Giochi della XXXI Olimpiade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giochi della XXXI Olimpiade
Rio giochi 2016.svg
A new world
Um mundo novo
(traduzione: Un mondo nuovo)[1]
Città ospitante Rio de Janeiro, Brasile
Nazioni partecipanti 207 (vedi sotto)
Atleti partecipanti 11.303
Competizioni 306 in 28 sport
Cerimonia apertura 5 agosto 2016
Cerimonia chiusura 21 agosto 2016
Aperti da Michel Temer
Giuramento atleti Robert Scheidt
Giuramento giudici Martinho Nobre
Ultimo tedoforo Vanderlei de Lima
Stadio Estádio Jornalista Mário Filho (Maracanã)
Medagliere
Nazione Medaglie d'oro vinte Medaglie d'argento vinte Medaglie di bronzo vinte Medaglie complessive vinte
Stati Uniti Stati Uniti d'America 46 37 38 121
Gran Bretagna Gran Bretagna 27 23 17 67
Cina Cina 26 18 26 70
Cronologia dei Giochi olimpici
Giochi precedenti Giochi successivi
Londra 2012 Tokyo 2020

I Giochi della XXXI Olimpiade (Jogos da XXXI Olimpíada) si sono svolti a Rio de Janeiro, in Brasile, dal 5 al 21 agosto 2016. Tuttavia alcune partite di calcio maschile e femminile sono state anticipate al 3 e 4 agosto.

Il Brasile è diventato il primo stato sudamericano (e il secondo latinoamericano)[2] a ospitare un'edizione dei Giochi olimpici estivi.

Assegnazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Selezione della città organizzatrice dei Giochi della XXXI Olimpiade.
Risultati assegnazione della XXXI Olimpiade
Città Nazione 1º giro 2º giro 3º giro
Rio de Janeiro Brasile Brasile 26 46 66
Madrid Spagna Spagna 28 29 32
Tokyo Giappone Giappone 22 20 -
Chicago Stati Uniti Stati Uniti 18 - -
L'ex presidente del Brasile Lula tiene in mano la bandiera nazionale insieme all'ex calciatore Pelé il 2 ottobre 2009 a Copenaghen (Danimarca), durante la scelta di Rio de Janeiro come sede dei Giochi Olimpici 2016.

Il processo per selezionare la città che avrebbe ospitato i Giochi della XXXI Olimpiade ebbe inizio ufficialmente il 16 maggio 2007[3]. Le città candidate poterono presentare le loro offerte al Comitato Olimpico Internazionale (CIO) a partire dal 13 settembre 2007 ed entro il 14 gennaio 2008.

Il 4 giugno 2008 il Comitato Olimpico selezionò i finalisti: Chicago, Madrid, Rio de Janeiro e Tokyo (già ospitante i Giochi Olimpici del 1964). Il CIO scartò invece Doha, Baku e Praga: la città del Qatar, nonostante avesse anche realizzato un punteggio più alto rispetto alla futura città ospitante, ovvero Rio de Janeiro, aveva intenzione di ospitare i giochi nel mese di ottobre, al di fuori del calendario sportivo del CIO; Praga e Baku non raggiunsero invece un punteggio sufficiente.

L'ex-atleta marocchina Nawal El Moutawakel ricoprì per la seconda volta, dopo le Olimpiadi di Londra 2012, il ruolo di presidentessa del Comitato Olimpico durante la votazione finale, svoltasi il 2 ottobre 2009 a Copenaghen, in Danimarca, durante la 121ª Sessione del CIO. Chicago e Tokyo vennero eliminate rispettivamente dopo il primo e il secondo turno, mentre durante il terzo turno Rio de Janeiro prevalse su Madrid. Dopo la squalificazione di Buenos Aires per quattro volte, e di Brasilia durante le candidature per i Giochi Olimpici del 2000, Rio de Janeiro diventò la prima città del Sud America a ospitare le Olimpiadi estive[4].

