Precotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Precotto
Precotto Milanese
ATM Irisbus 2267 Via Luigi Cislaghi.jpg
Il centro del quartiere
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Provincia Milano Milano
Città CoA Città di Milano.svg Milano
Circoscrizione Municipio 2
Presidente Samuele Piscina
Altitudine 133 m s.l.m.
Nome abitanti precottini
Patrono Arcangelo Michele
Mappa di localizzazione: Milano
Precotto
Precotto
Precotto (Milano)

Coordinate: 45°30′45.02″N 9°13′28.52″E / 45.512505°N 9.224589°E45.512505; 9.224589

Precotto (Precòtt in dialetto milanese, IPA: [preˈkɔt]) è un quartiere di Milano, posto nella periferia nord-orientale della città, appartenente al Municipio 2.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I nuclei storici di Gorla e Precotto, nella Carta di Manovra dell'IGM del 1878
Origini del nome

Sull'etimologia del nome vi sono ipotesi discordanti:

  • da una parte, potrebbe trattarsi di una forma dialettale praa/pree ("prato/prati") + cott nel senso di "riarso/-i".
  • d'altra parte, però, si segnala un antico toponimo pulcoctum (1148, 1153) o ad Pullum Coctum (1162), Precogio XIII secolo, latino ecclesiastico Praecautum, che potrebbe ricordare un'antica osteria lungo la strada tra Milano e Monza.[1]

Precotto era un piccolo centro abitato di antica origine, da sempre legato al territorio milanese, al cui interno era inserito nella Pieve di Bruzzano. Confinava con Greco ad ovest, Gorla a sud, Crescenzago ad est e Sesto San Giovanni a nord.

Agli atti del 1751, Precotto risultava come un villaggio di 260 abitanti saliti a 339 nel 1771 e a 494 nel 1805, nel pieno dell'età napoleonica, poco prima che nel 1808 il comune fosse soppresso e aggregato alla città di Milano[2], recuperando però l'autonomia dopo l'istituzione del Regno Lombardo-Veneto nel 1816.[3]

L'abitato, che nel 1853 fece registrare 834 residenti, continuò a crescere negli anni, 881 nel 1861 su una superrficie di 179 ettari, arrivando a quota mille nel 1872, a 1586 nel 1901, e a 2557 nel 1911.

Precotto costituì un comune autonomo fino al 1920, quando venne annesso da Gorla Primo nel nuovo comune di Gorla-Precotto.[4] Tuttavia dopo soli tre anni anche il comune di Gorla-Precotto venne soppresso e annesso a Milano insieme ad altri dieci comuni.[5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La chiesetta di Santa Maria Maddalena a Precotto

Il quartiere di Precotto dal Viale Monza, la prima strada a collegare Milano con Monza, e in particolare con la Villa Reale. Questa strada, costruita nella prima metà del XIX secolo, è stata la principale strada che collegava le due città, fino all'apertura del Viale Fulvio Testi. Il quartiere dovrà essere, in futuro, attraversato dalla Strada interquartiere Nord, che è la strada che dovrà collegare tra di loro i quartieri a nord del centro di Milano.

Nel quartiere sono presenti tre stazioni della linea M1 della metropolitana di Milano, Precotto, Villa San Giovanni e Sesto Marelli; quest'ultima si trova lungo il confine tra il territorio del comune di Milano e il territorio di Sesto San Giovanni. Presso il quartiere si trova anche il deposito di Precotto, costruito nella prima metà degli anni sessanta, oggi utilizzato e come deposito della metropolitana e tranviario. Precotto è, inoltre, lambito a ovest dalla ferrovia Milano-Monza, la seconda linea ferroviaria costruita in Italia.

Varie linee di autobus e una di tram, gestite da ATM, collegano Precotto ai quartieri limitrofi. In passato, Precotto era interessato al passaggio della linea tranviaria Milano-Monza, smantellata negli anni sessanta a seguito dell'apertura della metropolitana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per queste etimologie, si veda Pierino Boselli, Toponimi lombardi, Milano, SugarCo 1977, p. 224
  2. ^ Sotto il Regno d'Italia, il 9 febbraio 1808, un decreto impose l'unione della città murata di Milano con il circondario per un raggio di 4 miglia. Così facendo, si trovarono ad essere annessi alla città trentacinque comuni (Affori, Bicocca, Boldinasco, Casa Nova, Chiaravalle, i Corpi Santi, Crescenzago, Dergano, Garegnano Marcido, Gorla, Grancino, Lambrate, Lampugnano, Linate superiore ed inferiore, Lorenteggio, Macconago, Morsenchio, Musocco, Niguarda, Nosedo, Poasco, Precentenaro, Precotto, Quarto Cagnino, Quinto Sole, Redecesio, Ronchetto, San Gregorio, Segnano, Sella Nova, Trenno, Turro, Vajano, Vigentino, Villapizzone). Tuttavia con il ritorno degli Austriaci tornarono immediatamente autonomi, e il comune di Milano tornò a coincidere con la cerchia dei Bastioni (notificazione del 12 febbraio 1816).
  3. ^ Notificazione 12 febbraio 1816
  4. ^ Regio Decreto n° 1013 del 1º luglio 1920, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 177 del 28 luglio 1920
  5. ^ Regio Decreto 2 settembre 1923, n. 1912, art. 1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Milano Portale Milano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di milano