Recordati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Recordati Industria Chimica e Farmaceutica S.p.a.
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Borse valori Borsa Italiana: REC
Fondazione 1926 a Correggio
Fondata da Giovanni Recordati
Sede principale via Matteo Civitali 1
20148 Milano
Filiali
Persone chiave
  • Alberto Recordati, presidente
  • Andrea Recordati, vicepresidente e amministratore delegato
Settore Farmaceutico
Prodotti farmaceutici e chimici
Fatturato 1047.7 milioni di € (2015)
Risultato operativo 278,5 milioni di €
Utile netto 198,8 milioni di €
Dipendenti 3.929 (2015)
Sito web

Recordati è un gruppo farmaceutico italiano di rilevanza internazionale fondato nel 1926 e quotato alla borsa di Milano dal 1984 dove è presente nell'indice FTSE MIB.

Si occupa di sviluppare, produrre e commerciare prodotti farmaceutici o di chimica farmaceutica. Il gruppo ha sede a Milano, e attività operative nei principali paesi europei, in Russia e negli altri paesi del Centro ed Est Europa, in Turchia e negli Stati Uniti d'America. Il 96,4% del fatturato è dato dal settore farmaceutico mentre il restante 3,6% dal settore chimico.

Il sito produttivo più importante per il gruppo è quello di Milano, che sforna 50 milioni di confezioni di farmaci l'anno ed è specializzato nella manifattura e confezionamento di forme solide orali, in gocce, iniettabili e prodotti per uso topico. Un altro impianto importante e tecnologicamente all'avanguardia è quello di Campoverde di Aprilia, in provincia di Latina, che occupa un'area di 360.000 m² e produce per via chimica intermedi e principi attivi sia per le specialità farmaceutiche Recordati sia per il mercato dei farmaci generici; a questi due impianti nazionali si aggiungono quelli di Cork in Irlanda e di Montluçon in Francia.

