Guerra civile siriana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guerra civile siriana
parte della primavera araba
Syrian Civil War map.svg
Situazione militare attuale: Rosso: Forze governative, Verde: Opposizione, Giallo: Rojava (YPG), Grigio: ISIS, Bianco: Fronte al-Nusra
Vedi anche mappe dettagliate di Daraa, Damasco, Aleppo, Deir el-Zor, Hasaka, Qamishli
Data 15 marzo 2011 - in corso
Luogo Siria, con sconfinamento principale in Iraq e sconfinamenti minori in Libano, Turchia e Giordania
Esito Conflitto in corso
Schieramenti
Bandiera Siria Coalizione nazionale siriana

Supporto:
Stati Uniti Stati Uniti
Francia Francia
Arabia Saudita Arabia Saudita
Qatar Qatar
Turchia Turchia[3]

Formazioni jihadiste:

Altre formazioni

Supporto:
Arabia Saudita Arabia Saudita
Qatar Qatar
Turchia Turchia



Flag of the Islamic State of Iraq and the Levant2.svg Stato Islamico[8]
Dal 3 gennaio 2014 in conflitto anche con il resto delle forze ribelli.



Flag of Syria.svg Repubblica Araba di Siria

Iran Iran[12]
Flag of Hezbollah.svg Hezbollah[13]

PFLP-GC Flag.svg FPLP-CG[14]

Milizie sciite irachene e altre formazioni[15]

Supporto diretto:

Russia Russia[16]
Iraq Iraq[17]
Flag of Syrian Kurdistan.svg Comitato Supremo Curdo (DBK)

Partito dell'Unione Siriaca

Coat of Arms of Kurdistan.svg Governo Regionale del Kurdistan

Milizie assire e altre formazioni

Supporto diretto:

Comandanti
Effettivi
Esercito Siriano Libero: 90.000 - 100.000[23]

Fronte Islamico: 45.000[24]
Fronte Al-Nusra: 15.000[25]



Stato Islamico di Iraq e Levante: 8.500[26] (2013) - 50.000[27]


5.000[28] - 20.000[29] combattenti non siriani
Forze armate siriane:
200.000 soldati (2011)[30]
178.000 soldati (2013)[31]

Forza Nazionale di Difesa: 80.000
Shabiha: 10.000[32]
Jaysh al-Sha'bi: 50.000[33]
Brigata al-ʿAbbās: 10.000[34]


Hezbollah: 5.000[35][36]

Milizie irachene: 4.000 - 5.000[36]
40.000 – 45.000[22] combattenti
Perdite
52.359 ribelli siriani uccisi
52.031 combattenti stranieri di ISIS e al-Nusra uccisi (fonte SOHR, settembre 2016)[38]
59.006 soldati delle forze armate
41.564 paramilitari della Forza Nazionale di Difesa e altre milizie affiliate al governo
1.321 Hezbollah
5.163 altri miliziani non siriani
(fonte SOHR, settembre 2016)[38]
680 combattenti YPG uccisi nel 2015 (fonte YPG)[37]
250.000 morti totali (marzo 2011- agosto 2015,fonte ONU)[39]
301.781-430.000 morti totali (marzo 2011- settembre 2016, fonte SOHR)[38]
~ 7.600.000 sfollati interni (luglio 2015, fonte UNHCR)
~ 4.000.000 rifugiati all'estero (luglio 2015, fonte UNHCR)[40]
Voci di guerre presenti su Wikipedia

La guerra civile siriana (in arabo: الحرب الأهلية السورية‎, al-Ḥarb al-ahliyya al-sūriyya), o crisi siriana, ha avuto inizio il 15 marzo 2011 in Siria con le prime dimostrazioni pubbliche contro il governo centrale, parte del contesto più ampio della primavera araba, per poi svilupparsi in rivolte su scala nazionale e quindi in una guerra civile nel 2012; il conflitto è ancora in corso.

Le iniziali proteste hanno l'obiettivo di spingere alle dimissioni il presidente Bashar al-Assad ed eliminare la struttura istituzionale monopartitica del Partito Ba'th. Col radicalizzarsi degli scontri si aggiunge con sempre maggiore forza una componente estremista di stampo salafita che, anche grazie agli aiuti di alcune nazioni sunnite del Golfo Persico, si pensa possa aver raggiunto il 75% della totalità dei combattenti[41]. Tali gruppi fondamentalisti hanno come principale obiettivo l'instaurazione della Shari'a in Siria[42][43].

A causa della posizione strategica della Siria, dei suoi legami internazionali e del perdurare della guerra civile, la crisi ha coinvolto i paesi confinanti e buona parte della comunità internazionale. Gli organi dirigenti del Partito Ba'th e lo stesso presidente appartengono alla comunità religiosa alawita, una branca dello sciismo che è tuttavia minoritaria in Siria, e per questo motivo le nazioni a maggioranza sciita sono intervenute a protezione del governo siriano: sia l'Iran che l'Iraq[senza fonte] cercano di mantenere un governo alleato che permette di creare una macroregione che arrivi fino al Libano, e sia combattenti iracheni[senza fonte] che iraniani sono presenti a fianco delle Forze armate siriane[44][45][46]. Il fronte dei ribelli è invece sostenuto dalla Turchia[47] e soprattutto dai Paesi sunniti del Golfo, in particolare Arabia Saudita e Qatar, che mirano a contrastare la presenza sciita in Medio Oriente[48][49][50][51]. In ambito ONU si è verificata una profonda spaccatura tra Stati Uniti d'America, Francia e Regno Unito che hanno espresso sostegno ai ribelli[52] e Cina e Russia che invece sostengono il governo siriano sia in ambito diplomatico che militare[53][54].

La delicata composizione etnica siriana[55] si è fortemente riflessa negli schieramenti in campo. Sebbene le prime manifestazioni antigovernative avessero uno spirito "laico" e avessero coinvolto tutte le principali città del paese, incluse quelle a maggioranza alawita come Latakia[56], il perdurare della crisi ha polarizzato gli schieramenti, portando la componente sciita a sostenere il governo insieme a gran parte delle minoranze religiose, che hanno goduto della protezione del governo laico del Partito Ba'th[57][58]. Il fronte dei ribelli rimane composto prevalentemente da sunniti, i quali però non costituiscono un blocco compatto: parte della popolazione sunnita continua a sostenere il governo[59] e sono sunniti alcuni membri dell'esecutivo e buona parte dell'esercito[60][61][62]. Le stragi perpetrate dalle componenti fondamentaliste dei ribelli nei confronti delle minoranze religiose in Siria[63][64][65] hanno portato le Nazioni Unite a definire la guerra civile come un «conflitto di natura settaria»[66].

Le organizzazioni internazionali hanno accusato le forze governative e i miliziani Shabiha di usare i civili come scudi umani, di puntare intenzionalmente le armi su di loro, di adottare la tattica della terra bruciata e di eseguire omicidi di massa; i ribelli anti-governativi sono stati accusati di abusi dei diritti umani tra cui torture, sequestri, detenzioni illecite ed esecuzioni di soldati e civili[67][68].

L'accezione "guerra civile" per descrivere il conflitto in atto è stata usata il 15 luglio 2012 dal Comitato Internazionale della Croce Rossa, che ha definito la crisi siriana un «conflitto armato non internazionale»[69].

Indice

Il contesto storico-politico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Bashar al-Assad e Storia della Siria.

Il partito Ba'th, di ispirazione laica e inizialmente legato al socialismo arabo e al panarabismo, fin dalla sua fondazione negli anni 1940 evidenziò la sua caratteristica interconfessionale essendo i suoi tre ideatori un cristiano, un alawita e un sunnita. Il Ba'th in Siria assunse un ruolo di primo piano a seguito del disfacimento della Repubblica Araba Unita (RAU) nel 1961 e il successivo caos politico: una serie di colpi di stato militari, durante i quali, nel 1962, venne introdotto lo stato di emergenza che di fatto sospendeva la maggior parte dei diritti costituzionali dei cittadini, definì la nuova classe dirigente siriana. L'8 marzo 1963 un nuovo colpo di stato portò al governo il partito attraverso un "Comando Rivoluzionario del Consiglio Nazionale", composto da ufficiali dell'esercito e funzionari civili. Hafiz al-Assad ebbe l'opportunità di esercitare una grossa pressione sul governo nel 1966, quando un nuovo golpe permise al Partito Baʿth di eliminare tutti gli altri partiti politici e ad Hafiz di diventare ministro della Difesa.

A seguito dell'indebolimento del governo dopo la guerra dei sei giorni con Israele e dei dissidi interni al partito, il 13 novembre 1970 Ḥāfiẓ al-Asad conquistò la guida del partito e la presidenza della repubblica. La Siria visse un periodo di stabilità con un sistema di governo verticistico, monopartitico e repressivo; Asad, in maniera simile agli altri leader arabi, sviluppò anche un forte culto della personalità. La stabilità della nazione, garantita anche dall'appoggio dell'Unione Sovietica, permise importanti riforme infrastrutturali, mentre la laicità garantita dal partito garantì una forte tutela alle numerose minoranze religiose presenti in Siria; la minoranza alawita di cui Assad faceva parte ricevette però i vantaggi maggiori, garantendosi i posti più importanti nell'amministrazione pubblica e nei gradi delle forze armate. Nel 1982 Ḥāfiẓ al-Asad dovette affrontare una grave insurrezione di matrice islamica, guidata dalla locale branca dei Fratelli Musulmani che portò all'assedio della città di Hama e alla dura repressione degli insorti per mezzo dell'esercito e dell'aviazione: la stima dei morti varia, da una cifra minima del New York Times di almeno 10.000 cittadini siriani uccisi[70], ai 40.000 stimati dal Comitato siriano per i diritti umani[71], di cui 1000 soldati.

Gli anni 1990 portarono ad un avvicinamento della Siria all'Occidente, a seguito del sostegno all'operazione Desert Storm contro l'Iraq di Saddam Hussein e al tentativo di siglare un accordo di pace con Israele. Nel 1999, alla notizia da parte di Assad della designazione come successore alla presidenza del figlio Baššār al-Asad, scoppiarono delle violente proteste a Lattakia tra la polizia e i seguaci di Rifa'at al-Assad, fratello di Ḥāfiẓ che sperava di succedergli alla presidenza. Ḥāfiẓ al-Asad, gravemente malato di cuore, muorì un anno dopo, il 10 giugno 2000, e come programmato gli succede Baššār al-Asad, anche grazie a un rapido emendamento costituzionale che permisee di abbassare da 40 a 34 anni l'età minima per essere eletti presidente. Baššār venne eletto col 99,7% dei voti.

Il nuovo presidente si trovò ad affrontare tra le prime questioni politiche quella dell'indipendentismo curdo: nel 2004 scoppiarono una serie di rivolte nel nord della Siria, la più grave delel quali nella cittadina di Kamichlié, quando durante una partita di calcio alcune persone cominciano a sventolare bandiere curde; la violenta reazione della polizia causò almeno 30 morti e la protesta dilagò in molti altri centri sfociando in scontri anche con la comunità araba. Baššār non modificò la rigida struttura di controllo della popolazione, la censura della stampa libera e continuò a non permettere la formazione di partiti politici di opposizione. Inoltre si incrinarono i rapporti con l'Occidente a seguito dell'appoggio a Saddam Hussein durante la guerra d'Iraq del 2003, dell'appoggio a movimenti considerati organizzazioni terroristiche secondo l'Unione europea come Hezbollah e Hamas e del coinvolgimento nell'assassinio dell'ex-Primo Ministro libanese Rafiq Hariri.

Avvisaglie della crisi[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio della rivolta (gennaio 2011 - marzo 2011)[modifica | modifica wikitesto]

La prima fase dell'insurrezione contro il governo siriano è caratterizzata da una serie di manifestazioni di piazza organizzate attraverso i social network sulla scia di iniziative simili che si stavano diffondendo in Vicino Oriente e Nord Africa (Primavera araba).

In un'intervista concessa al quotidiano statunitense Wall Street Journal, Baššār al-Asad si dice convinto del fatto che siano necessarie riforme e che si stia costruendo una "nuova era" in Vicino Oriente, mentre in altri paesi del Nordafrica si svolgono manifestazioni di piazza senza precedenti[72]. La mobilitazione indetta però in Siria per il 4 e 5 febbraio 2011, in contemporanea con la "giornata della partenza" proclamata in Egitto, non ottiene il risultato sperato e scarse risultano le adesioni da parte della popolazione, soprattutto per la paura di ritorsioni da parte degli organi di sicurezza[73]. Il giorno prima si era rivelato un insuccesso un sit-in indetto davanti alla sede del Parlamento "in segno di solidarietà con studenti, lavoratori e pensionati privi di reddito"[74].

Per limitare le possibili aggregazioni di manifestanti, il governo attua una politica di censura su Internet, impedendo l'accesso a Facebook, Twitter e YouTube[73]. Tuttavia il 10 febbraio Damasco apre definitivamente ai social network e dopo 5 anni fa cadere il divieto che ne prevedeva l'oscuramento[75]. La decisione di eliminare le limitazioni, secondo quanto riferisce il quotidiano filo-governativo al-Waṭan (La Patria), dimostra "la fiducia del governo nell'uso della rete". Secondo l'opposizione il libero accesso ai social network sarebbe un tentativo delle autorità siriane di contrastare le attività sediziose contro il regime.[75] Il 17 febbraio però Tal al-Mallūḥī, giovane blogger siriana, viene condannata a cinque anni di carcere dall'Alta corte per la sicurezza dello Stato, con l'accusa di aver lavorato per conto della Central Intelligence Agency[76].

Dal 15 marzo la Siria è di nuovo percorsa da timide manifestazioni anti-regime, che però solo a Dar'a, città della Siria meridionale, capoluogo della regione agricola e tribale del Hawran (tra le più povere del paese), sfociano dal 18 marzo in proteste di massa senza precedenti, represse con le forze militari[77][78]. Numerose persone rimangono uccise durante gli scontri. Il governatore della regione, Fayṣal Kulthūm, il 23 marzo viene rimosso dall'incarico dal presidente siriano[77].

Nonostante l'annuncio delle riforme dato il giorno prima dal portavoce del presidente, il 25 marzo le proteste proseguono e sfociano in scontri che provocano numerose vittime a Dar'a, Latakia e Samnin[79]. Il 26 marzo, mentre manifestazioni si svolgono a Dar'a, i partecipanti al funerale delle vittime dei giorni precedenti danno alle fiamme la sede locale del partito Partito Ba'th e manifestazioni si svolgono anche a Latakia, dove il giorno successivo si apprende che almeno 12 persone (secondo l'opposizione 20), tra cui una decina di militari, rimangono uccise negli scontri[80][81]. A Darʿā, ancora il 28 marzo persone scese in strada per protestare contro lo stato di emergenza sono fatte oggetto di attacchi a colpi di arma da fuoco da parte della polizia. Nello stesso giorno il vice presidente siriano annuncia che il presidente Asad prenderà decisioni che saranno "gradite al popolo siriano"[82]. Il 30 marzo, durante la repressione delle manifestazioni, rimangono uccise altre 25 persone a Latakia[83].

Parallelamente alla repressione delle manifestazioni, il presidente siriano offre una serie di concessioni: scioglie il governo e nomina l'ex ministro dell'Agricoltura Adel Safar nuovo Premier[84], la coscrizione obbligatoria viene ridotta da 21 a 18 mesi, viene rimosso il governatore della provincia di Darʿā, vengono fatte promesse per la diminuzione delle tasse e la revisione dei salari[85][86]. Assad accusa forze straniere di fomentare la rivolta e condanna i media satellitari come Al Jazeera di sobillare i rivoltosi[87].

La diffusione (aprile 2011 - maggio 2011)[modifica | modifica wikitesto]

Situazione delle proteste in Siria al 15 aprile 2011
Manifestazione filogovernativa a Damasco l'8 aprile 2011

Aprile si apre con imponenti manifestazioni che interessano tutte le maggiori città del Paese, ma è a Dar'a, nella Siria meridionale, che si concentrano gli scontri più violenti. A partire dall'8 aprile numerosi manifestanti rimangono uccisi nel corso di scontri che durano alcuni giorni[88][89].

A Dar'a, diventata il fulcro delle proteste, viene per la prima volta schierato l'esercito siriano che con 6.000 uomini e mezzi corazzati cinge d'assedio la città[90][91]; oltre 400 sono i decessi registrati dall'inizio della protesta, mentre circa 500 persone sono tratte in arresto[92]. Oltre a Dar'a, la protesta dilaga in diverse città della Siria: Latakia, Homs, Damasco e Aleppo, dove attivisti dei diritti umani riferiscono di numerosi morti e centinaia di feriti[93].

Il 22 aprile un raduno di manifestanti a Damasco contro il regime viene disperso a colpi di fumogeni[94]; altre proteste si svolgono contemporaneamente a Kamichlié e Amuda[94]. In un sobborgo a nord della capitale, Duma, si registrano alcuni morti a seguito di scontri tra polizia e manifestanti, così come in altre città siriane[95][96]. Nel corso della giornata, che vede man mano estendersi la protesta in numerose città del paese, oltre 100 persone muoiono a seguito della repressione[97].

Manifestazione a Baniyas il 29 aprile 2011: il "venerdì della rabbia"

Venerdì 29 aprile manifestazioni si svolgono in numerosissime piazze del paese, compresa Dar'a, e per la prima volta compaiono organizzazioni dichiaratamente islamiste, come la clandestina Fratellanza Musulmana messa fuori legge nel paese[98][99]. Dopo un sanguinoso attacco contro la città di Baniyas (una delle roccaforti della protesta) il 7 maggio, l'11 maggio anche la città di Homs e soprattutto il quartiere di Bab Amr sono al centro di una vasta operazione dell'esercito siriano[100].

