World Trade Center (2001-presente)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il complesso omonimo distrutto negli Attentati dell'11 settembre 2001, vedi World Trade Center (1973-2001).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi World Trade Center.
World Trade Center
CBP Returns to the Freedom Tower WTC (29754177916).jpg
Il One World Trade Center può essere visto in primo piano, a sinistra del Performing Arts Center (a sinistra) e del cantiere del 2 WTC (a destra). Accanto vi è il 7 WTC (di fronte) e la Fiterman Hall (dietro). Il 9/11 Memorial & Museum e il Liberty Park si trovano in fondo, a sinistra del Transportation Hub (dietro) e poi il 3 WTC incompleto (di fronte). Il 4 WTC, il cantiere del 5 WTC e l'angolo sud del Liberty Park non sono visibili nell'immagine.
Localizzazione
StatoStati Uniti Stati Uniti
LocalitàNew York
Coordinate40°42′42″N 74°00′45″W / 40.711667°N 74.0125°W40.711667; -74.0125Coordinate: 40°42′42″N 74°00′45″W / 40.711667°N 74.0125°W40.711667; -74.0125
Informazioni generali
Condizioniin costruzione
Costruzione2002 – presente
Inaugurazione23 maggio 2006
StileModerno
Usouffici, negozi
Altezza1 WTC: 417 m[1][2]

3 WTC: 329 m[3]
4 WTC: 298 m[4]
7 WTC: 226 m[5]
Antenna/guglia:
1 WTC: 541 m
Ultimo piano:
1 WTC: 386,5 m[1]
7 WTC: 207[5] m

Piani1 WTC: 94 piani[1]
3 WTC: 80 piani[6]
4 WTC: 78 piani[4]
7 WTC: 52 piani[5]
Area calpestabile1 WTC: 325.279 mq[1][2]
3 WTC: 207.451 mq[3]
4 WTC: 232.258 mq[4]
7 WTC: 156.181 mq[5]
Ascensori1 WTC: 71[1]
3 WTC: 53[3]
4 WTC: 55[4]
7 WTC: 29[5]
Realizzazione
AppaltatoreTishman Realty & Construction
ProprietarioAutorità Portuale di New York e New Jersey, Durst Organization

Il World Trade Center (letteralmente Centro di Commercio Mondiale) è un complesso di edifici situato a Lower Manhattan, New York, Stati Uniti, che sostituisce il complesso originale omonimo situato nello stesso luogo, che fu distrutto negli attentati dell'11 settembre 2001. Il complesso avrà cinque nuovi grattacieli, quattro dei quali sono stati completati, un memoriale e un museo per le vittime degli attentati e un centro di trasporto o Transportation Hub. L'edificio principale del nuovo complesso è il One World Trade Center, l'edificio più alto degli Stati Uniti dal suo completamento a novembre 2014.[7][8]

I suoi edifici si trovano tra i molti creati dalla World Trade Centers Association. Il World Trade Center originale fu il secondo che si costruì, e includeva le emblematiche Torri Gemelle, che aprirono i battenti nel 1973 e divennero gli edifici più alti al mondo dopo la loro finalizzazione. Furono distrutte nella mattina dell'11 di settembre di 2001, quando i dirottatori affiliati ad Al Qaida fecero impattare due Boeing 767 contro le due torri in un atto coordinato di terrorismo. Gli attentati del World Trade Center provocarono la morte di 2.753 persone.[9] Il seguente crollo provocò anche i danni alle strutture di molti degli edifici circostanti. Il processo di pulizia e recupero del sito del World Trade Center dopo gli attentati durò otto mesi, dopodiché iniziò la ricostruzione del complesso.[10][11]

Dopo anni di ritardo e polemiche, la ricostruzione del World Trade Center poté iniziare. Il nuovo complesso include il One World Trade Center, 3 World Trade Center, 4 World Trade Center, 7 World Trade Center e un altro grattacielo per uffici in costruzione, che è il 2 World Trade Center. Il nuovo World Trade Center comprende anche un museo e un memoriale e un centro di trasporto di dimensioni simili al Grand Central Terminal. Il One World Trade Center venne completato il 30 agosto 2012 e l'ultimo componente dell'antenna venne installato il 10 maggio 2013. Il One World Trade Center ha aperto i battenti il 3 novembre 2014.[12][13] Il National September 11 Memorial & Museum è completato: il museo è stato aperto il 21 maggio 2014 e il memoriale l'11 settembre 2011.[14] Il World Trade Center Transportation Hub ha aperto al pubblico il 4 marzo 2016 e il 3 World Trade Center l'11 giugno 2018. La costruzione del 2 World Trade Center è stata interrotta nel 2009, un nuovo progetto è stato annunciato nel 2015 ed è attualmente[quando?] in costruzione.

Complesso originale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: World Trade Center (1973-2001).
Il World Trade Center originale a marzo 2001.

Il World Trade Center originale includeva le iconiche Torri Gemelle, che vennero aperte il 4 aprile 1973[15] ed erano gli edifici più alti del mondo dopo la costruzione. Gli altri edifici del complesso erano il Marriott World Trade Center (3 WTC), 4 WTC, 5 WTC, 6 WTC e 7 WTC.[16]

Nonostante le sue elevate aspettative finanziarie, il complesso originale non fu redditizio fino agli anni '80.[17] Il 24 luglio 2001, l'Autorità Portuale concluse un accordo per affittare il complesso a Larry Silverstein,[18] che già era proprietario del 7 WTC.[19] Per $3,2 miliardi, Silverstein ricevette il diritto legale di gestire il complesso per 99 anni.[19] In quel momento, il World Trade Center aveva solo pochi inquilini importanti e Silverstein voleva migliorare il complesso per renderlo più attraente per i potenziali inquilini.[20]

Tuttavia, questi progetti di miglioramento non sono mai stati realizzati. Il World Trade Center originale è stato distrutto la mattina dell'11 settembre 2001, quando dirottatori affiliati ad Al Qaida fecero impattare due Boeing 767 contro il complesso in un atto coordinato di terrorismo. Alle 8:46 (ET), un gruppo di cinque dirottatori fece impattare il volo 11 dell'American Airlines contro la facciata nord della Torre Nord.[21] Alle 9:03, un altro gruppo di cinque dirottatori fece schiantare il volo 175 della United Airlines contro la facciata sud della Torre Sud.[22] Dopo aver bruciato per 56 minuti, la Torre Sud crollò alle 9:59.[23] Alle 10:28 anche la Torre Nord crollò, dopo aver bruciato per 102 minuti.[23] Gli attacchi del World Trade Center uccisero 2.753 persone.[9] Il successivo crollo causò danni alle strutture di diversi edifici circostanti e l'intero complesso fu rapidamente distrutto.[10]

Il processo di pulizia e recupero ha avuto luogo ventiquattro ore al giorno per un periodo di otto mesi. Le macerie furono trasportate nella discarica di Fresh Kills a Staten Island.[24] Il sindaco Rudy Giuliani era incaricato di coordinare gli sforzi di pulizia e recupero.[25] Il 30 maggio 2002 si tenne una cerimonia per celebrare ufficialmente la fine del processo di pulizia.[26]

Nel 2002 iniziò la costruzione del nuovo 7 World Trade Center, situato a nord del lotto principale del World Trade Center. Poiché non faceva parte del piano generale del complesso, la costruzione del nuovo 7 World Trade Center fu in grado di avviarsi senza ritardi. Sebbene il 7 World Trade Center non facesse parte del piano generale, Silverstein e Consolidated Edison riconobbero che la costruzione della torre avrebbe dovuto essere coerente con il piano generale. Il piano generale proponeva di riaprire diverse strade che erano state rimosse nel complesso originale, quindi il nuovo 7 World Trade Center è stato progettato in modo che Greenwich Street, che era bloccata dall'originale 7 World Trade Center, potesse essere continua attraverso il nuovo complesso.[27] A novembre 2003, una stazione PATH temporanea aprì i battenti presso il World Trade Center, in attesa di essere sostituita da una stazione permanente che sarebbe stata progettata da Santiago Calatrava.[28]

Progettazione[modifica | modifica wikitesto]

Il World Trade Center diciassette giorni dopo gli attentati dell'11 settembre. Gli edifici che circondano le torri crollate sono protetti da reti per prevenire ulteriori danni e ci sono grandi veicoli che eliminano i detriti.

Dopo gli attentati dell'11 settembre, il sindaco Rudy Giuliani, il governatore George Pataki e il presidente George W. Bush promisero di ricostruire il World Trade Center. Un giorno dopo gli attentati, Giuliani proclamò: «ricostruiremo, ne usciremo più forti di prima, politicamente ed economicamente. Lo skyline si alzerà di nuovo.[29] Durante una visita nella zona del 14 settembre 2001, Bush si rivolse a una folla di lavoratori con un megafono. Un individuo nella folla disse: "Non posso sentirti", a cui Bush rispose, "Io posso sentirti. Il resto del mondo ti ascolta. E la gente che ha demolito questi edifici ci sentirà presto.[30] In un successivo discorso al Congresso, il Presidente dichiarò: "Come simbolo della determinazione degli Stati Uniti, la mia amministrazione lavorerà insieme al Congresso e a questi due capi [il sindaco Giuliani e il governatore Pataki] per dimostrare al mondo che stiamo per ricostruire New York".[31] La risposta dell'affittuario del World Trade Center Larry Silvestein fu immediata: “Sarebbe una tragedia tra le tragedie se questa parte di New York non fosse ricostruita. Significherebbe dare ai terroristi la vittoria che cercano.[32]

Nei mesi successivi agli attentati, gli architetti e gli urbanisti tennero riunioni e forum per discutere idee per la ricostruzione del complesso.[33] Nel suo ultimo discorso da sindaco, Giuliani sostenne che un "immenso memoriale" sarebbe stata l'unica cosa sul sito del World Trade Center.[34] Nel frattempo, Larry Silverstein voleva costruire un nuovo World Trade Center al più presto possibile: i documenti assicurativi per il suo noleggio del vecchio World Trade Center non erano stati completati al momento degli attentati, quindi non era in grado di ricevere i benefici assicurativi a meno che non fosse stato ricostruito tutto lo spazio ufficio che era stato distrutto.[34]George Pataki, l'allora governatore di New York, controllava l'Autorità Portuale insieme al governatore del New Jersey e aveva quindi il diritto di prendere la decisione finale sul complesso. Voleva bilanciare i desideri di persone come Giuliani, che non volevano alcun futuro sviluppo nella zona, con quelli di persone come Silverstein, che volevano costruire un nuovo World Trade Center il più presto possibile.[25] A gennaio 2002, il mercante d'arte newyorkese Max Protetch sollecitò cinquanta concetti e rendering ad artisti e architetti, che espose nella sua galleria d'arte a Chelsea.[35]

Il Tribute in Light, che iniziò a funzionare l'11 marzo 2002.