Il gruppo Recordati occupa oltre 3.900 dipendenti, di cui quasi la metà costituiscono la rete degli informatori scientifici del farmaco, mentre 150 sono impiegati in ricerca e sviluppo (in particolare nei settori cardiovascolare, genito-urinario e nei trattamenti per malattie rare). I prodotti Recordati sono venduti in oltre 135 paesi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1820: Giovanni Battista Recordati (giovane mantovano nativo di Dosolo), conseguita «l'approvazione alla pratica della farmacia presso l'imperial regia università di Pavia» nel 1817, rileva un'antica spezieria a Correggio. Dopo la sua morte (1848), l'attività farmaceutica prosegue di padre in figlio con Angelo (1824-1909) e poi con Luigi, che inizia la trasformazione della farmacia in laboratorio per la produzione di chinino (l'Emilia-Romagna era una delle regioni dove maggiormente imperversava la malaria nell'Ottocento) e successivamente dell'elisir ricostituente Anabioscon.
  • 1926: Giovanni Recordati (1898-1952, nipote di Luigi) segna la svolta industriale della secolare impresa di famiglia. Il 1º maggio 1926 fonda il Laboratorio Farmacologico Reggiano aprendo un'officina per la ricerca e produzione di farmaci su ampia scala, divenuta ben presto vera e propria azienda con il trasferimento in una nuova sede di 15.000 m², dotata di laboratori chimici e biologici per la ricerca, stabilimento per la produzione, magazzini di deposito e uffici. Da qui escono l'Antispasmina Colica® nel 1927 e soprattutto la Simpamina® nel 1938, due dei prodotti di maggior successo della Recordati. Nel 1939 vi lavorano 152 addetti, 249 nel 1946 e 309 nel 1948, dopo l'apertura del grande stabilimento di Milano (25.000 m²).
  • 1933: Giovanni Recordati inizia la pubblicazione del periodico scientifico Argomenti di farmacoterapia (sospeso nel 1943 a causa della guerra e poi sostituito dalla rivista Asclepeio), cui fanno seguito nel 1940 i Folia cardiologica, periodico ufficiale del Gruppo cardiologico italiano (poi Società cardiologica italiana) fino al 1969.
  • 1953: con la gestione di Arrigo Recordati (1927-1999), entrato in azienda a soli ventitré anni (nel 1950) per una grave infermità del padre, tutte le attività imprenditoriali vengono trasferite da Correggio a Milano. Nascono anche le prime consociate in America latina (poi cedute ad altri membri della famiglia) e, nel 1961, un accordo esclusivo con Syntex (oggi Roche) per lo studio e la sintesi di ormoni steroidei. Con l'apertura dello stabilimento di Aprilia nel 1963, l'azienda assume la denominazione Recordati Industria Chimica e Farmaceutica.
  • 1977: l'Eni acquisisce il 50% del patrimonio dell'azienda, la cui gestione rimane comunque nelle mani di Arrigo Recordati. Inizia la produzione dell'antisettico per bocca, faringe e gengive Antoral®.
  • 1984: uscito l'Eni dalla proprietà, il 12 ottobre la Recordati decide di quotare il 25% della società alla Borsa Italiana di Milano.
  • 1987: a Cranford, nel New Jersey, viene costituita la filiale statunitense per la commercializzazione di prodotti di chimica farmaceutica nel Nord America.
  • 1995: nasce a Madrid la filiale spagnola Recordati España.
  • 1997: il 18 marzo viene autorizzata la commercializzazione del farmaco antiipertensivo Zanedip® (lercanidipina).
  • 1999: alla morte di Arrigo, la guida dell'azienda viene assunta da suo figlio Giovanni Recordati, ingegnere e già da anni amministratore delegato del gruppo.[1] Acquisizione dell'azienda francese Doms Adrian.
  • 2000: Recordati acquisisce sempre in Francia il gruppo Bouchara.
  • 2001: riorganizzazione delle due società francesi con la costituzione di Bouchara Recordati.
  • 2002: la Medicines Control Agency del Regno Unito rilascia l'autorizzazione al commercio di Zanidi®p nella nuova forma farmaceutica da 20 mg.
  • 2003: viene lanciato in Germania, Francia ed Australia il nuovo dosaggio da 20 mg di Zanidip®.
  • 2005: acquisizione di Merckle Recordati in Germania, costituzione nel Regno Unito di Recordati Pharmaceuticals e in Grecia di Recordati Hellas Pharmaceuticals S.A., inaugurazione di un nuovo stabilimento in Irlanda.
  • 2006: acquisizione in Portogallo delle società farmaceutiche del Grupo Jaba.
  • 2007: acquisizione di Orphan Europe in Francia.
  • 2008: acquisizione di FIC e FIC Médical (mercato farmaceutico russo e della CSI) e, in Turchia, della società farmaceutica Yeni Ilaç.
  • 2009: acquisizione di Herbacos-Bofarma, società farmaceutica presente nella Repubblica Ceca ed in Slovacchia.
  • 2010: autorizzazione all'immissione in commercio in Europa di silodosin, alfa bloccante indicato per il trattamento dell'iperplasia prostatica benigna. Approvazione da parte della Food and Drug Administration (FDA) per l'immissione in commercio negli Stati Uniti d'America di Carbaglu® (acido carglumico) indicato nel trattamento del deficit di NAGS. Acquisizione di ArtMed International, società specializzata nella promozione di prodotti farmaceutici in Romania. Conclusione positiva della Procedura Decentrata per l'approvazione di pitavastatina (Livazo®, Alipza® ed altre denominazioni) in Europa. Firma di un accordo di licenza europeo con Nymox Pharmaceutical Corporation per lo sviluppo e la commercializzazione di NX-1207, il farmaco sperimentale di Nymox attualmente in fase III di sviluppo negli Stati Uniti d'America per il trattamento dell'iperplasia prostatica benigna (IPB).
  • 2011: approvazione in Europa per l'estensione dell'indicazione di Carbaglu® (acido carglumico) ai tre principali tipi di acidemia organica. Acquisizione della società farmaceutica turca Frik Ilaç.
  • 2012: Acquisizione di prodotti OTC in Germania, in Polonia, in Russia e in Italia. Acquisizione di un portafoglio prodotti per il trattamento di malattie rare negli Stati Uniti d'America. Acquisizione della società farmaceutica Farma-Projekt in Polonia. Accordo di licenza europea con Erytech per Graspa® (L-asparaginase incapsulato in eritrociti umani) in sviluppo per il trattamento della leucemia linfoblastica acuta e della leucemia mieloide acuta
  • 2013: Acquisizione di Opalia S.A., primaria società farmaceutica tunisina con sede a Ariana (Tunisi) e moderno stabilimento certificato da cGMO, un'importante piattaforma strategica per stabilire una presenza diretta in Nord Africa ed estendere le proprie attività nei paesi centro africani e negli Stati del Golfo. Il Gruppo rafforza la propria presenza in Spagna con l'acquisizione dei Laboratorios Casen Fleet S.L.U., società farmaceutica spagnola con sede a Madrid e stabilimento produttivo a Utebo, Saragozza, che commercializza prodotti prevalentemente nell'area gastroenterologica.
  • 2014: firma di un accordo esclusivo di licenza con Apricus Biosciences Inc., società farmaceutica con sede a San Diego, U.S.A., per la commercializzazione di Vitaros ®(alprostadil), un prodotto topico innovativo per il trattamento della disfunzione erettile, in alcuni paesi europei, Russia, Ucraina, C.I.S., Turchia e alcuni paesi africani. Viene firmato un accordo di licenza con Plethora Solutions Holdings Plc.(UK), per la commercializzazione in Europa, Russia, C.S.I.,Turchia e alcuni paesi del Nord Africa di Fortacin®, una formulazione topica in spray di lidocaina e prilocaina che agisce nel trattamento della ieiaculazione precoce. Orphan Europe ottiene per Carbaglu® (acido carglumico) dalla Food & Drug Administration (FDA) in USA la designazione di farmaco orfano per il suo utilizzo nel trattamento delle acidemie organiche (AO).
  • 2015: Recordati prosegue il processo di internazionalizzazione delle attività legate al trattamento e alla cura delle malattie rare con la costituzione di nuove filiali in Brasile, Messico e Colombia.
  • 2016: Recordati acquisisce a maggio la società farmaceutica Italchimici S.p.A. che commercializza soluzioni terapeutiche principalmente nelle aree della gastroenterologia e delle patologie respiratorie. A luglio Recordati acquisisce la società farmaceutica svizzera Pro Farma AG che commercializza specialità medicinali proprie o in licenza in selezionate aree terapeutiche sia etiche sia di automedicazione.

