Torre Libeskind

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torre Libeskind
Torre Libeskind - ottobre 2019.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMilano
Coordinate45°28′43.75″N 9°09′24.73″E / 45.47882°N 9.15687°E45.47882; 9.15687
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione2015-2020
Inaugurazione2020
Stiledecostruttivismo
UsoUffici PricewaterhouseCoopers
Altezza175 m
Piani30
Realizzazione
ArchitettoDaniel Libeskind
IngegnereMauro Eugenio Giuliani - Redesco
ProprietarioAssicurazioni Generali

La Torre Libeskind o Torre PwC (soprannominata il Curvo) fa parte del progetto di CityLife, intervento di riqualificazione della storica Fiera Campionaria di Milano. La torre, con un'altezza di 175 metri, porta il nome del suo disegnatore, l'architetto americano Daniel Libeskind. È la sede degli uffici di Milano del network internazionale PricewaterhouseCoopers.[1][2][3]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio è concepito come parte di una sfera ideale che avvolge la piazza delle Tre Torri ed è stato studiato per ospitare uffici. La torre è caratterizzata dalla sua forma curva, con il suo nucleo di distribuzione verticale prismatico, che in parte fuoriesce dalla sagoma.

La torre ospita circa 3 000 persone e insieme alle torri Isozaki e Hadid completa il Business District di CityLife (zona ex-Fiera in riqualificazione).[4]

La torre è anche direttamente connessa, tramite una lobby su due livelli, alla galleria commerciale e con percorsi coperti alla fermata Tre Torri della linea M5, situata nell'omonima piazza centrale.[5]

La costruzione[modifica | modifica wikitesto]

La costruzione dell'edificio è iniziata nel 2015. A ottobre 2015 è iniziata la costruzione delle fondamenta della torre. Nei primi mesi del 2017 la costruzione è arrivata al piano terra e sono stati completati i 3 piani interrati. Ad aprile 2018 la costruzione ha raggiunto il quarto piano e a metà febbraio 2019 è stato raggiunto il 26º piano. Ad aprile 2020 è stato raggiunto il tetto, mentre nell'ottobre 2020 i lavori sono terminati e il grattacielo è stato consegnato al committente[6].

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Fasi di costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giacomo Valtolina, Milano Citylife, Pwc conquista il grattacielo «Curvo» di Libeskind, in Corriere della Sera. URL consultato il 15 febbraio 2018.
  2. ^ Sara Bettoni e Giacomo Valtolina, Libeskind battezza il grattacielo «Curvo»: «E spero ancora di realizzare un museo», in Corriere della Sera. URL consultato il 20 febbraio 2018.
  3. ^ Pwc dal 2020 trasloca nel «Curvo» di Citylife, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 20 febbraio 2018.
  4. ^ CityLife, da Starbucks all’Anteo, corsa al mall tra le torri. E spunta il «Curvo»| In volo con il drone, su milano.corriere.it. URL consultato il 27 giugno 2016.
  5. ^ Torre Libeskind - CityLife
  6. ^ Torre Libeskind: consegnato l'ultimo dei tre grattacieli di Citylife a Milano, su living.corriere.it. URL consultato il 27 aprile 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]