Via Frattina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Via Frattina
Balcony in Rome.jpg
Via Frattina
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Roma

Via Frattina è una delle vie più conosciute del centro storico di Roma.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Situata nell'area nord del centro storico (il cosiddetto Tridente), collega via del Corso a Piazza Mignanelli e quindi al Palazzo di Propaganda Fide, al cui primo proprietario, Bartolomeo Farrattino o Ferratino (1537-1606), vescovo di Amelia, deve il nome.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Via Frattina segue il percorso di una strada di epoca romana utilizzata dagli abitanti delle ville del Pincio per recarsi al centro della città. Lastricata nel Cinquecento a seguito del piano sistino, e nello stesso secolo che avviene la lottizzazione della zona e la costruzione delle residenze. Alla fine della via si trova il palazzo dell'Ambasciata di Spagna.

Negli anni sessanta, insieme a via dei Condotti e via Borgognona, diventa una delle strade dello shopping romano, con una vocazione più spiccata verso la sartoria, l'argenteria e l'arredamento.

Via Frattina viene citata nella canzone di Francesco De Gregori Per le strade di Roma ("lucciole sulla Salaria, zoccole in via Frattina") in una associazione ironica fra 2 diversi modi di intendere ed esercitare il mestiere più vecchio del mondo. Un altro riferimento, sempre ad opera del cantautore romano, è presente nel brano 300.000.000 di topi contenuto nell'album Mira Mare 19.4.89.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La strada è raggiungibile dalla stazione Spagna della metropolitana di Roma.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]