A metà maggio una trentina di manifestanti risultano aver perso la vita negli scontri degli ultimi tre giorni tra manifestanti e forze di sicurezza a Tall Kalakh, nella Siria occidentale a ridosso del confine con il Libano[101]. Durante il "venerdì delle libertà" proclamato per il 21 maggio, circa 40 persone vengono uccise dalle forze di polizia nel corso di manifestazioni nella provincia occidentale di Idlib e nella città di Homs[102][103].

Per tutto il mese di maggio le proteste si susseguono e aumenta il numero dei morti, arrivando a oltre 1.000; si contano anche 10.000 arresti tra gli attivisti[104]. A partire dalla fine di marzo la piazza si riempie anche di manifestazioni a favore del governo, caratterizzate da una grande quantità di persone, una buona organizzazione e una forte visibilità sulle televisioni nazionali: manifestazioni si svolgono a Damasco[105][106], Aleppo[107], Tartus[108] e Lattakia[109]. Inoltre il governo continua ad accogliere parte delle richieste dei manifestanti, e il 21 aprile viene eliminato lo stato di emergenza[110].

L'inizio della lotta armata (giugno 2011 - ottobre 2011)[modifica | modifica wikitesto]

La bandiera della Repubblica di Siria in uso tra il 1932 e il 1958 e adottata nuovamente nel 2011 dall'opposizione siriana.

Il 4 giugno 2011 avviene per la prima volta un'azione di protesta in cui i dimostranti prendono le armi e reagiscono violentemente agli apparati di sicurezza: a Jisr ash-Shugur, nella provincia di Idlib vicino al confine con la Turchia, i dimostranti aggrediscono le forze di polizia uccidendo 8 persone e prendono il controllo della locale stazione di polizia, saccheggiandola e distribuendo le armi contenute al suo interno[111]; gli scontri continuano per una settimana, nella quale i gruppi armati uccidono un totale di 120 poliziotti[112]. La reazione del governo è delle più dure: oltre all'esercito, vengono dispiegati i carri armati e alcuni elicotteri[113], ma solo il 12 giugno viene ristabilita la calma in città; 10.000 residenti fuggono dalla battaglia oltrepassando il confine con la Turchia[111]. Altre manifestazioni, più pacifiche, si tengono a Ma'arrat al-Nu'man[114] e Aleppo[115].

Il 3 luglio 2011 ad Hama si svolge la più imponente manifestazione contro il governo[116]; la circostanza è particolarmente delicata in quanto è la prima azione di ribellione di questa città dopo la sanguinosa insurrezione del 1982, e l'organizzazione islamista dei Fratelli Musulmani è qui ancora molto forte. L'intervento del governo è immediato: viene inviato l'esercito e in un mese viene riportata la calma in città a costo di più di 200 morti[117]. La durissima repressione del governo, senza che si fossero verificate reali ostilità da parte dei dimostranti, genera la prima forte protesta sul piano internazionale, principalmente da Stati Uniti d'America[118] e Unione europea[119].

Fin da inizio giugno, quando la repressione si intensifica, si registrano casi di diserzione da parte di membri della polizia e dell'esercito[111]. Il 29 luglio 2011 un gruppo di ufficiali disertori crea l'Esercito siriano libero (ESL)[120]: questo evento modifica sensibilmente l'evoluzione dell'opposizione che, di fatto, si trasforma in un vero e proprio esercito combattente con lo scopo di destituire il governo baatista. L'ESL comincia a creare una catena di comando e ad organizzare i gruppi ribelli, armandoli e addestrandoli. Le due principali città siriane, Damasco e Aleppo, registrano ancora alcune manifestazioni di opposizione, ma il numero di partecipanti è molto basso e non si verificano significativi atti di repressione[121]; le piazze principali sono invece teatro di oceanici raduni di manifestanti filogovernativi[122].

Il 23 agosto 2011 i vari gruppi di opposizione in esilio creano il Consiglio nazionale siriano (CNS) con sede a Istanbul[123]; l'intento è quello di creare un punto di riferimento politico per l'opposizione siriana e creare un interlocutore con l'ESL, tuttavia l'opposizione rimarrà sempre un insieme poco amalgamato di gruppi politici da molto tempo in esilio (quindi con poca conoscenza della reale situazione in patria) e diviso su linee ideologiche, etniche e religiose[124].

Con la nascita dell'ESL gli scontri diventano molto più violenti e, al posto delle dimostrazioni di piazza, si verificano atti di guerriglia, sabotaggio e imboscate. Un esempio è la battaglia di Rastan, combattuta tra il 27 settembre e il 1º ottobre 2011 in cui i ribelli riescono a sconfiggere l'esercito regolare e allontanarlo dalla città per quattro giorni[125]. Le forze armate governative reagiscono mettendo in campo l'aviazione e la marina[126]. Per tutta la durata di ottobre in Siria si registrano combattimenti in tutte le città, soprattutto a Idlib e nel suo governatorato[127].

La guerra[modifica | modifica wikitesto]

Lo scoppio della guerra (novembre 2011 - marzo 2012)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Offensiva di Homs nel 2012.

Sebbene a livello internazionale la crisi siriana non venga ancora ufficialmente considerata una guerra civile, sul campo si verifica un'escalation degli scontri causata anche dal flusso continuo di disertori che ingrossano le file dell'ESL[128]. L'evento più significativo è la serie di attacchi che a fine ottobre vengono compiuti dall'Esercito Siriano Libero nella città di Homs, in cui vengono uccisi 37 soldati[129]; la reazione dell'esercito regolare trova un livello di resistenza mai incontrato prima e, a differenza delle operazioni svolte a Dar'a e Hama, la rivolta non viene sedata[111]. L'ESL riesce a conquistare i quartieri nevralgici della terza città siriana e costringe l'esercito a ripiegare in difesa, e il corrispondente di Sky News Stuart Ramsay descrive la situazione a Homs come una "chiara zona di guerra"[130]. A causa della tenace resistenza dei ribelli, Homs verrà in seguito definita la "Capitale della rivoluzione"[131].

L'assedio di Homs, anche a causa della sua durata, provoca anche i primi chiari scontri settari tra civili, prevalentemente musulmani sunniti e alawiti[132]. Tra novembre e dicembre l'ESL si alimenta grazie alle continue diserzioni[133] e aumenta il numero e l'intensità degli attacchi. In soli due mesi vengono attaccati: la sede dei servizi segreti dell'aeronautica a Damasco, la sede del Partito Ba'th e un edificio dell'intelligence a Idlib e un aeroporto militare vicino Homs[134]. Il 15 dicembre i ribelli uccidono in un'imboscata 27 soldati a Dar'a, l'attacco singolo più sanguinoso finora avvenuto[135]. Il 28 dicembre, di fronte alle difficoltà sorte nel combattere una guerra asimmetrica, il presidente Bashar al-Assad fa nuove concessioni agli oppositori: oltre alla liberazione di 755 detenuti politici[136], tra le concessioni più importanti vi è la modifica della costituzione che, tra i punti fondamentali, prevede un tetto alla possibilità di ricandidatura del presidente a due mandati ed elimina la citazione del Partito Ba'th come partito unico in Siria[137]. La nuova costituzione viene sottoposta a referendum il 26 febbraio 2012 e approvata[138]. A gennaio 2012 non si verificano più manifestazioni pacifiche di piazza, che lasciano il posto a un conflitto armato su larga scala[139]. L'Esercito siriano libero ottiene importanti vittorie in tutto il paese: a Zabadani l'opposizione controlla l'intera città[140] e avanza nei dintorni di Damasco, soprattutto nella città di Duma[141], dove l'esercito regolare è costretto a ritirarsi. A Idlib, dopo una lunga serie di scontri, i ribelli controllano parte della città[senza fonte]. Nel governatorato di Homs l'opposizione armata, dopo una settimana di scontri, ottiene il pieno controllo della città di Rastan e delle cittadine nei dintorni[senza fonte]; l'esercito regolare, decimato dalle defezioni, è costretto alla ritirata.

Sebbene l'Esercito siriano libero costituisca l'ossatura dell'opposizione armata in Siria, a inizio gennaio 2012 compaiono altri gruppi paralleli che operano in maniera più autonoma. Tra essi quello più importante è il Fronte al-Nusra che si costituisce il 23 gennaio[142]. Il gruppo è inizialmente composto da membri della branca irachena di Al Qaeda (Stato Islamico dell'Iraq) che combatte la presenza americana nel paese; i membri siriani dell'organizzazione, inclusi militanti di nazionalità irachena, tornano in patria vedendo nella crisi siriana l'opportunità di rovesciare il governo di Asad e instaurare uno Stato islamico basato sulla sharia. Il Fronte al-Nusra, rappresentante l'ala più radicale del fondamentalismo sunnita, opera in maniera indipendente e con finalità diverse rispetto all'ESL, tuttavia elementi di entrambe le fazioni combattono insieme contro le truppe regolari siriane. Il gruppo introduce una strategia di attacco molto più violenta, basata anche su attentatori suicidi che eseguono singoli attentati contro istituzioni governative con finalità di puro terrorismo. La strategia degli attacchi suicidi, generalmente per mezzo di autobombe, viene inaugurata nel distretto Al-Midan di Damasco il 6 gennaio 2012 con la morte di 26 persone, tra cui molti civili[143].

L'esercito siriano, inizialmente in difficoltà di fronte ai successi dei ribelli, organizza una controffensiva il 2 febbraio che dura circa due mesi e permette al governo di arginare l'avanzata dei ribelli nel Governatorato di Damasco; il risultato più importante viene ottenuto nella città di Idlib che il 15 marzo viene riconquistata dopo giorni di combattimenti[144]. Alla fine di marzo 2012 il computo totale dei morti in Siria sale a 10.000[145].

Le uccisioni di civili (aprile 2012 - giugno 2012)[modifica | modifica wikitesto]

Situazione a giugno 2012. Il rosa chiaro indica le aree di conflitto, le zone rosse quelle conquistate dall'ESL.

L'avanzata dei ribelli in molte aree del paese estremizza la reazione del governo; vengono utilizzati elicotteri d'attacco nei centri abitati[146] e nelle città i soldati governativi impiegano negli assalti sempre più spesso le milizie shabiha: tali bande, composte prevalentemente da siriani di religione alawita e senza una reale struttura organizzativa, sono composte da giovani spesso legati alla criminalità comune. Le bande di shabiha compaiono in maniera concomitante alle prime manifestazioni antigovernative del 2011, dove sono protagonisti di gesti di violenza contro i dimostranti[senza fonte], e con l'acuirsi della crisi vengono impiegate nelle azioni più violente contro i ribelli e i civili considerati sostenitori dell'opposizione. Tale impiego dovrebbe proteggere l'esercito regolare da eventuali accuse di violazione dei diritti umani.

A partire da aprile 2012 l'abuso nell'utilizzo degli shabiha provoca una serie di massacri della popolazione civile che culmina nei due episodi più gravi: la strage di Hula[147][148], in cui vengono uccise a sangue freddo 108 persone[149], e quella di Al-Qubeir[150][151], dove vengono uccise 78 persone [senza fonte]; in entrambi i casi il governo siriano cerca di negare l'accaduto attribuendo la responsabilità ai gruppi ribelli[152][153]. L'eco delle stragi, amplificate dai media, provoca per la prima volta una forte reazione internazionale: a fine maggio molte nazioni espellono l'ambasciatore siriano per prendere le distanze dal governo di Assad[154][155].

Da giugno 2012, vedendo le difficoltà nella gestione della crisi da parte del governo siriano, molte Nazioni straniere cominciano a prefigurare una prossima caduta di Assad e sostengono apertamente il fronte dei ribelli.[senza fonte] La nazione più attiva è la Turchia, che fornisce armi all'ESL e dà rifugio ai vertici militari dell'opposizione[156][157]. Stati Uniti[158][159], Francia[160] e Regno Unito[161] cominciano a fornire equipaggiamenti e finanziamenti, mentre l'Unione europea inasprisce l'embargo sulla Siria[162]. Gli Stati del Golfo Persico, in maniera simile a quanto avvenuto durante le rivolte della "primavera araba", da aprile 2012 finanziano e inviano armi ai ribelli[163][164]: i destinatari sono prevalentemente i gruppi di ispirazione salafita[165].

La presa di posizione a favore dei ribelli di molte nazioni provoca la reazione degli Stati tradizionalmente alleati della Siria. La Russia, che ha un accordo con il governo di Assad per l'utilizzo del porto di Tartus, invia del personale tecnico per l'addestramento dei militari siriani[166]. L'Iran, che teme di perdere un prezioso alleato regionale, in aprile comincia ad inviare armi e finanziamenti al governo siriano[167]. Sul campo i ribelli continuano a guadagnare terreno, avanzando nel Governatorato di Idlib[168] e soprattutto conquistando il 10 luglio la cittadina di Al-Qusayr[169], posizionata strategicamente su un valico di confine con il Libano e sulla strada che conduce dalla costa ad Homs.

Le battaglie di Damasco e Aleppo ed il fronte curdo (luglio 2012 - agosto 2012)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Damasco e Battaglia di Aleppo.
Graffito a Damasco recante il simbolo dell'ESL e la scritta "Stiamo arrivando"

Nel mese di luglio le forze ribelli continuano a mantenere l'iniziativa e scatenano la più imponente offensiva contro il governo siriano tentata finora. Le due principali città siriane, la capitale Damasco e Aleppo, cuore commerciale del paese, fin dal 2011 non erano state teatro di forti manifestazioni antigovernative e finora erano state colpite dal conflitto solo in maniera marginale[122]. A Damasco i ribelli erano stati fermati a inizio anno prima che entrassero nei sobborghi della città, successivamente i danni più ingenti erano stati singoli attacchi terroristici per mezzo di autobomba[170][171][172] contro obiettivi militari o governativi. Anche nella città di Aleppo, a parte poche manifestazioni di piazza[115], non si erano mai verificati scontri armati e la città veniva considerata una roccaforte filo-governativa[173]. I dintorni di Aleppo invece, a partire da febbraio, erano stati oggetto dell'avanzata dei miliziani dell'ESL che provenivano dalle loro roccaforti intorno a Idlib e dal confine turco[174].

A metà luglio i ribelli attaccano entrambe le città, in un'operazione cui partecipano sia l'Esercito siriano libero che le formazioni islamiste. Il 15 luglio 2012 inizia la battaglia di Damasco[175], denominata "Operazione Vulcano di Damasco"[176]: l'operazione coinvolge brigate ribelli appositamente spostate dalle aree a nord del paese[177], che si riversarono in città dando luogo ad una serie di scontri a fuoco con l'esercito regolare e applicando la tattica della guerriglia cittadina[178]. Il 18 luglio una bomba distrugge il quartier generale della Sicurezza Nazionale; nell'attentato muoiono alti dirigenti militari e del governo[179]. La contemporanea offensiva ribelle verso le aree centrali della città fa presagire un imminente crollo del regime[180], tuttavia, anche a causa del mancato sostegno popolare dei cittadini di Damasco, i ribelli non riescono a consolidare le posizioni conquistate e le forze armate siriane riescono a organizzare una controffensiva che allontana i ribelli verso le zone periferiche della città, di cui riescono a mantenere il controllo[181]. La battaglia di Damasco è una dura sconfitta per l'ESL, e per la prima volta si crea una spaccatura tra i settori della società che solidarizzavano con le prime manifestazioni pacifiche e i ribelli armati.

Situazione nel nord-ovest della Siria al 20 luglio 2012: in rosso il governo, in verde i ribelli, in giallo i curdi

Il 19 luglio 2012 inizia la battaglia di Aleppo[182], denominata dai ribelli la "madre di tutte le battaglie"[183]; l'attacco, quasi contemporaneo a quello di Damasco, coglie alla sprovvista le truppe governative, orientate alla difesa della capitale: i ribelli, attaccando da sud-ovest e nord-est, riescono a entrare in città, raggiungendo il centro storico[184]. La contemporanea conquista dei ribelli delle strade di collegamento con la frontiera turca permette di aprire un vitale canale di approvvigionamento[185]. A inizio agosto i ribelli controllano buona parte della città, riuscendo a unire i due fronti di attacco; tuttavia, grazie al martellante uso dell'aviazione e dell'artiglieria pesante, l'esercito regolare riesce a bloccare l'avanzata delle milizie ribelli e a respingerli dal quartiere strategico di Salaheddine.[senza fonte] La battaglia non si conclude ma si trasforma in una logorante guerra di posizione, caratterizzata da poche modifiche territoriali, con ribelli ed esercito governativo che controllano ognuno circa il 50% della città[186].

Sempre nel mese di luglio, a Erbil in Iraq, i due principali partiti che rappresentano la popolazione di etnia curda siriana, minoranza etnica a lungo discriminata dal governo, siglano un accordo che prevede la formazione di un organo politico unitario (il Comitato Supremo Curdo) e la "liberazione" delle aree a maggioranza curda, in modo da implementare un governo autonomo[187]. La posizione curda è di fatto completamente indipendente sia dai ribelli che dal governo centrale: i ribelli sono considerati degli alleati[188] ma vengono visti con scetticismo per i legami instaurati con la Turchia e la presenza delle fazioni islamiste[189]; il governo centrale viene considerato il vero nemico ma, di fatto, durante le prime dimostrazioni la repressione è stata molto meno violenta rispetto alle zone arabe. Inoltre la nuova dirigenza curda vuole operare in modo da mantenere inalterata l'amministrazione pubblica siriana, per poi gradualmente sostituirla con quella propria[190].