Nella progettazione del nuovo World Trade Center c'erano numerose parti interessate, tra cui Silverstein e l'Autorità Portuale. Inoltre, le famiglie delle vittime, i residenti dei quartieri circostanti e altri gruppi volevano partecipare alle decisioni. A novembre 2001, il governatore Pataki creò la Lower Manhattan Development Corporation (LMDC), una commissione ufficiale per la supervisione del processo di ricostruzione.[36][37] Per evitare la necessità di approvazione da parte dell'Assemblea generale di New York, Pataki lasciò Sheldon Silver, il rappresentante della zona nell'assemblea statale, fuori dal processo decisionale relativo alla LMDC.[38] La LMDC coordinava gli aiuti federali nel processo di ricostruzione e avrebbe collaborato con l'Autorità Portuale, Larry Silverstein e coloro che furono selezionati come architetti del complesso. La società, inoltre, si mantenne in contatto con la comunità locale, le imprese, il Municipio di New York e le famiglie delle vittime degli attentati.[39] La LMDC era governato da un consiglio di amministrazione di sedici membri, metà nominati dal Governatore e l'altra metà dal Sindaco di New York.[40] La LMDC aveva uno status legale discutibile sulla ricostruzione del World Trade Center, dovuto al fatto che l'Autorità Portuale possedeva la maggior parte del territorio e Larry Silverstein aveva il diritto legale di ricostruire il World Trade Center. Tuttavia, in un'articolazione dei suoi principi di azione ad aprile 2002, la LMDC ribadì il suo ruolo nella rivitalizzazione di Lower Manhattan.[41]

Ad aprile 2002, la LMDC sollecitò proposte per progettare il nuovo World Trade Center a ventiquattro studi di architettura di Manhattan, ma presto ritirò queste richieste. Nel mese successivo, la LMDC scelse lo studio Beyer Blinder Belle per ridisegnare il World Trade Center.[42] costruzione del nuovo 7 World Trade Center, che non faceva parte del nuovo complesso, è iniziata il 7 maggio 2002.[43] Il 16 luglio 2002, Beyer Blinder Belle presentò sei concetti per ridisegnare il World Trade Center.[44] Tutti e sei i progetti furono classificati come "cattivi" dai 5.000 newyorkesi che presentarono i loro commenti, quindi la LMDC annunciò un nuovo studio internazionale a progetto aperto.[45] In un comunicato stampa dell'agosto 2002, la LMDC annunciò che si sarebbe tenuto un concorso di architettura per il piano generale per il nuovo World Trade Center.[46] Il mese seguente, la LMDC, insieme a The New York New Visions (una coalizione di ventuno organizzazioni di architettura, ingegneria, pianificazione urbana, architettura del paesaggio e progettazione) annunciò i sette semifinalisti. I seguenti sette studi di architettura furono invitati a competere per essere l'architetto del nuovo piano generale del World Trade Center:

Anche Peterson Littenberg, un piccolo studio di architettura di New York assunto da LMDC come consulente l'estate precedente, fu invitato a partecipare come settimo semifinalista.[47] I sette semifinalisti presentarono al pubblico le loro proposte il 18 dicembre 2002 nel Giardino d'Inverno del World Financial Center.[43] A causa del grande interesse pubblico, NY1 trasmise le presentazioni in diretta televisiva.[48] Nelle settimane successive, lo studio Skidmore, Owings & Merrill ritirò la proposta dal concorso.[49]

Giorni prima dell'annuncio dei due finalisti nel febbraio 2003, Larry Silverstein scrisse al presidente della LMDC John Whitehead per esprimere la sua disapprovazione per tutte le proposte semifinaliste. Silverstein dichiarò di avere il diritto esclusivo di decidere cosa doveva essere costruito in quanto beneficiario del risarcimento assicurativo per le Torri Gemelle. Annunciò di aver scelto Skidmore, Owings and Merrill per progettare il nuovo complesso.[50]

Il 1º febbraio 2003, la LMDC scelse due finalisti, il Team THINK e lo Studio Daniel Libeskind, e decise di scegliere il vincitore alla fine del mese.[51] Rafael Viñoly del THINK Team e lo Studio Daniel Libeskind presentarono i loro progetti finali alla LMDC, che scelse il design del THINK Team. Lo stesso giorno, tuttavia, il membro della LMDC Ronald Betts aveva convocato una riunione in cui avevano concordato di votare il progetto del Team THINK prima di rivedere le osservazioni finali. Il governatore Pataki, che aveva originariamente commissionato la decisione alla LMDC, intervenne e ribaltò la decisione della LMDC.[50] In questo modo, il 27 febbraio 2003, lo Studio Daniel Libeskind vinse ufficialmente il concorso e divenne l'architetto del nuovo World Trade Center.[50][52][53]

La proposta originale di Libeskind, intitolata Memory Foundations (Fondamenti della Memoria) fu ampiamente rivista in collaborazione con Silverstein e Skidmore, Owings & Merrill, lo studio di architettura assunto da Silverstein.[54][55] L'edificio principale del progetto era il One World Trade Center, 541 m d'altezza, e comprendeva anche diverse torri per uffici e un memoriale.[12][13] Nel concorso commemorativo del World Trade Center, a gennaio 2004 fu scelto il progetto di Michael Arad e Peter Walker intitolato Reflecting Absence.[56]

Sebbene Libeskind abbia progettato il piano generale per il complesso, gli edifici sono stati progettati da diversi architetti. Sebbene non tutte le idee di Libeskind siano state mantenute nel progetto finale, rafforzò la sua idea che le impronte delle Torri Gemelle sarebbero dovute diventare un memoriale e non essere utilizzate per scopi commerciali grazie al supporto che ottenne dal pubblico. Di conseguenza, gli avvocati di Libeskind (dello studio legale di New York Wachtell Lipton) avviarono un lungo processo di negoziazione che richiese diversi anni per raggiungere un accordo sul progetto definitivo per il nuovo complesso.[57] Il primo passo in questo processo, condotto nel 2003, fu lo "scambio" in cui Silverstein rinunciò ai suoi diritti sulle fondamenta delle Torri Gemelle in modo che potessero essere trasformate in un memoriale e in cambio ricevette il diritto di costruire cinque torri nel sito circostante.[58] Questo "scambio" e le successive trattative, che sono durate diversi anni, furono considerati l'operazione immobiliare più complessa della storia a causa della difficoltà delle questioni da affrontare, dei numerosi gruppi di interesse coinvolti e della difficoltà di raggiungere un consenso.[59]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Ci furono molti dibattiti sul futuro di Ground Zero dopo la distruzione del World Trade Center. Il disaccordo su chi possedesse il terreno e le polemiche su ciò che sarebbe stato costruito impedirono la ricostruzione del complesso per diversi anni. Alcuni volevano che le Torri Gemelle fossero ricostruite, ma con un'altezza maggiore rispetto a prima.[60] Il progetto per le nuove Torri Gemelle si chiamava Twin Towers II ed era guidato da un'organizzazione informale chiamata Twin Towers Alliance.[61] Altri non volevano che fosse costruito nulla o volevano che l'intera area diventasse un memoriale. Infine, fu raggiunto un accordo su un piano generale che includeva un memoriale e un museo in cui erano situate le Torri Gemelle e sei nuovi grattacieli attorno ad esso.[60]

L'originale World Trade Center includeva uno spettacolare bar al 107º piano chiamato Windows on the World e il suo Greatest Bar in the World; entrambi erano importanti attrazioni turistiche della città e un luogo di incontro per le persone che lavoravano nelle torri.[62][63] Questo ristorante ospitava anche una delle scuole di vino più prestigiose degli Stati Uniti, chiamata Windows on the World Wine School, gestita dal personaggio del vino Kevin Zraly.[64] Nonostante abbia assicurato numerose volte che queste attrazioni turistiche sarebbero state ricostruite,[65] l'Autorità Portuale ha escluso di ricostruirle, il che ha offeso alcuni critici.[66]

Un episodio del 2010 della CBS intitolato 60 Minutes si concentrava sulla mancanza di progressi a Ground Zero, in particolare sulla mancanza di date di completamento pianificate per la costruzione delle torri. La torre principale, il 1 World Trade Center, aveva attraversato tre diversi progetti, con i ritardi e i costi che ciò comporta.[67] Uno studio indicò che l'Autorità Portuale stimava che l'intero complesso sarebbe stato completato nel 2037 e che miliardi di dollari erano stati spesi per il progetto,[68] mentre un giornalista osservò che "Ground Zero continua ad essere un buco nel suolo".[67] Durante un'intervista per lo spettacolo, Larry Silverstein dichiarò: "Sono la persona più frustrata del mondo, ho 78 anni e mi piacerebbe vederlo costruito in vita".[67]

Lo stesso One World Trade Center ricevette critiche dall'inizio della sua fase di progettazione.[69] Il progetto originale dell'edificio era asimmetrico, significativamente più basso, ma fu accolto con molta disapprovazione, causando la realizzazione di un nuovo progetto. Uno degli elementi fondamentali del progetto finale, la base fortificata e senza finestre, fu criticato per apparire lugubre e poco accogliente.[70] Per risolvere questo problema, i progettisti decisero di rivestirla con pannelli di vetro prismatici. Anche il cambio di nome da Freedom Tower ("Torre della Libertà") a One World Trade Center ricevette alcune critiche.[71] Quindi, nel 2003 il governatore di New York George Pataki dichiarò che "la Freedom Tower non sarà il One World Trade Center, sarà la Freedom Tower".[72]

Costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Piano del nuovo World Trade Center.
Large construction side with cranes and two recessed, square areas
La costruzione del memoriale nel dicembre 2010.
Progressi dei lavori nell'aprile 2011, guardando a ovest dal diagramma del centro di trasporto.

