Piquadro (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piquadro
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Borse valoriBorsa Italiana: PQ
Fondazione1988 a Porretta Terme
Sede principaleSilla di Gaggio Montano
Persone chiave
  • Marco Palmieri (presidente e amministratore delegato)
  • Marcello Piccioli (amministratore delegato e direttore generale)
  • Roberto Trotta (amministratore delegato e direttore finanziario)
Settorepelletteria
Prodottipelletteria e accessori
Fatturato152,2 milioni di - fatturato consolidato del Gruppo Piquadro che include Piquadro, The Bridge e Lancel (2019-20 anno fiscale chiuso il 31 marzo 2020)
Slogan«Tech Inside»
Sito webwww.piquadro.com

Piquadro è un marchio italiano di borse e valigie dall’alto contenuto di design e tecnologia, per il lavoro e il tempo libero. L’azienda è stata fondata da Marco Palmieri nel 1988 ed è oggi capogruppo di Piquadro Group, di cui fanno parte lo storico marchio fiorentino di pelletteria The Bridge S.p.A. e la Maison parigina di pelletteria di lusso Lancel. Piquadro S.p.A. è quotata alla Borsa di Milano dal 2007 e il quartier generale è a Silla di Gaggio Montano in Provincia di Bologna. Il fatturato consolidato del Gruppo al 31 marzo 2020 è di 152,2 milioni di euro, e la sua rete distributiva si estende su oltre 50 paesi nel mondo e conta su 177 punti vendita che includono 85 boutique a insegna Piquadro, 12 boutique a insegna The Bridge e 80 boutique a insegna Lancel.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Marco Palmieri, classe 1965, inizia la sua carriera come informatico all’età di vent’anni quando, ancora studente d’Ingegneria, fonda Mediacom una società attiva nei sistemi di controllo dei processi industriali tramite il riconoscimento di forme. La sua passione per la matematica e la tecnologia lo accompagneranno sempre, anche quando nel 1988 venderà Mediacom per dare vita a un progetto completamente diverso. Decide, infatti, di dedicarsi alla pelletteria per realizzare un’idea nuova che di lì a pochi anni si dimostrerà vincente.  Nel 1988 inizia a produrre cinture con una macchina e un’operaia per ampliare successivamente l’offerta su portafogli e borse. Nel 1996 implementa un sistema software che utilizza per la prima volta un bisturi ad acqua per il taglio del pellame e nel 1998 è finalmente pronto a dare vita al suo sogno creando il marchio Piquadro il cui nome sta ad indicare le due P di Palmieri e di pelletterie. L’idea vincente alla base del prodotto Piquadro è la realizzazione di borse porta computer che siano anche eleganti. Erano infatti gli anni in cui i computer portatili iniziavano a diffondersi ma l’offerta di borse per trasportarli era molto limitata.

Si trattava esclusivamente di borse in tessuto tecnico mentre le borse in pelle per manager, professionisti, imprenditori non erano ancora pensate per il computer.  Il design moderno e una campagna pubblicitaria molto innovativa permisero a Piquadro di imporsi in pochi anni sul mercato italiano.    

Nel 2000 viene aperto, in via della Spiga a Milano, il primo negozio monomarca seguito, due anni dopo, da quello di via Frattina a Roma. Nel 2004 inizia il processo di internazionalizzazione con l’inaugurazione della boutique in Paseo de Gracia a Barcellona e successivamente con le aperture dei negozi di Mosca che porteranno la Russia a diventare in breve tempo il secondo mercato per Piquadro.    

Nel 2006 viene inaugurata la nuova sede dell’azienda, una costruzione futuristica in vetro e metallo sulle colline dell’Appennino bolognese nei pressi di Gaggio Montano a metà strada tra Firenze e Bologna. Lo stabilimento, il cui progetto dell’architetto italo-libanese Karim Azzabi è stato esposto nel 2012 alla Biennale di Architettura di Venezia, ospita gli uffici e un magazzino interamente automatizzato in grado di servire tutto il mondo in 24-48 ore.

Nel settembre del 2012 Piquadro inaugura i suoi uffici di Milano, uno spazio di circa 500mq che nel 2016 diventano 1000 per ospitare, oltre allo showroom Piquadro, anche gli showroom The Bridge e successivamente Lancel. Nel dicembre 2016 Piquadro acquisisce, infatti, lo storico marchio fiorentino di pelletteria The Bridge e, nel 2018, la prestigiosa maison parigina di pelletteria Lancel allora nell’orbita di Richemont International, il terzo più grande gruppo internazionale del lusso.

Nel giugno del 2018 Marco Palmieri viene nominato Cavaliere del Lavoro.

La filosofia di prodotto[modifica | modifica wikitesto]

I tre valori che ispirano il marchio - design, funzionalità e innovazio­ne tecnologica - si fondono nei prodotti Piquadro con il sapore della lavorazione ar­tigianale italiana, la qualità dei pellami pregiati e la cura per il dettaglio. In ogni collezione Piquadro propone un’ampia gamma di borse, valigie e piccoli accessori in cui l’originalità e l’e­leganza dello stile italiano si uniscono ad una studiata praticità e affidabilità al servizio del lavoro, del viaggio e dei ritmi intensi della vita contemporanea. L’anima del marchio - Tech Inside - si trova die­tro al design di ciascun prodotto. Qualità e tecnologia, perfettamente combinati nei prodotti Piquadro, permettono la realizzazione di accessori capaci di unire l’estetica alla performance intesa come comfort nell’utilizzo, ottimizzazione degli spazi e protezione del contenuto. Nel corso del 2016 Piquadro dà inizio al progetto Bagmotic, una sorta di bag automation che rappresenta un’evoluzione del concetto di ‘Tech inside’ e rappresenta la sua prima incursione nell’IoT (Internet of Things). I prodotti dotati di tecnologia BAGMOTIC sono in grado di comunicare con noi perché sono connessi via Bluetooth con il nostro smartphone e/o il nostro smartwatch grazie all’app Connequ disponibile su App Store e Play Store. Sono dotati di una batteria integrata che ricarica lo smartphone per semplice contatto, di un dispositivo di allerta in caso di furto o smarrimento, di una maniglia che pesa il trolley e comunica quali compagnie aeree lo ammettono in cabina e di un lucchetto Bluetooth.

I pellami utilizzati per la realizzazione dei prodotti Piquadro sono esclusivamente italiani e provengono prevalentemente dal distretto conciario toscano, la cui antica tradizione ne fa il più noto e prestigioso a livello mondiale. Abbinati a tessuti tecnologici di ultima generazione, danno origine a borse, zaini e valigie dall’estetica riconoscibile ed essenziale in colori classici e tinte inedite.

La gamma di prodotto include linee continuative e stagionali. Tra quelle continuative, alcune come la Modus e la Blue Square, sono diventate, per il loro design lineare e riconoscibile, delle vere icone, proposte e rinnovate ad ogni stagione con l’inserimento di nuovi modelli e colori.

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]