Snam

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Snam S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per Azioni
Borse valori Borsa Italiana: SRG
ISIN IT0003153415
Fondazione 30 ottobre 1941
Sede principale San Donato Milanese
Gruppo Cassa Depositi e Prestiti
Filiali (Società operative)[1]
Persone chiave
Settore Utilities (Trasporto, dispacciamento, rigassificazione, stoccaggio e distribuzione del gas naturale)[3]
Fatturato Red Arrow Down.svg 3.649 milioni di [4] (2015)
Risultato operativo Red Arrow Down.svg 1.950 milioni di [4] (2015)
Utile netto Adjusted Green Arrow Up.svg 1.209 milioni di [4] (2015)
Dipendenti 6.303 [4] (2015)
Sito web www.snam.it

Snam S.p.A. (già Snam Rete Gas S.p.A. fino al 1º gennaio 2012, quando ha ripreso il nome originale SNAM, acronimo di Società Nazionale Metanodotti) è una società con sede centrale a San Donato Milanese. Nel 2015 ha avuto un fatturato di 3.649 milioni di euro e un utile netto adjusted di 1.209 milioni di euro.[4]

La società è quotata nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Snam fu costituita il 30 ottobre 1941, con un capitale sociale di 3 milioni di lire, con il nome "Ente NAzionale Metanodotti", con partecipazione di Ente Nazionale Metano (Agip), Regie Terme di Salsomaggiore e Società Anonima Utilizzazione e Ricerca Gas Idrocarburati (SURGI). Le finalità erano la costruzione di metanodotti, e la distribuzione e vendita del gas.

Nel 1955 fu costituita la Snam Montaggi, che nel 1957 incorporò la SAIP e prese il nome di Saipem; nel 1956 fu costituita la Snam Progetti (divenuta in seguito Snamprogetti) per la progettazione di grandi impianti su terra ferma (Onshore), nel 2006 Saipem acquista da ENI la totalità delle azioni Snamprogetti. Nel 2001, in base alla direttiva europea per la liberalizzazione del mercato del gas, Snam scorporò le attività non legate al trasporto del gas e prese il nome di Snam Rete Gas. Nello stesso anno entrò in borsa e dal 2002 fece parte dell'indice S&P/MIB.

Il 12 febbraio 2009, Snam Rete Gas S.p.A. acquistò da ENI S.p.A. il 100% di Italgas S.p.A. per 3,07 miliardi di euro, ed il 100% di Stoccaggi Gas Italia S.p.A., per 1,65 miliardi. Per il pagamento si avvalse di un aumento del capitale sociale per 3,5 miliardi e di un finanziamento di 1,3 miliardi.[5] La chiusura dell'operazione avvenne nel luglio 2009. Venne a crearsi un gruppo con una rete di trasporto gas di 31.500 chilometri, di distribuzione gas di 58.000 chilometri e con una capacità di stoccaggio di 14 miliardi di metri cubi, inclusi 5 miliardi di metri cubi di riserva strategica.

A partire dal 1º gennaio 2012, è avvenuto il cambio di nome da Snam Rete Gas in Snam S.p.A. e, in recepimento delle direttive europee, cede il business del trasporto alla nuova società Snam Rete Gas S.p.A., interamente controllata.[6] Cambia logo abbandonando il cane a sei zampe di Eni e acquisendo un logo molto simile all'originale degli anni '40.[7]

Snam oggi[modifica | modifica wikitesto]

Oggi Snam è una holding che controlla:

  • Snam Rete Gas S.p.A., che è la principale società italiana di trasporto del gas naturale;
  • Gnl Italia S.p.A., che è il principale operatore di rigassificazione del gas naturale liquefatto in Italia (era l'unico fino all'entrata in esercizio del rigassificatore di Rovigo[8]);
  • STOGIT S.p.A., che si occupa di stoccaggio del gas naturale;
  • Italgas S.p.A., che si occupa di distribuzione del gas naturale;
  • TIGF che si occupa di trasporto di gas naturale nel sud-ovest della Francia.

