Giardino dei Giusti di tutto il mondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giardino dei Giusti di Tutto il Mondo
Monte Stella Percorsi Milano.jpg
Il Parco Monte Stella
Localizzazione
Stato Italia Italia
Località Milano
Indirizzo Viale dei Giusti zona QT8
Informazioni generali
Tipo Parco storico
Inaugurazione 24 gennaio 2003
Gestore Associazione promossa dal Comune di Milano, dall' UCEI e dal Comitato Gariwo la foresta dei Giusti
Apertura Sempre accessibile raggiungibile con linea metropolitana M1 fermata QT8. Bus linea 40 - 68 - 69
Ingressi Via Cimabue, Via Terzaghi, Via Isernia, Via Sant'Elia
Note Il primo Giardino aperto in Italia[1] ed il quarto nel mondo dopo quello di Gerusalemme, Yerevan e Sarajevo
Realizzazione
Proprietario Comune di Milano
Sito web www.gariwo.net
« C'è un albero per ogni uomo che ha scelto il bene »
(Scritta sul cippo all'ingresso del Giardino dei Giusti di Milano[2])

Il Giardino dei Giusti di tutto il mondo di Milano[3] è un memoriale ai difensori dei genocidi situato nel Parco Monte Stella[4] e che ispirandosi al giardino e museo Yad Vashem di Gerusalemme nasce per onorare persone di tutto il mondo, che con le loro azioni si sono opposte a qualsiasi genocidio. Il giardino dedica uno specifico cippo di granito ed albero di pruno[5] ad ogni persona riconosciuta Giusta.

Inaugurato il 24 gennaio 2003[6] si trova lungo un viale all'interno del parco di 370 000 , denominato 'Viale dei Giusti'[7] sul suo rilievo artificiale situato nella zona nord-ovest di Milano, nel quartiere QT8, ovvero il Quartiere Triennale 8. Fu realizzato dal Comune di Milano[8]. Dal 2008[9] è gestito da una associazione promossa dal Comune di Milano e dalla Unione delle comunità ebraiche italiane[10] e da Gariwo la foresta dei Giusti.[11]

I Giusti di tutti i genocidi[modifica | modifica wikitesto]

« Nel Giardino vengono piantati ogni anno nuovi alberi per onorare gli uomini e le donne che hanno aiutato le vittime delle persecuzioni, difeso i diritti umani ovunque fossero calpestati, salvaguardato la dignità dell’Uomo contro ogni forma di annientamento della sua identità libera e consapevole, testimoniato a favore della verità contro i reiterati tentativi di negare i crimini perpetrati »
(Lo scopo del giardino nella spiegazione di Gariwo la foresta dei Giusti[12])

Il Giardino dei Giusti di tutto il mondo di Milano così come il più noto giardino di Gerusalemme, vuole celebrare i giusti di tutte le nazioni che hanno avuto a che fare con ogni genocidio e non solo quindi con l'olocausto degli ebrei. Chi giunge nel giardino di Milano, infatti, nota immediatamente non solo i cippi[13] commemorativi, corrispondenti ai primi tre alberi piantati, per Moshe Bejski in onore dei Giusti tra le Nazioni di Yad Vashem di Gerusalemme, per Pietro Kuciukian in onore dei Giusti per gli Armeni di Dzidzernagapert, Yerevan e per Svetlana Brozin onore dei Giusti contro la pulizia etnica in Bosnia-Erzegovina, Sarajevo,[14] ma tanti altri cippi con rispettivi alberi dedicati a personaggi di altre aree geografiche della terra, teatri di genocidi, massacri ed ingiustizie. Vi sono infatti cippi e alberi dedicati a:

Stele posta all'ingresso del Giardino dei Giusti di tutto il mondo di Milano

Storia e Struttura del giardino[modifica | modifica wikitesto]

Cippo Giardino dei Giusti di tutto il mondo nel Parco Monte Stella di Milano

Il Giardino dei Giusti di Tutto il Mondo di Milano è stato il primo giardino dei giusti aperto in Italia ed il quarto nel mondo, dopo quello di Gerusalemme, Yerevan e Sarajevo.[19]

Il giardino è stato realizzato su proposta di Gabriele Nissim, storico italiano e presidente del Comitato Giardino dei Giusti per dedicare uno luogo specifico di Milano alla memoria di tutte quelle persone nel mondo che si erano contraddistinte per la loro resistenza morale.[20]

