Interpump Group

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Interpump Group S.p.A.
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Borse valoriBorsa Italiana: IP
ISINIT0001078911
Fondazione1977 a Sant'Ilario d'Enza
Sede principaleSant'Ilario d'Enza
Persone chiave
Settoreoleodinamica e pompe ad acqua
ProdottiPompe ad alta ed altissima pressione
Prese di forza
Distributori e valvole oleodinamici
Tubi e raccordi
Fatturato 1086,5 milioni[1] (2017)
Utile netto€ 135,7 milioni[1] (2017)
Dipendenti6471[2] (2018)
Sito web

Interpump Group S.p.A. è un'azienda italiana specializzata nella produzione di pompe ad alta ed altissima pressione ad acqua ed uno dei principali gruppi mondiali nel settore oleodinamico.[3][4]

È quotata alla Borsa Italiana nell'indice FTSE Italia Mid Cap e FTSE Italia STAR della Borsa di Milano.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L’azienda nasce nel 1977 in provincia di Reggio Emilia, a Sant'Ilario d'Enza, grazie a Fulvio Montipò, reggiano di Baiso, figlio di un muratore che lavora stagionalmente in Svizzera mentre la mamma fa la domestica,[6] studi di sociologia a Trento nel periodo caldo del 1968. Inizialmente la produzione dell'azienda, fondata dopo aver convinto alcuni imprenditori della zona a finanziarlo in cambio del 40% delle azioni,[7] è legata a pompe e pistoni ad alta pressione caratterizzata da dimensioni contenute e materiali di tipo nuovo (la ceramica)[6] che portano l’azienda a detenere il 50% del mercato in pochi anni.[8]

Dagli anni novanta inizia ad espandere le aree d’interesse acquisendo altre aziende nel settore delle macchine per pulizie professionali e motori elettrici.

Nel 1995 Montipò vende l'azienda ad un fondo di investimento, BC Partners, dedicandosi all'allevamento di cavalli e agli immobili.[7] Nel 1996 la società viene quotata alla Borsa di Milano e dall’anno successivo inizia ad entrare nel settore oleodinamico con acquisizioni mirate di aziende del settore. E nel 2003 Montipò si riprende l'azienda:[7] esce BC Partners ed entra la Tip di Giovanni Tamburi più i gruppi Ferrero (metallurgico), Seragnoli e Vacchi.

Nel 2005 viene ceduto il ramo relativo alle macchine per pulizie professionali a seguito di un riposizionamento nei settori più tecnologici. Nel 2007 sbarca negli Stati Uniti con l'acquisizione della Nib, uno dei maggiori operatori nei sistemi ad alta pressione.

Nel 2016 acquisisce Tekno Tubi, azienda specializzata nella lavorazione di tubi rigidi.

Nel 2018 Intermpump rileva le attività internazionali di Gs-Hydro dopo altre due acquisizioni realizzate nel 2017: l'inglese Bristol Hoss e, per 76 milioni, la spagnola Inoxpa,[9] entrando così in un nuovo settore: il trattamento dei fluidi per alimentare, cosmetica e farmaceutica. La strategia è di rilevare aziende altamente specializzate che lavorano per i grandi operatori del settore come Nestlé, Barilla e Danone.[10]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Consiglio di amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il consiglio di amministrazione di Interpump è composto da Fulvio Montipò, che è presidente, Paolo Marinsek, vicepresidente, e da 7 consiglieri: Angelo Busani, Antonia Di Bella, Franco Garilli, Marcello Margotto, Stefania Petruccioli, Paola Annunziata Tagliavini e Giovanni Tamburi.[2]

Comitato di coordinamento operativo[modifica | modifica wikitesto]

Il comitato di coordinamento operativo è composto dai 4 direttori generali di prodotto e dal responsabile delle relazioni con gli investitori,Luca Mirabelli, oltre che dal vicepresidente Paolo Marinsek. I direttori generali sono:

  • Massimiliano Bizzarri, pompe e sistemi ad alta pressione (settore acqua)
  • Paolo Mastrostefano, prese di forza e cilindri (settore oleodinamica)
  • Víctor Gottardi, distributori e valvole (settore oleodinamica)
  • Fabio Marasi, tubi e raccordi (settore oleodinamica)

L’ultima parola sulle iniziative del coordinamento spetta comunque al presidente Fulvio Montipò.[11]

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

L’azionariato principale è suddiviso tra IPG Holding s.r.l. (23,3%), Mais S.p.A. (3,3%), FMR LLC (7,8%), Fin Tel s.r.l. (4,1%) ed azioni proprie (2,4%),[12] sul mercato circa il 60% (il 32% in mano a fondi esteri, il 28% a investitori istituzionali). Alla fine del 2017 Fulvio Montipò risulta in IPG Holding, la società di controllo, l'azionista di maggioranza relativa col 34,2% dopo l'uscita dal libro soci di Giovanni Cavallini e Sergio Erede, mentre un 12,2% è suddiviso in parti uguali tra le figlie Laura e Lella. Tamburi Investment Partner ha il 23,6% cui si aggiungono titoli propri per il 29,8%.[9]

Aziende del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

  • Settore acqua: Interpump Group S.p.A. (Bertoli; Pratissoli Pompe), General Pump Inc., Hammelmann G.m.b.H., Inoxihp S.r.l., Inoxpa S.A., Mariotti & Pecini S.r.l., NLB Corporation Inc., Ricci Engineering S.r.l..
  • Settore olio: Walvoil S.p.A. (Galtech; Hydrocontrol), Avi S.r.l., Contarini S.r.l., American Mobile Power Inc., Hydroven S.r.l., I.M.M. Hydraulics S.p.A., Interpump Hydraulics S.p.A. (HS Penta; Hydrocar; Modenflex Hydraulics; PZB), Mega Pacific New Zeland, Mega Pacific Pty Ltd, Muncie Power Inc., Oleodinamica Panni S.r.l. (Cover), Takarada Industria e Comercio lta, Teknotubi S.r.l., Tubiflex S.p.A.

Presenza internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Interpump è presente nei seguenti paesi con almeno una delle aziende del gruppo:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Interpump, le vendite superano il miliardo di euro, su reggionline.com, 16 marzo 2018.
  2. ^ a b Interpump Group (ITPG), su investing.com.
  3. ^ Interpump, su capitalnumeriuno.it.
  4. ^ Leader mondiale con il 50% del mercato delle pompe idrauliche, su repubblica.it, 30 settembre 2013.
  5. ^ Quotazioni Interpomp Group, in Il Sole 24 ORE.
  6. ^ a b Il figlio del muratore emigrato ora guida un impero miliardario, su ilgiornale.it, 8 agosto 2016. URL consultato il 23 agosto 2018.
  7. ^ a b c Montipò, il giapponese della Via Emilia, su ricerca.repubblica.it, 23 novembre 2009. URL consultato il 23 agosto 2018.
  8. ^ Premiata Interpump, su ilsole24ore.com, 21 novembre 2013.
  9. ^ a b Andrea Giacobino, Niente lussi per la cassaforte di Intermpump, va tutto a riserva l'utile di IPG Holding, su repubblica.it, 8 gennaio 2018. URL consultato il 23 agosto 2018.
  10. ^ Daniela Polizzi, Le cento prede di Montipò in L'Economia del Corriere della Sera, 13 novembre 2017
  11. ^ Interpump incorona i manager del boom, in Gazzetta di Reggio, 29 aprile 2017.
  12. ^ Interpomp Group, su tradelink.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]