Banca IFIS

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Banca IFIS S.p.A.
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per Azioni
Borse valoriBorsa Italiana: IF
Fondazione1983 a Genova
Fondata daSebastien Egon Fürstenberg
Sede principaleMestre
Persone chiaveLuciano Colombini amministratore delegato
SettoreSpecialty finance: credito commerciale, acquisizione/gestione e dismissione dei portafogli di crediti non-performing e crediti fiscali, leasing e rental.
Utile netto146,8 milioni di [1] (2018)
Dipendenti1.764 (2019)
Sito web

Il Gruppo Banca IFIS S.p.A. (Istituto di Finanziamento e Sconto) è attivo nello specialty finance. Le principali attività di business sono: servizi e soluzioni di credito alle imprese e acquisizione/gestione di portafogli di crediti deteriorati. «Banca IFIS ha un modello di business solido, sostenibile, diversificato che le consente di raggiungere risultati redditizi e in crescita.»[2]

Fondata nel 1983 da Sebastien Egon Furstenberg, figlio di Clara Agnelli, Banca IFIS è quotata dal 2003 alla Borsa di Milano (segmento FTSE Italia STAR).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

1983 Nasce IFIS: intermediario finanziario per il factoring alle piccole imprese italiane.

2002 IFIS diventa Banca e aderisce a Factor Chain International per operare a livello globale dopo i presidi aperti in Romania e Polonia.

2003 Banca IFIS è ammessa al segmento STAR di Borsa italiana.

2008 Nasce rendimax, il conto deposito online ad alto rendimento di Banca IFIS.

2011 Ingresso nel mercato dei crediti deteriorati con l’acquisizione di Toscana Finanza.

2016 Il Gruppo Banca IFIS acquisisce per 119 milioni Ge Capital Interbanca (con un miliardo di patrimonio)[3] entrando nei business leasing, lending a medio termine e finanza strutturata. Il finanziamento alle imprese ha un nuovo marchio: Banca IFIS Impresa.

2018 Diventa operativa a tutti gli effetti IFIS NPL S.p.A., società per azioni che accoglie lo scorporo dell’Area NPL di Banca IFIS. Entrano a far parte del Gruppo Capitalfin e Credifarma.

Nel gennaio 2019 Banca IFIS acquisisce per 58,5 milioni il controllo di FBS S.p.A., società che opera nel settore degli NPL come operatore specializzato in attività di servicing.[4] Nell'aprile 2019 cambio alla guida della banca: Giovanni Bossi lascia dopo 24 anni l'incarico di amministratore delegato, subentra al suo posto Luciano Colombini. Il figlio di Sebastien Egon Furstenberg, Ernesto Furstenberg Fassio, è nominato vicepresidente.[5][6]

Il Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

I marchi e le divisioni attraverso cui il Gruppo opera sono:

  • Banca IFIS Impresa, è la realtà del Gruppo Banca IFIS che sostiene la crescita delle PMI italiane con soluzioni di credito specializzate: factoring, leasing, finanziamenti medio e lungo termine e corporate finance;
  • IFIS NPL e FBS, il primo operatore integrato di investimento e asset management nel mercato italiano degli NPL, in grado di offrire un servizio completo in tutte le categorie del credito deteriorato.;
  • CrediFamiglia, è l'area di IFIS NPL dedicata alla trasformazione stragiudiziale dei debiti finanziari;
  • Capitalfin con forte esperienza nell’erogazione della cessione del quinto dello stipendio/pensione, delegazione di pagamento e nell’attività distributiva di prodotti finanziari dedicati ai privati.;
  • Banca IFIS Pharma a sostegno del credito commerciale dei grandi fornitori delle ASL, e Credifarma, finanziaria di riferimento per le farmacie.
  • Fast Finance che segue le attività connesse al settore dei crediti fiscali;
  • IFIS Finance che offre soluzioni finanziarie per le imprese che operano nel mercato polacco.;
  • Sul fronte della raccolta, Banca IFIS è presente online con rendimax conto deposito e il conto corrente contomax.

Sedi[modifica | modifica wikitesto]

La sede legale e direzione generale a Villa Fürstemberg

Italia[modifica | modifica wikitesto]

Banca IFIS

Mestre (Sede legale e Direzione generale), Milano, Roma, Mondovì.

Banca IFIS Impresa

Padova, Treviso, Vicenza, Verona, Pordenone, Brescia, Gallarate, Bergamo, Milano, Torino 1, Torino 2, Genova, Firenze, Pisa, Ancona, Roma, Pescara, Napoli, Avellino, Salerno, Bari, Palermo, Catania, Cagliari, Perugia, Udine, Bologna.

IFIS NPL

Firenze

Capitalfin

Napoli

FBS

Ravenna, Milano, Bari

Fast Finance

Bologna

Estero[modifica | modifica wikitesto]

Una società controllata in Polonia e uffici di rappresentanza in Romania.

Organi sociali e azionariato[modifica | modifica wikitesto]

Organi sociali[modifica | modifica wikitesto]

Consiglio di Amministrazione

Ruolo Nome
Presidente Sebastien Egon Fürstenberg
Vice Presidente Ernesto Fürstenberg Fassio
Amministratore Delegato Luciano Colombini
Consigliere Alessandro Csillaghy
Consigliere Simona Arduini
Consigliere Antonella Malinconico
Consigliere Beatrice Colleoni
Consigliere Monica Billio
Consigliere Daniele Santosuosso
Consigliere Luca Lo Giudice
Consigliere Divo Gronchi
Consigliere Roberto Diacetti

Collegio Sindacale

Ruolo Nome
Presidente Giacomo Bugna
Sindaco Effettivo Franco Olivetti
Sindaco Effettivo Marinella Monterumisi
Sindaco Supplente Giuseppina Manzo
Sindaco Supplente Alessandro Carducci Artenisio

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

L'azionariato comunicato alla Consob è il seguente[7]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Banca Ifis: il cda approva il progetto di bilancio 2018 e propone un dividendo in crescita, su bancaifis.it, 9 marzo 2019. URL consultato il 22 maggio 2019.
  2. ^ ifisnpl.it, https://www.ifisnpl.it/chi-siamo/gruppo-banca-ifis/.
  3. ^ Banca Ifis, con Interbanca nuova spinta per affrontare il mercato degli Npl, su repubblica.it, 13 marzo 2017. URL consultato il 22 maggio 2019.
  4. ^ Banca Ifis acquisisce Fbs, su aziendabanca.it, 7 gennaio 2019. URL consultato il 22 maggio 2019.
  5. ^ Banca Ifis, tutto in famiglia. Via l'ad Bossi, arriva Furstenberg jr professione deejay, su corriere.it, 20 marzo 2019. URL consultato il 22 maggio 2019.
  6. ^ Banca Ifis, Furstenberg silura l'ad Bossi, su ilsole24ore.com, 9 marzo 2019. URL consultato il 22 maggio 2019.
  7. ^ Le percentuali di azionariato derivano da quanto comunicato dagli azionisti, secondo quanto previsto dall'articolo 120 del TUF. Parti minori dell'azionariato possono essere indicate direttamente dalla società attraverso altre fonti.
  8. ^ Sede e Staff, su PREVE Costruzioni. URL consultato il 17 gennaio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn2011032165