Parco Papa Giovanni Paolo II (Milano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco Papa Giovanni Paolo II
Parco delle Basiliche San Lorenzo.jpg
Il parco dietro l'abside di San Lorenzo
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
IndirizzoMunicipio 1
Caratteristiche
Tipoparco urbano
Superficie40700 
Inaugurazionea partire dal 1934
GestoreComune di Milano
AperturaOrari:
  • Da ottobre a marzo: dalle ore 06:30 alle ore 22:00
  • Da aprile a giugno: dalle ore 06:30 alle ore 23:00
  • Da luglio a settembre: dalle ore 06:30 alle ore 23:30
Ingressidieci lungo il perimetro
Mappa di localizzazione
Coordinate: 45°27′20.8″N 9°10′48.13″E / 45.455779°N 9.180037°E45.455779; 9.180037

Il parco Papa Giovanni Paolo II, già "parco delle Basiliche", è un parco della città di Milano. È così chiamato perché collega la basilica di San Lorenzo e la basilica di Sant'Eustorgio. L'ampio corridoio verde è attraversato dalla via Molino delle Armi, parte della Cerchia dei Navigli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ruderi dell'anfiteatro romano, I secolo d.C.

La sua storia inizia con una variante di PRG del 1925 che prevedeva di riqualificare i terreni paludosi sul retro di San Lorenzo e abbattere alcuni edifici che circondavano la basilica stessa, creando uno spazio tra essa e le omonime colonne romane, e la piazza Vetra sul suo retro: i lavori ebbero luogo nel 1934, contemporaneamente ad altri resi necessari dalla copertura della Cerchia dei Navigli. Il progetto dell'area verde invece risale al dopoguerra, e fu realizzato dagli architetti Bagatti Valsecchi e Grandi, come una passeggiata archeologica tra i due antichi templi, le colonne di San Lorenzo e i pochi ruderi dell'anfiteatro romano che si trovano sul lato sinistro di corso di Porta Ticinese.

Al margine dell'area delle strade della "movida milanese", contornato da numerosi locali, il parco fu a lungo al centro di una polemica cittadina sulla necessità di recintarlo per controllare ed evitare vandalismi, consumo e spaccio di droga, turbamento della quiete pubblica e parcheggi selvaggi.[1] La polemica si chiuse di fatto in occasione dei lavori di risistemazione per il Giubileo del 2000. Da allora, si accede al parco attraverso dieci varchi controllati e sotto l'occhio delle telecamere. In quell'occasione, il parco venne anche intitolato al papa Giovanni Paolo II.

Sant'Eustorgio, la cappella Brivio, verso il parco

Dal 2001, presso i Chiostri di Sant'Eustorgio, con ingresso da corso di Porta Ticinese 95, è aperto il Museo diocesano[2] che espone centinaia di opere d'arte sacra e arredi che abbracciano quasi due millenni di storia milanese.

Alberi presenti[modifica | modifica wikitesto]

All'ingresso sud, da via Molino delle Armi, si incontra un interessante gruppo di gelsi e poco più avanti un rarissimo esemplare di celtis orientalis, bagolaro della Guinea. Tra le altre specie, spiccano gli aceri, la betulla, l'olmo, il platano, il pruno, le querce e il tiglio, disseminati su vasti prati.

Nel parco vi sono tre aree gioco attrezzate, un campo per la pallavolo e due spazi recintati riservati ai cani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Carlo Lovati, Piazza Vetra, ventiquattr' ore di degrado, in Corriere della Sera, 1º maggio 1999. URL consultato il 12 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2015).
  2. ^ museodiocesano, su museodiocesano.it. URL consultato il 19 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2008).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alma Lanzani Abbà, Pia Meda, Alberi a Milano, fotografie di Gabriele Lanzani et al; illustrazioni di Silvia Rovati, Milano, CLESAV - Vooperativa Libraria Editrice per le Scienze Agrarie, Alimentari e Veterinarie, giugno 1985.
  • Liliana Casieri, Lina Lepera; Anna Sanchioni, Itinerari nel verde a Milano, supervisione botanica: Pia Meda; supervisione farmacognostica: Massimo Rossi; Illustrazioni e impaginazione: Linke Bossi, Consonni, Montobbio, Comune di Milano, settore ecologia, GAV.
  • AA. VV., Enciclopedia di Milano, Milano, Franco Maria Ricci Editore, 1997.
  • AA. VV. La magia delle piante, 1987, Segrate, Milano, Roland ed Elfie E. Wolf editore.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]