Trevi (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Trevi S.p.A.
Stato Italia Italia
Forma societaria Società per azioni
Borse valori Borsa Italiana: TFI
Fondazione 1957 a Cesena
Sede principale Cesena
Gruppo Gruppo Trevi
Settore Costruzioni
Slogan «Foundation Specialists»
Sito web
1995: lavori di consolidamento della Torre di Pisa

Trevi S.p.A. è un'azienda italiana specializzata nelle fondazioni speciali e consolidamenti di terreni; fa parte, insieme a Soilmec, Drillmec, Petreven e Trevi Energy del Gruppo Trevi, gruppo internazionale operante nell'ingegneria del sottosuolo e nella progettazione e produzione di macchinari e attrezzature specialistiche del settore e nella ricerca e perforazione di gas, acqua e petrolio[1], che conta oltre 6.000 dipendenti in oltre 40 paesi.
La Holding Trevi - Finanziaria Industriale S.p.A. è quotata alla Borsa di Milano dal 1999, segmento Standard (TFI.MI, ISIN: IT0001351383).

L'azienda[modifica | modifica wikitesto]

Un giovane geometra, Davide Trevisani, fonda a Cesena (Emilia-Romagna), nel 1957, l'Impresa Palificazioni Trevisani Geom. Davide. Pali trivellati, di piccolo diametro, eseguiti mediante sonde a percussione per scavare pozzi a bassa profondità: questi i primi passi della società nel settore delle fondazioni.

Gianluigi Trevisani, fratello di Davide, entra nella Pali Trevisani nel 1962 per meglio sviluppare la presenza del gruppo all'estero; nello stesso anno viene brevettata la prima attrezzatura semovente per l'esecuzione di pali battuti e nel 1967 viene progettato e brevettato il primo impianto rotary a tre rulli[2] per lo scavo di pali trivellati di grande diametro. Il 1967 è anche la data della prima grossa commessa estera: la realizzazione delle fondazioni dell'Apapa Road a Lagos, in Nigeria.

Nel 1971 viene fondata la Pilotes Trevi in Argentina, nel 1973 si costituisce la Tecnosol S.p.A. con sede a Roma, specializzata in indagini geognostiche e nella ricerca idrica e nel 1975 si acquisisce il contratto per i pali di fondazione della centrale termoelettrica di Porto Tolle.

Nel 1977 viene costruita la Trevi Foundations Nigeria Ltd, che inizia i lavori di fondazione del Third Mainland Bridge a Lagos. Sempre nel periodo 1977-1980 vengono acquisiti i lavori per il porto di Bandar Abbas in Iran e del porto commerciale di Gioia Tauro in Italia, nonché i lavori di perforazione ed iniezione per i cut-off delle dighe di Alicura in Argentina e del Khao Laem in Thailandia. Nel periodo 1980-1985 sono costituite: Trevi Hong Kong (1980), Trevi Foundations Philippines (1981) e Italthai-Trevi Company Ltd. in Thailandia (1982).

Nel 1983 Pali Trevisani diventa "TREVI S.p.A", a causa dell'avvenuta diversificazione tecnologica nel campo della piccola e grande perforazione.

Nel 1992 l'azienda realizza la Diga di Ertan in Cina. Nel 1994 vengono eseguiti i lavori di fondazione del ponte Vasco de Gama a Lisbona in Portogallo, un ponte lungo 18 km. A questi lavori si affiancano commesse di valore storico e culturale: nel 1995 iniziano i lavori di consolidamento della Torre pendente di Pisa. L'anno seguente, in Egitto, Trevi partecipa alla costruzione della nuova Biblioteca di Alessandria d'Egitto, ed al difficile consolidamento di antiche moschee datate dal 1000 al 1500 d.C.

Nel 1997 la Trevi intensifica la propria presenza negli Stati Uniti acquisendo la Icos, azienda del mercato Nord-Americano lavorando quindi nei progetti del Big Dig a Boston, Four Season Hotel di Miami[3], numerose dighe americane e il nuovo World Trade Center di New York[4].

Nel 1999 il Gruppo Trevi si espande nel Medio Oriente e acquisita la Swissboring Piling Overseas Corporation operante dal 1973 nella zona degli Emirati Arabi Uniti, Qatar, Oman, Bahrain e Kuwait.

Gli ultimi anni sono collegati all'impegno nella messa a punto di attrezzature e tecnologie utilizzate in numerose gallerie in Italia e all'estero e con la firma di contratti di cessione di tecnologie in Giappone.

Lo sviluppo rimane costante, sostenuto da commesse che arrivano dalla Nuova Zelanda[5][6], dalla Nigeria[7], dagli Stati Uniti[8][9], dal Medio Oriente[10][11] ed Europa[12].

Nel 2012 Trevi, attraverso la propria controllata Treviicos, completa il diaframma di protezione in calcestruzzo della diga di Wolf Creek[13][14], all'interno del progetto di consolidamento della diga sul fiume Cumberland in Kentucky, commissionato dall'USACE (Genio Militare delle Forze Armate degli Stati Uniti)[15][16].

Innovazioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre del 2012, impiegando un'idrofresa di nuova concezione, Trevi in collaborazione con Soilmec Spa, divisione metalmeccanica del Gruppo Trevi, ha raggiunto il record di scavo di 250 metri di profondità, finalizzato alla realizzazione di un diaframma (o pannello) della stessa profondità[17][18].

La sperimentazione, condotta nei dintorni di Cesena, è stata seguita dall'Università di Bologna, dal Politecnico di Torino e dall'Università Politecnica delle Marche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]