Il progetto del World Trade Center fu finalizzato nel 2004, però il Dipartimento di Polizia di New York sollevò problemi di sicurezza su diversi edifici, ritardando la costruzione dell'intero complesso di due anni.[73] Il nuovo progetto del Transportation Hub, che aveva il doppio del numero di colonne portanti, ritardò le scadenze di costruzione. Nel progetto originale, la costruzione del Memoriale e del Museo dell'11 settembre sarebbe iniziata dopo che il Transportation Hub sarebbe stato completato poiché il suo tetto costituiva la base su cui sarebbero poggiate le mura del memoriale e del museo.[74] A causa del ritardo di due anni e della pressione delle famiglie delle vittime per il completamento del memoriale per il decimo anniversario degli attacchi, si è deciso di concentrarsi sulla costruzione del memoriale e di rinviare la costruzione del Transportation Hub,[75][76] che aumentò il costo stimato a circa 3,4 miliardi di dollari.[76][77] Quell'anno fu anche annunciato che nel complesso sarebbe stato costruito un centro di arti sceniche o Performing Arts Center.[78]

Nel 2006, l'Autorità Portuale assunse la proprietà del One World Trade Center da Silverstein Properties. Lo sviluppatore del progetto Tishman Construction Corporation era il direttore della costruzione in quel momento.[79] Il 13 marzo 2006, i lavoratori arrivarono a Ground Zero per rimuovere il resto dei detriti e iniziare i lavori di rilevamento. Questo segnò l'inizio ufficiale della costruzione del National September 11 Memorial & Museum, anche se non fu senza polemiche e lamentele da parte di alcuni parenti.[80] Ad aprile 2006, l'Autorità Portuale e Larry Silverstein raggiunsero un accordo in base al quale Silverstein rinunciò al diritto di costruire la Freedom Tower e la Tower 5 in cambio delle torri 2, 3 e 4 finanziate con i Liberty bonds.[81][82] Il 27 aprile 2006 venne posata la prima pietra della Freedom Tower.[83] L'edificio fu progettato con un'altezza di 417 m, l'altezza dell'originale Torre Nord del World Trade Center e la sua guglia salgono all'altezza simbolica di 541 m (1.776 piedi), riferimento all'anno in cui fu firmata la Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti.[84]

A maggio 2006, gli architetti Richard Rogers e Fumihiko Maki furono annunciati rispettivamente come architetti delle Torri 3 e 4.[85] I progetti finali per le torri 2, 3 e 4 furono svelati il 7 settembre 2006. Il 2 World Trade Center, o 200 Greenwich Street, dovrebbe avere un'altezza di 382 m e un'antenna per treppiede 29 m d'altezza che aumenterebbe la sua altezza totale a 411 m. Il 3 World Trade Center, o 175 Greenwich Street, ha un'altezza di 352 m e un'altezza massima di 383 m. Il 4 World Trade Center, o 150 Greenwich Street, ha un'altezza di 288 m.[86] Il nuovo 7 World Trade Center ha aperto i battenti il 23 maggio 2006, ottenendo la certificazione LEED oro per la sua efficienza energetica ed essendo la prima torre del nuovo complesso da completare.[87] La costruzione di questo edificio fu considerata una priorità perché la sottostazione di Consilidated Edison ai piani inferiori dell'edificio doveva essere restaurata per soddisfare le esigenze energetiche di Lower Manhattan.[88][89]

Il 22 giugno 2007, l'Autorità Portuale annunciò che JPMorgan Chase avrebbe costruito la Torre 5, un edificio di 42 piani sul blocco precedentemente occupato dal Deutsche Bank Building,[90] e Kohn Pedersen Fox fu scelto come architetto dell'edificio.[91] Quattro celebri architetti, tra cui l'architetto spagnolo Santiago Calatrava, che ha progettato il Transportation Hub, il progettatore del One WTC David Childs di Skidmore, Owings and Merrill e il famoso architetto britannico Norman Foster di Foster and Partners, che progettò la torre 2, miglioreranno l'atmosfera a livello stradale del nuovo complesso.[92] Tuttavia, l'acquisizione di Bear Stearns da parte di JPMorgan a marzo 2008 causò lo stallo della costruzione del 5 World Trade Center, poiché la società cambiò i suoi piani e trasferì la sua sede centrale al 383 Madison Avenue.[93]

La costruzione del 3 World Trade Center iniziò nell'autunno del 2008 e a maggio 2009 l'Autorità Portuale propose di ridurre la torre a soli quattro piani.[94] Nel frattempo, proseguirono i lavori per il 1 World Trade Center, ma lo scavo e la costruzione delle sue fondamenta durarono il doppio del tempo impiegato in condizioni normali a causa dell'esistenza della vicina linea metropolitana sotto West Broadway.[95] Il 1 World Trade Center ha raggiunto il livello del suolo nel 2010.[96][97] Da allora, è progredito al ritmo di un piano a settimana.[97] La casa editrice Condé Nast decise di spostare la sua sede principale al 1 World Trade Center nel 2010.[98]

In origine, la Chiesa greco-ortodossa di San Nicola, che fu distrutta negli attentati del 2001, doveva essere ricostruita fuori dal complesso:[99] il 23 luglio 2008, l'Autorità Portuale raggiunse un accordo con i dirigenti della chiesa per acquistare il terreno di 110 metri quadrati, che occupava la chiesa, per 20 milioni di dollari e che la chiesa si trasferisse in un altro posto.[99][100] Tuttavia, nel 2009 gli ufficiali non riuscirono a onorare i propri impegni,[100][101] spingendo la Diocesi greco-ortodossa degli Stati Uniti a denunciare l'Autorità Portuale per non aver ricostruito la chiesa.[102] Il 14 ottobre 2011 venne firmato un accordo per la ricostruzione della chiesa che pose fine a qualsiasi azione legale.[103]

Ad agosto 2011, il One World Trade Center era alto 80 piani e la sua vetrata raggiungeva il 54º piano, il 4 World Trade Center era 38 piani e la sua vetrata raggiungeva il 15º piano, il vecchio edificio della Deutsche Bank era stato completamente demolito e l'Autorità Portuale stava lavorando al suo centro di sicurezza dei veicoli.[104] Il memoriale aprì ufficialmente le sue porte alle famiglie delle vittime l'11 settembre 2011, decimo anniversario degli attentati, e al pubblico il 12 settembre.[105] La costruzione della fondazione per il 5 World Trade Center iniziò nel settembre 2011.[106] A dicembre 2011 furono completate le fondamenta del 2 World Trade Center e sono iniziati i lavori di costruzione della struttura.[107]

All'inizio di dicembre 2013, la società australiana Westfield ha annunciato che avrebbe investito $800 milioni per ottenere il pieno controllo dello spazio commerciale del nuovo World Trade Center. Westfield, la più grande società di centri commerciali in Australia, ha acquistato il restante 50% della parte commerciale del complesso dall'Autorità Portuale, aumentando il suo investimento totale a oltre $1,4 miliardi.[108] La costruzione di Liberty Park, un nuovo parco sopraelevato, è iniziata alla fine del 2013, quando è stato completato il Vehicle Security Center (Centro di sicurezza dei veicoli) su cui si trova.[109] L'Autorità Portuale ha stanziato circa $50 milioni per la costruzione del parco a dicembre 2013.[110]

Il museo ha aperto i battenti il 15 aprile 2014 alle famiglie delle vittime,[111][112][113] e al pubblico sei giorni dopo.[114][115] Allo stesso tempo, il memoriale ha reso superfluo l'acquisto dei biglietti per accedervi, fornendo non solo l'accesso pedonale alle future torri, ma anche un percorso attraverso il complesso verso il memoriale e le strade circostanti.[116] La costruzione del 3 World Trade Center è ripresa ad agosto 2014 ed e venne stimato che sarebbe stato completato nel 2018.[117] A settembre 2014 è stato annunciato che il progetto del Performing Arts Center era stato annullato;[34] e la costruzione doveva iniziare a dicembre 2014.[118] La cerimonia di benedizione del sito della Chiesa greco-ortodossa di San Nicola e la posa simbolica della prima pietra si sono tenute ad ottobre 2014 e la costruzione dovreva essere completata entro due anni.[119] Il One World Trade Center ha aperto i battenti il 3 novembre 2014 e i primi 170 dipendenti del suo inquilino principale, Condé Nast, hanno iniziato a lavorare lì.[8][120] A giugno 2015, gli architetti del 3 World Trade Center hanno rimosso la guglia che avrebbe avuto sul tetto per standardizzare il suo design con i tetti delle torri 2 e 4. Anche la guglia del 2 World Trade Center è stata cancellata a causa della selezione di un nuovo progetto per la torre.[121]

Il Transportation Hub è stato inaugurato formalmente il 3 marzo 2016, con molti anni di anticipo rispetto al previsto e un bilancio di qualche miliardo di dollari.[122][123] Il Liberty Park è stato aperto il 29 giugno 2016[124][125] mentre il primo gruppo di negozi del Westfield World Trade Center, situato parzialmente all'interno del Transportation Hub, è stato aperto il 16 agosto 2016.[126][127] Il Performing Arts Center è stato ribattezzato quell'estate in onore dell'uomo d'affari Ronald Perelman, che ha donato $75 milioni per la sua costruzione[128] e l'8 settembre 2016 è stato presentato un nuovo progetto per l'edificio.[129] Il 3 World Trade Center è stato incoronato ad ottobre 2016.[130] Il 29 novembre 2016, la Chiesa greco-ortodossa di San Nicola è stata incoronata con una croce temporanea in una cerimonia.[131]

Il 27 marzo 2017 è stato annunciato che la costruzione del Perelman Performing Arts Center sarebbe stata rinviata a causa di controversie sul suo finanziamento.[132] La costruzione del parcheggio sotterraneo è iniziata nell'agosto 2017 e il centro stesso dovrebbe essere costruito tra il 2018 e il 2020.[133] Nello stesso mese, l'autorità portuale ha installato l'iconica scultura The Sphere all'interno del Liberty Park, guardando verso la sua posizione originale dell'ex World Trade Center. Fino ad allora, la scultura di Fritz Koenig, danneggiata negli attentati, era stata a Battery Park.[134] Nel 16º anniversario degli attentati dell'11 settembre, un articolo di Curbed New York affermava che sebbene "esistesse di nuovo un World Trade Center", non era stato finalizzato: il 3 World Trade Center non era ancora stato aperto; le torri 2 e 5 non avevano date di completamento definitive; e la chiesa e il Performing Arts Center erano ancora in costruzione.[135] A quel tempo, il 3 World Trade Center doveva aprire nella primavera del 2018,[130] mentre la chiesa avrebbe dovuto fare lo stesso a novembre 2018.[136]

Il One World Trade Center in costruzione, visto dal traghetto di Staten Island a giugno 2013.
Stato di avanzamento dei lavori ad aprile 2014 guardando ad est dal memoriale. In primo piano, il 3 World Trade Center incompleto.

