Parco Biblioteca degli Alberi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco Biblioteca degli Alberi
Parco Biblioteca degli Alberi.jpg
Vista parziale del parco
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
IndirizzoMunicipio 9
Caratteristiche
Tipoparco urbano
Superficie90000 
Inaugurazione27 ottobre 2018
GestoreComune di Milano
AperturaAperto 24 ore su 24
Ingressi
  • piazza Gae Aulenti
  • passeggiata Luigi Veronelli
  • via Gaetano de Castillia
  • via Filippo Sassetti
  • via Melchiorre Gioia
Realizzazione
ArchitettoPetra Blaisse, Piet Oudolf, Studio Inside-Outside
Mappa di localizzazione
Coordinate: 45°29′02″N 9°11′33″E / 45.483889°N 9.1925°E45.483889; 9.1925

Il Parco Biblioteca degli Alberi (noto più semplicemente come la Biblioteca degli Alberi) è un parco pubblico situato a Milano tra via M. Gioia, via De Castillia e via Sassetti, nella zona tra Piazza Gae Aulenti e il quartiere Isola.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inaugurato il 27 ottobre 2018 e realizzato dalla designer paesaggistica olandese Petra Blaisse[1] e da Piet Oudolf,[2] insieme allo Studio Inside-Outside.[3] Il progetto del parco è stato approvato il 20 luglio 2004, attraverso un concorso noto come "Concorso internazionale di progettazione Giardini di Porta Nuova - area Garibaldi Repubblica", vinto dallo studio di progettazione Inside-Outside con il progetto “La biblioteca degli alberi”. Il costo del parco si aggira sui 14 milioni di euro. Esso si estende su 9 ettari e rappresenta la terza area verde del centro milanese per estensione, dopo il Parco Sempione e i Giardini pubblici Indro Montanelli.[4][5] È paragonato ad una biblioteca per la vegetazione che ospita, tra più di 100 specie diverse, 500 alberi disposti in 22 anelli e 135.000 piante. Il parco è poi arricchito da delle frasi poetiche disposte lungo i sentieri, area giochi per bambini, area fitness, un’area relax con chaise longue in legno e luci soffuse, aree per pic-nic attrezzate con panchine, labirinto di cespugli, un laghetto e una fontana scenografica attiva da maggio a settembre.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Parco Biblioteca degli Alberi: il progetto, il giardino. i materiali, in Architetti, 13 ottobre 2017. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  2. ^ Come Piet Oudolf, maestro dei giardini spontanei, è diventato il più grande paesaggista del mondo - LifeGate, in LifeGate, 14 dicembre 2017. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  3. ^ Maurizio Giannattasio, La semina dei milanesi, in Corriere della Sera. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  4. ^ Elisabetta Andreis, Nasce a Milano la Biblioteca degli alberi: polmone verde aperto anche di notte, in Corriere della Sera. URL consultato il 6 novembre 2018.
  5. ^ Milano: apre la Biblioteca degli alberi, 95mila metri quadri di verde a Porta Nuova, in Repubblica.it, 26 ottobre 2018. URL consultato il 6 novembre 2018.
  6. ^ Un giardino botanico curato, sicuro e con un programma culturale di iniziative gratuite ispirate agli obiettivi Onu. È BAM, il parco di Porta Nuova, nel cuore di Milano, che per l’emergenza diventa anche digitale., su lifegate.it, 9 aprile 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]