Fabbrica Italiana Lapis ed Affini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
F.I.L.A. -
Fabbrica Italiana Lapis ed Affini S.p.A.
Logo
Stato Italia Italia
Forma societaria Società per azioni
Borse valori Borsa Italiana: FILA
ISIN IT0004967292
Fondazione 1920 a Firenze
Fondata da
Sede principale via XXV Aprile, 5 - Pero (MI)
Persone chiave Massimo Candela, Amministratore delegato
Settore Manufatturiero
Prodotti Prodotti di cancelleria, paste modellabili
Fatturato Green Arrow Up.svg Oltre 230 milioni di
Dipendenti ca. 5.000 (2015)
Slogan «Feel Creative»
Sito web

F.I.L.A. - Fabbrica Italiana Lapis ed Affini S.p.A. è un marchio di articoli per le arti visive e plastiche, la creatività e il disegno. È una società per azioni facente capo alla famiglia Candela e ha la propria sede a Pero (MI). Il gruppo possiede 19 filiali in 5 continenti. È presente in 50 Stati con 11 stabilimenti e 20 marchi.

La società è quotata alla Borsa di Milano, nell'MTA. L'approdo in borsa avvenne il 1º giugno 2015 quando si fuse per incorporazione con la SPAC (special purpose acquisition company) "Space"; quest'ultima era quotata dal 18 dicembre 2013 al MIV, il mercato di Borsa Italiana dedicato ai veicoli di investimento.[1] Dal 12 novembre 2015 è quotata nell'indice FTSE Italia STAR e dal 1º aprile 2016 anche in quello FTSE Italia Mid Cap.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La F.I.L.A. fu fondata nel 1920 a Firenze da due discendenti delle famiglie degli Antinori e della Gherardesca. La scelta del giglio quale marchio, la cui stilizzazione venne affidata a Severo Pozzati, in arte Sebo, venne giustificata dal fatto che esso è il simbolo di Firenze.

Nel 1956 l'azienda venne rilevata da un gruppo di dipendenti capitanati da Renato Candela.

Successivamente, nel 1959, la sede dell'attività si spostò a Milano e contemporaneamente, in collaborazione con Lyra, incominciò la produzione della penna a sfera Lyretta.

Nel 1964 Alberto Candela succedette al padre Renato. Nacquero sotto la sua direzione nuovi prodotti come Giotto Fibra e la linea Tiziano.

Nel 1973 il "pennarello da scrittura" venne lanciato sul mercato Tratto-Pen. Questo nuovo modello ricevette il premio Compasso d'Oro 1979 e in seguito fu esposto al MoMA di New York.

Nel 1992 Massimo Candela, figlio di Alberto, subentrò al padre e divenne amministratore delegato.

A partire dal 1994 F.I.L.A. cominciò una politica di acquisizioni che compresero Adica Pongo, storica azienda nel settore delle paste per modellare, Compania de Lapices y Afines Ltda, Papeleria Mediterranea SL., Giotto be-bè, Dixon Ticonderoga, presente anche in Canada, Cina e Messico; Lyra, Lapicera Mexicana; Lycin e una quota di minoranza dell'indiana Writefine Products Private Limited (2011).

Marchi[modifica | modifica wikitesto]

  • Blanca Nieves
  • Canson
  • Daler-Rowney
  • Das
  • Didò
  • Dixon
  • DOMS
  • Giotto
  • Giotto be-bè
  • Lyra
  • Maimeri
  • Mapita
  • Mercurio
  • Metrico
  • Pax
  • Pongo
  • Prang
  • Ticonderoga
  • Tratto
  • Uti Guti
  • Vinci
  • Vividel

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]