La nuova società è stata costituita per recepire il terzo pacchetto energia europeo e si incentra sui compiti di Corporate incaricata di esercitare l'indirizzo ed il controllo del gruppo (Snam Rete Gas, Italgas, Napoletana Gas, Stogit e Gnl). Al suo interno vi sono i seguenti ambiti: Audit, rapporti con gli investitori, relazioni istituzionali, affari legali e Persone e Servizi.

Dal 27 aprile 2016 il Presidente del Consiglio d'Amministrazione di Snam è Carlo Malacarne.[9]

Azionariato[modifica | modifica wikitesto]

I principali azionisti di Snam sono CDP Reti con il 28,98%, seguita da Romano Minozzi con il 3,03%[10].

Di seguito, in dettaglio, la composizione dell'azionariato, aggiornato al mese di aprile 2016:[11]

Azionista Azioni possedute
CDP Reti 28,98%
Romano Minozzi 3,03%
CDP Gas 1,12%
Banca d'Italia 0,53%
Eni 0,02%
Azioni proprie 0,03%
Investitori retail 7,46%
Investitori istituzionali 58,83%

Consiglio di Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Componenti del Consiglio di Amministrazione, nominati dall'Assemblea degli azionisti il 27 aprile 2016:[12]

Carica Nome e cognome
Presidente Carlo Malacarne
Amministratore Delegato Marco Alverà
Consigliere Sabrina Bruno
Consigliere Francesco Gori
Consigliere Monica De Vigiliis
Consigliere Yunpeng He
Consigliere Lucia Morselli
Consigliere Elisabetta Oliveri
Consigliere Alessandro Tonetti

Bilancio 2013[modifica | modifica wikitesto]

Snam nel 2013 ha fatturato 3.73 miliardi di euro, di cui:

  • 2 miliardi dall'area Trasporto
  • 1.31 miliardi dall'area Distribuzione
  • 0.48 miliardi dall'area Stoccaggio
  • 0.18 miliardi dall'area Corporate
  • 0.03 miliardi dall'area Rigassificazione

Elisioni da sottrarre per 283 milioni.

I maggiori clienti di Snam sono Eni ed Enel Trade: Snam mette a disposizione degli operatori la capacità di trasporto della rete dei suoi gasdotti ed effettua il vettoriamento del gas fino ai punti di riconsegna della Rete Regionale dove viene consegnato agli operatori stessi.

Ebitda di 2.8 miliardi, Ebit di 2.03 miliardi, utili per 917 milioni di euro.

Patrimonio netto di 5.99 miliardi, capitalizzazione di 13.65 miliardi. Il valore residuo di immobili, impianti e macchinari è pari a 14.85 miliardi, 13.32 miliardi di indebitamento finanziario netto.

Ha immesso nella rete 69.1 miliardi di metri cubi di gas naturale, la rete nazionale di trasporto si compone di 32.306 km di rete di gasdotti, possiede 52.993 km di rete di distribuzione di gas, 6045 dipendenti.

Fonte: Bilancio Snam al 31.12.13

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Durante la presidenza dell'Eni di Enrico Mattei, il numero di assunzioni di lavoratori provenienti da Matelica (MC) fu così elevato che l'acronimo SNAM fu tradotto dagli stessi lavoratori in "Siamo Nati A Matelica", città d'origine del presidente, e di molti dirigenti aziendali, tra cui Girotti e Boldrini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Struttura societaria, snam.it.
  2. ^ a b Il management, snam.it.
  3. ^ Mission
  4. ^ a b c d e Snam: Relazione finanziaria annuale 2015 (PDF), snam.it.
  5. ^ Eni cede il 100% di Stogit e Italgas a Snam Rete Gas - Eni
  6. ^ http://www.snam.it/it/chi-siamo/struttura-societaria/ Nuova struttura societaria al 01/01/2012
  7. ^ La storia
  8. ^ Dossier del Governo
  9. ^ Corriere della Sera: Snam: assemblea approva nomina Malacarne alla presidenza e nuovo cda, corriere.it. URL consultato l'11 maggio 2016.
  10. ^ Borsa Italiana - Azionisti Snam SPA - Aggiornamento: 11/05/2016, borsaitaliana.it.
  11. ^ Snam - Azionariato, snam.it.
  12. ^ Borsa Italiana - Corporate Governance Snam - Aggiornamento: 11/05/2016, borsaitaliana.it.