Sviluppo e preparazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 Giugno 2011 è stata riportata dal sito AroundTheRings.com la notizia delle dimissioni di Roderlei Generali, il direttore esecutivo del Comitato organizzatore dei Giochi Olimpici di Rio de Janeiro, ad un solo anno dall'inizio del lavoro. Questo solo cinque mesi dopo la rinuncia del direttore esecutivo Flávio Pestana per motivi personali. Pestana si ritirò più tardi durante i Giochi Paralimpici del 2012. Renato Ciuchin divenne quindi il nuovo direttore esecutivo.

Sedi di gara[modifica | modifica wikitesto]

I Giochi Olimpici e Paralimpici del 2016 hanno utilizzato una serie di strutture in parte preesistenti e in parte costruite ex-novo. La maggior parte degli eventi si tiene a Barra da Tijuca, che ospita anche il villaggio olimpico. I restanti eventi sono concentrati in tre diverse zone: Copacabana, Maracanã e Deodoro[5]. Gli unici eventi a svolgersi fuori città sono alcune partite di calcio[6].

Rio de Janeiro[modifica | modifica wikitesto]

Zona Barra[modifica | modifica wikitesto]
Zona Deodoro[modifica | modifica wikitesto]
Zona Maracanã[modifica | modifica wikitesto]
Zona Copacabana[modifica | modifica wikitesto]

Fuori Rio de Janeiro[modifica | modifica wikitesto]

L'Estádio Olímpico João Havelange, dove si sono tenute le gare di atletica e il Maracanã, dove si sono tenute le cerimonie di apertura e chiusura e le finali del torneo di calcio.

I Giochi[modifica | modifica wikitesto]

Paesi partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Tra parentesi, il numero di atleti partecipanti.

Creatrice delle Olimpiadi

In totale i partecipanti sono 11.360.

Cerimonia di apertura[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cerimonia di apertura dei Giochi della XXXI Olimpiade.

La cerimonia di apertura si è svolta il 5 agosto 2016 presso l'Estádio Jornalista Mário Filho, meglio noto come Maracanã. La direzione creativa è stata affidata a Fernando Merelles, Daniela Thomas e Andrucha Wasddington.

Cerimonia di chiusura[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cerimonia di chiusura dei Giochi della XXXI Olimpiade.

La cerimonia di chiusura si è svolta il 21 agosto 2016, anch'essa presso l'Estádio Jornalista Mário Filho. Per la seconda volta nella storia delle Olimpiadi estive, lo stadio sede delle cerimonie di apertura e chiusura non è stato lo stesso dove si sono tenute le gare di atletica.

Discipline[modifica | modifica wikitesto]

In questa edizione gli sport sono passati da 26 a 28 con l'arrivo di due discipline.

Il golf è tornato ad essere fra le discipline riconosciute a livello olimpico dopo esservi stato escluso per oltre un secolo. Infatti le prime e ultime edizioni olimpiche ad aver insignito la categoria risalgono a Parigi 1900 e a Saint Louis 1904.

A tornare è stato anche il rugby, presente in alcune delle prime edizioni, ma nella sua forma a 7.

Il programma delle olimpiadi estive 2016 ha previsto 28 sport e un totale di 42 discipline.

Calendario[modifica | modifica wikitesto]

Le gare si sono tenute dal 3 al 21 agosto 2016. Le cerimonie di apertura e di chiusura si sono svolte presso lo Maracanã.