Il 19 luglio 2012 le Unità di Protezione Popolare (YPG), braccio armato del Comitato Supremo Curdo, iniziano la campagna di liberazione del Kurdistan Siriano entrando in armi nelle città di Ayn al-Arab, Amuda ed Efrin[191]: la reazione delle forze governative (polizia ed esercito) è estremamente debole, e le città vengono abbandonate senza combattere[192]. Il giorno successivo vengono occupati altri villaggi intorno al confine turco[193]. La mossa successiva dell'YPG è la conquista della città di Qamishli, la più grande città siriana a maggioranza curda nell'est del paese, ma la forte presenza di popolazione araba e di forze di sicurezza governative porta ai primi scontri armati[194]. Il numero di combattenti YPG sovrasta i militari siriani che si ritrovano presto completamente circondati[195]; in città si genera una "guerra fredda" tra le due fazioni, per cui da un lato le truppe regolari rimangono nelle loro caserme ma dall'altro l'amministrazione statale della città viene mantenuta[196]. Entro il 24 luglio, in meno di una settimana dall'inizio delle ostilità, le forze curde occupano tutte le città a maggioranza curda nel nord del paese in un'operazione che comporta un numero ridottissimo di perdite sia per i curdi che per le forze governative[197]. La veloce e indolore avanzata curda è dovuta a due fattori: il sostegno popolare assoluto nelle aree a maggioranza curda e la volontà del governo siriano di focalizzarsi sui territori a maggioranza araba; la presenza dell'YPG nelle città del nord di fatto "libera" le truppe siriane che vengono dislocate nelle aree "calde" del paese[198]. Il 2 agosto il Comitato Supremo Curdo annuncia la liberazione della maggioranza del territorio del Kurdistan siriano[199].

L'avanzata dei ribelli (settembre 2012 - dicembre 2012)[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo successivo alle battaglie di Damasco e Aleppo vede i ribelli nuovamente all'attacco in tutte le zone del paese, e il conflitto si allarga all'intero territorio nazionale. A Damasco, l'esercito siriano allarga l'operazione che aveva permesso l'allontanamento dei ribelli dai quartieri centrali e attacca i sobborghi esterni controllati dagli insorti: l'intenzione è sfruttare la momentanea disorganizzazione dei ribelli in ritirata per mettere definitivamente al sicuro la città. Ad agosto l'esercito regolare riconquista la cittadina strategica di al-Tall, a nord della capitale e sulla strada che porta nella regione di Qalamun;[senza fonte] i ribelli avevano qui ammassato le truppe per tentare un nuovo assalto a Damasco[200]. Le truppe governative riescono ad avanzare anche nei sobborghi a sud[201] e ad est della capitale[202].

La riconquista delle zone periferiche di Damasco viene condotta con estrema brutalità dall'esercito, che utilizza in larga misura artiglieria, elicotteri da combattimento e milizie shabiha[203]; la popolazione di alcune cittadine periferiche è infatti solidale con gli insorti e gli attacchi non tengono conto del loro status di civili[204][205]. Emblematica è la situazione di Darayya, roccaforte degli insorti posizionata sulla strada per l'aeroporto di Mezze: il bombardamento martellante e l'azione delle milizie filogovernative lascia sul campo più di 400 morti, la maggior parte vittima di esecuzione[206][207][208]. L'operazione termina a fine settembre, quando l'esercito consolida le posizioni acquisite che corrispondono a quelle antecedenti alla battaglia di Damasco.

Miliziani dell'ESL festeggiano la conquista della cittadina di Helfaya (governatorato di Hama).

Si susseguono scontri per tutto il mese di ottobre, con piccole alterazioni dello status quo[209][210][211], mentre nello stesso periodo l'ESL conduce una campagna di omicidi mirati di vertici politici e militari[212]. A novembre i ribelli scatenano una nuova offensiva su Damasco avanzando dalle roccaforti a sud e ad est della città[213], ottenendo a fine mese come successi la chiusura dell'aeroporto civile dela capitale e la cattura di due basi militari a Hajar al-Aswad (sud) e Ghuta (est) dove vengono instaurati i centri direzionali dell'ESL[214]. L'afflusso di armi e finanziamenti permette ai ribelli di migliorare le strategie di attacco e di difendersi anche contro l'aviazione.

L'avanzata dei ribelli viene rallentata dall'afflusso di nuove truppe regolari smobilitate dalle campagne e a prezzo di un gran numero di perdite[215]. L'offensiva rallenta e si prolunga per tutto dicembre e gennaio: i successi più significativi per i ribelli avvengono sul fronte est, dove riescono a conquistare tutto il sobborgo di Ghuta, mentre a sud invece l'esercito regolare lancia una vittoriosa offensiva su Darayya[216]. Il fallimento dei continui assalti alla città da parte dei ribelli sono dovuti al dispiegamento delle truppe migliori da parte del governo, che vuole difendere la capitale a oltranza ed evitare le condizioni del luglio 2012 che avevano portato ad un passo dal crollo del regime. Il richiamo di un così ingente numero di soldati lascia però sguarniti gli altri fronti interni: soprattutto a nord della Siria, nei governatorati di Idlib e Aleppo, l'ESL, in collaborazione con le milizie jihadiste, dilaga soprattutto nelle zone rurali riuscendo a controllare gran parte dei punti di frontiera con la Turchia, vitali per l'afflusso di armi e combattenti[217][218][219]. Verso la fine di settembre il centro di comando dell'ESL viene spostato dalla Turchia alle aree controllate[220].

Il successo strategicamente più significativo è la conquista della città di Ma'arrat al-Nu'man tra l'8 e il 13 ottobre, uno snodo fondamentale che collega Damasco, Aleppo, Idlib e la costa; la Siria viene in questo modo tagliata in due[221]. Il 28 ottobre viene sottratto al controllo dell'esercito anche l'ultimo sobborgo di Idlib, Salqin[222], e la successiva conquista della cittadina di Saraqib permette di isolare completamente Idlib e Aleppo dalle regioni costiere[223]. La costa, ovvero i governatorati di Lattakia e Tartus, sono filogovernativi; l'atteggiamento della popolazione è radicalmente cambiato rispetto alle prime manifestazioni del marzo 2011, quando nelle principali città costiere erano scoppiate dimostrazioni di protesta molto numerose, un cambiamento sintomatico della radicalizzazione della guerra civile e la sua deriva settaria: infatti le regioni costiere, a maggioranza sciita alawita, subiscono il fondamentalismo sunnita salafita dei gruppi jihadisti e la criminalizzazione da parte dei membri dell'ESL. Ad Aqrab, nel dicembre 2012, i ribelli compiono il massacro della popolazione civile di fede alawita, uccidendo circa 125 persone[224].

Situazione nella città di Aleppo a novembre 2012. In verde le aree controllate dai ribelli, in giallo dai curdi, in rosso dal governo e in marrone le zone di conflitto.

Inoltre la presenza dei combattimenti genera un deterioramento dell'ordine pubblico causata dall'assenza di organismi statali riconosciuti: la criminalità comune aumenta sensibilmente, spesso confondendosi e appoggiandosi alle forze ribelli, si susseguono saccheggi e rapimenti a scopo estorsivo[225]. I miliziani salafiti, col perdurare della crisi, cominciano ad assumere un ruolo di primo piano nel fronte ribelle a causa del loro forte impatto sul campo di battaglia, la crescita del loro numero e la maggiore disponibilità economica garantita dai finanziamenti da parte di Qatar e Arabia Saudita. Il fanatismo dei gruppi islamisti (tra cui il Fronte al-Nusra è il più numeroso) provoca la reazione non solo degli sciiti alawiti, ma anche delle altre minoranze etniche e religiose: a metà del 2012 si cominciano a formare gruppi auto-organizzati, denominati "Comitati Popolari", composti da cittadini di origine cristiana, drusa, alawita e sciita con lo scopo di difesa dalle azioni di odio settario da parte delle milizie sunnite[226]. I primi gruppi nascono a Damasco, ma si registrano comitati in tutte le grandi città: ad Aleppo il comitato popolare cristiano partecipa alla battaglia dell'agosto 2012 per difendere i quartieri cristiani dall'avanzata dei ribelli[227]. Verso la fine del 2012 il governo cerca di "istituzionalizzare" i comitati popolari fondendoli nella Forza Nazionale di Difesa: un'organizzazione alle dipendenze dell'esercito che fornisce armi, addestramento e coordinamento[228].

Nella città di Aleppo, il 27 settembre i ribelli tentano una nuova offensiva volta a risolvere lo stallo militare[229]. L'attacco parte dai quartieri meridionali e presto raggiunge il centro storico della città; i combattimenti sono molto violenti e si registrano forti perdite in entrambi gli schieramenti[230]. L'avanzata ribelle è molto lenta e si ferma alle porte dell'antico suq di Aleppo che viene completamente distrutto da un incendio generatosi durante gli scontri[231]; dopo solo tre giorni l'offensiva raggiunge lo stallo a causa della tenace resistenza dell'esercito regolare, senza sostanziali modifiche allo status quo[232]. Una nuova offensiva ribelle su larga scala viene scatenata in novembre, sfruttando il sostanziale isolamento di Aleppo dal resto del Paese, e questi nuovi attacchi partecipano con maggior presenza i miliziani islamisti del Fronte al-Nusra, che assumono anche il comando di alcune incursioni[233]. Anche questa offensiva si risolve in una logorante guerra di posizione, con l'eccezione dei quartieri orientali dove i ribelli riescono a raggiungere l'aeroporto[234]. A fine anno ad Aleppo si combatte casa per casa, con la città divisa sostanzialmente a metà tra ribelli e forze governative.

Il 16 dicembre 2012 i ribelli, consolidata la presenza nella strategica città di Ma'arrat al-Nu'man, scatenano un'offensiva verso sud volta a conquistare la città di Hama, controllata interamente dal governo fin dal 2011[235]. L'offensiva si rivela efficace anche per la ritirata dell'esercito siriano, che abbandona le aree rurali concentrandosi sulla difesa della città[236][237]: l'offensiva viene infatti bloccata il 31 dicembre alle porte di Hama[238], ma i ribelli riescono a controllare molti villaggi inclusi due a maggioranza alawita dove gli abitanti sono oggetto dell'odio settario.[senza fonte]

L'ascesa del fondamentalismo islamico (gennaio 2013 - marzo 2013)[modifica | modifica wikitesto]

Militante jihadista della formazione Liwa al-Islam

Sebbene il comando strategico delle operazioni dei ribelli sia ancora mantenuto dall'Esercito siriano libero, i gruppi estremisti cominciano ad acquisire sempre maggiore autonomia sul campo. La presenza di miliziani legati al fondamentalismo islamico è particolarmente forte nelle regioni orientali del paese, e fin dalla fine del 2012 si intensificano i combattimenti nella fascia fertile della valle dell'Eufrate, finora teatro solo di sporadiche scaramucce con l'esercito regolare. La valle dell'Eufrate è storicamente abitata da tribù un tempo beduine di religione sunnita e molto tradizionaliste, imparentate con i beduini provenienti dall'Arabia Saudita. In questa regione le incursioni dei ribelli sono guidate dalle formazioni islamiste, quasi sempre il Fronte al-Nusra. Il 19 settembre 2012 i ribelli conquistano il valico di frontiera con la Turchia nel centro nord della Siria[239], mentre il 22 novembre 2012 viene conquistato il valico con l'Iraq nella strategica città di Mayadin[240]; queste conquiste assicurano ai ribelli un continuo flusso di uomini e rifornimenti, e in particolare dal valico con l'Iraq possono affluire in Siria i combattenti delle formazioni islamiste irachene che compongono l'ossatura del Fronte al-Nusra.

L'11 gennaio 2013 il Fronte al-Nusra, a capo di una coalizione di gruppi fondamentalisti, ottiene la prima conquista strategica di rilievo operando indipendentemente dall'ESL. Gli islamisti, dopo una serie di assalti, ottengono il pieno controllo della base militare di Taftanaz, una delle più grosse nel nord del paese, e possono ora accedere a carri armati, lanciarazzi e altro materiale militare[241]. Successivamente gli islamisti ottengono una serie di successi lungo l'Eufrate: il 29 gennaio viene conquistato il ponte di Siyasiyeh, che connette Deir ez-Zor con Hasakah, e permette di agli islamisti di entrare a contatto con la zona d'influenza curda[242]. L'11 febbraio vengono conquistate le cittadine di Al-Thawrah e Tabqa Dam, dove sorge un'importante centrale idroelettrica[243], e il 14 febbraio viene occupato il valico con l'Iraq di Shadadeh[244]. Il successo più importante avviene tra il 3 e il 6 marzo 2013 quando il Fronte al-Nusra assume il completo controllo di Raqqa, città garantisce il controllo di buona parte del centro-nord della Siria: la città era considerata "pacifica" e fin dal 2011 non si erano tenute dimostrazioni significative né conflitti armati[245], ma i ribelli, attaccando da nord, in pochissimo tempo occupano l'intera città causando la fuga dei pochi soldati regolari che si barricano nella locale base militare[246][247]. I militanti del Fronte al-Nusra, appoggiati da Ahrar al-Sham, issano la bandiera nera del jihād nella piazza principale e cominciano subito un processo di islamizzazione della città[248].

Offensiva dei ribelli a Damasco: in rosso la zona controllata dal governo siriano e la linea del fronte al 6 febbraio 2013, in verde chiaro la zona controllata dai ribelli, in verde scuro le aree contese fino a marzo

La presenza dei fondamentalisti islamici si fa sentire anche sul fronte di Damasco, dove il 6 febbraio 2013 i ribelli lanciano una nuova offensiva verso il centro della città, denominata "battaglia dell'Armageddon"[249]. Ancora una volta è la periferia est che presenta le maggiori difficoltà per l'esercito regolare, e i ribelli arrivano fino alla circonvallazione interna della città[250]. Tuttavia l'operazione di sfondamento verso il centro fallisce e la battaglia raggiunge lo stallo, con i ribelli bloccati alle "porte della città"[251]; i miliziani del Fronte al-Nusra per la prima volta guidano alcuni attacchi e si rendono protagonisti di un'ondata di autobombe che producono 80 morti, per lo più civili[252]. Le fila dei gruppi fondamentalisti si arricchiscono anche di numerosi volontari stranieri che raggiungono la Siria dai paesi del Medio Oriente o da quelli Occidentali per unirsi al jihād[253].

La battaglia di Qusayr (aprile 2013 - giugno 2013)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Qusayr.

Ad aprile 2013 la guerra civile siriana vede il costante avanzamento dei ribelli in tutte le regioni del paese, soprattutto nelle aree rurali, mentre il governo riesce a mantenere il controllo sulle principali città, esclusa Aleppo che controlla solo parzialmente. Indicativamente i ribelli controllano circa il 60% del territorio[254].

Il rafforzamento della componente jihadista della ribellione e il continuo flusso di armi e finanziamenti verso i ribelli da parte di Qatar e Arabia Saudita[255] impensieriscono l'Iran sciita, storico alleato della Siria di Assad e avversario degli Stati sunniti a cui contende il ruolo egemonico nell'area mediorientale[256]. Un'eventuale caduta di Assad e la nascita di una nazione rigorosamente sunnita provocherebbe la rottura dell'"Asse della Resistenza", composto da Iran, Siria e l'Hezbollah libanese[257] e, più in generale, della "Mezzaluna crescente sciita"[258], ovvero la macroregione composta dagli stati a maggioranza sciita o governati da esponenti dello sciismo. L'Iran già dalle prime proteste in Siria nel 2011 ha fornito supporto alle forze armate siriane in termini di addestramento, rifornimenti e finanziamento[259], ma con l'inasprirsi delle ostilità il coinvolgimento è aumentato, fornendo armamenti, intelligence e addestratori militari sul campo[260][261]. Ad aprile 2013, constatate le difficoltà del governo siriano sul campo, l'Iran decide di intervenire in maniera più decisiva: per farlo si affida ai miliziani libanesi di Hezbollah, che hanno le loro roccaforti al confine con la Siria. La situazione in Libano risente della crisi siriana, e soprattutto nelle cittadine di Hermel e Arsal, poste sul lato libanese dei valichi controllati dai ribelli, si forma un canale di approvvigionamento e di afflusso di combattenti[262][263].

Posizione della città di al-Qusayr, al confine con il Libano

L'11 aprile 2013 l'esercito siriano scatena un'offensiva contro la cittadina di al-Qusayr, controllata dai ribelli dal luglio 2012 e posizionata strategicamente sul confine libanese e sulla strada principale tra la costa, Damasco e Homs[264], ancora teatro di combattimenti. Dal Libano si riversano in Siria più di 700 combattenti sciiti di Hezbollah che si uniscono all'esercito regolare[265]. I combattimenti crescono di intensità e, grazie alla tattica di guerriglia di Hezbollah, i ribelli sono costretti a cedere terreno, abbandonando numerosi villaggi[266][267]. La strategia è quella di occupare le aree rurali per circondare e successivamente attaccare al-Qusayr][268]; l'assedio della città viene completato il 19 maggio. L'assalto alla cittadina dura tre settimane e si conclude il 5 giugno con una completa vittoria dell'esercito siriano, che allontana i ribelli costretti a una precipitosa rotta verso la regione del Qalamun[269][270]. La vittoria governativa è un punto di svolta per la guerra, in quanto i ribelli perdono l'iniziativa e, per la prima volta, sono costretti a cedere ampie zone di territorio. La sconfitta e la ritirata disorganizzata provocano anche tensioni all'interno del fronte ribelle, con accuse reciproche tra i comandanti e la dirigenza politica del Consiglio Nazionale Siriano, considerato lontano dal campo di battaglia, oltre che tra le diverse anime della rivolta armata[271]. Anche le cancellerie internazionali sono costrette a rivalutare la forza dei ribelli e considerare nuovamente Assad come un possibile interlocutore politico.