Edifici[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo World Trade Center è composto da cinque torri, un memoriale e un museo dell'11 settembre, un centro commerciale, uno svincolo, un parcheggio, un parco, una chiesa e un centro per le arti dello spettacolo. Al gennaio 2018, i progressi nella costruzione del complesso sono i seguenti:

Nome Immagine Data di inizio Data di completamento Riepilogo della costruzione Altezza/
(Altezza con guglia)
Stato attuale
One World Trade Center One World Trade Center May 2015.jpg 27 aprile 2006 3 novembre 2014 La costruzione è iniziata nell'aprile del 2006, due anni dopo la posa delle colonne di acciaio e delle fondamenta. Nello stesso anno l'Autorità Portuale ha preso il posto della Silverstein Properties come sviluppatore del progetto. La Tishman Construction Corporation è il direttore dei lavori.[137] È stato inaugurato il 3 novembre 2014.[138] 417 metri (1 368 ft)
(541,32 metri (1 776,0 ft))
Completato
Two World Trade Center 911 Memorial, construction.jpg 10 novembre 2008 2021 La costruzione è iniziata il 1º giugno 2010. Sarà completata nel 2021.[139] 382 metri (1 253 ft) (410 metri (1 350 ft)) In attesa
Three World Trade Center Three Word Trade Center January 2019.jpg 10 novembre 2008 11 giugno 2018 La costruzione è iniziata nel marzo del 2008. È stata completata l’11 giugno 2018. Nel marzo 2010 Silverstein Properties e la Port Authority of New York and New Jersey hanno stipulato un accordo per far raggiungere all'edificio i 400 000 metri quadrati di superficie totale; l'edificio doveva raccogliere 300 milioni di dollari per ricevere dei finanziamenti. Nel 2012 vi fu un secondo accordo di far costruire il 3 World Trade Center su oltre 70 piani.[140] 352 metri (1 155 ft) (383 metri (1 257 ft)) Completato
Four World Trade Center 4 WTC May 17 2013.jpg 10 novembre 2008 13 novembre 2013 La costruzione è iniziata nel 2008. È stato inaugurato il 13 novembre 2013.[141] 288 metri (945 ft) Completato
Five World Trade Center 9 settembre 2011 2020 La costruzione è iniziata il 9 settembre 2011, la fine è prevista per il 2020. L'Autorità Portuale agisce come sviluppatore dell'edificio.[142] 226 metri (741 ft) In attesa
Seven World Trade Center 7 World Trade Center.jpg 7 maggio 2002 23 maggio 2006 Iniziato nel 2002 e inaugurato il 23 maggio 2006, ha ottenuto la certificazione LEED.[143] 207 metri (679 ft) Completato
National September 11 Memorial WTCmemorialJune2012.png 13 marzo 2006 11 settembre 2011 Il Memoriale è stato inaugurato l'11 settembre 2011, in occasione del decimo anniversario degli attacchi[144][145]. Completato
National September 11 Museum September 11 Museum Foundation Hall.jpg 13 marzo 2006 21 maggio 2014 Il museo è stato inizialmente previsto per l'apertura dell'11 settembre 2012, un anno dopo l'apertura del Memorial. Tuttavia, la costruzione è stata interrotta nel dicembre 2011 a causa di controversie finanziarie tra l'Autorità Portuale di New York e New Jersey e la National September 11 Memorial and Museum Foundation, decidendo chi dovrebbe essere responsabile dei costi dell'infrastruttura. Queste controversie sono state risolte e la costruzione è ripresa il 13 marzo 2012. Altri ritardi sono stati causati quando l'uragano Sandy ha significativamente danneggiato il sito nel novembre 2012. Il museo è stato completato e aperto alle famiglie delle vittime il 15 maggio 2014 e aperto al pubblico il 21 maggio 2014. Completato
World Trade Center Transportation Hub WTC Hub September 2016 vc.png 26 aprile 2010 3 marzo 2016 La stazione è stata aperta il 3 marzo 2016. Completato
Fulton Center Fulton Building exterior from northwest 2014.JPG 2005 10 novembre 2014 La stazione è stata aperta il 10 novembre 2014. Completato
Westfield World Trade Center Westfield World Trade Center - 23 August 2016.jpg 2007 16 agosto 2016 Il centro commerciale è stato aperto il 16 agosto 2016. Completato
Performing Arts Center PACWTC 2015 design.jpg 2017 2020 Fino al 2014 la zona destinata era occupata dalla stazione temporanea della PATH. Con l'apertura della stazione permanente si prevede l'inizio dei lavori nel 2017 e la fine nel 2020[146]. La costruzione non è iniziata
Vehicular Security Center N.D. 10 novembre 2011 2017 I lavori sono iniziati il 10 novembre 2011 e sono stati completati nel 2017, ma non è stato ancora aperto. Completato, ma non in uso
Liberty Park Liberty Street park NW opening day jeh.jpg 20 novembre 2013 29 giugno 2016 I lavori sono iniziati il 20 novembre 2013 e sono finiti il 29 giugno 2016. Completato
Chiesa greco-ortodossa di San Nicola Liberty Park Sep 2018 20.jpg 18 ottobre 2014 2018 I lavori sono iniziati nel 2014 e la chiesa sarà edificata all'incrocio di Liberty e Greenwich Street. Il termine dei lavori era previsto per la primavera 2018[147]. Strutturalmente sormontato
Fiterman Hall BMCC Murray Mar 2017.jpg 2008 2012 I lavori dell'edificio sono iniziati nel 2008 e sono stati completati nel 2012. Completato

Torri[modifica | modifica wikitesto]

Vista di Lower Manhattan da Jersey City a settembre 2013. Si può vedere il One World Trade Center (al centro a sinistra) e il 4 World Trade Center (al centro a destra).
Il 7 World Trade Center, già completato, nel 2008.

Il One World Trade Center (precedentemente chiamato Freedom Tower) è il fulcro del progetto di Libeskind. È alto 417 metri, l'altezza dell'originale World Trade Center 1 e con la sua antenna raggiunge i 541 metri (1.776 piedi). Questa altezza è simbolica perché si riferisce all'anno 1776, in cui venne firmata la Dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti d'America. Il progetto della torre è stato il risultato della collaborazione tra lo Studio Daniel Libeskind e Skidmore, l'architetto David Childs di Owings & Merrill.[79] Childs ha lavorato come progettista di torri e amministratore del progetto e Libeskind ha collaborato alla progettazione concettuale.[148] L'edificio ha aperto i battenti il 3 novembre 2014.[8][120]

Il 2 World Trade Center, noto anche come 200 Greenwich Street, è stato progettato dall'architetto danese Bjarke Ingels. I giardini dell'edificio collegano l'adiacente quartiere Tribeca con il distretto finanziario del World Trade Center.[149][150] La costruzione dell'edificio a livello del suolo è stata completata a metà del 2013,[149][150] ma il resto dell'edificio non è ancora stato costruito in attesa di trovare abbastanza inquilini.[151][152]

Richard Rogers Partnership ha progettato il 3 World Trade Center, o 175 Greenwich Street, che si trova di fronte a Greenwich Street dalle due fontane del memoriale.[153][154][155] Le basi e il podio sono stati completati nell'ottobre 2013.[153][154] Dopo una pausa di due anni, la costruzione della torre è iniziata nell'agosto 2014 e è stata inaugurata l'11 giugno 2018.[156][157]

Il 4 World Trade Center, noto anche come 150 Greenwich Street, è stato progettato da Maki and Associates.[158][159] L'edificio è stato inaugurato a novembre 2013, diventando la seconda torre completata del complesso, dopo il 7 World Trade Center.[160]

Il 5 World Trade Center, noto anche come 130 Liberty Street, è stato progettato da Kohn Pedersen Fox e sarà situato sul sito dell'ex Deutsche Bank Building.[91][161] Il 22 giugno 2007, l'Autorità Portuale annunciò che JPMorgan Chase avrebbe affittato questo edificio di 42 piani per installarvi la sua sede di investimento.[91] Tuttavia, l'acquisizione di Bear Stearns da parte di JP Morgan a marzo 2008 mise in discussione il futuro di questo edificio, poiché la società decise di spostare i suoi uffici a 383 Madison Avenue.[93] I lavori sono iniziati il 9 settembre 2011.[106] Sebbene la fondazione sia stata completata nel 2013, la costruzione della struttura principale non è mai iniziata ed è paralizzata a tempo indeterminato.[106]

Il 7 World Trade Center è fuori dalla proprietà dell'Autorità Portuale. È stato progettato da David Childs di Skidmore, Owings & Merrill e inaugurato il 23 maggio 2006. È alto 226 m e ha 52 piani.[162] È stata la prima torre del complesso ad aprire, ottenendo la certificazione LEED oro.[87]

Museo e memoriale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: National September 11 Memorial & Museum.
Le due piscine commemorative e il museo nel 2012.
La piscina meridionale del memoriale, già completata, nell'aprile 2012.

