Giardino Cassina de' Pomm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giardino Cassina de' Pomm
P. Cassina de' Pomm 013.JPG
Una veduta d'assieme
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
IndirizzoGreco, Municipio 2
Caratteristiche
Tipoparco urbano
Superficie0,0106 km2
Inaugurazione2002
GestoreComune di Milano
Apertura
  • ott. mar. 9-18;
  • apr. giu. 7-20;
  • lug. set. 8-20
  • Ingressi
  • via Melchiorre Gioia
  • via Zuretti
  • Mappa di localizzazione

    Coordinate: 45°29′49.01″N 9°12′33.36″E / 45.496947°N 9.209267°E45.496947; 9.209267

    Il giardino Cassina de' Pomm è un parco della città di Milano. Sorge sulla sponda sinistra della Martesana, di fianco all'antico omonimo ritrovo, su un'area dove era localizzata la fabbrica Bonomi.

    Situato nel quartiere di Greco, tra via Melchiorre Gioia e via Zuretti, conteneva al suo interno un piccolo canale artificiale, oggi interrato per ragioni di sicurezza, che riprendeva il percorso di un'antica roggia, la quale, uscendo dalla Martesana, alimentava tre mulini.[1]

    Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

    Nel demolire la fabbrica di candele Bonomi[2] se ne è salvato, per la continuità degli elementi architettonici, il muro perimetrale prospiciente il naviglio, la passerella che ne consentiva l'attraversamento e un minuscolo bunker-garitta che si trova in una delle due aree gioco. Sulla passerella molto si è scritto e detto, ribattezzandola, senza alcun riferimento documentato a Leonardo da Vinci, addirittura Ponte di Leonardo e identificandola con il ponte che, nei Promessi sposi, avrebbe attraversato Renzo giungendo a Milano. In realtà si tratta di una semplice passerella in ferro che collegava lo stabilimento alla sponda opposta della Martesana. La ricca iconografia che accompagna la storia della Cassina de' pomm ci consente di verificare come non esistesse nessun ponte fino all'inizio del XIX secolo e come, al contrario, la passerella compaia nei primi anni del XX. Il manufatto era poi chiamato in milanese el pont di pan fis, ossia il ponte di quelli che, grazie al salario, avevano garantito il pane tutti i giorni.[1]

    Alberi e attrezzature[modifica | modifica wikitesto]

    Robinia, mirabolano, pioppo nero, tiglio selvatico, ailanto, carpino bianco, ciliegio, quercia rossa, noce nero, pioppo cipressino e diverse varietà di acero. Il piccolo canale interno, rivestito in pietra e attraversato da minuscoli ponti in legno, è fiancheggiato per lunghi tratti da cespugli di rose. Due le aree giochi per i bambini, un campo di bocce con due piste sul lato di via Zuretti.

    Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ a b Storia di un naviglio, su www.ilponte.it. URL consultato il 21 febbraio 2011.
    2. ^ (EN) Cassina de' Pomm Park, su turismo.milano.it. URL consultato il 20 gennaio 2016 (archiviato il 20 gennaio 2016).
      «According to some sources, in the area occupied by the park-garden “Cassina di Pomm”, there was a candle factory known by the locals as “la fabbrica del pan fiss” ( the “fixed bread” factory referring to a fixed or guaranteed wage).».

    Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

    • AA. VV., Enciclopedia di Milano, Milano, Franco Maria Ricci Editore, 1997.
    • Liliana Casieri, Lina Lepera, Anna Sanchioni, Itinerari nel verde a Milano, Comune di Milano, settore ecologia, GAV, 1989.
    • Alma Lanzani Abbà, Pia Meda, Alberi a Milano, Milano, CLESAV, giugno 1985, ISBN 978-88-7064-118-9.

    Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

    Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]