La rotta dei ribelli ad al-Qusayr apre la strada per Homs, dove fin dal 2011 continuano ininterrotti i combattimenti che vedono i ribelli mantenere le loro posizioni sui quartieri centrali della città. I rinforzi dell'esercito e di Hezbollah permettono di conquistare il 2 maggio il quartiere di Wadi al-Sayeh[272] che divide le due aree controllate dai ribelli: la città vecchia e il distretto di Khalidiya che sono ora completamente separate e circondate[273]. Il sostegno di Hezbollah galvanizza l'esercito regolare, che, da aprile, ottiene una serie di importanti vittorie anche sugli altri fronti: il 17 aprile nel governatorato di Idlib l'esercito riesce a rompere l'accerchiamento dei ribelli a Wadi al-Deif, permettendo di riottenere il controllo di due grosse basi militari nel nord[274]. L'impegno nella battaglia di al-Qusayr ha anche sottratto forze ribelli da Aleppo, causando un loro indebolimento anche su questo fronte. Il 2 giugno, verso il termine della battaglia ad al-Qusayr, i vertici dell'esercito siriano chiedono a Hezbollah un affiancamento per un'offensiva sulla città, e centinaia di miliziani si spostano in profondità nel nord della Siria[275]. L'operazione "Tempesta del Nord" inizia il 9 giugno[276][277]. L'offensiva, nella prima settimana, causa l'arretramento dei ribelli sia in città che nelle campagne circostanti[278], tuttavia l'afflusso di nuovi combattenti e nuove armi, tra cui missili anticarro dall'Arabia Saudita, permettono ai ribelli di rallentare l'avanzata e fermarla il 17 giugno[279][280]. Il 24 giugno l'ESL e i miliziani jihadisti lanciano un'operazione diversiva nei quartieri occidentali di Aleppo per dividere le forze governative, offensiva che viene chiamata "battaglia di Qadisiyah" in riferimento all'omonima battaglia del 636 quando le armate arabe sconfissero quelle persiane[281].

Offensiva del governo siriano a Damasco: in rosso la zona controllata dal governo siriano e la linea del fronte al 26 marzo 2013, in verde chiaro la zona controllata dai ribelli, in verde scuro le aree contese fino ad agosto

Anche nel sud della Siria l'arrivo dei miliziani Hezbollah aiuta l'esercito regolare a guadagnare terreno nei confronti dei ribelli. L'8 maggio l'esercito conquista la città strategica di Khirbet Ghazaleh, che permette un controllo totale sull'autostrada che porta in Giordania e alla città di Dar'a, oggetto di combattimenti con i ribelli fin dal 2011[282][283]. Anche Damasco vede l'avanzata delle truppe governative che, sostenute da Hezbollah, scatenano il 7 aprile un'offensiva su larga scala verso le roccaforti ribelli a est e sud della città[284]: le aree oggetto dell'attacco sono Ghuta, Otaiba e soprattutto Jdaidet al-Fadl, dove ha luogo una feroce battaglia che causa numerosi morti tra la popolazione civile[285]. Le vittorie governative portano all'accerchiamento dei ribelli nei sobborghi della città[286].

La rottura nel fronte ribelle (luglio 2013 - agosto 2013)[modifica | modifica wikitesto]

Gli eventi di Qusayr e la lunga serie di vittorie strategiche da parte dell'esercito regolare hanno un impatto molto forte sul fronte dei ribelli, sia dal punto di vista militare che politico. Il ruolo di primo piano che l'Esercito siriano libero aveva tenuto fin dagli inizi della crisi comincia a sgretolarsi mentre le formazioni islamiste, che col tempo hanno aumentato la loro influenza nelle battaglie, cominciano a operare in maniera sempre più autonoma o a prendere la guida delle operazioni.

Il gruppo islamista più violento, il Fronte al-Nusra, viene affiancato da una nuova formazione composta prevalentemente da miliziani non siriani: lo Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (ISIS). Ad aprile 2013, il leader dello Stato Islamico dell'Iraq (ISI) Abu Bakr al-Baghdadi annuncia che al-Nusra non è che un'estensione in Siria dell'ISI, e dichiara la fusione dei due gruppi nello "Stato Islamico dell'Iraq e al-Sham" (ISIS); tuttavia, il leader del Fronte al-Nusra rifiuta la fusione e in giugno il leader di al-Qaeda, Ayman al-Zawahiri, interviene per mantenere le formazioni distinte, ingiungendo ad al-Baghdadi di mantenere la sua area di operazione limitata all'Iraq[287][288]. L'ISIS, per la sua natura transnazionale, interpreta la guerra di Siria come un passo verso la jihād globale e la rifondazione del califfato. L'indebolimento dell'ESL e il contemporaneo afflusso di sempre nuovi combattenti jihadisti porta all'aumento della tensione tra i gruppi ribelli: l'11 luglio 2013 i miliziani dell'ISIS uccidono un alto comandante dell'ESL, Kamal Hamami, e dichiarano guerra a quella frangia dei ribelli che viene definita "secolarista", "eretica" e "foraggiata dagli USA"[289], dichiarando quindi l'apertura di un "terzo fronte"[290]. Il conflitto tra ESL e ISIS, a cui si allea il Fronte al-Nusra, si diffonde in tutto il paese, ma è soprattutto nel nord che il conflitto si fa più duro, portando l'ESL a cedere terreno e armamenti ai jihadisti.

L'ascesa dei fondamentalisti islamici alla guida dell'opposizione armata comporta un aumento della frizione nelle zone sotto il controllo delle milizie curde. Fin da febbraio vi erano stati scontri occasionali che si erano localizzati principalmente nei quartieri curdi di Aleppo e nella città di Ras al-Ayn, al valico con la Turchia nel nord-est del paese[291]. Il 17 luglio a Ras al-Ayn riesplode il conflitto tra le due forze ribelli[292] che a breve si diffonde in tutte le zone a controllo misto: le milizie curde, forti del sostegno compatto della popolazione civile, hanno la meglio nella maggior parte degli scontri e a partire da agosto riescono a espellere dai villaggi a maggioranza curda tutte le formazioni islamiste e dell'Esercito Siriano Libero[293][294]. Nel nord del paese si crea un'area di conflitto molto estesa che spesso deborda anche in territorio iracheno, da dove i curdi ricevono sostegno.

Offensiva dei ribelli (in verde) contro il territorio controllato dal governo (in rosso) nel Governatorato di Latakia

L'ideologia fondamentalista sunnita dei gruppi jihadisti porta come inevitabile conseguenza un aumento degli episodi di guerra settaria e veri e propri atti di "pulizia etnica" nei confronti delle minoranze religiose siriane. Uno degli episodi più gravi si verifica nel Governatorato di Latakia, quando, in risposta ai successi governativi in tutto il paese, il 4 agosto le formazioni islamiste guidano un attacco verso la costa; l'operazione, chiamata "Liberazione della Costa"[295], non ha successo in quanto si svolge in un territorio che da sempre sostiene il governo Assad, ma i miliziani, di cui 300 non-siriani, compiono una serie di massacri nei villaggi momentaneamente occupati, facendo strage dei civili non sunniti, in maggioranza alawiti[296]. La strage conta tra i 62 e i 140 civili uccisi e altri 200 scomparsi; in migliaia scappano verso le città costiere[297][298]. Questa strage, denunciata anche da Human Rights Watch, aliena definitivamente l'appoggio delle minoranze religiose alla causa ribelle.

Il mancato intervento statunitense contro Assad (settembre 2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nei mesi di luglio e agosto le truppe governative e le milizie di Hezbollah continuano a guadagnare terreno. Il 28 luglio le aree ancora sotto il controllo ribelle di Homs vengono attaccate e, con la conquista del quartiere di Khalidiya, la città entra quasi del tutto sotto il controllo governativo[299]. A Damasco le truppe governative scatenano un'offensiva verso i sobborghi orientali, e il 21 agosto nel quartiere di Ghuta viene riportato l'uso di armi chimiche che colpisce militari governativi, ribelli e popolazione civile[300]. L'evento provoca una forte presa di posizione dell'ONU e di gran parte delle cancellerie internazionali, non solo per l'elevato numero di vittime (tra i 281[301] e le 1.729[302]) ma per il fatto che il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, nel 2012 aveva posto come "linea rossa" per un intervento militare internazionale proprio l'utilizzo di armi chimiche[303].

A seguito di questo uso uso di armi chimiche da parte di Damasco, la crisi siriana diventa internazionale accentuando le differenze tra gli schieramenti a favore e contro i ribelli. Due giorni dopo l'attacco Stati Uniti e Unione europea accusano le forze governative di Assad di aver condotto l'operazione[304], mentre la Russia e l'Iran invece difendono il governo e accusano i ribelli[305]. Si apre concretamente la possibilità di un intervento militare contro il regime quando Obama annuncia la possibilità di un attacco punitivo con il lancio di missili verso le postazioni militari siriane nel giro di 48 ore[306], tuttavia la forte opposizione dell'opinione pubblica[307], di parte del Congresso americano[308] e i ripetuti interventi di Russia e Cina in sede ONU[309] spingono il presidente ad attendere un'approvazione da parte del Congresso[310]. A fianco degli USA le nazioni più interventiste sono Francia[311], Regno Unito e Turchia[312], mentre l'Iran dichiara che un attacco verso la Siria causerebbe un lancio di missili verso Israele[313]. In pochi giorni la tensione internazionale sale alle stelle: gli Stati Uniti d'America mobilitano le loro forze armate e inviano numerose navi da guerra nel Mar Mediterraneo e nel Mar Nero, tra cui la portaerei USS Nimitz, mentre la Russia risponde all'avvio della macchina militare americana inviando navi nel Mediterraneo di fronte alla costa siriana. Per diverse settimane si teme addirittura lo scoppio di un vero e proprio conflitto armato tra Stati Uniti e Russia, con Francia, Regno Unito e Turchia dalla parte dei primi e la Siria dalla parte dell'altra.

L'ipotesi di un allargamento incontrollato del conflitto su scala regionale e mondiale viene sollevato dalla Cina[314] e dall'Italia[315]; anche il Vaticano, pur condannando l'uso delle armi chimiche, si oppone fermamente ad un intervento militare contro la Siria, e Papa Francesco indice per il 7 settembre una giornata di digiuno e preghiera per la pace a cui partecipano anche laici e esponenti di altre religioni[316]. Il 30 agosto il parlamento del Regno Unito nega al primo ministro David Cameron la possibilità di intervento armato[317] e di fatto isola Stati Uniti e Francia. La diplomazia tuttavia prende il sopravvento e la discussione sull'intervento in Siria monopolizza l'incontro del G20 di San Pietroburgo del 6 settembre: grazie alla proposta di soluzione russa, il 14 settembre viene raggiunto un accordo che elimina la possibilità di intervento armato in cambio della distruzione dell'arsenale chimico siriano, il libero accesso ai depositi di armi chimiche da parte dei funzionari ONU e l'adesione del governo siriano alla Convenzione sulle armi chimiche[318][319]. Il 27 settembre viene votata all'unanimità all'ONU la Risoluzione 2118 che prevede la distruzione dell'arsenale chimico siriano[320].

Il mese di settembre, a causa del possibile intervento occidentale, non vede significative evoluzioni sul campo di battaglia. Anche l'offensiva verso i quartieri orientali di Damasco da parte dell'esercito si ferma.

La ripresa dell'offensiva governativa (ottobre 2013 - dicembre 2013)[modifica | modifica wikitesto]

Archiviata la possibilità di un intervento occidentale in Siria e aperti i canali diplomatici tra il governo e i funzionari ONU per l'eliminazione dell'arsenale chimico, in ottobre il governo siriano scatena una nuova serie di offensive mentre si riacutizza il conflitto tra ribelli islamisti e curdi nel nord del paese. L'ESL, che aveva sostenuto l'intervento militare contro la Siria, perde ulteriore peso politico e inesorabilmente il fronte ribelle viene egemonizzato dalle formazioni jihadiste.

L'offensiva governativa verso Aleppo dell'ottobre 2013. In rosso le aree controllate dall'esercito, in verde quelle controllate dai ribelli.

L'offensiva governativa si sviluppa su tre fronti distinti: Aleppo, Damasco e la regione montuosa di Qalamun al confine con il Libano. La situazione ad Aleppo non subiva sostanziali modifiche dal luglio 2013 ed era caratterizzata da un conflitto continuativo generalizzato. A seguito dei progressi governativi ad Homs, la via principale verso Aleppo supponeva un attacco verso Ma'arrat al-Nu'man, saldamente sotto controllo ribelle; l'esercito siriano invece scatena l'offensiva lungo la cosiddetta "Via del Deserto" che da [Hama conduce direttamente verso la regione a sud-est di Aleppo: il 1º ottobre viene attaccata la città strategica di Khanasir, dove i ribelli si arrendono tre giorni dopo[321]. La conquista di Khanasir permette l'apertura di un'importante via di rifornimento da Hama e l'apertura della via di accesso verso Aleppo. In pochi giorni l'esercito regolare controlla i villaggi circostanti e il 10 ottobre assedia la città di al-Safira, controllata dai jihadisti del Fronte al-Nusra e dell'ISIS e sede di un deposito di armi chimiche.[322]: con il fondamentale sostegno delle milizie Hezbollah l'esercito entra in città il 30 ottobre[323] Il repentino avanzamento governativo e la debole risposta delle forze ribelli porta alle dimissioni del comandante in capo dell'ESL ad Aleppo, Abdul Jabbar al-Oqaidi[324] Le truppe governative in una settimana riescono a conquistare le cittadine intorno ad al-Safira e rompere l'assedio all'aeroporto di Aleppo.[325] L'obiettivo delle truppe governative è spingersi a nord-est cercando di accerchiare i quartieri centrali di Aleppo controllati dai ribelli, ma l'avanzata si spinge fino al distretto di al-Naqqarin dove si ferma a causa della forte resistenza degli insorti[senza fonte] che il 13 novembre avevano chiamato alla mobilitazione generale di tutte le forze presenti in città[326]. Il mese di dicembre è caratterizzato dall'offensiva dell'aviazione siriana che bombarda giornalmente le posizioni degli insorti[327].L'offensiva è un notevole successo per il governo siriano, che acquisisce il controllo del 60% della città[328].

A nord del paese continua anche l'avanzata delle milizie curde che, anche approfittando della mobilitazione di combattenti verso Aleppo, espandono la propria area di influenza combattendo principalmente contro le milizie islamiste. L'operazione più importante si svolge il 26 ottobre, quando lo YPG conquista il valico di frontiera con l'Iraq di Til Koçer[329]. A inizio novembre i curdi scatenano l'"Offensiva del martire Serekeniye"[330] che permette di conquistare gran parte del governatorato di Al-Hasakah ed estendere il controllo curdo su circa 50 altre cittadine[331].

Offensiva del governo siriano a Damasco: in rosso la zona controllata dal governo siriano e la linea del fronte al 10 settembre 2013, in verde chiaro la zona controllata dai ribelli, in verde scuro le aree contese fino a febbraio 2014

Anche a Damasco l'esercito governativo scatena una serie di offensive verso i sobborghi controllati dai ribelli. Il primo fronte d'attacco è l'area a sud della capitale, dove dal 9 all'11 ottobre l'esercito, spalleggiato dalle milizie Hezbollah e dalle milizie sciite irachene, conquista le tre città strategiche di Sheikh Omar, al-Thiabiya e Husseiniya[332][333], isolando le posizioni ribelli dalle linee di rifornimento provenienti da sud. Per tutto il mese di novembre si susseguono le vittorie delle truppe governative che accerchiano completamente le sacche ribelli a sud e ad est della capitale, assediandole; in particolare i distretti nella Ghuta orientale cominciano a soffrire della mancanza di rifornimenti e viveri. Negli ultimi giorni di novembre i ribelli provano uno sfondamento del fronte per rompere l'assedio, e il massiccio attacco provoca una carneficina da ambo le parti: in una settimana vengono uccisi più di 1.000 ribelli, inclusi i vertici di comando[334]. L'operazione viene bloccata dall'esercito regolare con il massiccio aiuto delle milizie Hezbollah, che lasciano sul campo almeno 40 morti[335].

A novembre l'esercito siriano scatena un'offensiva volta a conquistare la regione montuosa del Qalamun, strategica in quanto controlla l'autostrada che congiunge Damasco ad Homs e perché, essendo al confine con il Libano, permette l'approvvigionamento dei ribelli e il loro afflusso sul fronte di Damasco. Il 15 novembre comincia l'offensiva che permette la conquista delle cittadine di Qara, An-Nabk e Deir Attiyeh entro la fine del mese[336][337]. L'unica controffensiva di rilievo, condotta principalmente dalle formazioni islamiste, avviene il 29 novembre quando viene attaccata e occupata la cittadina cristiana di Ma'lula[338], dove le milizie islamiste arrecano molti danni alle chiese, uccidono gli abitanti che non vogliono convertirsi all'Islam[339] e rapiscono 12 monache[340]. L'11 dicembre le truppe siriane pongono l'assedio alla città di Yabrud: la radicata presenza dei ribelli e il valore simbolico della città più popolosa della regione porta le truppe governative ad essere caute su un'offensiva diretta, preferendo un assedio caratterizzato da bombardamenti aerei e terrestri e sporadiche incursioni. Anche a causa delle cattive condizioni meteorologiche di fine dicembre, l'avanzata nel Qalamun entra in una fase di stallo: la forte presenza dei ribelli jihadisti nel nord del paese e il loro controllo sui valichi di confine costringe Stati Uniti e Regno Unito a sospendere ogni tipo di supporto ai ribelli siriani in quelle zone[341].