Un memoriale chiamato Reflecting Absence (Riflettendo l'assenza) onora le vittime degli attentati dell'11 settembre 2001 e del '93.[163] Il memoriale, progettato da Peter Walker e dall'architetto israelo-statunitense Michael Arad, consiste in un campo di alberi interrotto dalle fondamenta delle Torri Gemelle. Nella parte inferiore di queste fondamenta sono presenti pozze d'acqua e i nomi delle vittime sono incisi sulle mura. Inoltre è visibile il diaframma che frena il fiume Hudson sul lato ovest ed era parte integrante della proposta di Libeskind.[164] Walker e Arad sono stati selezionati nel gennaio 2004 tra le 5.000 opere presentate al concorso di design commemorativo.[56]

Il 12 ottobre 2004, la LMDC annunciò che Gehry Partners LLP e Snøhetta, uno studio di architettura norvegese, avrebbero progettato il Performing Arts Center e il museo.[165][166] Il complesso progettato da Snøhetta[167] fungerà da museo, memoriale e centro visitatori, dopo che i parenti delle vittime degli attentati si opposero all'occupante originariamente previsto, l'International Freedom Center.[168] Il complesso di Gehry ospiterà solo il Joyce Theater, poiché la Signature Theatre Company si ritirò a causa di limiti di spazio e bilancio. Il Ground Zero Museum Workshop è un museo senza scopo di lucro gestito privatamente che non è collegato al memoriale ufficiale né al museo Gehry.[169]

La costruzione del memoriale è stata completata all'inizio del 2011,[170][171] e ha aperto i battenti l'11 settembre 2011, in coincidenza con il decimo anniversario degli attentato.[105] L'apertura del museo era originariamente prevista per l'11 settembre 2012[172][173] ma la sua apertura è stata ritardata a causa di controversie finanziarie[174][175] e dei danni causati dall'Uragano Sandy al sito.[176] Infine, il museo ha aperto i battenti a maggio 2014.[177]

Centro commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Westfield World Trade Center.

Il primo gruppo di negozi presso il Westfield World Trade Center ha aperto i battenti il 16 agosto 2016.[126][127] Ha circa 33.900 mq di spazio, che lo rende nuovamente il più grande centro commerciale di Manhattan. Sebbene il nuovo centro commerciale si estenda per circa metà dell'area del centro commerciale originale (a causa dello spazio occupato dal memoriale e dal museo), ha due piani, mentre il centro commerciale originale aveva solo un piano. I primi tre piani del 2 World Trade Center e il 3 World Trade Center ospiteranno anche negozi, così come i primi quattro piani del 4 World Trade Center. Anche il Transportation Hub contiene una grande quantità di spazio commerciale.[178]

Transportation Hub[modifica | modifica wikitesto]

Il Transportation Hub visto di notte.
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: World Trade Center (PATH).

Santiago Calatrava ha progettato il Transportation Hub del World Trade Center, il cui componente principale è la stazione PATH che sostituisce la vecchia stazione del World Trade Center.[179] Questo edificio collega la stazione PATH e la linea 1 della metropolitana con il terminal dei traghetti, il World Financial Center e One World Trade Center, nonché le linee 2, 3, 4, 5, A, C, J, N, R e Z della metropolitana di New York, attraverso il Fulton Street Transit Center. L'Autorità Portuale prepara la nuova stazione, nonché il memoriale e il museo, con uno scambiatore di calore alimentato da quattro tubi che fanno circolare l'acqua del fiume Hudson.[180] Il costo di costruzione dell'hub di trasporto è stimato a 3,4 miliardi di dollari.[181][182] L'edificio è stato aperto ufficialmente il 3 marzo 2016, con molti anni di anticipo rispetto al previsto e qualche miliardo di dollari in più rispetto al bilancio.[122][123]

Performing Arts Center[modifica | modifica wikitesto]

Il Performing Arts Center del World Trade Center venne annunciato nel 2004 e l'edificio è progettato da Gehry Partners LLP e Snøhetta.[78] Il complesso ospiterà solo il Joyce Theater, poiché la Signature Theater Company ha abbandonato il progetto a causa di limiti di spazio e costi.[168] La costruzione doveva iniziare a dicembre 2014, quando iniziò la graduale eliminazione della stazione temporanea PATH.[118] Tuttavia, i piani originali sono stati archiviati a settembre 2014.[34] Dopo la scelta di un nuovo progetto nel 2015, è stato annunciato che a Joshua Prince-Ramus era stato assegnato il contratto per la progettazione dell'edificio.[183] A giugno 2016, il centro è stato ribattezzato in onore dell'uomo d'affari Ronald Perelman, che ha donato $75 milioni per la sua costruzione[128] e l'8 settembre 2016 è stato presentato il nuovo progetto.[129] La costruzione del parcheggio sotterraneo è iniziata nel 2017, la costruzione del centro stesso inizierà nel 2018[133] ed è prevista l'apertura nel 2020.[133][184]

Al termine, il Performing Arts Center avrà una superficie di circa 8000 m2 su tre piani. Il piano terra ospiterà un bar che fornirà spuntini durante gli intervalli degli spettacoli. Il secondo piano conterrà sale prove e camerini per gli attori, mentre il terzo piano ospiterà tre teatri. Tutti e tre i teatri sono progettati in modo tale che le pareti possano ruotare ed espandersi per fornire più spazio per un teatro, se necessario. In totale, i tre teatri avranno una capacità di circa 1.200 persone.[185]

Liberty Park[modifica | modifica wikitesto]

Vista notturna da Liberty Park, con la scultura The Sphere in primo piano.

Liberty Park, un nuovo parco sopraelevato, è stato costruito su un parcheggio chiamato Vehicular Security Center nell'angolo sud-ovest del complesso. La sua costruzione iniziò nel 2013, quando fu completato il Vehicular Security Center.[109] L'Autorità Portuale ha stanziato circa $50 milioni di dollari per la costruzione del parco nel dicembre 2013.[110] È stato inaugurato il 29 giugno 2016.[124][125] Il 16 agosto 2017, l'autorità portuale ha installato l'emblematica scultura The Sphere all'interno del parco, che si trovava nel vecchio World Trade Center e fu danneggiata dagli attentati.[134] In origine la Chiesa greco-ortodossa di San Nicola doveva essere ricostruita all'esterno del complesso[99] ma in seguito fu deciso di costruirla al Liberty Park.[186]

Il parco ha una superficie di 4000 m2, si trova ad un'altezza di sei metri e ha una capacità di 750 persone. C'è un giardino verticale sulla facciata del Vehicular Security Center verso Liberty Street. Un percorso percorre l'intera lunghezza del parco con un tracciato ondulato. Le sue uscite sono tre scale, un ponte pedonale e una rampa dritta che porta a Greenwich Street. Una delle scale è parallela a Greenwich Street e si trova accanto alla chiesa. Ci sono panchine di legno e un piccolo anfiteatro simile a uno spazio elevato sul lato del parco di fronte a West Street. Infine, c'è un balcone che funge da gazebo lungo gran parte di Liberty Street e un altro balcone leggermente curvo ai piedi della chiesa.[187]

Fiterman Hall[modifica | modifica wikitesto]

La Fiterman Hall originale era un edificio per uffici aperto nel 1959 e occupava un isolato circondato da Greenwich Street, Barclay Street, West Broadway e Park Place.[188] Fu donato al Borough of Manhattan Community College nel 1993 da Miles e Shirley Fiterman, in onore del quale il nome dell'edificio fu cambiato.[189][190] Nel 2000, l'Autorità Hall Hall della New York State University, proprietaria dell'edificio, iniziò un ambizioso rinnovamento per adattare meglio l'edificio per l'uso come aule.[191] Durante gli attacchi dell'11 settembre 2001, la struttura della Fiterman Hall è stata gravemente danneggiata dai detriti del crollo del 7 World Trade Center. Il rinnovamento non fu mai completato e l'edificio fu demolito nel 2008.[191] Dopo una serie di ritardi, nel dicembre 2009 è iniziata la costruzione di un nuovo edificio progettato dallo studio di architettura Pei Cobb Freed & Partners,[192][193] completato nel 2012.[191][194]

La Fiterman Hall originale era un edificio per uffici aperto nel 1959 e occupava un isolato circondato da Greenwich Street, Barclay Street, West Broadway e Park Place.[188] Fu donato al Borough of Manhattan Community College nel 1993 da Miles e Shirley Fiterman, in onore del quale il nome dell'edificio fu cambiato.[189][190] Nel 2000, l'Autorità Hall Hall della New York State University, proprietaria dell'edificio, iniziò un ambizioso rinnovamento per adattare meglio l'edificio per l'uso come aule.[191] Durante gli attentati dell'11 settembre 2001, la struttura della Fiterman Hall venne gravemente danneggiata dai detriti del crollo del 7 World Trade Center. Il rinnovamento non fu mai completato e l'edificio fu demolito nel 2008.[191] Dopo una serie di ritardi, a dicembre 2009 è iniziata la costruzione di un nuovo edificio progettato dallo studio di architettura Pei Cobb Freed & Partners,[192][193] completato nel 2012.[191][194]

[modifica | modifica wikitesto]

Il nuovo logo del World Trade Center, introdotto ad agosto 2014, è stato progettato dalla società Landor Associates e ha la forma di una W. Le barre nere, gli spazi vuoti e la W stessa hanno il loro significato, dando al logo almeno sei significati:[195]