Inaugurato il 24 gennaio 2003, cinque anni dopo nel 2008, il Consiglio comunale decise di dare forma giuridica al luogo del parco contenente il giardino, tramite una associazione costituita il 13 novembre del 2008. I soci fondatori di questa associazione sono : Il Comune di Milano, l'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI) e il Comitato mondiale Gariwo la foresta dei Giusti.[21]

Cartello 'viale dei Giusti' nel Giardino dei Giusti di tutto il mondo di Milano

Il Giardino dei Giusti è situato nel Parco Monte Stella noto ai milanesi anche come e Montagna de San Sir una collinetta artificiale formata inizialmente con l'accumulo di macerie provocate dai bombardamenti, effettuati dagli Alleati, durante la seconda guerra mondiale e con altro materiale proveniente dalla demolizione degli ultimi tratti dei bastioni, avvenuta dopo il 1945. L'intero parco si estende oggi per 370.000 metri quadrati.

I primi alberi sono stati dedicati ai personaggi dei primi tre Giardini nel mondo: A Moshe Bejski, giardino di Gerusalemme in Israele; a Pietro Kuciukian, giardino di Yerevan in Armenia; a Svetlana Broz giardino di Sarajevo in Bosnia-Erzegovina. A luglio 2012 il giardino contava 22 alberi[22] dedicati a uomini e donne di tutto il mondo.

Nel 2012, l'Associazione a capo della gestione del Giardino, ha proposto[23] un workshop presso la facoltà di Architettura e società del Politecnico di Milano con un concorso per la realizzazione di proposte innovative con lo scopo di conferire al Giardino dei Giusti un'architettura più consistente e comunicativa.

Gabriele Nissim, presidente di Gariwo la foresta dei Giusti, e l'architetto Stefano Valabrega hanno suggerito un effetto comunicativo maggiore, più diretto e senza monumentalismi. La filosofia del giardino non è improntata alla celebrazione ma al dialogo e al riconoscimento di culture e di valori diversi che s'incontrano e convivono in nome del bene, in nome della difesa dell'umanità ferita.[24]. I lavori saranno realizzati in vista dell'Expo 2015.[25]

Il giardino in vista di Expo 2015 a Milano[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di ottobre 2013, in vista di Expo 2015, è stata annunciata dal Comune di Milano e da Gabriele Nissim, la decisione di rinnovare e di ampliare, il "Giardino dei Giusti di Tutto il Mondo" di Milano. L'architetto incaricato, Stefano Valabrega, ha spiegato che sono previsti al Parco Montestella di San Siro, sede del "Giardino", nuovi "ambienti": "un Giardino del Dialogo", "un giardino della Meditazione", "un Luogo dedicato alla Memoria della Città" e "un Auditorium"[26][27][28]

Cerimonia[modifica | modifica wikitesto]

« Il Giusto è un cittadino del mondo e non ha una sola patria »
(Gabriele Nissim, Presidente del Comitato Gariwo la foresta dei Giusti[29])

La cerimonia consiste nel dedicare un cippo di granito con il nome e la ragione di quanto fatto dal personaggio sotto un albero di un pruno messo a dimora alla sua presenza o quella dei suoi familiari.

La celebrazione, aperta al pubblico si svolge nel luogo del parco dedicata al Giardino ed è organizzata dal Comune di Milano[30], e dagli altri due componenti dell'associazione preposta, l'UCEI e Gariwo la foresta dei Giusti.

I cippi del Monte Stella: Intestazioni e motivazioni[modifica | modifica wikitesto]

Cippo alla memoria di Anna Politkovskaja

Cerimonia del 6 marzo 2014[modifica | modifica wikitesto]

  • Papa Giovanni XXIII - Delegato apostolico in Turchia ha salvato molti ebrei dallo sterminio nazista e con il Concilio Vaticano II ha aperto la chiesa al dialogo tra le religioni. Frase sul cippo alla memoria di Papa Giovanni XXIII.
  • Beatrice Rohner - Educatrice svizzera, ha rischiato la vita per soccorrere in Turchia gli orfani armeni sopravvissuti al genocidio del 1915-1916. Frase sul cippo alla memoria di Beatrice Rohner.
  • Nelson Mandela - Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la pace [[{{{3}}}]] Nobel per la pace, ha difeso i diritti umani in Sudafrica e sconfitto l'apartheid con la nonviolenza scegliendo verità e riconciliazione. Frase sul cippo alla memoria di Nelson Mandela.

