparta Praga 4 - 0 KÍ Klaksvík Umeå
29 settembre 2002 Umeå IK 6 - 1 Sparta Praga Umeå
29 settembre 2002 KÍ Klaksvík 2 - 0 TKSK Visa Tallinn Umeå

Gruppo 2[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Francia Tolosa 7 3 2 1 0 11 1 +10
2. Italia Lazio 7 3 2 1 0 11 3 +8
3. Ungheria Femina 3 3 1 0 2 6 6 0
4. Israele Maccabi Haifa 0 3 0 0 3 0 18 -18
25 settembre 2002 Tolosa 1 - 0 Femina Roma
25 settembre 2002 Lazio 5 - 0 Maccabi Haifa Roma
27 settembre 2002 Femina 4 - 0 Maccabi Haifa Roma
27 settembre 2002 Lazio 1 - 1 Tolosa Roma
29 settembre 2002 Tolosa 9 - 0 Maccabi Haifa Roma
29 settembre 2002 Lazio 5 - 2 Femina Roma

Gruppo 3[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Germania 1. FFC Francoforte 9 3 3 0 0 17 1 +16
2. Serbia e Montenegro Mašinac 6 3 2 0 1 10 3 +7
3. Irlanda Shamrock Rovers 3 3 1 0 2 5 12 -7
4. Croazia Osijek 0 3 0 0 3 1 17 -16
25 settembre 2002 1. FFC Francoforte 2 - 0 Mašinac Niš
25 settembre 2002 Osijek 1 - 3 Shamrock Rovers Niš
27 settembre 2002 1. FFC Francoforte 8 - 0 Osijek Niš
27 settembre 2002 Mašinac 4 - 1 Shamrock Rovers Niš
29 settembre 2002 Shamrock Rovers 1 - 7 1. FFC Francoforte Niš
29 settembre 2002 Mašinac 6 - 0 Osijek Niš

Gruppo 4[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Finlandia HJK Helsinki 9 3 3 0 0 10 0 +10
2. Svizzera Sursee 6 3 2 0 1 2 0 +2
3. Polonia K.Ś. A.Z.S. Wrocław 3 3 1 0 2 6 6 0
4. Galles Bangor City 0 3 0 0 3 3 15 -12
25 settembre 2002 HJK Helsinki 2 - 0 K.Ś. A.Z.S. Wrocław Breslavia
25 settembre 2002 Sursee 1 - 0 Bangor City Breslavia
27 settembre 2002 HJK Helsinki 8 - 0 Bangor City Breslavia
27 settembre 2002 Sursee 1 - 0 K.Ś. A.Z.S. Wrocław Breslavia
29 settembre 2002 Sursee 0 - 0 HJK Helsinki Breslavia
29 settembre 2002 K.Ś. A.Z.S. Wrocław 6 - 3 Bangor City Breslavia

Gruppo 5[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Norvegia Trondheims-Ørn 9 3 3 0 0 18 0 +18
2. Paesi Bassi Saestum 6 3 2 0 1 10 3 +7
3. Romania Regal Bucureşti 3 3 1 0 2 3 6 -3
4. Grecia P.A.O.K. 0 3 0 0 3 1 23 -22
25 settembre 2002 Trondheims-Ørn 2 - 0 Saestum Salonicco
25 settembre 2002 P.A.O.K. 0 - 3 Regal Bucureşti Salonicco
27 settembre 2002 Trondheims-Ørn 12 - 0 P.A.O.K. Salonicco
27 settembre 2002 Saestum 2 - 0 Regal Bucureşti Salonicco
29 settembre 2002 Regal Bucureşti 0 - 4 Trondheims-Ørn Salonicco
29 settembre 2002 Saestum 8 - 1 P.A.O.K. Salonicco

Gruppo 6[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Danimarca Fortuna Hjørring 9 3 3 0 0 17 0 +17
2. Bielorussia Bobruichanka 6 3 2 0 1 9 5 +4
3. Islanda Breiðablik Kópavogur 3 3 1 0 2 4 12 -8
4. Moldavia FC Codru Chişinău 0 3 0 0 3 0 13 -13
25 settembre 2002 Fortuna Hjørring 5 - 0 FC Codru Chişinău Babrujsk
25 settembre 2002 Bobruichanka 3 - 2 Breiðablik Kópavogur Babrujsk
27 settembre 2002 Breiðablik Kópavogur 0 - 9 Fortuna Hjørring Babrujsk
27 settembre 2002 Bobruichanka 6 - 0 FC Codru Chişinău Babrujsk
29 settembre 2002 Fortuna Hjørring 3 - 0 Bobruichanka Babrujsk
29 settembre 2002 FC Codru Chişinău 0 - 2 Breiðablik Kópavogur Babrujsk

Gruppo 7[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Inghilterra Arsenal Ladies 9 3 3 0 0 15 1 +14
2. Spagna Levante UD 6 3 2 0 1 11 3 +8
3. Azerbaigian Gömrükçü Baku 3 3 1 0 2 9 8 +1
4. Belgio KSC Eendracht Aalst 0 3 0 0 3 0 23 -23
25 settembre 2002 Arsenal Ladies 6 - 0 Gömrükçü Baku Londra
25 settembre 2002 KSC Eendracht Aalst 0 - 8 Levante UD Londra
27 settembre 2002 Levante UD 1 - 2 Arsenal Ladies Londra
27 settembre 2002 KSC Eendracht Aalst 0 - 8 Gömrükçü Baku Londra
29 settembre 2002 Arsenal Ladies 7 - 0 KSC Eendracht Aalst Londra
29 settembre 2002 Levante UD 2 - 1 Gömrükçü Baku Londra