Dati finanziari[modifica | modifica wikitesto]

Anni Ricavi netti Utile operativo (EBIT) Utile netto
2002 492,7 89,2 50,2
2003 487,5 81,0 23,7
2004 488,3 90,4 54,0
2005 576,1 111,1 64,5
2006 576,2 120,3 74,0
2007 628,4 131,5 84,9
2008 689,6 144,7 100,4
2009 747,5 162,2 110,6
2010 728,1 154,8 108,6
2011 762,0 163,5 116,4
2012 828,3 167,0 118,5
2013 941,6 195,4 133,7
2014 987,3 231,0 161,2
2015 1047,7 278,5 198,8

Dati in milioni di €

Management[modifica | modifica wikitesto]

Alberto Recordati Presidente
Andrea Recordati Vice Presidente e Amministratore delegato
Walter Bevilacqua Direttore Corporate Development
Fritz Squindo Direttore Generale e CFO
Enrico Baroncia Direttore Generale Divisione Farmaceutica Italia
Luca Bolliger Direttore Licensing di Gruppo
Corrado Castellucci Direttore Orphan Drugs
Daria Ghidoni Affari Legali e Societari
Antoine Grouès Direttore International Licensees Sales
Giuseppe Gualazzini Direttore Personale e Organizzazione
Antonio Magni Direttore Manufacturing and Logistics
Luisa Mainoli Amministrazione, Finanza e Controllo
Bernard Millet Direttore Europa Occidentale
Giovanni Minora Auditing
Ismail Yormaz Direttore Europa Sud-orientale e Nord Africa
Diego Provvedini Directore Ricerca e Sviluppo
Paolo Romagnoli Direttore Generale Chimica Farmaceutica
Marianne Tatschke Investor Relations & Corporate Communications
Roberto Teruzzi Industrial Operations
Witold Urban Direttore Europa Centro-orientale

Azionisti principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Recordati S.p.A.: 3,7%
  • Fimei Finanziaria Industriale Mobiliare Ed Immobiliare S.p.A.: 51,791%

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ E' morto Giovanni Recordati, presidente e a.d. del gruppo, repubblica.it, 16 agosto 2016. URL consultato il 16 agosto 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Meda, "Famiglia Recordati. Sesta generazione", su Nuovo Collegamento, n. 4, maggio 2012, pp. 66–69.
  • Elisabetta Tedeschi, "Giovanni Recordati", in Giuliana Lusuardi e Mauro Del Bue (a cura di), Protagonisti. Personalità reggiane del mondo della cultura, della politica, dell'economia e dello sport dal 1945 ad oggi (prefazione di Romano Prodi), Correggio, Nero Colore, 2008.
  • Aldo Bernacchi, "Recordati, quando la ricerca paga", su Il Sole 24 ORE dell'11 maggio 2006, p. 13. URL consultato il 6 maggio 2012.
  • Fabrizio Piccinini, "Giovanni Recordati - Da farmacista di provincia a industriale farmaceutico", in Lucio Levrini (a cura di), Correggesi in prima pagina. Le personalità di rilievo nazionale espresse dalla città di Correggio nel '900, Correggio, Gruppo Sportivo Correggese, 2002, vol. 2º.
  • Rea Silvia Motti, Giovanni Recordati farmacista e industriale (Correggio, 1898-1952), Reggio Emilia, Circolo filatelico numismatico Città del tricolore, 1998. In appendice: "La storica spezieria Bottoni di Correggio".
  • Vittorio Alessandro Sironi, Da speziali a imprenditori. Storia dei Recordati, Roma, Laterza, 1995. ISBN 88-420-4561-6.
  • Riccardo Finzi, "Giovanni Recordati", in Correggio nella storia e nei suoi figli, Reggio Emilia, AGE, 1968.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]