Porretta Terme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Porretta Terme
sede comunale di Alto Reno Terme
Porretta Terme – Stemma Porretta Terme – Bandiera
Porretta Terme – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Città metropolitanaCittà metropolitana di Bologna - Stemma.png Bologna
ComuneAlto Reno Terme-Stemma.png Alto Reno Terme
Territorio
Coordinate44°09′37″N 10°58′24″E / 44.160278°N 10.973333°E44.160278; 10.973333 (Porretta Terme)Coordinate: 44°09′37″N 10°58′24″E / 44.160278°N 10.973333°E44.160278; 10.973333 (Porretta Terme)
Altitudine349 m s.l.m.
Superficie33,93 km²
Abitanti4 182[1] (31-12-2014)
Densità123,25 ab./km²
SottodivisioniCorvella, Capugnano, Castelluccio
Altre informazioni
Cod. postale40046
Prefisso0534
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT037049
Cod. catastaleA558
TargaBO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)
Nome abitantiporrettani
Patronosanta Maria Maddalena
Giorno festivo22 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Porretta Terme
Porretta Terme
Porretta Terme – Mappa
Posizione dell'ex comune di Porretta Terme nella città metropolitana di Bologna
Sito istituzionale

Porretta Terme (Puràtta in dialetto bolognese montano medio[2][3]) è la frazione più popolosa e la sede comunale del comune di Alto Reno Terme, nella città metropolitana di Bologna, in Emilia-Romagna. È sede amministrativa dell'Unione dell'Alto Reno. Fu comune autonomo fino al 31 dicembre 2015, quando, insieme al comune di Granaglione, diede vita al comune sparso di Alto Reno Terme.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Porretta Terme è situata nell'Appennino Tosco-Emiliano nella valle del fiume Reno, sulla sinistra idrografica del fiume alla confluenza del torrente Rio Maggiore, in un'ampia conca situata all'altezza media di 349 m s.l.m. Dista 59 km dal capoluogo provinciale, raggiungibile mediante la strada statale 64 Porrettana, e 34 km da Pistoia, città alla quale è collegata dalla medesima strada statale. La linea ferroviaria Porrettana congiunge Bologna con Pistoia ed ha in Porretta la propria stazione principale. La ferrovia Porrettana divide amministrativamente l'abitato di Porretta Terme da quello di Berzantina, situato sulla sponda destra del fiume Reno ed appartenente al comune di Castel di Casio; verso nord il paese si è ormai congiunto alla frazione di Corvella ed alla località di Silla, il cui abitato amministrativamente appartiene anche ai comuni di Gaggio Montano e Castel di Casio; verso sud continua con la frazione di Ponte della Venturina e quindi in comune di Sambuca Pistoiese (provincia di Pistoia) fino a Pavana. Ciò ha indotto a considerare l'esistenza di una "città lineare" di fatto, sovracomunale e sovraprovinciale, di oltre 10.000 abitanti, che vede in Porretta Terme il proprio indiscusso capoluogo.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il soppresso comune di Porretta Terme comprendeva 3 frazioni, ora confluite, come l'ex-capoluogo, nel nuovo Comune di Alto Reno Terme : Corvella, che comprende anche la parte meridionale dell'abitato di Silla è la più settentrionale e confina con il comune di Gaggio Montano; Capugnano e Castelluccio, site a nord ovest, che confinano con il comune di Lizzano in Belvedere
La conca dove è situata Porretta rappresenta il punto altimetrico più basso del comune, che è totalmente montuoso e raggiunge altezze fino a 1.500 m s.l.m.
Il territorio comunale comprende l'intera valle del torrente Rio Maggiore ed è ricco di acque.
La copertura boschiva è pressoché totale ed è formata principalmente da bosco ceduo con presenza di castagneti. Sono presenti zone rimboschite con impianto di sempreverdi.
Pressoché scomparsa è ormai l'agricoltura.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo deriverebbe dal latino porrectus da porrigere nel significato di "esteso", "lungo".[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La storia di Porretta è molto antica ed è collegata alla presenza delle acque curative. Una leggenda di epoca medievale narra che un bue malato fu lasciato libero dal suo padrone ed andò a dissetarsi in una delle fonti termali. Essendo ritornato al suo padrone completamente guarito, questa vicenda diede avvio alla fama delle acque curative e medicali. Il bue che si abbevera è rimasto come simbolo del comune di Porretta. Ma le terme erano certamente conosciute e frequentate già in epoca romana, come testimoniato da numerosi rinvenimenti archeologici, in particolare quello del famoso mascherone raffigurante il muso di un leone, recuperato nel 1888 nel greto del Rio Maggiore, risalente al I sec. d.C.[5] e rimasto come simbolo delle Terme di Porretta. La presenza di tutti i reperti archeologici nella zona circostante le sorgenti curative testimonia della notorietà delle acque di Porretta in epoca classica e della presenza di un centro abitato.