Giornata europea dei Giusti[modifica | modifica wikitesto]

Su disposizione del parlamento europeo, il 10 maggio 2012 fu deciso con una mozione votata da 388 parlamentari, di dedicare un giorno all'anno ai 'Giusti' di tutto il mondo, una Giornata europea dei Giusti (European day of the Righteous) per commemorare coloro che si erano opposti con responsabilità individuale ai crimini contro l'umanità e ai totalitarismi.

Venne stabilito che sarebbe stata celebrata il 6 marzo di ogni anno, anniversario della morte di Moshe Bejski.

Il 6 marzo 2013, la prima celebrazione della Giornata Europea dei Giusti, sono state stabilite in Italia ed in Europa diverse manifestazioni[31]. Il sito ufficiale di Gariwo la foresta dei Giusti ha riportato la mappa degli eventi. Milano è stata capofila delle iniziative per la prima Giornata europea dei Giusti e fonte d'ispirazione per le iniziative in Europa. Le manifestazioni in alcune principali città italiane sono state:

il 6 marzo di ogni anno

Inoltre, altre celebrazioni sono state tenute[32] a : Monza, Brescia, Modena, Formigine, Tolentino, Carnate, San Marino, Benevento e Cotignola.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Primo Giardino in Italia
  2. ^ Cippo monumentale nel sito di Gariwo la foresta dei Giusti
  3. ^ Il Giardino di Milano in StoriaMilano
  4. ^ Una collinetta artificiale formata inizialmente con l'accumulo di macerie provocate dai bombardamenti, effettuati dagli Alleati, durante la Seconda guerra mondiale e con altro materiale proveniente dalla demolizione degli ultimi tratti dei bastioni, avvenuta dopo il 1945. Il progetto si deve all'architetto Piero Bottoni, che lo dedicò alla moglie Elsa Stella, da cui la collina prende il nome
  5. ^ Gli alberi sono ciliegi da fiore
  6. ^ Il Giardino di Milano nel sito di Gariwo
  7. ^ Viale dei Giusti al Parco Monte Stella
  8. ^ Sito del Comune di Milano
  9. ^ Presentazione associazione nel sito del Comune di Milano
  10. ^ Sito della UCEI
  11. ^ Sito di Gariwo
  12. ^ Lo Scopo del Giardino spiegato nel sito di Gariwo
  13. ^ Le scritte sui tre cippi principali
  14. ^ I tre cippi commemorativi nel sito della Milano Metropoli
  15. ^ Valtolina Giacomo, Primo Levi nel Giardino dei Giusti, in Corriere della Sera, 18 aprile 2012, p. 1. URL consultato il 6 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  16. ^ La Biblioteca d'Israele
  17. ^ 4 nuovi cippi il 6 marzo 2013
  18. ^ Giardino dei Giusti 4 nuovi cippi e alberi il 6 marzo 2013
  19. ^ Sito del Comune di Milano sul Giardino dei Giusti di tutto il Mondo
  20. ^ Corsera 6 maggio 2009
  21. ^ Membri fondatori dell'Associazione
  22. ^ Un workshop sul Giardino dei giusti
  23. ^ Un workshop per il Giardino
  24. ^ Un workshop per l'innovazione del Giardino su Il Giornale dell'Architettura, n. 104, aprile 2012
  25. ^ I lavori di riqualificazione del Giardino in vista di Expo 2015
  26. ^ Moked/מוקד il portale dell'ebraismo italiano
  27. ^ Comune di Milano
  28. ^ Comune di Milano in vista di Expo
  29. ^ Uno scritto di Gabriele Nissim
  30. ^ La Celebrazione nel sito del Comune di Milano
  31. ^ Manifestazioni nelle città europee
  32. ^ Manifestazioni nelle città italiane

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lorenzo Consalez e Alessandro Rocca, Il Giardino a crescita illimitata - Riflessioni e progetti per il giardino dei Giusti di Milano, Proedi Editore, Milano 2013
  • Gabriele Nissim, La bontà insensata. Il segreto degli uomini giusti, Mondadori Editore, Milano 2011, ISBN 88-04-60660-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Milano Portale Milano: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Milano