Parco Emilio Alessandrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco Emilio Alessandrini
Alessandrini 021.JPG
Il marmo di Andrea Cascella in memoria di Emilio Alessandrini
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
IndirizzoMunicipio 4
Caratteristiche
Tipoparco urbano
Superficie66.500 [1]
Inaugurazione29 gennaio 1980
GestoreComune di Milano
AperturaOrari:
  • gen-feb 6:30-20:00
  • mar-apr 6:30-21:00
  • mag 6:30-22:00
  • giu-set 6:30-23:30
  • ott-dic 6:30-20:00
Ingressi
  • via Monte Cimone
  • via Varsavia
  • via Bonfadini
  • viale Puglie
Mappa di localizzazione
Sito web

Coordinate: 45°26′59.49″N 9°13′38.33″E / 45.449858°N 9.227314°E45.449858; 9.227314

Il parco Emilio Alessandrini è un parco di Milano dedicato alla memoria del giudice Emilio Alessandrini, assassinato nel 1979 da Prima Linea, situato nell'adiacente via Tertulliano.

Il parco si estende su una superficie di 66.500 [2]. All'interno è collocata una scultura marmorea commemorativa, opera di Andrea Cascella[3]. Il parco è situato all'estremità sudorientale di Milano, affacciato su piazzale Vincenzo Cuoco, all'imbocco della via Bonfadini (il cui primo tratto è ora inglobato nel parco stesso).

La flora e le attrezzature[modifica | modifica wikitesto]

Gli alberi presenti sono: acero, ailanto, bagolaro, betulla, frassino, noce, olmo, ontano, quercia, robinia, tiglio, oltre a ombrosi gruppi di noci del Caucaso[4].

Nel parco, movimentato da piccoli rilievi artificiali, esistono due aree gioco distinte, una per i bambini fino agli otto anni e un'altra, più impegnativa, per i ragazzini fino ai quindici. Sono presenti tre campi per il gioco delle bocce e due aree riservate ai cani e, cosa poco frequente all'interno di un recinto, uno spazio riservato agli orti urbani, ciascuno dotato d'acqua per l'irrigazione e attrezzatura di base. Le robuste protezioni interne, in elementi zincati, danno al parco l'aspetto di una successione di recinti in danno della visibilità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In origine l'estensione era di 172.000 m², prima della riqualificazione del 2003. Cfr.: sito del Comune di Milano
  2. ^ sito del Comune di Milano
  3. ^ Scheda dell'opera, chieracostui.com. URL consultato il 12 gennaio 2011.
  4. ^ coltivazioniforestali, su agraria.org. URL consultato il 15 febbraio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Liliana Casieri, Lina Lepera, Anna Sanchioni, Itinerari nel verde a Milano, Comune di Milano, settore ecologia, GAV, 1989.
  • AA. VV., Enciclopedia di Milano, Milano, Franco Maria Ricci Editore, 1997.
  • Comune di Milano - Arredo, Decoro Urbano e Verde - Settore Tecnico Arredo Urbano e Verde, 50+ parchi giardini, Comune di Milano / Paysage. ed. 2010/2011

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Una delle grandi aree gioco

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]