Quadrilatero della moda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quadrilatero della moda
3665MilanoViaMontenapoleone.JPG
Via Monte Napoleone
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaMilano Milano
CittàCoA Città di Milano.svg Milano
CircoscrizioneMunicipio 1
Altri quartieriCentro storico · Brera · Porta Tenaglia · Guastalla · Conca del Naviglio · Bottonuto
Mappa di localizzazione: Milano
Quadrilatero della moda
Quadrilatero della moda
Quadrilatero della moda (Milano)
Coordinate: 45°28′11.63″N 9°11′43.23″E / 45.469898°N 9.195342°E45.469898; 9.195342

Il Quadrilatero della moda è un quartiere di Milano conosciuto in tutto il mondo come quartiere del lusso in cui si concentrano gioiellerie, boutique e showroom di abbigliamento, design e arredamento.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Situato all'interno del Municipio 1 di Milano, in pieno centro cittadino, il quartiere - conosciuto anche con il nome "Quadrilatero d'oro della moda" - è così chiamato perché è circoscritto da quattro prestigiose vie: Via Monte Napoleone, Via Manzoni, Via della Spiga e Corso Venezia.[1][2]

Meta preferita per gli amanti dello shopping e cuore pulsante degli eventi legati alla Settimana della Moda di Milano, numerosissimi sono i negozi d'abbigliamento delle firme più importanti della moda, atelier, studi e showroom che attirano turisti da tutto il mondo.[1][2]

Il cuore del "Quadrilatero della moda" è via Montenapoleone - il cui nome risale al 1804, durante la dominazione napoleonica - che risulta essere la quinta[3] strada più costosa e prestigiosa al mondo secondo l'indice «Main streets across the world», che classifica le vie dello shopping più care al livello internazionale.[4]

Il quartiere al suo interno è arricchito da vie molto eleganti, come via Borgospesso, via Santo Spirito, via Gesù, via Sant'Andrea, via Bagutta e via Verri. Tutta questa zona, inoltre, è vivace anche dal punto di vista culturale; tra i vari palazzi storici e di prestigio architettonico possiamo annoverare: le Case-museo Poldi Pezzoli e Bagatti Valsecchi, Palazzo Morando, il Grand Hotel et de Milan, la chiesa di San Francesco di Paola, Palazzo Gallarati Scotti e il Palazzo Borromeo d’Adda.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Quadrilatero della Moda - Informazioni generali, su turismo.milano.it.
  2. ^ a b c Milano e il Quadrilatero della Moda, su italia.it.
  3. ^ MAIN STREETS ACROSS THE WORLD 2015/2016 - Cushman & Wakefield, su global.cushmanwakefield.com. URL consultato il 28 marzo 2016.
  4. ^ corriere.it, su milano.corriere.it. URL consultato il 2 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]