I secoli dell'alto medioevo vedono lo spopolamento del luogo e l'abbandono delle fonti termali. Con l'affermazione del Comune di Bologna, Porretta ne entra a far parte e da allora seguirà sempre le sorti della comunità bolognese. La nuova situazione politica genera una "riscoperta" di Porretta e delle sue terme, che a partire dal XII secolo cominciano ad essere frequentate anche da classi sociali agiate e provenienti da fuori. In quel periodo nascono le prime strutture ricettive e prende forma l'abitato dell'attuale cittadina. Dal XV secolo ad oggi le Terme di Porretta acquistano una fama ed una risonanza che non accennano a diminuire. Si citano fra i visitatori più illustri Lorenzo il Magnifico, Niccolò Machiavelli, Andrea Mantegna[6], Gioachino Rossini.

La città di Porretta segue le sorti di Bologna nel passaggio allo Stato Pontificio e, con la creazione del Regno d'Italia unitario, entra a far parte della provincia di Bologna col nome, da sempre in uso, di Bagni della Porretta, rimasto in vigore fino al 1931[7] quando fu sostituito dall'attuale.

La Seconda guerra mondiale vede Porretta nell'inverno 1944 coinvolta nella fronte attestatosi sulla Linea Gotica, periodo in cui la città è usata come quartier generale della prima divisione brasiliana.[8] Sulle montagne circostanti sono attive le brigate partigiane, comandate da Antonio Giuriolo detto Capitan Toni (Arzignano, 12 febbraio 1912Lizzano in Belvedere, 12 dicembre 1944). Capitano degli Alpini, fu insignito della Medaglia d'oro al valor militare. Nell'autunno 1944 la Divisione partigiana Modena al cui comando era Ricci Armando - si spostò nel Bolognese e liberò, prima dell'arrivo degli Alleati, le zone di Porretta Terme, Lizzano in Belvedere e Gaggio Montano. [9] L'aspra lotta con le truppe nazifasciste porta agli eccidi dell'alto Reno e a danneggiamenti alle infrastrutture stradali e ferroviarie.
La ricostruzione dopo la liberazione è rapida e restituisce Porretta al suo ruolo tradizionale di affermata stazione turistica.

Domenica 11 ottobre 2015, i cittadini di Porretta Terme hanno votato, assieme ai cittadini di Granaglione, al referendum consultivo per l'istituzione di un nuovo comune che fondesse i due già esistenti.[10] Il referendum ha avuto esito a favore della fusione, ed è stato individuato anche il nome del nuovo comune: Alto Reno Terme.[11]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Santuario della Madonna del Faggio, 1968 (foto di Paolo Monti)

L'abitato si è sviluppato nei secoli sul conoide di forma pressoché triangolare, in lieve declivio, formato dal torrente Rio Maggiore nel punto di confluenza nel fiume Reno. L'abitato scende a cascata lungo le opposte sponde del torrente, collegate da 3 ponti e, nel corso del tempo, la cittadina si è espansa lungo il corso del fiume Reno in direzione nord-sud.