Nel 2013 Landor Associates ha ottenuto un contratto da 3,57 milioni di dollari, che includeva "prestazioni di servizi professionali per la progettazione e l'implementazione dell'etichettatura, la segnaletica e il programma di comunicazioni operative del World Trade Center" e lo sviluppo del nuovo logo.[198] Douglas Riccardi, direttore dell'azienda di progettazione Memo, affermò sul logo che "la sua forza è la sua capacità di essere vista in molti modi diversi. Non puoi ottenere più significato in cinque piccole barre. Il problema è che molte persone potrebbero non preoccuparsi di scoprire quali siano questi significati".[197]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e One World Trade Center - The Skyscraper Center, Council on Tall Buildings and Urban Habitat. URL consultato il 4 luglio 2016.
  2. ^ a b One World Trade Center to retake title of NYC's tallest building, Fox News Channel, 29 aprile 2012. URL consultato il 1º maggio 2014.
  3. ^ a b c Emporis GmbH, Three World Trade Center, New York City | 252968 | EMPORIS, su www.emporis.com. URL consultato il 13 giugno 2018.
  4. ^ a b c d 4 World Trade Center - The Skyscraper Center, Council on Tall Buildings and Urban Habitat. URL consultato il 4 luglio 2016.
  5. ^ a b c d e 7 World Trade Center - The Skyscraper Center, Council on Tall Buildings and Urban Habitat. URL consultato il 4 luglio 2016.
  6. ^ (EN) 3 World Trade Center | NYC | Commercial Real Estate, su www.silversteinproperties.com. URL consultato il 13 giugno 2018.
  7. ^ (EN) New World Trade Center climbs to 100 stories, 2 aprile 2012. URL consultato il 28 marzo 2018.
  8. ^ a b c (EN) World Trade Center Reopens for Business. URL consultato il 28 marzo 2018.
  9. ^ a b (EN) Man's death from World Trade Center dust brings Ground Zero toll to 2,753, Nueva York, 18 giugno 2011. URL consultato il 28 marzo 2018.
  10. ^ a b (EN) Designers Look Beyond Debris, 27 settembre 2001. URL consultato il 28 marzo 2018.
  11. ^ (EN) The Last Steel Column, 30 maggio 2002. URL consultato il 28 marzo 2018.
  12. ^ a b (EN) Lower Manhattan : 1 World Trade Center, Lowermanhattan.info. URL consultato il 28 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2011).
  13. ^ a b (EN) Lower Manhattan : 4 World Trade Center (150 Greenwich Street), Lowermanhattan.info, 8 settembre 2006. URL consultato il 30 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 28 novembre 2011).
  14. ^ (EN) National September 11 Memorial & Museum | World Trade Center Memorial, 911memorial.org, 7 dicembre 2011. URL consultato il 28 marzo 2018.
  15. ^ (EN) Owen Moritz, World Trade Center is dedicated in 1973, su NY Daily News, 5 aprile 1973. URL consultato il 28 marzo 2018.
  16. ^ (EN) Holusha, John, Commercial Property; In Office Market, a Time of Uncertainty, 6 gennaio 2002. URL consultato il 28 marzo 2018.
  17. ^ Goldberger, pp. 38, 2004
  18. ^ (EN) Smothers, Ronald, Leasing of Trade Center May Help Transit Projects, Pataki Says, 25 luglio 2001. URL consultato il 28 marzo 2018.
  19. ^ a b (EN) Charles V. Bagli, Deal Is Signed To Take Over Trade Center, su The New York Times, 27 aprile 2001. URL consultato il 28 marzo 2018.
  20. ^ Goldberger, pp. 39-40, 2004
  21. ^ (EN) Flight Path Study – American Airlines Flight 11 (PDF), National Transportation Safety Board, 19 febbraio 2002. URL consultato il 28 marzo 2018.
  22. ^ (EN) Flight Path Study – United Airlines Flight 175 (PDF), National Transportation Safety Board, 19 febbraio 2002. URL consultato il 28 marzo 2018.
  23. ^ a b (EN) Skyscraper Protection Might Not Be Feasible, Federal Engineers Say, 1º maggio 2002. URL consultato il 28 marzo 2018.
  24. ^ (EN) Identification of 9/11 remains comes to end, 23 febbraio 2005. URL consultato il 29 marzo 2018.
  25. ^ a b Goldberger, pp. 42, 2004
  26. ^ (EN) Ceremony closes 'Ground Zero' cleanup, CNN, 30 maggio 2002. URL consultato il 29 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2008).
  27. ^ (EN) Experts Discuss Planning, Designing and Rebuilding World Trade Center, Cornell Chronicle, 27 luglio 2011. URL consultato il 30 marzo 2018.
  28. ^ (EN) Urban Design and Visual Resources (Chapter 7) (PDF), in Permanent WTC Path Terminal Final Environmental Impact Statement and Section 4(f) Evaluation, Port Authority of New York and New Jersey, maggio 2005. URL consultato il 30 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 3 ottobre 2006).
  29. ^ (EN) Taylor, Tess, Rebuilding in New York, Architecture Week, 26 settembre 2001. URL consultato il 30 marzo 2018.
  30. ^ (EN) Bush Encourages N.Y. Rescuers, 15 settembre 2001, pp. A10. URL consultato il 30 marzo 2018.
  31. ^ (EN) Address to a Joint Session of Congress and the American People, American Rhetoric, 20 settembre 2001. URL consultato il 30 marzo 2018.
  32. ^ (EN) Amanda Hall, Towering determination, The Telegraph, 16 settembre 2001. URL consultato il 30 marzo 2018.
  33. ^ (EN) McGuigan, Cathleen, Up From The Ashes, 12 novembre 2001.
  34. ^ a b c d Goldberger, pp. 37, 2004
  35. ^ (EN) Everyone Weighs In With Rebuilding Ideas, 11 gennaio 2002. URL consultato il 30 marzo 2018.
  36. ^ (EN) A NATION CHALLENGED: DOWNTOWN; State Plans Rebuilding Agency, Perhaps Led by Giuliani, 3 novembre 2001. URL consultato il 6 aprile 2018.
  37. ^ Goldberger, pp.4, 2004
  38. ^ Goldberger, pp. 43, 2004
  39. ^ (EN) A Corporation to Rebuild Ground Zero, 4 novembre 2001. URL consultato il 30 marzo 2018.
  40. ^ (EN) Governor and Mayor Name Lower Manhattan Redevelopment Corporation, RenewNYC.org, 29 novembre 2001. URL consultato il 30 marzo 2018.
  41. ^ (EN) Lower Manhattan Development Corporation Announces Principles for Development and Blueprint for Renewal for World Trade Center Site, RenewNYC.org, 9 aprile 2002. URL consultato il 30 marzo 2018.
  42. ^ (EN) An Appraisal; Marginal Role for Architecture at Ground Zero, 23 maggio 2002. URL consultato il 30 marzo 2018.
  43. ^ a b Goldberger, pp.5, 2004
  44. ^ (EN) Port Authority and Lower Manhattan Developent (sic) Corporation Unveil Six Concepts Plans for World Trade Center Site, Adjacent Areas and Related Transportation, Renew NYC, 16 luglio 2002. URL consultato il 30 marzo 2018.
  45. ^ (EN) Lower Manhattan Development Corporation and New York New Visions Announce Panel to Help Select Teams to Participate in Design Study of World Trade Center Site and Surrounding Areas, Renew NYC, 17 settembre 2002. URL consultato il 30 marzo 2018.
  46. ^ (EN) Lower Manhattan Development Corporation Announces Design Study for World Trade Center Site and Surrounding Areas, Renew NYC, 14 agosto 2002. URL consultato il 30 marzo 2018.
  47. ^ a b c d e f g (EN) Lower Manhattan Development Corporation Announces Six Teams of Architects and Planners to Participate in Design Study of World Trade Center Site, Renew NYC, 26 settembre 2002. URL consultato il 30 marzo 2018.
  48. ^ Goldberger, pp.6, 2004
  49. ^ (EN) Beauty Contest: Two Firms Vie At W.T.C. Site, 9 febbraio 2003. URL consultato il 30 marzo 2018.
  50. ^ a b c (EN) Daniel Libeskind, Breaking Ground, Nueva York, Riverhead Books, 2004, pp. 164, 166, 181, 183, ISBN 1-57322-292-5.
  51. ^ (EN) Joel Roberts, World Trade Center Finalists Named, su CBS News, 4 febbraio 2003. URL consultato il 30 marzo 2018.
  52. ^ (EN) World Trade Center Site Overview, Lower Manhattan Development Corporation. URL consultato il 30 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 20 giugno 2017).
  53. ^ (EN) Libeskind Design Chosen for Rebuilding at Ground Zero, 27 febbraio 2003. URL consultato il 30 marzo 2018.
  54. ^ (EN) Refined Master Site Plan for the World Trade Center Site, Lower Manhattan Development Corporation. URL consultato il 30 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2014).
  55. ^ (EN) STUDIO DANIEL LIBESKIND'S Memory Foundations, su Gotham Gazette. URL consultato il 30 marzo 2018.
  56. ^ a b (EN) Memorial to 9/11 Victims Is Selected, 6 gennaio 2004. URL consultato il 4 aprile 2018.
  57. ^ (EN) Ben Hallman, Silverstein's Army, World Trade Center, 1º settembre 2007. URL consultato il 30 marzo 2018.
  58. ^ (EN) Larry A. Silverstein, Joseph C. Daniels, Robin Panovka, Seth Piasky y John Lieber, Rebuilding the World Trade Center, in Cornell Real Estate Review, vol. 10, n. 1, Cornell University, julio de 2012, pp. 39-53. URL consultato il 30 marzo 2018.
  59. ^ (EN) Construction of World Trade Center, Esquire, 24 maggio 2007.
  60. ^ a b (EN) Haim Handwerker, The politics of remembering Ground Zero – Haaretz – Israel News, su Haaretz, 20 novembre 2007. URL consultato il 30 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2007).
  61. ^ (EN) Group Wants Twin Towers Rebuilt at NYC's Ground Zero, 7 luglio 2008. URL consultato il 30 marzo 2018.
  62. ^ (EN) Windows on the World, New York's Sky-High Restaurant, Eater NY. URL consultato il 30 marzo 2018.
  63. ^ (EN) PHOTOS: The Stunning Views Atop One World Trade Center, 2 aprile 2013. URL consultato il 30 marzo 2018.
  64. ^ (EN) Cal Fussman, Drinking at 1,300 Ft: A 9/11 Story About Wine and Wisdom, Esquire, 8 settembre 2011. URL consultato il 30 marzo 2018.
  65. ^ (EN) Louise Kramer, Owner vows to reopen Windows On The World, Crain's New York, 17 settembre 2001. URL consultato il 30 marzo 2018.
  66. ^ (EN) WTC Scraps Windows on the World Plan, 8 marzo 2011. URL consultato il 30 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2013).
  67. ^ a b c (EN) Developer: Ground Zero a National Disgrace - 60 Minutes: Eight Years and Billions of Dollars Later, Part of 9/11 Site is Still Just a Big Hole, CBS News, 18 febbraio 2010. URL consultato il 30 marzo 2018.
