Residenze Libeskind

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Residenze Libeskind
Residenzelibeskind.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMilano
Coordinate45°28′34.16″N 9°09′12.23″E / 45.476156°N 9.153396°E45.476156; 9.153396
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione2004-2014
Inaugurazione2014
Stiledecostruttivismo
UsoResidenziale
Altezza59 m
Piani13
Realizzazione
ArchitettoDaniel Libeskind

Le Residenze Libeskind,[1] chiamate anche CityLife Residences,[2] sono dei complessi di 8 edifici polifunzionali adibiti a edifici residenziali realizzati dall'architetto americano Daniel Libeskind a Milano nell'ambito del progetto CityLife.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso occupa un'area totale di 150.000 m² e l'altezza massima degli edifici è di 59 metri; i piani variano da 5 a 13, per un totale di 380 unità abitative. Le facciate degli edifici presentano delle forme asimmetriche.[3][4] Le dimensioni degli appartamenti sono varie, si va dal bilocale agli attici che occupano due piani, alcuni dei quali provvisti di terrazzi coperti. Sono anche presenti alcuni ampi spazi condominiali. Nel complesso sono presenti vaste aree verdi e gli appartamenti sono dotati di un sistema integrato che ne controlla da remoto il sistema di riscaldamento e quello di condizionamento.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ edilportale.com s.p.a., Ultimi ritocchi per le Residenze Libeskind di CityLife a Milano, in Archiportale. URL consultato il 24 novembre 2017.
  2. ^ https://libeskind.com/work/city-life/
  3. ^ Residenze Libeskind - CityLife - Milano che cambia - Ordine degli architetti, P.P.C. della provincia di Milano, su www.ordinearchitetti.mi.it. URL consultato il 24 novembre 2017.
  4. ^ (EN) Hadid and Libeskind build a community of 650 homes in Milan, in Dezeen, 3 giugno 2015. URL consultato il 24 novembre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]