FTSE Italia Brands

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'indice FTSE Italia Brands, è un indice dell'MTA gestito da Borsa Italiana che comprende che comprende i migliori brand italiani per creatività, eccellenza, intuito imprenditoriale e innovazione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Creato il 18 dicembre 2017 da FTSE Russell l’indice include le 21 (dalle iniziali 22) società quotate comprese nella vetrina Italian Listed Brands e già incluse nel FTSE Italia All-Share. La vetrina Italian Listed Brands è stata istituita da Borsa Italiana a ottobre 2017 per promuovere i migliori brand italiani per creatività, eccellenza, intuito imprenditoriale e innovazione. La lista dei titoli inclusi nella vetrina è stata definita da Borsa Italiana con il supporto di un panel di esperti settoriali, tra cui analisti industriali e finanziari sia italiani sia internazionali. Oltre alle metriche tradizionali sono stati presi in considerazione i principali asset intangibili di queste società, quali la percezione del brand tra la propria base di clienti e il posizionamento distintivo rispetto ai propri competitor.

Lo scopo dell'indice è di mettere in luce le caratteristiche distintive dei brand delle società italiane quotate attive nei settori dei beni di consumo e servizi, offrendo un nuovo benchmark per gli investitori attivi e passivi.

Pesi dell'indice[modifica | modifica wikitesto]

I pesi delle società nel nuovo indice FTSE Italia Brands sono fissati secondo i requisiti UCITS con revisione trimestrale dei costituenti, secondo le regole di FTSE Russell.

Società dell'indice[modifica | modifica wikitesto]

Fanno parte dell'indice FTSE Italia Brands le seguenti 22 società che appartengono anche a questi altri indici:

Società FTSE MIB FTSE Italia
Mid Cap
FTSE Italia
Small Cap
FTSE Italia
STAR
Aeffe S.p.A.
Yes check.svg
Yes check.svg
Autogrill S.p.A.
Yes check.svg
Brembo S.p.A.
Yes check.svg
Brunello Cucinelli S.p.A.
Yes check.svg
Campari S.p.A.
Yes check.svg
De'Longhi S.p.A.
Yes check.svg
Elica S.p.A.
Yes check.svg
Yes check.svg
Ferrari N.V.
Yes check.svg
Fiat Chrysler Automobiles N.V.
Yes check.svg
Fila S.p.A.
Yes check.svg
Yes check.svg
Geox S.p.A.
Yes check.svg
Juventus Football Club S.p.A.
Yes check.svg
Moncler S.p.A.
Yes check.svg
OVS S.p.A.
Yes check.svg
Piaggio & C. S.p.A.
Yes check.svg
Pininfarina S.p.A.
Yes check.svg
Piquadro S.p.A.
Yes check.svg
Pirelli & C. S.p.A.
Yes check.svg
Safilo Group S.p.A.
Yes check.svg
Salvatore Ferragamo S.p.A.
Yes check.svg
Technogym S.p.A.
Yes check.svg
Tod's S.p.A.
Yes check.svg
TOTALI
7
8
7
3

Dati aggiornati al 31 maggio 2019[1]

Variazioni[modifica | modifica wikitesto]

Ingressi[modifica | modifica wikitesto]

● Il 27 dicembre 2018 sono entrate: Aeffe, Elica, Juventus Football Club, Parmalat

Uscite[modifica | modifica wikitesto]

Dalle iniziali 22 società

● il 15 maggio 2018 è uscita dall'indice Yoox Net-A-Porter Group avendo il titolo un flottante inferiore al 10%, in seguito al successo dell'OPA lanciata da Compagnie financière Richemont attraverso il veicolo Rlg Italia Holding,

Damiani

Luxottica

● Parmalat

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]