  68. ^ (EN) World Trade Center rebuild faces decades of delays, Reuters, 16 aprile 2009. URL consultato il 30 marzo 2018.
  69. ^ (EN) Trump pushes own Ground Zero plan, CNN, 19 maggio 2005. URL consultato il 30 marzo 2018.
  70. ^ (EN) World Trade Center Update: Prismatic Glass Facade For WTC Tower Scrapped, The Huffington Post, 12 maggio 2011. URL consultato il 30 marzo 2018.
  71. ^ (EN) Freedom Tower Name Change Slammed as Unpatriotic, Fox News Channel, 28 marzo 2009. URL consultato il 30 marzo 2018.
  72. ^ (EN) Freedom Tower Renaming Draws Criticism, 2 aprile 2009. URL consultato il 30 marzo 2018.
  73. ^ (EN) The Truth About the World Trade Center, Esquire Magazine, 19 aprile 2013. URL consultato il 31 marzo 2018.
  74. ^ (EN) Scott Raab, The Memorial, Esquire Magazine, 16 agosto 2011. URL consultato il 31 marzo 2018.
  75. ^ (EN) Mayor Bloomberg Discusses New Plan to Speed Rebuilding of World Trade Center, Including Memorial, in Weekly Radio Address, 5 ottobre 2008. URL consultato il 31 marzo 2018.
  76. ^ a b (EN) How Cost of Train Station at World Trade Center Swelled to $4 Billion, 2 dicembre 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  77. ^ (EN) Kathryn Brenzel, The ‘Path’ to $4 billion, su The Real Deal New York, 1º aprile 2016. URL consultato il 31 marzo 2018.
  78. ^ a b (EN) Gehry Is Selected as Architectof Ground Zero Theater Center, 13 ottobre 2004. URL consultato il 4 aprile 2018.
  79. ^ a b (EN) One World Trade Center: About the Building, Silverstein Properties. URL consultato il 31 marzo 2018.
  80. ^ (EN) Katersky, Aaron, Construction on Ground Zero Memorial Ignites Protests, ABC News, 13 marzo 2006. URL consultato il 31 marzo 2018.
  81. ^ (EN) Dunlap, David W., Freedom Tower Construction Starts After the Beginning, 28 aprile 2006. URL consultato il 31 marzo 2018.
  82. ^ (EN) Todorovich, Petra, At the Heart of Ground Zero Renegotiations, a 1,776-Foot Stumbling Block, in Spotlight on the Region, vol. 5, n. 6, Regional Plan Association, 24 marzo 2006. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2008).
  83. ^ (EN) Westfeldt, Amy, Construction Begins at Ground Zero, 28 aprile 2006. URL consultato il 31 marzo 2018.
  84. ^ (EN) Crews finish installing World Trade Center spire, CNN, 10 maggio 2013. URL consultato il 31 marzo 2018.
  85. ^ (EN) Pogrebin, Robin, Richard Rogers to Design Tower at Ground Zero, 3 maggio 2006. URL consultato il 31 marzo 2018.
  86. ^ (EN) Dunlap, David W., Designs Unveiled for Freedom Tower’s Neighbors, 7 settembre 2006. URL consultato il 31 marzo 2018.
  87. ^ a b (EN) 7 WTC, Silverstein Properties, 2008. URL consultato il 31 marzo 2018.
  88. ^ (EN) Bagli, Charles V., Developer's Pace at 7 World Trade Center Upsets Some, 31 gennaio 2002. URL consultato il 31 marzo 2018.
  89. ^ (EN) Major Step at Ground Zero: 7 World Trade Center Opening, Architectural Record, 17 maggio 2006. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2008).
  90. ^ (EN) Bagli, Charles V., Chase Bank Set to Build Tower by Ground Zero, 14 giugno 2007. URL consultato il 31 marzo 2018.
  91. ^ a b c (EN) Appelbaum, Alec, Kohn Responds to WTC5 Criticisms, Architectural Record, 30 luglio 2007. URL consultato il 31 marzo 2018.
  92. ^ (EN) Henry Goldman, World Trade Center Rebuilding May Finish by 2014, Officials Say ||| World Trade Center, WTC.com, 7 settembre 2010. URL consultato il 31 marzo 2018.
  93. ^ a b (EN) David Jones, JPMorgan might flip WTC site, su The Real Deal New York, 20 marzo 2008. URL consultato il 31 marzo 2018.
  94. ^ (EN) Port Authority wants to dump three of five proposed skyscrapers for WTC site, NY Daily News, 10 maggio 2009. URL consultato il 31 marzo 2018.
  95. ^ (EN) Is the World Trade Center Safe?, Esquire Magazine. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2013).
  96. ^ (EN) World Trade Center project has begun to take shape, 6 maggio 2010. URL consultato il 31 marzo 2018.
  97. ^ a b (EN) 9/11 A Decade Later: One World Trade Center Rises In Lower Manhattan, 2 settembre 2011.
  98. ^ (EN) Condé Nast Signs Deal to Move to Ground Zero Tower, 3 agosto 2010. URL consultato il 31 marzo 2018.
  99. ^ a b c (EN) Associated Press, Church surrenders ground zero lot, MSNBC, 23 luglio 2008. URL consultato il 4 aprile 2018.
  100. ^ a b (EN) Church Destroyed at Ground Zero Is Still at Square One, The New York Times, 18 marzo 2009. URL consultato il 31 marzo 2018.
  101. ^ (EN) David Lee Miller,Kathleen Foster and Judson Berger, Decision Not to Rebuild Church Destroyed on 9/11 Surprises Greek Orthodox Leaders, Fox News Channel, 18 agosto 2010. URL consultato il 31 marzo 2018.
  102. ^ (EN) Church Destroyed On 9/11 Files Suit Against Port Authority, su NY1, 14 febbraio 2011. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2011).
  103. ^ (EN) Historic Church Destroyed On 9/11 To Rise Again, 14 ottobre 2011. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2013).
  104. ^ (EN) Julie Shapiro, Deutsche Bank Demolition Finally Reaches Street Level ||| World Trade Center, WTC.com, 8 febbraio 2011. URL consultato il 31 marzo 2018.
  105. ^ a b (EN) WTC Memorial Ready For Public Unveiling, 5 settembre 2011. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2011).
  106. ^ a b c (EN) Clive Minchom, New World Trade Center Coming To Life Already Impacts New York Skyline, su Jewish Business News, 12 novembre 2013. URL consultato il 31 marzo 2018.
  107. ^ (EN) Two World Trade Center, Emporis. URL consultato il 31 marzo 2018.
  108. ^ (EN) McDonald e Saminather, Westfield to Buy World Trade Center Retail Stake, su Bloomberg Personal Finance, Bloomberg L.P, 5 dicembre 2013. URL consultato il 31 marzo 2018.
  109. ^ a b (EN) Elevated Park Planned for World Trade Center, 26 novembre 2013. URL consultato il 4 aprile 2018.
  110. ^ a b (EN) Jeremiah Budin, Liberty Park Funding Approved by Port Authority, su Curbed NY, 13 dicembre 2013. URL consultato il 4 aprile 2018.
  111. ^ (EN) Christopher Robbins, Photos: Inside The Moving 9/11 Museum Dedication, Gothamist. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2014).
  112. ^ (EN) Obama, 9/11 families, first responders attend museum dedication, CNN.com. URL consultato il 31 marzo 2018.
  113. ^ (EN) Victims' relatives, Obama to dedicate 9/11 memorial museum, Fox News, 15 maggio 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  114. ^ (EN) National September 11 Memorial Museum opens, su Fox NY, 21 maggio 2014. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2014).
  115. ^ (EN) Feeney, Sheila A., 9/11 Memorial Museum opens to the public, su AM New York, 21 maggio 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  116. ^ (EN) Passes Are No Longer Needed at 9/11 Memorial, 15 maggio 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  117. ^ (EN) In the News: 3 World Trade Center Construction Has Resumed, 5 agosto 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  118. ^ a b (EN) Lower Manhattan Community Meeting #205 (PDF), New York City Department of Transportation, 26 giugno 2014. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 9 agosto 2014).
  119. ^ (EN) Ground Blessing for Saint Nicholas at WTC, a place of prayer and peace, a place of hope and love, Greek Orthodox Archdiocese of America, 19 ottobre 2014. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2016).
  120. ^ a b (EN) One World Trade to Open Nov. 3, But Ceremony is TBD, Wall Street Journal. URL consultato il 31 marzo 2018.
  121. ^ (EN) Nikolai Fedak, Design Changes at 175 Greenwich Street, aka 3 World Trade Center, su New York YIMBY, 23 giugno 2015. URL consultato il 31 marzo 2018.
  122. ^ a b (EN) Laura Lorenzetti, The World's Most Expensive Train Station Opens Today, su Fortune, 3 marzo 2016. URL consultato il 4 aprile 2018.
  123. ^ a b (EN) Courtney Verrill, New York City's $4 billion World Trade Center Transportation Hub is finally open to the public, su Business Insider, 4 marzo 2016. URL consultato il 4 aprile 2018.
  124. ^ a b (EN) Max Gelman, New elevated park opens near the WTC 9/11 Memorial, su NY Daily News, 29 giugno 2016. URL consultato il 4 aprile 2018.
  125. ^ a b (EN) Ameena Walker, See photos of WTC's Liberty Park on its long-awaited opening day, su Curbed NY, 29 giugno 2016. URL consultato il 4 aprile 2018.
  126. ^ a b (EN) World Trade Center Stores Finally Set an Opening Date, 15 aprile 2016. URL consultato il 4 aprile 2018.
    «Plan your summer vacations carefully. Tribeca Citizen is reporting that the first batch from approximately 125 stores coming to Westfield World Trade Center will open on August 16th; no names were named. Eataly will beat them all, though, with a July debut.».
  127. ^ a b (EN) Westfield World Trade Center Mall Opens For Business, newyork.cbslocal.com, 16 agosto 2016. URL consultato il 4 aprile 2018.
  128. ^ a b (EN) Michael Cooper, Ronald Perelman Donates $75 Million for Arts Complex at World Trade Center Site, su The New York Times, 30 giugno 2016. URL consultato il 4 aprile 2018.
  129. ^ a b (EN) Arts Center at Ground Zero Has a New Design, and Barbra Streisand in Charge, 8 settembre 2016. URL consultato il 4 aprile 2018.
  130. ^ a b (EN) Tanay Warerkar, 3 World Trade Center nears the finish line in the Financial District, su Curbed NY, 1º agosto 2017. URL consultato il 31 marzo 2018.
  131. ^ (EN) St. Nicholas Greek Orthodox Church Got Its Cross Back, Greek Reporter, 29 novembre 2016. URL consultato il 31 marzo 2018.
  132. ^ (EN) Ameena Walker, World Trade Center performing arts center funding is threatened, su Curbed NY, 27 marzo 2017. URL consultato il 31 marzo 2018.
