Buzzi Unicem

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Buzzi Unicem S.P.A.
Logo
StatoItalia Italia
Borse valoriBorsa Italiana: BZU
Borsa Italiana: BZUR
ISINIT0001347308 e IT0001369427
Fondazione1999[1]
Sede principaleCasale Monferrato
Persone chiaveEnrico Buzzi, Presidente

Michele Buzzi Amministratore delegato

Pietro Buzzi Amministratore delegato
SettoreEdilizia e materiali
Prodotti
Fatturato2.813,4 milioni (2012)
Utile netto1,965 milioni (2012)
Dipendenti10.837 (2012)
Sito web

Buzzi Unicem S.p.A. è un'azienda italiana specializzata nella produzione di cemento, di cui è il secondo operatore del Paese con una quota di mercato del 16%[2].

È quotata nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano[3].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1872 Luigi Marchino fonda a Casale Monferrato la Cementi Marchino, che nel 1933 verrà incorporata dalla Unione Cementi della famiglia Agnelli per dare vita all'Unione Cementi Marchino[4][5].

Nel 1969 l'impresa assorbe altre due cementifici del gruppo Agnelli, le Industrie Cementifere Emiliane e la Cementeria di Augusta, e cambia nome in Unicem. Nel 1973 la società viene quotata in borsa. Nel 1979 acquista la Cementeria di Barletta e la Cementi Nuoresi[4].

Nel 1987 la Cementeria di Augusta e la Cementeria di Barletta vengono quotate in borsa[4].

Nel 1999 la Buzzi Cementi incorpora l'Unicem, diventando Buzzi Unicem[1].

Governance[modifica | modifica wikitesto]

La società ha sede a Casale Monferrato[6]; il presidente è Enrico Buzzi, amministratori delegati sono Pietro Buzzi (Finance) e Michele Buzzi (Operations).

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

L'azionariato comunicato alla Consob è il seguente[7]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Buzzi Unicem (1999 - 2009), su buzziunicem.it. URL consultato il 6 luglio 2016.
  2. ^ Buzzi Unicem - Italia, su buzziunicem.it. URL consultato il 18 giugno 2017.
  3. ^ Azioni ed azionisti, su buzziunicem.it. URL consultato il 6 luglio 2016.
  4. ^ a b c Unicem (1872- 1998), su buzziunicem.it. URL consultato il 17 marzo 2018.
  5. ^ Mario Minoja, Bene comune e comportamenti responsabili. Storie di Imprese e di istituzioni
  6. ^ Buzzi Unicem - Italia, su buzziunicem.it. URL consultato il 6 luglio 2016.
  7. ^ Le percentuali di azionariato derivano da quanto comunicato dagli azionisti, secondo quanto previsto dall'articolo 120 del TUF. Parti minori dell'azionariato possono essere indicate direttamente dalla società attraverso altre fonti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito web ufficiale