  • Le Terme Alte, poste nel vertice superiore del triangolo che delimita l'abitato, a valle della stretta gola del Sassocardo formata dal torrente Rio Maggiore. Vi sono situate le fonti termali più antiche e rinomate. Il complesso architettonico è costituito dall'antico stabilimento termale e dalle circostanti strutture ricettive -ora in disuso- che un tempo costituivano l'Albergo delle Terme. Nello stabilimento termale è di particolare pregio la Sala bibita, conosciuta come Grottino del Chini dal nome del celebre artista che produsse le maioliche che lo rivestono .[12]
  • Via Falcone e via Borgolungo, antiche vie poste sulle sponde opposte del Rio Maggiore che hanno mantenuto le originali caratteristiche medievali.
  • Piazza Massarenti, situata sulla destra del torrente, localmente più conosciuta come piazza delle tele, sede storica del mercato settimanale.
  • Piazza della Libertà, situata sulla sponda sinistra, dominata dalla torre dell'ex "casa del fascio", ora sede del municipio cittadino.
  • La chiesa parrocchiale di S.Maria Maddalena, posta in alto rispetto al centro cittadino. L'edificio, seicentesco, è ricco di opere d'arte fra cui la pala dell'Altare Maggiore rappresentante la scena evangelica del "Noli me tangere". Nella tela il Cristo è rappresentato in piedi a sinistra e indossa un manto e un cappello di paglia a larghe tese, mentre nella mano sinistra tiene una zappa; sul suo corpo però sono ben visibili i segni dei chiodi, che lo fanno riconoscere come risorto. Il dipinto è attribuito a Dionigio Calvaert e risale più o meno alla seconda metà del '500.
  • Via Mazzini, dove sono storicamente situati i principali alberghi "storici" di Porretta, con edifici di pregevole valore architettonico. All'imbocco della via Mazzini è situata la chiesa, con annesso convento, dei frati cappuccini, la cui prima pietra di edificazione venne benedetta nel 1859.
  • Giardini pubblici, realizzati negli anni 30, originariamente denominati parco Costanzo Ciano, posti alcune decine di metri più in alto rispetto all'alveo del fiume Reno, in prossimità ad edifici di costruzione più recente dove per decenni si sono svolte le attività termali.
  • Il Santuario della Madonna del Ponte, posto sul limite sud dell'abitato cittadino, piccolo edificio di culto ricostruito a fine '800 contenente un'immagine della Madonna venerata dai porrettani fin dal XIII secolo, ed anche interessanti dipinti di scuola bolognese[13].

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Porretta Terme.

La modesta altezza del capoluogo e la sua posizione protetta sono causa di estati calde che spesso comprendono anche periodi afosi, sia pur di breve durata. La vicinanza alla catena di crinale appenninica è a sua volta motivo di inverni rigidi e ricchi di precipitazioni nevose che possono essere anche consistenti. L'innevamento del fondovalle è comunque generalmente di breve durata, sulle montagne circostanti invece la copertura nevosa persiste di solito fino ad aprile.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[14]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 476 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Il turismo rappresenta una risorsa fondamentale per la comunità porrettana. Il turismo termale ha subito una notevole riduzione di fatturato a partire dagli anni novanta del XX secolo a causa di fattori economici negativi, resta comunque una risorsa importante ed è praticabile per tutto il tempo dell'anno.
I valori ambientali del territorio, la facile accessibilità dei luoghi e la loro bellezza, hanno invece richiamato nel territorio comunale una discreta quantità di possessori di seconde case.
Porretta si caratterizza poi come base di partenza per escursioni in tutto l'alto Appennino bolognese, in particolare verso la stazione sciistica del Corno alle Scale, che garantisce un flusso di visitatori durante la stagione invernale, ma è molto attrattiva anche in estate.
Altri motivi di attrazione turistica sono le numerose manifestazioni culturali e di spettacolo che caratterizzano il calendario estivo del capoluogo. Da non sottovalutare anche altre forme di escursionismo minori quali la raccolta di funghi, la pesca, la raccolta delle castagne.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
29 gennaio 1988 6 luglio 1990 Graziano Mauriti Partito Comunista Italiano Sindaco [15]
6 luglio 1990 30 novembre 1993 Claudio Cinti Partito Socialista Italiano Sindaco [15]
30 novembre 1993 14 febbraio 1994 Lucio D'Acunto Comm. pref. poi Comm. straordinario [15]
13 giugno 1994 25 maggio 1998 Graziano Mauriti Partito Democratico della Sinistra Sindaco [15]
25 maggio 1998 28 maggio 2002 Graziano Mauriti centro-sinistra Sindaco [15]
27 giugno 2002 29 maggio 2007 Sergio Sabattini centro-sinistra Sindaco [15]
29 maggio 2007 7 maggio 2012 Sergio Sabattini lista civica Sindaco [15]
7 maggio 2012 6 giugno 2016 Gherardo Nesti lista civica: porretta futura Sindaco [15]
6 giugno 2016 presente Giuseppe Nanni centro-sinistra Sindaco [15]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Porretta Terme è sede dell'annuale Porretta Soul Festival dedicato alla musica soul. L'iniziativa è nata da un'idea di Graziano Uliani che ha organizzato la prima edizione nel 1987.