  133. ^ a b c (EN) Construction Begins Underneath The Ronald O. Perelman Performing Arts Center, World Trade Center - New York YIMBY, 31 agosto 2017. URL consultato il 4 aprile 2018.
  134. ^ a b (EN) Amy Plitt, Iconic ‘Sphere’ sculpture, damaged on 9/11, moves to its permanent home, su Curbed NY, 17 agosto 2017. URL consultato il 4 aprile 2018.
  135. ^ (EN) Evan Bindelglass, The status of the World Trade Center complex, 16 years later, su Curbed NY, 11 settembre 2017. URL consultato il 31 marzo 2018.
  136. ^ (EN) Agreement signed for Saint Nicholas National Shrine at WTC, 6 settembre 2017. URL consultato il 31 marzo 2018.
  137. ^ 1 World Trade Center || About the WTC || World Trade Center ||, su wtc.com. URL consultato il 18 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2012).
  138. ^ 9/11 Tenth Anniversary - - NY1.com Archiviato il 17 marzo 2012 in Internet Archive.
  139. ^ 2 World Trade Center || About the WTC 2 || World Trade Center ||, su wtc.com. URL consultato il 25 gennaio 2016 (archiviato il 5 gennaio 2016).
  140. ^ About the WTC 3|| World Trade Center ||, su wtc.com. URL consultato il 25 gennaio 2016 (archiviato il 4 marzo 2016).
  141. ^ 4 World Trade Center || About the WTC || World Trade Center ||, su wtc.com. URL consultato il 15 novembre 2015 (archiviato il 13 dicembre 2015).
  142. ^ 5 World Trade Center || About the WTC || World Trade Center ||, su wtc.com. URL consultato il 18 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2012).
  143. ^ 7 World Trade Center || About the WTC || World Trade Center ||, su wtc.com. URL consultato il 18 marzo 2012 (archiviato il 30 dicembre 2009).
  144. ^ Schedule || About the WTC || World Trade Center ||, su wtc.com. URL consultato il 18 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2012).
  145. ^ WTC Memorial Ready For Public Unveiling - NY1.com Archiviato il 21 settembre 2011 in Internet Archive.
  146. ^ Copia archiviata, su wtc.com. URL consultato il 16 settembre 2016 (archiviato il 10 settembre 2016).
  147. ^ Copia archiviata, su media2work.net. URL consultato il 12 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  148. ^ (EN) Kevin Lerner, Libeskind, Port Authority agree on transit hub; Environmental review process begins for WTC, in Architectural Record, vol. 191, julio de 2003. URL consultato il 31 marzo 2018.
  149. ^ a b (EN) The Status of the World Trade Center Complex, 13 Years Later, Curbed, 11 settembre 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  150. ^ a b (EN) Joint Statement on World Trade Center Development, Autorità Portuale di New York e New Jersey, 25 marzo 2010. URL consultato il 31 marzo 2018.
  151. ^ (EN) World Trade Center Complex on Way to Completion, ABC News, 11 settembre 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  152. ^ (EN) Port Authority delays 1 World Trade Center opening as project takes more time, money than expected, New York Daily News, 6 settembre 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  153. ^ a b (EN) 3 WORLD TRADE CENTER, su wtc.com. URL consultato il 31 marzo 2018.
  154. ^ a b (EN) Daniel Geiger, GroupM Considers Huge Lease to Anchor 3 WTC, Commercial Observer, 3 ottobre 2012. URL consultato il 31 marzo 2018.
  155. ^ (EN) Database di grattacieli del Council on Tall Buildings and Urban Habitat, su skyscrapercenter.com. URL consultato il 31 marzo 2018.
  156. ^ (EN) Hudson Market project finds a home in Chelsea, 4 agosto 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  157. ^ (EN) Blocking 3 World Trade Center deal a bad idea, 17 marzo 2014. URL consultato il 31 marzo 2018.
  158. ^ (EN) World Trade Center Towers, Lower Manhattan Development Corporation. URL consultato il 31 marzo 2018.
  159. ^ (EN) NY1 Exclusive: Developer Says WTC Project To Be Complete In Five, Six Years. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2010).
  160. ^ (EN) Irene Plagianos, 4 WTC Becomes First Tower at Trade Center Site to Open, su DNAinfo New York, 13 novembre 2013. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2017).
  161. ^ (EN) JP Morgan releases WTC tower plans, 22 giugno 2007. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2007).
  162. ^ (EN) About 7 WTC, su silversteinproperties.com. URL consultato il 31 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2013).
  163. ^ (EN) The making of a memorial: Reshaping ground zero, 1º settembre 2011. URL consultato il 4 aprile 2018.
  164. ^ (EN) Reflecting Absence, Lower Manhattan Development Corporation, 2004. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 27 maggio 2007).
  165. ^ (EN) The Lower Manhattan Development Corporation Announces Selection of Architectural Firms to Design the Performing Arts Complex and the Museum Complex on the World Trade Center Site, Renew NYC, 12 ottobre 2004. URL consultato il 4 aprile 2018.
  166. ^ (EN) Rebecca Spitz, 9/11 A Decade Later: Glass Atrium Rises At WTC Memorial Site, su NY1, 9 marzo 2011. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2016).
  167. ^ (EN) Again in Norway, Events Provide Test for a King’s Mettle, 15 ottobre 2011. URL consultato il 4 aprile 2018.
  168. ^ a b (EN) Pogrebin, Robin, Ground Zero Arts Center Loses Theater Company, 28 marzo 2007. URL consultato il 4 aprile 2018.
  169. ^ (EN) History, Ground Zero Museum Workshop, 2013. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2013).
  170. ^ (EN) WTC Memorial To Have Limited Access On 10th Anniversary, su NY1, 14 febbraio 2011. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2011).
  171. ^ (EN) Port Authority: WTC Memorial Needs Another $3M For Construction, su NY1, 30 giugno 2011. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2011).
  172. ^ (EN) Ground Zero Memorial and Rebuilding Fast Facts, 30 agosto 2017. URL consultato il 4 aprile 2018.
  173. ^ (EN) Some question 9/11 Memorial's $60M annual cost, 10 settembre 2012. URL consultato il 4 aprile 2018.
  174. ^ (EN) Deal reached to resume construction on September 11 museum, 11 settembre 2012. URL consultato il 4 aprile 2018.
  175. ^ (EN) Ground Zero Museum to Resume Construction as Cuomo and Bloomberg End Dispute, 10 settembre 2012. URL consultato il 4 aprile 2018.
  176. ^ (EN) Floodwater Pours Into 9/11 Museum, Hampering Further Work on the Site, 2 novembre 2012. URL consultato il 4 aprile 2018.
  177. ^ (EN) 9/11 Museum Opens to a Somber Crowd, 21 maggio 2014. URL consultato il 4 aprile 2018.
  178. ^ (EN) Shopping, World Trade Center. URL consultato il 4 aprile 2018.
  179. ^ (EN) Dunlap, David W., Design of Ground Zero Transit Hub Is Trimmed, 2 luglio 2008. URL consultato il 4 aprile 2018.
  180. ^ (EN) Using the Hudson to Cool the Trade Center, 6 aprile 2009. URL consultato il 4 aprile 2018.
  181. ^ (EN) Trade Center Transit Hub’s Cost Now Over $3.4 Billion, 24 febbraio 2011. URL consultato il 4 aprile 2018.
  182. ^ (EN) Bobby Cuza, 9/11 A Decade Later: Port Authority Downplays WTC Transit Hub's Rising Costs, su NY1, 28 aprile 2011. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2016).
  183. ^ (EN) Jennifer Smith, Architect Chosen for Performing Arts Center at World Trade Center. URL consultato il 4 aprile 2018.
  184. ^ (EN) Robin Pogrebin, Ground Zero Arts Center to Shrink Further, su The New York Times, 23 luglio 2015. URL consultato il 4 aprile 2018.
  185. ^ (EN) Zoe Rosenberg, The World Trade Center Performing Arts Center is here, and it's beautiful, su Curbed NY, 8 settembre 2016. URL consultato il 4 aprile 2018.
  186. ^ (EN) Way Is Cleared to Rebuild Greek Orthodox Church Lost on 9/11, The New York Times, 14 ottobre 2011. URL consultato il 4 aprile 2018.
  187. ^ (EN) First Look: Santiago Calatrava’s Design for St. Nicholas Church, su Tribeca Citizen, 29 ottobre 2013. URL consultato il 4 aprile 2018.
  188. ^ a b (EN) BMCC's Fitermall Hall set to reopen, 11 years after its 9/11 demise, su Newsday, 26 agosto 2012. URL consultato il 4 aprile 2018.
  189. ^ a b (EN) BMCC receives record cash gift, su New York Daily News, Associated Press, 30 aprile 2007. URL consultato il 4 aprile 2018.
  190. ^ a b (EN) Dana Rubinstein, Manhattan Community College Takes Space Near Terrorist-Damaged Fiterman Hall, su Observer, 7 ottobre 2008. URL consultato il 4 aprile 2018.
  191. ^ a b c d e f (EN) Fiterman Hall, su Borough of Manhattan Community College, City University of New York. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2012).
  192. ^ a b (EN) Work to Demolish Fiterman Hall may actually begin, Downtown Express, 13 gennaio 2006. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2008).
  193. ^ a b (EN) Mayor Bloomberg and CUNY Chancellor Goldstein Break Ground on New $259 Million Fiterman Hall in Lower Manhattan, su The official website of the City of New York, 1º dicembre 2009. URL consultato il 4 aprile 2018.
  194. ^ a b (EN) Julie Shapiro, Students Return to Rebuilt Fiterman Hall 11 Years After 9/11, su DNAinfo New York, 27 agosto 2012. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2017).
  195. ^ (EN) Belinda Lanks, Six Meanings Behind the World Trade Center’s New Logo, su Bloomberg Businessweek, 15 agosto 2014. URL consultato il 4 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 7 settembre 2014).
  196. ^ a b c d e f (EN) The World Trade Center Has A New, Very Confusing Logo, 14 de agosto de2014. URL consultato il 4 aprile 2018.
  197. ^ a b c d e f g (EN) World Trade Center Logo Captures Site’s Destruction and Rebirth, 13 agosto 2014. URL consultato il 4 aprile 2018.
  198. ^ (EN) Minutes (PDF), su 196, Autorità Portuale di York e New Jersey, 18 settembre 2013. URL consultato il 4 aprile 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2017004242