Yusra Mardini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Yusra Mardini
Yusra Mardini portrait.png
Nazionalità Siria Siria
Altezza 168 cm
Peso 53 kg
Nuoto Swimming pictogram.svg
Specialità Stile libero, farfalla
Squadra Wasserfreunde Spandau 04
 

Yusra Mardini (Damasco, 5 marzo 1998) è una nuotatrice siriana, specializzata nello stile libero e nello stile farfalla. Vive in Germania con lo status ufficiale di rifugiata dal 14 marzo 2016.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Yusra Mardini cresce a Damasco, in Siria. Ha una sorella maggiore di nome Sarah, anch'essa una nuotatrice, e una sorella più giovane.[1][2] Anche loro padre pratica questo sport.[3] Yusra inizia a praticare il nuoto a partire dall'età di tre anni. In seguito allo scoppio della guerra civile in Siria, diventa più difficile e pericoloso vivere nel Paese a causa dei bombardamenti. Anche la piscina dove Yusra si allena viene danneggiata dalle bombe.[3][4] Successivamente, i Mardini vedono la loro casa distrutta e di conseguenza perdono anche tutti i loro averi.[3]

Nell'estate del 2015, le sorelle Mardini, insieme a un cugino di loro padre e ad altri profughi, intraprendono un viaggio per scappare dalla Siria.[3][5]

Intraprendono così un cammino lungo un mese che li porta dapprima a Beirut, in Libano, successivamente in Turchia.[3] Una volta raggiunte le sponde turche del Mar Egeo, a Smirne pagano degli scafisti per essere portati in Grecia. Il primo tentativo di varcare i confini dell'Unione europea fallisce quando i profughi vengono intercettati dalla guardia costiera e riportati in Turchia.

In una notte di agosto, tentano una nuova traversata su un gommone diretto verso l'isola di Lesbo. Durante il viaggio, il natante, sovraffollato a causa della presenza di 20 passeggeri,[5] inizia a imbarcare acqua. I profughi sono costretti a gettare in mare i loro bagagli. Yusra, Sarah e un'altra ragazza in grado di nuotare, si tuffano in acqua e trainano a nuoto il gommone verso la riva. Il loro sforzo, durato tre ore e trenta minuti, permette al gruppo di profughi di salvarsi da un naufragio e raggiungere le coste greche.[3]

Una volta in Europa, Yusra e Sarah attraversano i Balcani, a piedi e in treno, passando per Macedonia, Serbia, Ungheria e Austria. Nel mese di settembre, trovano accoglienza in Germania, a Berlino. Qui riprendono a praticare il nuoto, presso la piscina del club Wasserfreunde Spandau 04, situata a poca distanza dal campo profughi dove vivono e costruita in occasione delle Olimpiadi del 1936.[4] A Berlino la famiglia si riunisce, con l'arrivo dei genitori e della terza figlia, che chiedono lo status di rifugiati.[3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Prima della guerra, Yusra Mardini aveva rappresentato la Siria ai Campionati mondiali di nuoto in vasca corta 2012, in Turchia.[1]

Nel mese di marzo del 2016, dopo aver ripreso ad allenarsi a Berlino, insieme all'allenatore Sven Spannekrebs, viene selezionata per far parte della nuova squadra degli Atleti Olimpici Rifugiati ai Giochi della XXXI Olimpiade di Rio de Janeiro.[6]

La presenza di questa squadra è frutto di un'iniziativa del Comitato Olimpico Internazionale per portare attenzione sulla crisi globale dei rifugiati.[7][8] Yusra Mardini diventa così, insieme ai suoi compagni di squadra, anche un simbolo di speranza agli occhi dei rifugiati e di tutto il mondo.[8][9]

Il 6 agosto partecipa ai 100 metri farfalla femminili con un tempo di 1:09.21 nella fase delle batterie.[10][11][12]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dalla guerra siriana alla speranza tedesca: il nuoto salva due sorelle, in gazzetta.it, 10 novembre 2015. URL consultato il 18 agosto 2016.
  2. ^ Nuoto, Yusra, salvata dal nuoto in fuga dalla Siria: "Ma il mare mi fa paura", in gazzetta.it, 18 marzo 2016. URL consultato il 18 agosto 2016.
  3. ^ a b c d e f g (EN) Marie Doezema, the swimmer who fled Syria, in newyorker.com, 7 aprile 2016. URL consultato il 18 agosto 2016.
  4. ^ a b (EN) The inspirational olympic journey of refugee swimmer yusra mardini, in olympic.org, 18 marzo 2016. URL consultato il 18 agosto 2016.
  5. ^ a b (EN) Ciaran Fahey, Olympic dream burns bright for Syrian refugee, in thestar.com, 18 marzo 2016. URL consultato il 18 agosto 2016.
  6. ^ Raffaella Scuderi, Rio 2016, nuotò per salvarsi: 18enne siriana andrà alle Olimpiadi, in Repubblica.it. URL consultato il 18 agosto 2016.
  7. ^ (FR) Le CIO crée une équipe d'athlètes olympiques réfugiés, in olympic.org, Comitato Olimpico Internazionale, 15 luglio 2016. URL consultato il 18 luglio 2016.
  8. ^ a b (EN) Refugee Olympic Team to shine spotlight on worldwide refugee crisis, in olympic.org, 3 giugno 2016. URL consultato il 18 agosto 2016.
  9. ^ (EN) Syrian refugee mardini swims for joy after swimming for her life, in olympic.org. URL consultato il 18 agosto 2016.
  10. ^ (EN) Robert Kitson, Yusra Mardini delights with butterfly heat win for Refugee Olympic Team, in theguardian.com, 6 agosto 2016. URL consultato il 18 agosto 2016.
  11. ^ (EN) All-rounder hosszu finally swims to first olympic gold, in olympic.org, 7 agosto 2016. URL consultato il 18 agosto 2016.
  12. ^ (EN) Women's 100m Butterfly, in rio2016.com (archiviato dall'url originale il 7 agosto 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN8519152381809301950004 · ISNI (EN0000 0004 6876 9959 · LCCN (ENn2018002889 · GND (DE1157044646 · BNF (FRcb17806084t (data) · NDL (ENJA001327448 · WorldCat Identities (ENlccn-n2018002889