Agnelli (famiglia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima famiglia mantovana, vedi Agnelli (famiglia mantovana).
Lorenzo Delleani, I fondatori della F.I.A.T. Il quadro raffigura la firma dell'atto costitutivo della Fiat da parte del conte Emanuele Cacherano di Bricherasio e il senatore Giovanni Agnelli, il terzo da destra.

Gli Agnelli sono una famiglia di imprenditori italiani, celebre soprattutto per la fondazione e dirigenza della FIAT e la proprietà della Juventus.

Il nucleo del loro patrimonio è costituito dall'industria automobilistica, facente ora parte del gruppo Stellantis, ma sono molti i settori (dall'editoria al calcio, passando per la finanza) in cui possiedono partecipazioni, tramite l'accomandita Giovanni Agnelli e C. di cui sono soci insieme alla famiglia Nasi, e che a sua volta controlla la finanziaria Exor.

Vari membri della famiglia hanno avuto cariche direttive nel gruppo FIAT (Giovanni Agnelli, Gianni Agnelli, Umberto Agnelli, Giovanni Alberto Agnelli, John Elkann e Andrea Agnelli) e hanno rivestito ruoli istituzionali (Giovanni Agnelli è stato senatore del Regno d'Italia, Gianni Agnelli fu nominato senatore a vita, Susanna Agnelli è stata sottosegretario e ministro degli Affari esteri, Umberto Agnelli fu eletto parlamentare).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Agnelli con il nipote Gianni nel 1940

Gli Agnelli sono originari probabilmente di Priero, da cui giunsero a Racconigi nella prima metà del Settecento, impiantandovi alcune attività di coltivazione dei bachi da seta e filande[1]. [2]. Un ramo abbracciò soprattutto le professioni liberali ed ebbe nell'Ottocento medici e giuristi, mentre il ramo più famoso sviluppò le attività imprenditoriali. Tra questi ultimi, Giuseppe Francesco Agnelli si stabilì a Torino e iniziò una sempre più evidente ascesa della famiglia: poco dopo la Restaurazione figura tra i banchieri torinesi[3].

Nell'Ottocento Giovanni Agnelli, nipote di Giuseppe Francesco, sposò Clara Boselli ed ebbe due figli, Edoardo e Caterina detta Aniceta. Dal matrimonio di Edoardo e Virginia Bourbon del Monte sono nati Clara, Gianni, Susanna, Maria Sole, Cristiana, Giorgio e Umberto. Dal matrimonio di Caterina con Carlo Nasi deriva il ramo dei Nasi con Clara, Laura, Giovanni, Umberta ed Emanuele. Gli Agnelli sono imparentati anche con i Fürstenberg e i von Hohenlohe.

Tavole genealogiche[modifica | modifica wikitesto]

Nello schema che segue sono riportate le tavole genealogiche della famiglia[4].

 Giovanni Lorenzo
*? †?
Teresa Oberti
*? †?
 
        
 Carlo Antonio
Angela Caterina
Giovanni Bartolomeo
Maria Cristina
Giuseppe Francesco
*1789 †1866
⚭ Maria Maggia
*? †?
Rosa
Margherita
Teresa Francesca
 
     
 Giacinto
Barbara Clara
Edoardo
*1831 †1871
Aniceta Frisetti
*1846 †1920
Luigi Giovanni
Teresa
 
 
 Giovanni
*1866 †1945
⚭ Clara Boselli
*1869 †1946
 
  
 Edoardo
1892-1935
Virginia Bourbon del Monte
*1899 †1945
Caterina (Aniceta)
*1889 †1928
Carlo Nasi[5]
*1877 †1935
 
       
 Clara
*1920 †2016
 Giovanni
*1921 †2003
Marella Caracciolo
*1927 †2019
 Susanna
*1922 †2009
Maria Sole
*1925
Cristiana
*1927
Giorgio
*1929 †1965
 Umberto
*1934 †2004
1Antonella Bechi Piaggio[6]
*1938 †1999
2Allegra Caracciolo
*1945
      
         
 Octicons-arrow-small-down.svg
Linea
von Fürstenberg
Edoardo
*1954 †2000
Margherita
*1955
1Alain Elkann
*1950
2 ⚭ Serge De Pahlen
*1944
Octicons-arrow-small-down.svg
Linea
Rattazzi
Octicons-arrow-small-down.svg
Linea
Campello
Octicons-arrow-small-down.svg
Linea
Brandolini D'Adda
1 Giovanni Alberto
*1964 †1997
⚭ Frances Avery Howe
*1965
 2 Andrea
*1975
1 ⚭ Emma Winter
*1977
2 conv. Deniz Akalin
*1983
2 Anna
*1978
   
        
 1 John
*1976
⚭ Lavinia Ida Borromeo Arese Taverna
*1977
 1 Lapo
*1977
⚭ Joana Lemos
*1972
 1 Ginevra
*1979
⚭ Giovanni Gaetani dell’Aquila d’Aragona
Octicons-arrow-small-down.svg
Linea
De Pahlen
 Virginia Asya
*1997
1 Baya
*2005
1 Giacomo Dai
*2011
2 Livia Selin
*2017
  
      
Leone Mosè
*2006
Oceano Noah
*2007
Vita Talita
*2012
Giacomo
*2009
Pietro
*2012
Marella
*2014

Linea von Fürstenberg[modifica | modifica wikitesto]

 Back up arrow rtl without text.svg
Linea principale
 
 
 Clara
*1920 †2016
1Tassilo von Fürstenberg
*1903 †1987
2Giovanni Nuvoletti
*1912 †2008
 