L'incontro di Ginevra e il conflitto tra ribelli e ISIS (gennaio 2014 - febbraio 2014)[modifica | modifica wikitesto]

Situazione in Siria a marzo 2014: l'ISIS (in nero) controlla la parte settentrionale del governatorato di Raqqa e i territori limitrofi, gli altri ribelli (in verde) controllano parti dei governatorati di Idlib, Aleppo e Deir el-Zor

Gennaio 2014 si apre con l'attesa della conferenza di pace di Ginevra, ribattezzata "Ginevra 2", indetta dall'ONU in collaborazione con Russia e Stati Uniti per tentare di trovare una soluzione politica alla crisi; alla conferenza partecipano il governo siriano, la Coalizione Nazionale Siriana e il fronte curdo. Dopo vari tentativi e ripensamenti non viene invitato a partecipare l'Iran, principale sostenitore del governo siriano, mentre rifiutano ogni dialogo tutte le formazioni islamiste, inclusi il Fronte al-Nusra, il Fronte Islamico e l'ISIS. Evento significativo dei primi giorni di gennaio è l'ulteriore frazionamento del fronte ribelle: oltre al conflitto che oppone l'ESL alle milizie islamiste, anche il fronte jihadista si rompe.

Il 3 gennaio il Fronte Islamico, appoggiato dall'ESL, attacca le basi dello Stato Islamico dell'Iraq e Levante nei governatorati di Idlib e Aleppo occupandole rapidamente[342]. Il 6 gennaio le ostilità si allargano al governatorato di Raqqa e Deir el-Zor[343] e l'8 gennaio alla regione del Qalamun[344]; dopo 10 giorni di combattimenti, il numero di morti tra ISIS e ribelli contrapposti sale a 700[345]. Al 13 gennaio l'ISIS riesce a cacciare le altre forze ribelli da Raqqa e parte del suo governatorato[346] e avanza verso la città di al-Bab, nel governatorato di Aleppo, mentre la maggioranza delle città nel resto del nord della Siria vede invece un arretramento dei miliziani dell'ISIS[347]. Per la prima volta si registrano scontri significativi anche tra ISIS e Fronte al-Nusra, finora rimasto neutrale[348]. Il 16 gennaio il numero di morti nei combattimenti tra milizie islamiste sale a 1.000[349].

Grazie alla nuova spaccatura interna del fronte ribelle, l'esercito governativo riesce a riprendere l'offensiva ad Aleppo. Il 15 gennaio viene conquistato il quartiere di al-Naqqarin[350] e il 22 gennaio viene riaperto l'aeroporto della città al traffico civile[351]. L'offensiva governativa prosegue verso nord, con il chiaro intento di raggiungere la prigione della città circondata dai ribelli da un anno: a febbraio gli scontri si concentrano nell'area industriale di Sheikh Najjar, che dista pochi chilometri dalla prigione, tuttavia la forte opposizione dei ribelli, che richiamano rinforzi dal resto del governatorato di Aleppo, porta ad uno stallo dell'avanzata[352]. I ribelli, che rischiano l'accerchiamento del centro della città, contrattaccano nel centro storico facendo esplodere due palazzi controllati dall'esercito con tunnel sotterranei riempiti di esplosivo: l'operazione, condotta dal Fronte Islamico, viene chiamata "Operazione Terremoto"[353].

Il 22 gennaio inizia la conferenza di pace Ginevra 2 a Montreux dove, sotto egida ONU, si incontrano per la prima volta una delegazione del governo siriano e una della Coalizione Nazionale Siriana[354]. Dopo l'iniziale rischio di fallimento del negoziato, il primo risultato concreto della conferenza viene raggiunto il 7 febbraio quando viene siglata una tregua nella città di Homs per permettere l'evacuazione della popolazione civile[355], tregua poi estesa fino al 14 febbraio[356]. Quello stesso 14 febbraio, tuttavia, i negoziati a Ginevra si chiudono senza nessun accordo politico tra le due delegazioni e l'inviato speciale dell'ONU, Lakhdar Brahimi, annuncia il fallimento "scusandosi con il popolo siriano"[357]. A metà febbraio l'esercito governativo riprende l'avanzata nella regione del Qalamun con l'intento di controllare completamente il confine libanese[358].

I ribelli in difficoltà (marzo 2014 - maggio 2014)[modifica | modifica wikitesto]

A inizio marzo 2014 si assiste a una generale avanzata dell'esercito siriano su molti fronti. L'area di maggiore attività è la strategica regione del Qalamun, dove l'esercito regolare siriano, con la collaborazione sempre più importante della milizia Hezbollah, riesce a conquistare la roccaforte ribelle di Yabrud[359] tagliando definitivamente le linee di approvvigionamento dei ribelli dal Libano e facendo collassare le loro linee difensive. La campagna nella regione si conclude a fine aprile con la resa dei ribelli a Zabadani[360].

Situazione ad Aleppo nel marzo 2014: in rosso il governo, in verde i ribelli, in grigio l'ISIS

La perdita del Qalamun è un duro colpo per l'opposizione siriana: blocca la principale linea di rifornimento per il fronte di Damasco e crea nuove spaccature tra le milizie ribelli, che si scambiano accuse sulle responsabilità della sconfitta; il flusso dei ribelli sconfitti oltre confine determina poi un aumento della tensione in Libano. Sempre in prossimità del confine libanese, tra l'8 e il 20 marzo i ribelli vengono sconfitti nella cittadina di Zara[361] e in quella di Al-Hosn[362], e il 20 marzo viene liberato il Krak dei Cavalieri, una fortezza medievale patrimonio dell'UNESCO che i ribelli avevano trasformato in una loro roccaforte[363]. Le due cittadine conquistate erano le ultime due controllate dall'opposizione nell'ovest del governatorato di Homs.

Il 9 marzo l'esercito siriano riesce ad avanzare anche ad Aleppo, dove da mesi si combatte per il controllo dell'area industriale Shaykh Najjar. In particolare l'esercito conquista il quartiere chiave di Hanano, che gli permette di controllare le ultime strade di collegamento con il centro della città. Aleppo viene posta d'assedio[364], ma in risposta alle avanzate governative i ribelli organizzano due offensive. A sud della Siria, il 19 marzo i ribelli riescono a conquistare la prigione centrale di Gharaz, nelle vicinanze di Dar'a, e a liberare circa 300 detenuti[365]; il 21 marzo i ribelli lanciano un'offensiva nel nord del governatorato di Latakia denominata "Operazione Al-Anfal" con l'obiettivo di controllare il valico di frontiera di Kesab: l'operazione si svolge in un'area fortemente filogovernativa in quanto a maggioranza alawita[366], e l'avanzata ribelle non riesce a penetrare nell'entroterra subendo la controffensiva lealista[367].

Assedio di Homs: le linee tratteggiate indicano il fronte ad aprile 2014, prima della resa dei ribelli

Il 6 maggio 2014 i ribelli presenti nella città vecchia di Homs aprono una trattativa con il governo siriano che porta ad un accordo sulla totale evacuazione dei miliziani dalla città con la garanzia di un salvacondotto. L'8 maggio Homs, terza città del Paese, entra sotto completo controllo dell'esercito siriano[368]. Nel corso del mese di maggio, l'offensiva governativa si sviluppa anche sugli altri fronti aperti nel paese, e in particolare nella Ghuta Orientale di Damasco[369], ad Aleppo (dove l'esercito rompe l'assedio alla prigione centrale che durava da più di un anno[370]), e a sud dove l'esercito avanza verso la cittadina di Nawa[371].

Il 3 giugno 2014 si svolgono in Siria le elezioni presidenziali che, seguendo i dettami della nuova costituzione siriana, permettono la presenza di più candidati. I seggi elettorali vengono installati solo nelle aree controllate dal governo, e i ribelli siriani, inclusi l'ISIS e i curdi, non partecipano alla consultazione definendola una farsa[372][373]. A livello internazionale si assiste ad una forte polarizzazione dei governi: la maggior parte dei Paesi occidentali e del mondo arabo sunnita condanna la consultazione elettorale (alcune nazioni non permettono ai residenti siriani di recarsi a votare nella loro ambasciata)[374], altre 30 nazioni, tra cui Russia, Iran e Venezuela invece riconoscono la consultazione inviando anche osservatori per garantire il corretto svolgimento delle operazioni di voto[375]. Il governo siriano comunica un'affluenza alle urne del 73,42%[376] nonostante nelle zone di confine con le aree controllate dai ribelli si registrino alcuni attacchi volti a scoraggiare il voto: in particolare ad Aleppo i seggi elettorali sono oggetto di tiri di mortaio[377]. Bashar al-Assad viene dichiarato vincitore delle elezioni con l'88,7% distanziando gli altri due candidati Hassan al-Nouri e Maher Hajjar[378].

La proclamazione del califfato da parte dell'ISIS (giugno 2014 - agosto 2014)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stato Islamico dell'Iraq e Levante.

Contemporaneamente allo svolgimento delle elezioni in Siria, si verifica una sequenza di episodi che cambiano radicalmente lo svolgimento della guerra civile. Lo Stato Islamico dell'Iraq e Levante, già attivo nell'ovest dell'Iraq dove aveva conquistato alcune cittadine del governatorato di al-Anbar, a inizio giugno scatena un'improvvisa offensiva nel nord dell'Iraq e conquista rapidamente numerose città; il 9 giugno l'ISIS entra a Mossul, seconda città del paese, che l'esercito regolare iracheno abbandona senza combattere[379]. L'avanzata dei ribelli islamisti provoca la fuga immediata di 500.000 persone e apre una profonda crisi politica in Iraq; i miliziani entrano in possesso di una grande quantità di armi di fabbricazione americana abbandonate dall'esercito e di 429 milioni tra dollari e oro saccheggiati dalle banche cittadine[380]. Vengono inoltre rilasciati 2.400 detenuti che si uniscono alle file dell'ISIS[381]. Nel mese di giugno si susseguono i successi dell'ISIS, che assume il controllo di numerose città irachene e si spinge fino alla periferia di Baghdad: l'organizzazione assume il controllo di una lunga fascia di confine tra Iraq e Siria, da cui possono ora passare liberamente armi e combattenti[382]. Il 29 giugno 2014 il leader dell'ISIS, Abu Bakr al-Baghdadi annuncia l'instaurazione del califfato nei territori controllati tra Siria e Iraq e chiede a tutti i musulmani di aderirvi[383].

Offensiva dell'ISIS (in nero) nella Siria nord-orientale nel luglio-agosto 2014 contro le altre forze ribelli (in verde) e le forze governative (in rosso). In giallo i curdi

Grazie alle armi sofisticate catturate in Iraq, al numero e alla determinazione dei combattenti, l'ISIS il 1º luglio scatena un'imponente offensiva nel governatorato di Deir el-Zor che, in due settimane, permette di sconfiggere le altre formazioni ribelli siriane, in particolare il Fronte al-Nusra, e assumere il controllo del 95% della provincia nonché di circa il 50% della città di Deir el-Zor[384]. L'espulsione di tutte le sigle ribelli dall'est della Siria permette all'ISIS di entrare in diretto contatto con le aree controllate dal governo siriano, verso il quale organizza un'offensiva il 16 luglio. Il primo obiettivo è il campo di gas di Shaer, nella regione desertica a nord di Palmira: in sole 12 ore le milizie occupano il campo e giustiziano sommariamente 200 tra soldati e civili[385] anche se, il 26 luglio, l'esercito riesce a riconquistare gli impianti[386]. Il 25 luglio l'ISIS attacca e conquista la base militare "Divisione 17" a nord di Raqqa, ultimo bastione governativo nella città[387], e il 7 agosto la base militare "Brigata 93". In entrambi i casi non vengono fatti prigionieri[388].

Situazione in Siria a settembre 2014: dopo l'offensiva estiva, l'ISIS (in nero) controlla ormai quasi integralmente i governatorati di Raqqa e Deir el-Zor

Il 10 agosto l'ISIS inizia l'offensiva contro l'aeroporto militare di Tabqa, ultima postazione governativa nell'intero governatorato. L'attacco dura per tutto il mese fino a quando, il 24 agosto, i miliziani riescono a entrare nel complesso e a conquistarlo[389]. Le forze armate siriane riescono a evacuare gran parte del materiale militare, tuttavia circa 250 soldati vengono catturati e giustiziati sommariamente; con un totale di circa 500 morti tra i soldati governativi, la battaglia rappresenta una dura sconfitta per il governo siriano che, per la prima volta, viene anche criticato dall'opinione pubblica alawita che accusa l'esercito di aver abbandonato i propri uomini[390]. Il fronte tra esercito governativo e le altre milizie ribelli si attesta principalmente nella campagna a nord di Hama e nella Ghuta orientale. Il 4 luglio ha luogo, a Uqayrishah, un tentativo statunitense di salvare il giornalista James Wright Foley che si risolve con il completo fallimento dell'operazione e la successiva morte del giornalista stesso, decapitato il 19 agosto nel deserto siriano dal boia dello Stato Islamico Jihādi John.

Il 26 luglio i ribelli scatenano un'offensiva con l'obiettivo di conquistare l'aeroporto di Hama e, in seguito, attaccare la città. Grazie a rinforzi provenienti da Aleppo, i ribelli, guidati dal Fronte al-Nusra, in un mese conquistano diverse città fino a occupare Halfaya e Arzeh, incuneandosi quindi a ovest di Hama fino a 3 km dall'aeroporto[391]. Tuttavia, anche grazie ai rinforzi governativi spostati da Aleppo, l'avanzata raggiunge uno stallo e i ribelli subiscono la controffensiva che, il 17 settembre, riporta il fronte alle posizioni di luglio[392]. Nella Ghuta orientale l'esercito governativo, in collaborazione con Hezbollah, continua a stringere la sacca di resistenza ribelle, avanzando nel distretto di Jobar e soprattutto riconquistando la cittadina di al-Maliha il 14 agosto, a seguito di una lunga operazione cominciata ad aprile[393]: la città era uno snodo strategico per i ribelli e il punto di partenza di una rete di tunnel che collega le altre aree controllate[394].

L'intervento internazionale contro l'ISIS (settembre 2014 - gennaio 2015)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Intervento militare contro lo Stato Islamico e Assedio di Kobanê.
Gli obiettivi dei primi attacchi statunitensi in Siria in una mappa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti d'America: oltre all'ISIS nell'area di Raqqa e Deir el-Zor, viene colpito anche il fronte al-Nusra a ovest di Aleppo

La rapida avanzata dell'ISIS nel nord e nell'est dell'Iraq nel giugno 2014 e l'incapacità militare e politica del governo centrale nel contrastarla creano profonde preoccupazioni nei governi occidentali e, in particolare, in quello americano. Il premier iracheno Nuri al-Maliki invoca l'intervento internazionale e si rivolge direttamente agli Stati Uniti, chiedendo un immediato supporto aereo[395]. La situazione in Iraq peggiora ulteriormente all'inizio di agosto, quando una nuova offensiva dell'ISIS rompe le linee di difesa dei peshmerga curdi nella Regione autonoma del Kurdistan iracheno e permette ai miliziani di penetrare rapidamente nel nord del paese[396]: in particolare vengono conquistate alcune cittadine a maggioranza cristiana, tra cui Qaraqosh, e yazida, tra cui Sinjar. L'avanzata provoca la fuga di 200.000 persone che temono il massacro per motivi religiosi[397]. Il rischio di completa occupazione del Kurdistan iracheno spinge gli Stati Uniti a intervenire nel conflitto, e il 7 agosto avviene il primo bombardamento nei pressi di Erbil[398].

Viene organizzata una coalizione che raggruppa 11 paesi occidentali ma l'intervento si limita all'Iraq, sebbene gran parte dei miliziani e i principali centri di comando dell'ISIS si trovino in Siria. Il problema principale per gli Stati Uniti è la possibilità che un intervento in territorio siriano possa aiutare le truppe dell'esercito governativo, che, paradossalmente, un anno prima avevano minacciato di attaccare; tuttavia dal 26 agosto si verificano alcuni voli di ricognizione sul territorio siriano[399]. Il 10 settembre il presidente statunitense Barack Obama apre alla possibilità di attaccare l'ISIS in Siria[400], e il 22 settembre si verificano i primi bombardamenti sul territorio siriano: il governo di Damasco viene informato con la mediazione dell'Iran, ma non viene consultato per coordinare gli attacchi o chiedere l'autorizzazione[401][402]. La coalizione intervenuta in Siria, guidata dagli Stati Uniti, comprende cinque nazioni arabe: Bahrein, Giordania, Qatar, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti[403]. Tra i primi obiettivi vi sono tutti i principali centri urbani controllati dall'ISIS, tra cui Raqqa e, inaspettatamente, anche postazioni del Fronte al-Nusra: in particolare viene attaccato il quartier generale del "Gruppo Khorasan"[404]. L'imprevista inclusione del Fronte al-Nusra nell'attacco provoca una dura reazione da parte delle altre formazioni ribelli siriane, tra cui l'Esercito siriano libero che teme un diretto rafforzamento delle truppe governative e un travaso di miliziani verso l'ISIS allo scopo di combattere gli Stati Uniti come "nemico comune"[405]; nell'area di Damasco, nel giorno stesso dell'inizio dei bombardamenti, viene siglato un patto di non aggressione tra ISIS e le altre formazioni ribelli[406].