Cerimonia d'apertura Competizioni Finali G Galà della ginnastica Cerimonia di chiusura
Agosto Mer Gio Ven Sab Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom Totale
3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21
Olympic rings with white rims.svg Cerimonia d'apertura
Athletics pictogram.svg Atletica leggera 3 5 4 5 5 4 6 7 7 1 47
Badminton pictogram.svg Badminton 1 1 2 1 5
Volleyball (beach) pictogram.svg Beach volley 1 1 2
Football pictogram.svg Calcio 1 1 2
Canoa
Kayak
Canoeing (flatwater) pictogram.svg Acque libere 4 4 4 16
Canoeing (slalom) pictogram.svg Slalom 1 1 2
Rowing pictogram.svg Canottaggio 2 4 4 4 14
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg Ciclismo su strada 1 1 2 18
Cycling (track) pictogram.svg Ciclismo su pista 1 2 2 1 1 3
Cycling (mountain biking) pictogram.svg Mountain bike 1 1
Cycling (BMX) pictogram.svg BMX 2
Equitazione Equitazione 2 1 1 1 1 6
Ginnastica Gymnastics (artistic) pictogram.svg Ginnastica artistica 1 1 1 1 4 3 3 G 18
Gymnastics (rhythmic) pictogram.svg Ginnastica ritmica 1 1
Gymnastics (trampoline) pictogram.svg Trampolino elastico 1 1
Golf pictogram.svg Golf 1 1 2
Field hockey pictogram.svg Hockey su prato 1 1 2
Judo pictogram.svg Judo 2 2 2 2 2 2 2 14
Wrestling pictogram.svg Lotta 2 2 2 3 3 2 2 2 18
Natation Nuoto 4 4 4 4 4 4 4 4 1 1 34
Synchronized swimming pictogram.svg Nuoto sincronizzato 1 1 2
Basketball pictogram.svg Pallacanestro 1 1 2
Handball pictogram.svg Pallamano 1 1 2
Water polo pictogram.svg Pallanuoto 1 1 2
Volleyball (indoor) pictogram.svg Pallavolo 1 1 2
Modern pentathlon pictogram.svg Pentathlon moderno 1 1 2
Boxing pictogram.svg Pugilato 1 1 1 1 1 1 3 4 13
Rugby union pictogram.svg Rugby a 7 1 1 2
Fencing pictogram.svg Scherma 1 1 1 1 2 1 1 1 1 10
Weightlifting pictogram.svg Sollevamento pesi 1 2 2 2 2 2 1 1 1 1 15
Taekwondo pictogram.svg Taekwondo 2 2 2 2 8
Tennis pictogram.svg Tennis 1 1 3 5
Table tennis pictogram.svg Tennistavolo 1 1 1 1 4
Tir Tiro a segno / volo 2 2 2 1 2 1 2 2 1 15
Archery pictogram.svg Tiro con l'arco 1 1 1 1 4
Triathlon pictogram.svg Triathlon 1 1 2
Diving pictogram.svg Tuffi 1 1 1 1 1 1 1 1 8
Sailing pictogram.svg Vela 2 2 2 2 2 10
Olympic rings with white rims.svg Cerimonia di chiusura
Medaglie 12 14 14 15 20 19 24 21 22 17 25 16 23 22 30 12 306
Agosto Mer Gio Ven Sab Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom Totale
3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

Medagliere[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Medagliere dei Giochi della XXXI Olimpiade e Podi della XXXI Olimpiade.

Di seguito le prime 10 posizioni del medagliere:

Pos. Paese Oro Argento Bronzo Riepilogo
1 Stati Uniti Stati Uniti d'America 46 37 38 121
2 Gran Bretagna Gran Bretagna 27 23 17 67
3 Cina Cina 26 18 26 70
4 Russia Russia 19 18 19 56
5 Germania Germania 17 10 15 42
6 Giappone Giappone 12 8 21 41
7 Francia Francia 10 18 14 42
8 Corea del Sud Corea del Sud 9 3 9 21
9 Italia Italia 8 12 8 28
10 Australia Australia 8 11 10 29

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) A New World: Rio 2016 unveils the official slogan for Olympic and Paralympic Games, rio2016.com, 14 giugno 2016. URL consultato l'8 agosto 2016.
  2. ^ Dopo Città del Messico 1968.
  3. ^ (EN) Four on 2016 Olympics short-list, BBC News, 4 giugno 2008. URL consultato l'8 agosto 2016.
  4. ^ (EN) 2016 Bid Process Launched, International Olympic Committee, 16 maggio 2007. URL consultato l'8 agosto 2016.
  5. ^ http://rio2016.com/os-jogos/mapas/mapa-de-instalacoes
  6. ^ http://rio2016.com/os-jogos/mapas/mapa-cidades-do-futebol

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN123572023 · LCCN: (ENno2010046683 · GND: (DE7705398-9