   
 1 Ira
*1940
1Alfonso di Hohenlohe-Langenburg
*1924 †2003
2 ⚭ Francesco Pignatari
*? †?
 1 Egon
*1946 †2004
⚭ Diane Simone Michele Halfin
*1946
 1 Sebastien
*1950
⚭ Elisabetta Guarnati
*1951
   
     
1 Christoph
*1956 †2006
1 Hubertus
*1959
Alexander
*1970
1 ⚭ Alexandra Miller
*1972
2 ⚭ Alison Parker Kay
*?
Tatiana
*1971
 Virginia
*1974
1 ⚭ Alexandre Csillaghy de Pacsér
*? †?
2 Giovanni Bacco Dondi dall'Orologio
*? †?
3 ⚭ Paco Polenghi
*? †?
4 ⚭ Janusz Gawronski
*? †2020
  
         
 1 Talita
*1999
1 Tassilo
*2001
2 Leon
*2012
2 Vito
*2020
1 Miklós
*1992
1 Ginevra
*1995
2 Clara
*2002
3 Otto Leone Maria
*?
3 Santiago
*?

Linea Rattazzi[modifica | modifica wikitesto]

 Back up arrow rtl without text.svg
Linea principale
 
 
 Susanna
*1922 †2009
⚭ Urbano Rattazzi
*1918 †2012
 
      
 Ilaria
*1947
⚭ Egidio Zampolli
*? †?
 Samaritana
*1949
1 ⚭ Vittorio Sermonti
*? †?
 Cristiano
*1950
⚭ Sonia del Carril
*? †?
 Delfina
*1952
⚭ Carlo Luigi Scognamiglio Pasini
*1944
Lupo
*1954
⚭ Isabella Lanza di Busca
*? †?
Priscilla
*1957
2 ⚭ Klaus Mohlmann
*? †?
     
          
Marella Haynes
*1967
Martina
*1969
1 Pietro
*1975
1 Anna
*1982
Alexia
*1975
Urbano
*1976
Manuela
*1980
Filippo
*1981
Thea
*1984
 2 Maxi
*1990

Linea Campello[modifica | modifica wikitesto]

 Back up arrow rtl without text.svg
Linea principale
 
 
 Maria Sole
*1925
1Ranieri di Campello
*1908 †1959
2 ⚭ Pio Teodorani Fabbri
*1924 †2022[7]
 
     
 1 Virginia
*1954
⚭ Giuseppe della Chiesa
*? †?
 1 Argenta
*1955
⚭ Gian Antonio Bertoli
*? †?
 1 Cintia
*1956
⚭ Leopoldo Torlonia
*? †?
 1 Bernardino Campello della Spina
*1958
1 ⚭ Sonia Raule
*? †?
2 ⚭ Francesca Rizzo
*? †?
2 Edoardo[8]
*1965
⚭ Davina de Forest
*? †?
    
             
Benedetto
*1986
Giacinta
*1994
Sara
*1979
Alice
*1982
Evelina
*1986
Maria Sole
*1985
Emanuela
*1988
Paolo
*1997
1 Tancredi
*1987
2 Margherita
*1992
2 Angelica
*1994
2 Tristano
*2003
2 Ranieri
*2006

Linea Brandolini D'Adda[modifica | modifica wikitesto]

 Back up arrow rtl without text.svg
Linea principale
 
 
 Cristiana
*1927
⚭ Brando Brandolini d'Adda
*1918 †2005
 
    
 Tiberio
*1949
⚭ Maria Natividad de Faucigny-Lucinge et Coligny
*? †?
Leonello
*1951
Numo Carlo
*1955
Brandino
*1958
⚭ Amélie Marthe Angliviel de la Beaumelle-Rosenberg
*? †?
  
     
Cornelia
*? †?
Bianca
*? †?
 Guido
*? †?
Marcantonio
*? †?
Gioacchino
*? †?

Linea De Pahlen[modifica | modifica wikitesto]

 Back up arrow rtl without text.svg
Linea principale
 
 
 Margherita
*1955
2 ⚭ Serge De Pahlen
*1944
 
     
2 Maria
*1984
2 Pietro
*1987
2 Anne
*1989
⚭ David James Henderson-Stewart
2 Sofia
*1989
2 Tatiana
*1991

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annuario della Nobiltà italiana, XXXIII edizione (2015-2020), parte V, a cura di Andrea Borella, Teglio, 2021
  2. ^ Gustavo Mola di Nomaglio, Gli Agnelli. Storia e genealogia di una grande famiglia piemontese dal XVI secolo al 1866, Torino, 1998.
  3. ^ A Torino col termine «banchiere» erano chiamati non soltanto coloro che si dedicavano alle operazioni e negoziazioni di cambio e di banca, ma anche coloro che si occupavano della negoziazione delle sete gregge, spesso finanziando il lavoro dei filatori e occupandosi poi di smerciare il prodotto, tanto grezzo quanto lavorato, sia all'interno dello Stato sardo sia sul mercato estero
  4. ^ La dinastia familiare, su https://www.corriere.it/, RCS Quotidiani Spa, 24 gennaio 2003. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  5. ^ La coppia ha avuto cinque figli: Clara (*1913 †2011); Laura (*1914 †1996); Giovanni (*1918 †1995); Umberta (*1922 †2007); Emanuele (*1928 †1970).
  6. ^ Umberto e Antonella ebbero anche due gemelli (Alberto e Enrico), nati nel luglio 1962 e vissuti pochissimi giorni.
  7. ^ E' morto Pio Teodorani Fabbri, era marito di Maria Sole, sorella di Gianni Agnelli
  8. ^ Descendants of the Bonaparte Family, su www.angelfire.com, Gotha, 21 Gennaio 2020. URL consultato il 20 Settembre 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Urbano Rattazzi, su findagrave.com. URL consultato il 27 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2016).
Controllo di autoritàVIAF (EN84356266 · CERL cnp00558074