Linea del fronte a Kobane, dalla massima estensione del controllo dell'ISIS a fine ottobre-inizio novembre 2014 (linea tratteggiata rossa), alla contro-offensiva dell'YPG (in giallo) a gennaio 2015

Sul terreno, a metà settembre l'ISIS scatena una imponente offensiva verso la regione di Kobane, confinante con la Turchia e controllata dalle milizie curde YPG. Grazie agli equipaggiamenti provenienti dall'Iraq, l'ISIS riesce rapidamente a conquistare diverse cittadine, mandando in rotta i miliziani curdi: solo il 2 ottobre l'ISIS conquista 350 villaggi e arriva alle porte della città[407]. L'attacco provoca il flusso di 300.000 profughi verso la Turchia, causando il più importante sconfinamento della guerra civile sul suo territorio[408]. L'assedio di Kobane permette tuttavia alle forze della coalizione di bersagliare i miliziani dell'ISIS con facilità a causa della loro concentrazione[409]. La vicinanza degli scontri, spinge la Turchia a schierare le proprie truppe al confine, ma ignorando le richieste della minoranza curda e degli Stati Uniti il presidente Recep Tayyip Erdoğan si rifiuta di fornire aiuti alla città e ai miliziani YPG[410]; solo a inizio novembre viene permesso l'ingresso in città di un piccolo contingente di curdi iracheni[411]. L'offensiva dell'ISIS si arresta dividendo in due la città, e le ripetute controffensive curde permettono piccoli avanzamenti per tutto il mese di novembre e dicembre. A fine anno le milizie YPG controllano tra il 70%[412] e l'85%[413] di Kobane.

Crescita del territorio controllato da al-Nusra dopo il conflitto con l'ESL:

     Prima dell'offensiva

     Dopo l'offensiva

I bombardamenti hanno effetto anche nell'area di Deir el-Zor, dove a dicembre il governo siriano riesce a espellere l'ISIS da molte zone della città[414]. Settembre vede anche un avanzamento delle truppe governative siriane nella Ghuta orientale di Damasco, dove il 25 i ribelli sono costretti a ritirarsi dalla città di Adra[415]. Ad Aleppo l'esercito siriano avanza nel nordest della città, conquistando lo strategico quartiere di Handarat da cui può bersagliare l'unica arteria di collegamento in mano ai ribelli, ponendo le aree centrali della città sotto assedio[416]. Il 23 ottobre l'esercito siriano riesce a conquistare la cittadina di Morek, a nord di Hama, dopo nove mesi di combattimenti; alcune testimonianze riportano che l'attacco della coalizione internazionale contro il Fronte al-Nusra ha di fatto aiutato l'esercito siriano in quest'ultima operazione[417]. Poco dopo, il 26 ottobre, il Fronte al-Nusra rompe l'alleanza con l'Esercito siriano libero e attacca le sue postazioni in tutto il governatorato di Idlib, sequestrando tutto l'armamento e costringendo i miliziani a scappare in Turchia o a unirsi al Fronte[418]; l'alleanza viene però mantenuta inalterata nel sud della Siria.

Il periodo compreso tra novembre e dicembre 2014 vede un rallentamento delle iniziative militari su tutto il territorio siriano ad esclusione del governatorato di Daraa, dove le milizie ribelli riescono a conquistare l'importante città di Nawa[419] ed avanzare verso Shaykh Maskin[420] con l'intenzione di controllare l'autostrada Dar'a-Damasco ancora sotto controllo governativo. Il 26 gennaio 2015 le milizie curde annunciano che la città di Kobane è completamente sotto il loro controllo[421]: l'ISIS riconosce l'impossibilità di mantenere le proprie posizioni e, visto l'alto numero di perdite, annuncia il ritiro dalla città e dalle aree circostanti[422].

Le forze governative in difficoltà (febbraio 2015 - maggio 2015)[modifica | modifica wikitesto]

Dal mese di febbraio si intensificano le operazioni militari su tutti i fronti della guerra civile. Le milizie curde YPG, con il fondamentale appoggio dell'aviazione americana e alcune unità dell'ESL, riescono in un mese a riconquistare tutte le cittadine curde della regione a sud di Kobane perse tra ottobre e dicembre 2014[423]; lo Stato Islamico è costretto ad attestare la propria linea difensiva nei villaggi a maggioranza etnica araba. I curdi siriani, stavolta alleati alle forze governative, scatenano un'offensiva il 21 febbraio nella zona est di Al-Hasaka verso Tal Hamis, roccaforte dell'ISIS vicino al confine iracheno: grazie anche all'intervento dei peshmerga iracheni, che eseguono bombardamenti da oltre confine, i curdi conquistano tra il 25 e il 28 febbraio Tal Hamis e la vicina Tell Brak, oltre ad altri 105 piccoli villaggi[424]. L'ISIS reagisce attaccando a ovest di Al-Hasaka e conquistando 35 villaggi a sud di Tell Tamer, entrando in un territorio abitato in maggioranza da cristiani assiri[425]; le milizie cristiane, curde e l'esercito siriano riescono ad arginare l'avanzata il 16 marzo[426].

Offensiva dei curdi (in giallo) contro l'ISIS (in nero) a est di Hasaka e dell'ISIS contro i curdi a ovest di Hasaka, febbraio-marzo 2015

Il 16 febbraio 2015, a seguito dell'arrivo di numerosi rinforzi ad Aleppo, l'esercito siriano scatena un'imponente offensiva volta a completare l'accerchiamento del centro della città e rompere l'assedio delle cittadine sciite di Nubl e Zahara[427]. L'attacco coglie di sorpresa le postazioni ribelli a nord della città, e in poche ore l'esercito siriano conquista diversi villaggi arrivando a controllare la principale via di rifornimento ribelle e a raggiungere le due città assediate[428]; tuttavia l'avanzata si rivela effimera e già il giorno successivo l'esercito subisce il contrattacco ribelle, che in pochi giorni recupera tutte le posizioni perse e infligge forti perdite alle truppe governative[429][430]. La seconda offensiva volta ad accerchiare Aleppo entra subito in stallo e le milizie ribelli riescono a penetrare nei quartieri strategici di Al-Mallah e Handarat[431].

Offensiva delle forze filo-governative (in rosso) contro i ribelli (in verde) nel sud della Siria

Il 7 febbraio 2015, in risposta alle recenti vittorie ribelli nel sud del paese, l'esercito siriano scatena un'offensiva sul fronte meridionale volto ad allontanare ulteriormente i ribelli da Damasco e riprendere il controllo sulla fascia di confine con le Alture del Golan[432]; per la prima volta dallo scoppio della guerra civile partecipano in maniera diretta unità dei pasdaran iraniani[433], oltre che molti miliziani Hezbollah e alcune milizie sciite afghane[434]. La battaglia viene considerata decisiva dalle forze governative e molti osservatori internazionali si spingono a definirla come una delle più importanti della guerra[435]: la prima fase dell'offensiva permette di conquistare velocemente sette cittadine, ma dopo solo una settimana le forze governative entrano in stallo, subendo pesanti perdite ed esaurendo la spinta iniziale. Le limitate conquiste territoriali e l'importanza attribuita all'operazione portano a considerare l'attacco come un grosso fallimento.

Gli scarsi risultati ottenuti nelle offensive di febbraio sono il preludio a un periodo estremamente difficile per il governo siriano. A partire da marzo si verificano una serie di pesanti sconfitte ai danni dell'esercito governativo che, per la prima volta dalla battaglia di Qusayr, è costretto a cedere importanti aree strategiche. Le ragioni di questa modifica dei rapporti di forza sono da ricercarsi nella cronica mancanza di uomini nelle file governative, che si sono ridotte ulteriormente nella guerra d'attrito invernale; inoltre gli alleati sciiti iracheni, iraniani e Hezbollah hanno ridotto la loro presenza sul campo o si sono focalizzati su aree di interesse strategico[436]. Compaiono i primi cedimenti politici all'interno del campo governativo e si verificano imprigionamenti, fughe e uccisioni di membri interni al partito Baath, alcuni accusati di ordire un colpo di stato[437]. I ribelli siriani invece, nella componente jihadista, trovano una nuova unità creando una coalizione attiva soprattutto al nord, Jaish al Fatah ("Esercito della Conquista"), guidata dal Fronte al-Nusra e comprendente altri sei gruppi ribelli tra cui Ahrar al-Sham[438]. Inoltre Arabia Saudita e Turchia aumentano finanziamenti e coordinamento a sostegno dei miliziani[439].

Conquista di Idlib e Jisr al-Shughur da parte dei ribelli di Jaish al Fatah (in verde), marzo-aprile 2015

Il 25 marzo con un rapido attacco i miliziani dell'ESL conquistano la cittadina meridionale di Bosra, costringendo l'esercito siriano a ritirarsi nel gebel Druso[440]. Il 24 marzo Jaish al Fatah scatena un ampio attacco alla città di Idlib, sotto controllo governativo: con l'ausilio di numerosi attentatori suicidi i miliziani si infiltrano nelle zone nord ed est della città, avanzando velocemente verso il centro[441]; nell'arco di quattro giorni le truppe siriane e i membri della Forza Nazionale di Difesa si ritirano verso sud, abbandonando definitivamente la città il 28 marzo[442]. La conquista della città rappresenta una dura perdita per il governo siriano soprattutto dal punto di vista morale e permette al Fronte al-Nusra di presentarsi ormai come la formazione egemone tra i ribelli[443]. Jaish al Fatah annuncia l'instaurazione della sharia in città, che diviene de facto la "capitale" delle aree amministrate dal gruppo jihadista[444]. Una nuova sconfitta per il governo siriano avviene poi il 1º aprile di nuovo a sud, al confine con la Giordania, dove i miliziani ribelli riescono a conquistare il valico di Nasib, ultima area di confine ancora sotto controllo statale e garantirsi in questo modo una nuova via di rifornimento[445].

Offensiva dell'ISIS (in nero) contro Palmira, maggio 2015

A nord, a seguito della conquista di Idlib, Jaish al Fatah continua l'offensiva verso ovest, aprendo il 22 aprile tre diversi fronti: a ovest della città, su Jisr al-Shughur e nella piana di al-Ghaab. Il 25 aprile l'esercito siriano abbandona Jisr al-Shughur[446] e, dopo una timida controffensiva, è costretto a cedere anche alcuni villaggi nella piana di al-Ghaab[447]. La presa di Jisr al-Shughur è particolarmente importante in quanto è uno snodo strategico per la costa di Latakia, area alawita e fortemente filogovernativa. Il 13 maggio 2015 il governo siriano subisce una pesante sconfitta anche nell'est del paese: questa volta è l'ISIS che, sfruttando l'alleggerimento di truppe governative ricollocate sul fronte di Idlib, attacca la città di Palmira, posizionata strategicamente nel deserto tra il confine iracheno, Homs e Damasco; il 21 maggio i miliziani dell'ISIS entrano in città mentre le truppe regolari evacuano i civili e i reperti archeologici contenuti nel Museo di Palmira[448].

Verso la fine del mese i vari fronti aperti entrano in stallo, con piccoli avanzamenti dei ribelli solo nell'area di Idlib[449]. Il 15 maggio ha luogo, ad al-Amr, una operazione speciale condotta dalla Delta Force statunitense con l'obbiettivo di uccidere uno dei capi dello Stato Islamico, Abu Sayyaf, noto per aver avuto un ruolo importante nella supervisione delle operazioni di contrabbando illegale di petrolio; durante l'operazione, in cui almeno 31 jihadisti perdono la vita, Sayyaf viene ucciso.

La grande avanzata curda nel nord (giugno 2015 - settembre 2015)[modifica | modifica wikitesto]

Avanzata dei curdi (in giallo) contro l'ISIS (in nero) nel nord della Siria, con l'unificazione dei cantoni di Kobane (a ovest) e Jazira (a est)

Già a partire dalla metà maggio 2015 le forze curde YPG presenti nella regione a nord-ovest di Hassaké avevano intrapreso una campagna militare in risposta ai recenti avanzamenti dello Stato Islamico nell'area, riconquistando in collaborazione con le milizie cristiane i territori persi a inizio marzo[450]. Il 31 maggio 2015 viene lanciata una nuova imponente offensiva, guidata dalle milizie curde in collaborazione con alcuni gruppi selezionati dell'ESL e la copertura aerea della Coalizione a guida americana: i curdi avanzano sia da est che da ovest (dal cantone di Kobane) con l'intenzione di entrare nel Governatorato di Raqqa, unificare i due cantoni e assumere il controllo continuo di quasi tutto il confine con la Turchia. L'avanzata si rivela estremamente veloce, con le milizie islamiste che spesso si ritirano senza ingaggiare i combattenti curdi; unica cittadina ad opporre resistenza è Suluk, che però cade il 14 giugno[451]. Tra il 15 e il 16 giugno i combattenti curdi YPG provenienti dai due cantoni unificano il fronte e attaccano l'ultima roccaforte dell'ISIS, la città frontaliera di Tell Abyad, che viene abbandonata dagli jihadisti con poca resistenza[452]. La vittoria curda permette il controllo di larga parte del confine turco e di tagliare i rifornimenti diretti a Raqqa, nonché di minacciare direttamente la capitale del Califfato. I curdi YPG conquistano quasi tutte le aree a maggioranza curda (Rojava), spingendosi anche in cittadine arabe lasciate però in gestione alle poche brigate dell'ESL[453]. A fine giugno i curdi, con una presenza più importante dell'Esercito Siriano Libero, conquistano Ayn Issa, spingendosi più in profondità verso Raqqa[454]. La vittoria di Tel Abyad rappresenta uno dei più rapidi avanzamenti della guerra civile siriana e una sconfitta strategica importante per lo Stato Islamico, che è costretto a organizzare le difese della propria capitale e rinunciare alla via più diretta di approvvigionamento verso la Turchia.

La situazione a Hasaka al 3 luglio 2015: in nero l'ISIS, in rosso il governo siriano, in giallo l'YPG, in verde le milizie assire

La risposta dell'ISIS all'avanzata curda avviene alla fine del mese. Il 25 giugno un centinaio di miliziani islamisti penetra nella città di Kobane facendo esplodere tre autobombe vicino al valico di confine con la Turchia e attaccando le retrovie delle milizie YPG[455]; la battaglia dura tre giorni durante i quali gli islamisti commettono anche una serie di massacri contro la popolazione civile[456], ma il 29 giugno gli ultimi miliziani dell'ISIS vengono eliminati. I curdi accusano direttamente la Turchia di aver permesso l'accesso dei combattenti attraverso il suo territorio[457]. Il 30 giugno avviene un episodio identico nella città di Tall Abyad[458]: i curdi sono costretti ad interrompere l'offensiva verso sud, essendo il fronte troppo vasto e riconoscendo la necessità di rafforzare il controllo sulle aree conquistate. Quasi contemporaneamente l'ISIS scatena un'offensiva anche nell'area curda orientale, attaccando frontalmente la città di Hassaké il 23 giugno[459]: i miliziani riescono a conquistare i sobborghi meridionali e ad entrare nel centro cittadino; il YPG viene affiancato dall'esercito regolare siriano[460], mentre i bombardamenti della coalizione a guida americana sono sporadici per evitare il sostegno diretto alle truppe governative[461]. Solo il 1° agosto la battaglia si dichiara conclusa, con l'ISIS costretto a ritornare sulle posizioni precedenti all'attacco[462].

Il mese di giugno 2015 vede anche il primo coinvolgimento della comunità drusa siriana, finora rimasta ambiguamente neutrale nella guerra civile. L'11 giugno 2015 il Fronte al-Nusra compie un massacro nella provincia di Idlib uccidendo 20 civili drusi in un villaggio[463], e lo stesso giorno i ribelli attaccano la base aerea di al-Thula, nel governatorato di As-Suwayda, al confine occidentale del Gebel Druso[464]. I drusi reagiscono con una dichiarazione in cui i leader politici e religiosi della comunità spingono la popolazione a sostenere il governo e unirsi all'esercito regolare[465][466]. Il 16 giugno i ribelli scatenano una nuova offensiva nel governatorato di Quneitra con l'obiettivo di entrare nella Ghuta occidentale e avvicinarsi a Damasco[467]; il giorno successivo il fronte si attesta nella cittadina di Hadar, abitata dalla comunità drusa: anche in questa circostanza i cittadini si uniscono alle forze governative contro i ribelli[468]. L'intervento druso provoca il rapido stallo di entrambe le offensive ribelli nel sud della Siria[469][470].

In questo periodo l'unica area della Siria dove le truppe governative ottengono successi sostanziali è la regione del Qalamun al confine con il Libano. Con il sempre più importante sostegno delle milizie sciite Hezbollah, tra maggio e giugno l'esercito siriano era riuscito a mettere in sicurezza le aree rurali e i picchi montagnosi nel Qalamun settentrionale[471]. Il 3 luglio 2015 viene attaccata la cittadina di Zabadani[472], il più grande centro urbano al confine libanese ancora nelle mani dei ribelli e oggetto di continue tregue nel corso degli ultimi anni[473][474]: le truppe governative circondano l'abitato e avanzano rapidamente verso il centro della città, ma a causa della feroce resistenza ribelle, derivata anche dall'impossibilità di fuggire, Hezbollah è costretta a rallentare l'attacco in modo da limitare le proprie perdite[475]. A partire da agosto la sorte di Zabadani viene legata alle due città a maggioranza sciita nel governatorato di Idlib, Al-Fou'aa e Kafraya: i ribelli infatti attaccano i centri abitati e propongono uno scambio tra i loro combattenti a Zabadani e i civili intrappolati a nord[476]. Coinvolgendo anche Turchia e Iran, vengono implementate una serie di tregue fino al mese di settembre[477][478], tuttavia le città di Madaya (vicino a Zabadani), Al-Fou'aa e Kafraya restano assediate ancora a gennaio 2016, con conseguenze sempre più gravi per i civili rimasti intrappolati e privi di cibo e medicine[479].