Sempre a Porretta si tiene il Porretta Cinema, rassegna cinematografica che, a partire dal 2002, ha portato sulla scena porrettana registi del calibro di Ken Loach, Nikita Mikhalkov, Amos Gitai, Mario Monicelli e Marco Bellocchio, solo per citarne alcuni. Questa manifestazione è stata avviata dall'amministrazione comunale sulla scia della più famosa e importante Mostra Internazionale del Cinema Libero. Quella lontana esperienza ebbe la sua prima edizione nel 1960 grazie all'idea e alla determinazione di Cesare Zavattini, Giampaolo Testa e Leonida Repaci, che convinsero a sostenere la manifestazione letterati e registi del calibro di Roberto Rossellini, Carlo Emilio Gadda, Giuseppe Ungaretti, Mario Soldati, Marco Visconti, Federico Fellini, Carlo Lizzani, Vasco Pratolini, Michelangelo Antonioni, Vittorio De Sica, Aldo De Benedetti.

Nel 2007 (28-30 settembre) e nel 2008 (26-28 settembre) Porretta Terme ha ospitato Ecoappennino, la fiera per il risparmio energetico e le fonti rinnovabili, organizzata dal Comune in collaborazione con CISA, il Centro per l'Innovazione e la Sostenibilità Ambientale. Ospitando e sostenendo queste iniziative Porretta Terme si propone come punto di riferimento per la montagna nel campo delle energie rinnovabili e del risparmio energetico.

Dal 2012 è sede dell'Associazione culturale Vox Vitae, che organizza, in rassegne estive, eventi musicali di elevato valore artistico. Tra gli artisti che si sono esibiti si ricorda il Coro e Orchestra Senzaspine, il Coro e Orchestra EURIDICE, il direttore di coro e orchestra Pier Paolo Scattolin, l'organista Andrea Moncada, il soprano Simonetta Pucci, La Schola Gregoriana della Cattedrale di Bologna. Ha ricevuto in premio la medaglia di rappresentanza del Presidente della repubblica Giorgio Napolitano per la rappresentazione de "La Resurrezione" di G. F. Haendel, avvenuta il 6 settembre 2014. Ha inoltre realizzato la prima messa in scena dell'oratorio "Il Diluvio Universale" di Michelangelo Falvetti l'8 agosto 2015.

Premio Città di Porretta[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2003 è stato istituito il Premio Città di Porretta. Il 22 luglio, giorno di Santa Maria Maddalena, vengono premiate con tale onorificenza quelle persone che, nate, vissute o comunque strettamente legate a Porretta Terme, hanno contribuito a migliorare la vita della comunità o a far conoscere la cittadina nel mondo.

Premi consegnati:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  2. ^ Luigi Lepri, Daniele Vitali (a cura di), Dizionario Bolognese Italiano / Italiano-Bolognese, Bologna, Pendragon, 2007, pp. 348-354, ISBN 978-88-8342-594-3.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 511.
  4. ^ AA. VV.. Dizionario di toponomastica, Torino, Utet, 1997, p. 604.
  5. ^ La storia delle terme - Terme di Porretta Archiviato il 27 agosto 2011 in Internet Archive.
  6. ^ Comune di Porretta Terme - La Storia
  7. ^ Porretta Terme (BO) - Italia: Informazioni
  8. ^ Oliveira, Frank Marcio de. "Attache Extraordinaire: Vernon A. Walters in Brazil" National Defense Intelligence College, 2010. ISBN 9781932946222. Pagine 10-11/93-94.
  9. ^ Alberto Cotti, Incontro con la Resistenza locale, in La seconda Repubblica partigiana dell'Emilia-Romagna: Porretta Terme, Gaggio Montano, Lizzano in Belvedere, ottobre/novembre 1944, San Giovanni in Persiceto, Apasia, 1999.
  10. ^ Regione Emilia-Romagna - notizie Archiviato il 13 ottobre 2015 in Internet Archive.
  11. ^ Regione Emilia-Romagna - Fusione di Comuni[collegamento interrotto]
  12. ^ (IT) IL GROTTINO CHINI DI PORRETTA | DISCOVER ALTO RENO TERME, in Discover Alto Reno Terme, 1º aprile 2018. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  13. ^ Da vedere a Porretta Terme
  14. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  15. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN133736549
Emilia Portale Emilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di emilia