Gruppo 8[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
1. Russia CSK VVS Samara 7 3 2 1 0 7 0 +7
2. Portogallo 1º Dezembro 6 3 2 0 1 4 4 0
3. Scozia Kilmarnock 4 3 1 1 1 4 3 +1
4. Austria Innsbrucker A.C.-F.C.T.L. 0 3 0 0 3 2 10 -8
25 settembre 2002 CSK VVS Samara 0 - 0 Kilmarnock Innsbruck
25 settembre 2002 1º Dezembro 2 - 1 Innsbrucker AC-FCTL Innsbruck
27 settembre 2002 CSK VVS Samara 4 - 0 Innsbrucker AC-FCTL Innsbruck
27 settembre 2002 Kilmarnock 0 - 2 1º Dezembro Innsbruck
29 settembre 2002 1º Dezembro 0 - 3 CSK VVS Samara Innsbruck
29 settembre 2002 Kilmarnock 4 - 1 Innsbrucker AC-FCTL Innsbruck

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Squadra 1   Totale   Squadra 2   Andata     Ritorno  
Umeå Svezia 2 – 0 Francia Tolosa 2 – 0 0 – 0
HJK Helsinki Finlandia 0 – 10 Germania 1. FFC Francoforte 0 – 2 0 – 8
Trondheims-Ørn Norvegia 2 – 3 Danimarca Fortuna Hjørring 2 – 2 0 – 1
CSK VVS Samara Russia 1 – 3 Inghilterra Arsenal Ladies 0 – 2 1 – 1

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Trondheim
30 ottobre 2002
Trondheims-Ørn Norvegia 2 – 2 Danimarca Fortuna Hjørring Lerkendal Stadion
Arbitro Finlandia Ari Hänninen

Samara
2 novembre 2002
CSK VVS Samara Russia 0 – 2 Inghilterra Arsenal Ladies Metallurg Stadium
Arbitro Paesi Bassi Geja Mulder

Helsinki
2 novembre 2002
HJK Helsinki Finlandia 0 – 2 Germania 1. FFC Francoforte Pohjola Stadion
Arbitro Belgio Claudine Brohet

Umeå
3 novembre 2002
Umeå Svezia 2 – 0 Francia Tolosa Gammliavallen
Arbitro Spagna Carolina Domenech Ceballos

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

St Albans
28 novembre 2002
Arsenal Ladies Inghilterra 1 – 1 Russia CSK VVS Samara Clarence Park
Arbitro Turchia Lale Orta

Tolosa
29 novembre 2002
Tolosa Francia 0 – 0 Svezia Umeå Stadium Municipal
Arbitro Romania Floarea Cristina Ionescu

Francoforte sul Meno
30 novembre 2002
1. FFC Francoforte Germania 8 – 0 Finlandia HJK Helsinki Stadion am Brentanobad
Arbitro Slovacchia Alexandra Ihringova

Hjørring
30 novembre 2002
Fortuna Hjørring Danimarca 1 – 0 Norvegia Trondheims-Ørn Hjørring Stadium
Arbitro Italia Anna De Toni

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Squadra 1   Totale   Squadra 2   Andata     Ritorno  
Umeå Svezia 2 - 2 Germania 1. FFC Francoforte 1 - 1 1 - 1 (7-6 dcr)
Fortuna Hjørring Danimarca 8 - 2 Inghilterra Arsenal Ladies 3 - 1 5 - 1

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Umeå
6 aprile 2003
Umeå Flag of Sweden.svg 1 – 1 Flag of Germany.svg 1. FFC Francoforte Sandåkerns IP (3 389 spett.)
Arbitro Norvegia Bente Skogvang

Hjørring
5 aprile 2003
Fortuna Hjørring Flag of Denmark.svg 3 – 1 Flag of England.svg Arsenal Hjørring Stadium (2 384 spett.)
Arbitro Germania Christine Frai

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Francoforte sul Meno
27 aprile 2003
1. FFC Francoforte Flag of Germany.svg 1 – 1
(d.t.s.)
Flag of Sweden.svg Umeå Stadion am Brentanobad (4 200 spett.)
Arbitro Svizzera Nicole Petignat

Barnet
27 aprile 2003
Arsenal Ladies Flag of England.svg 1 – 5 Flag of Denmark.svg Fortuna Hjørring Underhill Stadium (500 spett.)
Arbitro Svezia Maria Persson

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Squadra 1   Totale   Squadra 2   Andata     Ritorno  
Umeå Svezia 7 – 1 Danimarca Fortuna Hjørring 4 – 1 3 – 0

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Umeå
9 giugno 2003, ore 16:00 CET
Umeå Svezia 4 – 1 Danimarca Fortuna Hjørring Gammliavallen (7 648 spett.)
Arbitro Germania Elke Günthner

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Hjørring
21 giugno 2003, ore 16:00 CET
Fortuna Hjørring Danimarca 0 – 3 Svezia Umeå Hjørring Stadium (2 119 spett.)
Arbitro Inghilterra Wendy Toms

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatrici[modifica | modifica wikitesto]

Gol Giocatore Squadra
10 Svezia Hanna Ljungberg Svezia Umeå
6 Norvegia Heidi Pedersen Norvegia Trondheims-Ørn
6 Germania Birgit Prinz Germania 1. FFC Francoforte
6 Danimarca Christina Bonde Danimarca Fortuna Hjørring
5 Germania Pia Wunderlich Germania 1. FFC Francoforte

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Umeå orgoglio d'Europa, UEFA.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]