Sempre nel governatorato di Idlib, la coalizione islamista Jaish al Fatah lancia a fine giugno una serie di nuove offensive a sud di Jisr al-Shughur, riuscendo a conquistare alcuni villaggi[480] ma venendo bloccata dalla controffensiva governativa[481]. Per tutto il mese di agosto si registrano continui scontri caratterizzati da attacchi e contrattacchi nella parte settentrionale della Piana di al-Ghab con le cittadine di Mansura, al-Bahsa e Tal Awar che passano di mano diverse volte[482][483]; l'offensiva si esaurisce a fine agosto un blando avanzamento dei ribelli. Intanto a fine estate l'ISIS prosegue la propria espansione nel governatorato di Homs a danno dei governativi, occupando il 5 agosto la città assiro-cristiana di Al-Qaryatayn, sede di un altro importante sito archeologico.

L'intervento russo (ottobre 2015 - gennaio 2016)[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene la Russia abbia sostenuto politicamente e con forniture militari il governo siriano fin dalle prime fasi della crisi, a partire da settembre 2015 si verifica una sensibile intensificazione dei contatti tra i due governi e si registrano movimenti aerei e di personale russo nell'area costiera di Latakia[484][485][486]. Il 15 settembre gli Stati Uniti dichiarano che truppe russe stanno allestendo un nuovo aeroporto con annessa base militare[487], e a fine settembre la Russia annuncia di aver raggiunto un accordo con Siria, Iraq e Iran per condividere informazioni di intelligence relative allo Stato Islamico[488]. Oltre all'aumento di forniture militari, il presidente russo Vladimir Putin scatena un'offensiva diplomatica volta a modificare la posizione occidentale nei confronti del governo siriano, allo scopo di includerlo in un futuro processo di pace. Anche a seguito della crisi dei profughi siriani in Europa iniziata in estate, Austria, Spagna[489], Germania[490] e Regno Unito[491] affermano di essere disposti a trattare con il presidente siriano, posizione che viene accettata anche dalla Turchia[492] e da Israele[493]

Offensiva delle forze filo-governative (in rosso) contro i ribelli (in verde) nella sacca di al-Rastan tra Homs e Hama (in basso) e a nord di Hama nella piana di al-Ghab (in alto)

Il 30 settembre 2015, poco dopo l'autorizzazione della Duma[494] e dopo aver informato il governo americano, gli aerei russi eseguono i primi raid in territorio siriano[495]; tra le prime località colpite vi sono quelle nella zona controllata dai ribelli tra Homs e Hama (la cosiddetta "sacca di Al-Rastan")[496]: l'apparente assenza di miliziani dell'ISIS nell'area dimostra la volontà di colpire, a differenza dei raid dell'aviazione americana, tutte le sigle della ribellione siriana, incluse le brigate dell'Esercito Siriano Libero[497]. Il giorno successivo, tuttavia, vengono bombardate anche aree controllate dall'ISIS, inclusa la "capitale" del califfato Raqqa[498]. I raid aerei si estendono su quasi tutto il territorio siriano controllato dai ribelli che, in risposta, creano un "comitato congiunto" composto da 41 fazioni per coordinare le operazioni di difesa[499].

Il 7 ottobre l'esercito siriano lancia una vasta offensiva nel nord-ovest della Siria aprendo un fronte che comprende il governatorato di Latakia, la piana di al-Ghab e il confine nord del governatorato di Hama[500]. L'aviazione russa garantisce una forte copertura aerea con aerei ed elicotteri, mentre nella notte vengono anche lanciati 26 missili terra-terra da navi russe ormeggiate nel Mar Caspio, sfruttando lo spazio aereo iraniano e iracheno[501]; nelle operazioni terrestri l'esercito siriano viene affiancato anche dai miliziani Hezbollah[502]. In una settimana di combattimenti le truppe governative riescono a catturare diverse cittadine nel governatorato di Idlib e intorno alla strategica cittadina di Salma, tuttavia i miliziani islamisti riescono a rallentare l'avanzata anche grazie all'utilizzo dei missili anticarro BGM-71 TOW di fabbricazione americana[503]. Nella seconda settimana di battaglia alcuni punti del fronte entrano in stallo, a esclusione della piana di al-Ghab dove lentamente le truppe siriane avanzano verso nord[504].

Offensiva delle forze filo-governative (in rosso) contro i ribelli (in verde) a sud e nord di Aleppo e contro l'ISIS (in nero) a est di Aleppo, ottobre 2015-3 febbraio 2016

Il 16 ottobre le truppe siriane lanciano un'altra offensiva nella campagna a sud di Aleppo[505], e oltre all'appoggio aereo russo intervengono direttamente elementi della Forza Quds del Corpo delle Guardie della rivoluzione islamica iraniano, sotto la direzione strategica di Qasem Soleimani[506] e milizie sciite irachene[507]; in pochi giorni le truppe conquistano cinque villaggi prima di incontrare la resistenza dei ribelli[508]. Tra ottobre e l'inizio di novembre l'esercito siriano riesce ad avanzare in profondità verso sud e verso ovest, conquistando una dozzina di villaggi[509][510] e arrivando ad attaccare la cittadina di al-Hadir[511]. Parallelamente, a est di Aleppo, con il forte sostegno dell'aviazione russa l'esercito governativo riattiva il fronte contro lo Stato Islamico con l'intenzione di rompere l'assedio dell'aeroporto militare di Kuwayris[512]: il 10 novembre 2015 le truppe entrano nel complesso militare e la televisione nazionale trasmette le immagini dei soldati in festa[513]. Questa operazione è il primo vero successo governativo da inizio anno e la dimostrazione dell'importante aiuto fornito dall'aviazione russa; inoltre la penetrazione governativa in un'area considerata roccaforte dell'ISIS apre un nuovo fronte sulla frontiera occidentale del Califfato[514].

Il successo militare governativo ad Aleppo segue una nuova offensiva diplomatica russa per riabilitare Assad sul piano internazionale. Il 21 ottobre il presidente siriano viene accolto a sorpresa a Mosca da Putin,primo viaggio di Assad all'estero dall'inizio della crisi[515], e il 30 ottobre viene organizzata a Vienna una conferenza di pace dove, per la prima volta, viene invitato l'Iran e non vengono richieste le dimissioni di Assad come pre-condizione ai colloqui[516][517].

A parte Aleppo, le truppe governative si trovano in difficoltà sugli altri fronti. Nel governatorato di Latakia l'avanzata su Salma entra in stallo e l'unico successo è la conquista del villaggio montuoso di Ghamam[518]; non vi è nessuna modifica del fronte nella Piana di al-Ghab, mentre sul fronte a nord di Hama l'esercito subisce il contrattacco da parte delle milizie ribelli che riescono a riconquistare tutti i territori persi a fine ottobre e a riconquistare, il 4 novembre, la strategica città di Morek oltre a diversi villaggi e colline circostanti[519]. Il mese di novembre vede avanzare ulteriormente l'esercito siriano. A sud di Aleppo, il 13 novembre le linee di difesa ribelli vengono sfondate da un attacco congiunto di esercito, Hezbollah, milizie sciite irachene e afghane e pasdaran iraniani: in un solo giorno vengono conquistate le cittadine di Hader ed El-Eis insieme a diversi altri villaggi circostanti[520][521][522], e le truppe governative arrivano fino all'autostrada M5 che congiunge Aleppo a Damasco prima di interrompere l'offensiva[523]. A fine novembre tuttavia le milizie ribelli, spostando uomini dal fronte di Hama, riescono ad organizzare una controffensiva che recupera parte del territorio perso[524]. Anche sul fronte a est di Aleppo, l'esercito siriano non interrompe l'attacco e si spinge verso est, arrivando alla periferia di Deir Hafer[525].

Avanzamento delle forze governative (in rosso) nel governatorato di Latakia: la linea nera tratteggiata indica il fronte a novembre 2015, prima della riconquista di Salma e Rabia a gennaio 2016

A metà novembre si sblocca il fronte a nord di Latakia. Grazie alla copertura aerea russa, l'esercito riesce a conquistare diversi villaggi e alture entrando nel Jabal Turkman, area abitata dalla minoranza etnica turcomannadi lingua e cultura turca, molto legata ai ribelli[526][527][528]. La Turchia, nella realistica eventualità di perdere il controllo del confine con i gruppi ribelli, afferma che attuerebbe "qualunque azione per difendere la comunità turcomanna"[529], e in questo contesto, il 25 novembre, due F-16 turchi abbattono un bombardiere russo[530] causando la morte di un pilota e innescando una forte crisi diplomatica tra i due Paesi.

Il periodo compreso tra la fine del 2015 e l'inizio del 2016 vede incrementare l'attività su quasi tutti i fronti siriani. Nella maggior parte dei casi è l'esercito siriano che intraprende azioni offensive, evidenziando il sempre più efficace supporto aereo russo; vengono inoltre introdotti i carri armati T-90 che permettono una maggiore difesa contro i missili anticarro TOW dei ribelli[531]. Sul fronte a sud di Aleppo, il 20 dicembre l'esercito conquista la cittadina strategica di Khan Tuman, tagliando nuovamente l'autostrada M5 e unificando l'intera periferia meridionale della città[532]. Nella Ghuta Orientale, dopo un lungo periodo di inattività, le ostilità riprendono il 14 dicembre: l'esercito avanza da sud e conquista la base aerea e il villaggio di Marj al-Sultan[533], mentre il 25 dicembre l'aviazione russa uccide in un bombardamento mirato Zahran Alloush, comandante della formazione Jaish al-Islam legata all'Arabia Saudita ed egemone nell'area di Damasco[534][535]. Il fronte a nord di Latakia subisce forti avanzamenti a partire dal 25 dicembre. Il 12 gennaio 2016 le truppe siriane entrano nella roccaforte ribelle di Salma, causando un repentino ripiegamento dei miliziani verso il confine turco[536]; nei giorni successivi l'esercito conquista decine di cittadine del governatorato ed entra il 24 gennaio nella città di Rabia, ultima roccaforte ribelle nel nord della provincia[537]. Il 18 febbraio viene conquistata anche Kinsabba, importante avamposto ribelle nei pressi del confine con la provincia di Idlib.

Avanzamento dell'YPG (in giallo) verso Tishrin e a ovest dell'Eufrate, 23-30 dicembre 2015

Sul fronte sud, il 27 dicembre l'esercito siriano lancia un'offensiva per conquistare la città di Al-Shaykh Maskin, che taglia la linea di comunicazione tra Damasco e Daraa[538], ma i ribelli riescono a rallentare l'avanzata governativa. Intorno al 5 gennaio 2016 la battaglia entra in stallo, con l'esercito che riesce a controllare il 60% della città[539]; l'offensiva riprende a fine gennaio, e il 25 viene annunciata la completa conquista della città[540]. A est dell'Eufrate anche le milizie curde organizzano un attacco contro le postazioni dell'ISIS: grazie alla copertura aerea americana lo YPG, insieme ad alcune milizie arabe, tra il 23 e il 26 dicembre avanza rapidamente verso sud, raggiungendo e conquistando la strategica diga di Tishrin ed entrando, per la prima volta, nei territori a ovest del fiume[541], guadagnando una via d'accesso verso la roccaforte ISIL di Manbij. Intanto tra novembre e dicembre si accende un lungo braccio di ferro tra l'esercito siriano e l'ISIS per il controllo di Mahin, a metà strada tra la strategica città cristiana di Sadad e Qaryatayn: il centro abitato passa più volte di mano ma a prevalere sono alla fine le forze governative.

Approfittando dello scontro tra Stato Islamico e YPG, a gennaio l'esercito siriano avanza a est di Aleppo conquistando alcune cittadine a nord dell'aeroporto militare di Kuwayris e avvicinandosi alla roccaforte ISIL di al-Bab[542]. In risposta, il 16 gennaio lo Stato Islamico lancia una violenta offensiva contro la sacca governativa di Deir el-Zor, assediata da diversi anni, riuscendo a invadere i quartieri settentrionali della città: l'attacco viene respinto, ma tra 80 e 300 civili vengono uccisi e 400 rapiti[543][544]. Sempre nella prima metà di gennaio l'esercito siriano riesce a riconquistare alcuni villaggi lungo il fiume Oronte, nella sacca di resistenza di Al-Rastan.

L'escalation ad Aleppo e la tregua (febbraio 2016)[modifica | modifica wikitesto]

Offensiva delle forze governative (in rosso) e dei curdi (in giallo) contro i ribelli (in verde) a nord di Aleppo. A est di Aleppo, offensiva governativa contro l'ISIS (in nero)

Nel corso del gennaio 2016 le offensive dell'esercito regolare siriano a Latakia e a sud di Aleppo rallentano, mentre circolano notizie dell'arrivo di rinforzi a nord di Aleppo in preparazione di una nuova offensiva[545]. Il 1º febbraio l'esercito governativo sferra una violenta e improvvisa offensiva dai sobborghi settentrionali verso nord-ovest, con l'obiettivo di raggiungere le cittadine sciite di Nubl e Zahraa assediate dalle milizie ribelli dal luglio 2012. L'attacco, sebbene condotto più a nord, ricalca la fallita offensiva governativa del febbraio 2015, ma grazie al fondamentale impiego dell'aviazione russa e dei miliziani Hezbollah, sciiti iracheni[546], iraniani e afghani, le difese ribelli vengono superate[547] e il 3 febbraio le truppe siriane entrano a Nubl e Zahraa, accolti dalla popolazione in festa[548]. Oltre alla rottura dell'assedio, l'avanzata governativa permette di creare un corridoio che dal nord di Aleppo si congiunge alle aree sotto controllo curdo nel cosiddetto Cantone di Afrin, tagliando l'area sotto controllo ribelle in due parti; l'area a nord del corridoio, di estensione ridotta, risulta completamente circondata su tre lati da curdi, truppe governative e miliziani dello Stato Islamico, e inoltre viene tagliata una fondamentale via di approvvigionamento dei ribelli ad Aleppo attraverso il valico di frontiera con la Turchia. Viene anche tagliata l'unica via di comunicazione tra i ribelli ad Aleppo e nel governatorato di Idlib con il territorio dello Stato Islamico, da cui, sebbene in conflitto, importavano petrolio e carburante[549]. L'avanzata governativa scatena il panico tra i miliziani che, insieme a una nuova ondata di rifugiati (circa 30.000), ripiegano verso il confine turco[550].

Il 3 febbraio, inaspettatamente, anche i miliziani curdi YPG attaccano da ovest i ribelli, conquistando due cittadine e rimanendo neutrali verso le truppe governative siriane; i sospetti di un coordinamento nell'offensiva si rafforzano a causa del sostegno dell'aviazione russa alle milizie curde sul campo[551][552] e al trasferimento ad Afrin di alcuni soldati siriani feriti. In due settimane i miliziani curdi conquistano una decina di villaggi e l'importante base aerea di Menagh[553]. Il 13 febbraio le forze curde intensificano ulteriormente la loro avanzata, attaccando i sobborghi meridionali di Azaz e quelli occidentali di Tal Rifaat[554]; la possibile disfatta della ribellione siriana a nord di Aleppo preoccupa la Turchia, che reagisce bombardando con l'artiglieria pesante le zone recentemente conquistate dai curdi[555] e minacciando l'ingresso delle truppe turche in territorio siriano[556]. Il 15 febbraio le milizie curde conquistano Tal Rifaat ma sospendono l'offensiva verso Azaz, indicata come limite invalicabile dalla Turchia[557]; gli Stati Uniti intervengono nella crisi intimando alla Turchia di interrompere i bombardamenti[558]. Le truppe governative siriane intanto interrompono l'avanzata verso nord, consolidando le posizioni conquistate.

Offensiva delle forze governative (in rosso) da Ithriyah verso Tabqa e dell'ISIS (in nero) verso Khanasir

Ad est di Aleppo, le truppe governative siriane allargano l'area di controllo intorno all'aeroporto militare di Kuwayris avanzando verso ovest, con l'intenzione di collegarsi ai quartieri orientali della città e chiudere i miliziani dell'ISIS in una sacca. L'operazione comincia alla fine di gennaio[559] e si sviluppa fino al 21 febbraio, quando viene conquistato l'ultimo villaggio[560]. L'offensiva è caratterizzata da un lento ritiro dei miliziani dell'ISIS che oppongono poca resistenza; tra le aree conquistate vi è la centrale termoelettrica di Aleppo, che garantisce energia a tutta la città[561]. L'11 febbraio l'esercito siriano lancia un'offensiva contro l'ISIS nel deserto orientale della provincia di Hama, lungo l'autostrada Ithriyah-Raqqa in direzione dell'aeroporto di Tabqa; nei giorni seguenti i governativi conquistano alcuni punti strategici lungo l'autostrada rimettendo così piede, per la prima volta dall'estate 2014, nel governatorato di Raqqa, ma l'offensiva viene interrotta dopo pochi giorni a causa dell'improvviso attacco dell'ISIS all'asse stradale Ithriyah-Aleppo, unica via di rifornimento alla metropoli per i governativi, che porta alla perdita della cittadina di Khanasir. Entro fine febbraio la città viene riconquistata dall'esercito e le vie di comunicazione riaperte.[562]

Conquista di al-Shaddadi da parte delle milizie curde (in giallo). Tratteggiata in nero la linea del fronte al 17 novembre 2015, in rosso al 19 febbraio 2016

A fine febbraio intanto le milizie curde nel nord-est della Siria avanzano verso sud, discendendo il corso del fiume Khabur e riuscendo il 19 a strappare allo Stato Islamico il controllo di Al-Shaddadi, importante zona petrolifera nel governatorato di al-Hasaka. Nei giorni successivi i curdi continuano la loro avanzata, spingendosi fino a circa 85-90 km dalla sacca governativa di Deir el-Zor e penetrando per la prima volta nell'estremo nord dell'omonimo governatorato.[563] Sul piano diplomatico, l'11 Stati Uniti e Russia, con la partecipazione delle principali nazioni mediorientali incluse Arabia Saudita e Iran e delle Nazioni Unite, organizzano una conferenza a Monaco di Baviera per un rilancio del processo politico di pacificazione della Siria[564]; il 12 febbraio, con una dichiarazione congiunta, i ministri degli esteri russo e americano annunciano un accordo sulla consegna di aiuti umanitari in Siria e su un cessate il fuoco "entro una settimana"[565]. Il piano, che esclude lo Stato Islamico e il Fronte al-Nusra, viene approvato dal governo siriano[566], dai miliziani curdi[567] e da circa 100 gruppi armati dell'opposizione[568]. La tregua entra in vigore il 25 febbraio a mezzanotte[569].

L'arretramento dello Stato Islamico (marzo - luglio 2016)[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene nei primi giorni di marzo vengano segnalate alcune violazioni della tregua[570], si registra una diminuzione sostanziale dei combattimenti[571]. La tregua ha come conseguenza la riapertura di negozi e scuole in molte città siriane[572], oltre all'apertura di corridoi umanitari per la distribuzione di aiuti alla popolazione civile[573]. Il 14 marzo, Putin annuncia il progressivo ritiro delle forze russe dal territorio siriano come gesto di distensione in vista dei colloqui di pace[574]; viene comunque garantito sostegno aereo alle truppe siriane sui fronti attivi contro lo Stato Islamico[575].

Aree riconquistate dalle forze governative siriane (in rosso) al 26 marzo, prima della presa di Tadmur (Palmira) il giorno seguente

Il perdurare della tregua permette sia all'esercito siriano che alle milizie ribelli di concentrare gli sforzi contro lo Stato Islamico. L'operazione più significativa è quella condotta dalle truppe siriane che, con l'importante sostegno dell'aviazione russa e di numerose milizie alleate, il 12 marzo lanciano un'importante offensiva per la riconquista di Palmira e di Al-Qaryatayn, entrambe occupate dall'ISIS rispettivamente a maggio e agosto del 2015: dopo una lenta avanzata il 27 marzo le truppe siriane completano la liberazione della città nuova di Palmira, dopo aver già riconquistato il sito archeologico e l'aeroporto, provocando la ritirata dei miliziani islamisti verso Raqqa e Deir Ezzor[576][577]; truppe speciali russe vengono inviate a Palmira per aiutare gli alleati siriani nella bonifica della città vecchia e nuova da mine e trappole esplosive lasciate dall'ISIS in ritirata. Il 3 aprile anche Al-Qaryatayn viene riconquistata, permettendo alle truppe siriane di controllare gran parte dell'area desertica della Siria centrale e di organizzare una testa di ponte per una futura offensiva verso la sacca di Deir Ezzor o la frontiera irachena[578].

Situazione a nord di Aleppo a fine maggio 2016: in verde i ribelli, in controllo delle città di Azaz e Mare', in nero l'ISIS

Il 13 aprile si tengono, nei territori controllati dal governo e dai suoi alleati, le elezioni parlamentari per il rinnovo del Consiglio del popolo, nonostante il boicottaggio delle opposizioni e al di fuori del processo di pace promosso dall'ONU: con un'affluenza del 57,56%, la coalizione guidata dal Partito Ba'th di Assad ottiene 200 seggi su 250[579][580]. Intanto, a partire dal 10 marzo, si accendono violenti scontri tra i combattenti dello Stato Islamico e le milizie ribelli anti-governative, supportate dalla Turchia e dai raid aerei statunitensi, nell'estremo nord della provincia di Aleppo al confine turco; nelle settimane seguenti numerosi villaggi cambiano più volte di mano[581]. A sud-ovest di Aleppo, invece, la fragile tregua siglata il 25 febbraio va definitivamente in frantumi nei primi giorni di aprile a seguito di una violenta e improvvisa offensiva di al-Nusra e altre sigle ribelli; il 2 aprile gli insorti catturano Tel Al-Eis, mentre il 6 maggio riconquistano anche Khan Tuman[582][583]. Nonostante le difficoltà incontrate a sud di Aleppo, tra aprile e maggio l'esercito siriano e i suoi alleati spostano invece la loro attenzione sulla grande sacca ribelle ad est di Damasco, riuscendo a riconquistare numerosi villaggi e posizioni in mano agli insorti da ben quattro anni, approfittando dello scoppio di ostilità tra diversi gruppi ribelli.[584]

Offensiva dei curdi (in giallo) contro l'ISIS verso Manbij

Nel frattempo anche le milizie curde riprendono la loro attività contro lo Stato Islamico, lanciando un'offensiva contro Raqqa e conquistando negli ultimi giorni di maggio alcuni piccoli centri abitati nel nord della provincia, a circa 50 km dal capoluogo, e contemporaneamente nelle vicinanze di Manbij nella provincia di Aleppo. A inizio di giugno le forze regolari siriane riprendono l'avanzata lungo l'autostrada Ithriyah-Raqqa, già avviata nel febbraio precedente: le truppe siriane conquistano il 3 giugno il villaggio di Zakiyah, a circa 50 km dall'ex aeroporto di Tabqa e 90 km dalla capitale del Califfato.[585] Nei giorni seguenti, mentre i curdi arrestano la loro offensiva verso Raqqa e ampliano invece il loro controllo nelle campagne tra l'Eufrate e Manbij, le forze governative avanzano ulteriormente lungo l'autostrada, conquistando il 7 giugno alcuni villaggi a circa 30 km dalla base aerea di Tabqa.[586] Il 10 giugno le forze curde accerchiano completamente la città di Manbji, ponendola sotto assedio, mentre tra l'11 e il 12 le truppe governative occupano lo strategico snodo stradale di Safyeh e gli adiacenti impianti petroliferi, a circa 20 km dalla base di Tabqa e 65 km da Raqqa. Per far fronte alle avanzate di curdi e governativi, l'ISIS abbandona spontaneamente la periferia di Marè e numerosi villaggi a nord di Aleppo, che vengono così rioccupati dai ribelli filo-turchi. Dopo aver proseguito l'avanzata fino a circa 10 km dalla base aerea, tra il 19 e il 20 giugno le forze governative subiscono il contrattacco dell'ISIS che le costringe a ritirarsi fino alle loro basi di partenza.[587]

L'assedio di Aleppo e l'intervento turco (luglio - dicembre 2016)[modifica | modifica wikitesto]

L'accerchiamento governativo della città di Aleppo (nel riquadro) e le altre offensive dei curdi e dei ribelli filo-turchi nel nord della provincia di Aleppo

Ad Aleppo, le truppe governative avanzanti da nord e da sud riescono infine il 27 luglio a ricongiungersi ad ovest del quartiere curdo di Sheikh Maqsoud, isolando e ponendo sotto assedio la parte est di Aleppo ancora in mano ai ribelli di ESL, Ahrar al-Sham e al-Nusra;[588] la Russia e il governo siriano dichiarano quindi l'apertura di "corridoi umanitari" per evacuare dalle zone della città sotto controllo ribelle i civili (circa 250.000) e i combattenti disposti ad arrendersi.[589] Il 31 luglio però le milizie ribelli, dopo aver fatto affluire numerosi rinforzi dalle provincie di Idlib e Aleppo, lanciano un'offensiva a sud-ovest della metropoli,[590] conquistando alcune roccaforti governative, aprendo un corridoio verso la parte orientale della città e tagliando la via di rifornimento governativa dalla Siria centrale alla parte occidentale di Aleppo; entrambe le parti di Aleppo risultano così simultaneamente assediate, dal momento che sia i ribelli sia il governo perdono le loro principali vie di rifornimento usate fino a quel momento.[591] Nei giorni seguenti l'esercito siriano riesce però a riaprire le comunicazioni tra Aleppo ovest e il resto dei propri territori, mentre il corridoio aperto dai ribelli verso Aleppo est viene incessantemente bersagliato dalle artiglierie e dai bombardieri russi e siriani.

L'offensiva dei ribelli appoggiati dalle forze turche (in verde) contro l'ISIS (in grigio) e i curdi (in giallo)

A nord-est di Aleppo il 12 agosto, dopo due mesi di assedio, le milizie curde con il sostegno dell'aviazione statunitense conquistano definitivamente la città di Manbij, in mano allo Stato Islamico dal gennaio 2014. Il 16 agosto ad Hasakah scoppiano scontri tra le milizie curde e la Difesa Nazionale filo-governativa, che ancora occupa parte della città; l'esercito siriano interviene con tiri d'artiglieria dalla vicina base militare di Kawkab e per la prima volta dall'inizio della guerra attacca le forze curde con raid aerei. Con la mediazione della Russia, il 23 agosto viene infine raggiunta una tregua: le forze armate governative abbandonano Hasakah, i quartieri da esse controllati rimangono in mano al governo ma sotto amministrazione civile. Il 24 agosto miliziani ribelli attaccano dalla Turchia, con il sostegno di artiglieria, carri armati e truppe speciali turche, la città frontaliera di Jarabulus, occupata dalla Stato Islamico, conquistandola in poche ore; l'operazione, la prima incursione su larga scala della Turchia in Siria dall'inizio della guerra civile, ha come obiettivo primario l'espulsione dei miliziani dell'ISIS dalla frontiera turca, ma anche lo scopo di evitare la riunificazione del cantone curdo di Afrin con i restanti territori curdi e la creazione quindi di una vasta regione curda lungo gran parte della frontiera turco-siriana. Nei giorni seguenti i miliziani filo-tuchi avanzano fino a circa 12 km da Manbij mentre, occupata la città frontaliera di al-Rai il 18 agosto, i ribelli della regione di Azaz riescono a ricongiungersi il 4 settembre con gli alleati penetrati a Jarabulus, completando così la conquista dell'ultimo tratto di frontiera ancora in mano all'ISIS.[592][593]

Il 29 agosto, per alleviare la pressione governativa su Aleppo, i ribelli lanciano un'offensiva a nord di Hama, riuscendo a spingersi fino a circa 13 km dal capoluogo prima di essere bloccati dalla reazione dei governativi; Aleppo est viene quindi di nuovo interamente accerchiata,[594] mentre i governativi riescono a riaprire al traffico la strada principale per Aleppo ovest. Il 10 settembre Stati Uniti e Russia annunciano il raggiungimento di un accordo per un nuovo cessate il fuoco, entrato in vigore il 12, al quale aderiscono il governo siriano e le opposizioni non jihadiste.[595] I principali fronti ad Aleppo entrano in stasi, ma si continua invece a combattere nelle campagne a nord di Hama e nella Ghuta est; a sorpresa si riattiva inoltre il fronte nella provincia di Quneitra, dove Damasco accusa Israele di dar appoggio ai ribelli jihadisti nei loro assalti alle linee governative. Il 17 settembre aerei della coalizione a guida americana bombardano per errore le posizioni dell'esercito siriano presso Deir el-Zor,[596] consentendo ai miliziani dell'ISIS di occupare alcune posizioni; la nuova e grave crisi diplomatica interrompe i colloqui tra Stati Uniti e Russia per il rinnovo della tregua di un'altra settimana, e di conseguenza il 19 settembre il governo siriano dichiara la ripresa dei combattimenti: la sera stessa i bombardieri russi tornano a colpire l'area di Aleppo, mentre negli ultimi giorni di settembre le truppe governative riconquistano importanti posizioni, in mano ai ribelli da ben tre anni, nella zona nord della sacca e nella città vecchia.[597]

A nord di Hama: offensiva dei ribelli (fine agosto) e controffensiva governativa (ottobre)
Avanzata dei ribelli filo-turchi verso al-Bab

A nord-est di Aleppo prosegue intanto l'avanzata dei ribelli filo-turchi su al-Bab, mentre il 27 ottobre l'esercito siriano riconquista la cittadina di Suran nel nord di Hama, persa a fine agosto. Il 28 ottobre i ribelli lanciano una nuova e massiccia offensiva a ovest di Aleppo, nel tentativo di rompere l'assedio alla parte est[598]; nonostante ciò l'esercito avanza inaspettatamente a nord-est della città e in direzione di al-Bab, riconquistano alcuni villaggi, aree rurali e una ex base di fanteria nella campagna a nord del distretto industriale di Shaykh Najjar. L'attacco dei ribelli a sud-ovest di Aleppo ottiene nel frattempo scarsi successi, venendo completamente respinto dai governativi.[599] Apartire da agosto, le forze governative riportano una serie di vittorie contro le sacche ribelli nella periferia di Damasco: il 26 agosto viene annunciata la resa, dopo oltre quattro anni di assedio e combattimenti, della cittadina di Darayya, e come già avvenuto in altre parti della Siria i ribelli accettano di deporre le armi per esser trasferiti nella provincia di Idlib; in ottobre anche le cittadine di Qudisiyah, al-Hameh e Maadamiyeh si arrendono alle forze governative e i ribelli, insieme ai loro familiari, vengono trasferiti nel governatorato di Idlib. I governativi avanzano anche nelle più ampie sacche del Ghuta ovest ed est: in ottobre riescono a separare in due settori la sacca ribelle del Ghuta ovest, mentre il 30 viene riconquistato lo strategico villaggio di Tal Kurdi, nel nord della sacca del Ghuta est.[600] Il 1° dicembre le due sacche ribelli rimanenti nel Ghuta ovest sono evacuate, mentre il 2 dicembre si arrende la piccola sacca di Al Tall a nord di Damasco[601] seguita il 5 e 13 dicembre dalle sacche di Al Kiswah e di Kanaker a sud della capitale. Il 27 novembre l'Aeronautica Militare Israeliana conduce dei raid nel Golan siriano colpendo le posizioni di jihadisti della brigata "Martiri di Yarmouk" affiliata all'ISIS, in rappresaglia contro un attacco a un checkpoint israeliano di confine; è il primo attacco israeliano contro una formazione dell'ISIS.[602]

Offensiva dell'ISIS contro Palmira

Nella seconda metà di novembre i governativi riprendono l'offensiva per riconquistare Aleppo est. L'esercito siriano e alleati avanzano rapidamente e tra il 26 e il 27 novembre causano un primo collasso delle difese ribelli, riconquistando importanti distretti e riuscendo infine a separare la sacca in due parti; nella giornata del 28 novembre la parte settentrionale di Aleppo est (circa un terzo del territorio controllato dai ribelli) viene completamente riconquistata dai governativi.[603] In una nuova offensiva tra il 2 e il 4 dicembre l'esercito siriano avanza in profondità a ovest dell'aeroporto internazionale, riconquistando vari distretti e giungendo a circa un chilometro dalle linee amiche presso la Cittadella, dimezzando l'area ancora in mano ai ribelli.[604] Approfittando dell'azione ad Aleppo, l'8 dicembre l'ISIS lancia un'offensiva contro le postazioni governative attorno a Palmira, presidiata soprattutto da truppe poco esperte e dalle milizie sciite: dopo un iniziale crollo delle linee siriane la situazione viene momentaneamente ristabilita grazie all'intervento dell'aviazione russa e all'arrivo di rinforzi, ma una nuova spallata costringe l'11 dicembre le forze governative ad abbandonare nuovamente la città e a ritirarsi 60 km ad ovest di essa, fino alla base aerea di Tiyas.[605]

Offensiva governativa finale ad Aleppo

Ad Aleppo prosegue intanto l'avanzata dei governativi, che il 12 dicembre riconquistano i distretti di Bustan Al-Qasr e di Sheikh Saeed, considerati tra le maggiori roccaforti dell'opposizione. Mentre continua il deflusso dei civili, in fuga dalle zona ancora occupate, anche centinaia di ribelli decidono di deporre le armi e consegnarsi alle forze governative; solo alcune unità optano per una resistenza ad oltranza presso i loro ultimi bastioni nei distretti di Sakkari e di Al Ansari Sharki. Il 15 dicembre, con la mediazione di Russia e Turchia, viene raggiunto un accordo per la resa degli ultimi combattenti e il loro trasferimento assieme a parte della popolazione civile verso Idlib, in cambio dell'evacuazione dei civili assediati dai ribelli nelle cittadine governative di Fuah e Kafrayah.[606] La sera del 22 dicembre, dopo la partenza dell'ultimo convoglio di ribelli e familiari, viene annunciata la totale riconquista della città di Aleppo, a esclusione del quartiere curdo di Sheikh Maqsoud, da parte delle forze governative, dopo quattro anni e cinque mesi di combattimenti.[607]

La nuova tregua e l'intensificazione degli scontri tra esercito ed ISIS (gennaio 2017 - presente)[modifica | modifica wikitesto]

Sulla scia degli accordi tra il governo russo e turco sull'evacuazione delle restanti forze ribelli dagli ultimi quartieri assediati di Aleppo est, a fine dicembre Russia e Turchia annunciano il raggiungimento di un'intesa per un nuovo cessate il fuoco in tutta la Siria, al quale aderiscono le sigle maggiormente legate alla Turchia (tra cui Ahrar al-Sham e Jaish al-Islam). La tregua, approvata dal governo siriano, entra in vigore alla mezzanotte del 29 dicembre. Il 31 anche il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite approva all'unanimità il testo dell'accordo tra Russia e Turchia.[608]

Dati sulle vittime[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene nel gennaio del 2014 l'ONU avesse dichiarato che non avrebbe più aggiornato i dati sul numero delle vittime,[609] nell'agosto del 2014 ha pubblicato uno studio che documenta l'uccisione di 191.369 persone nel conflitto da marzo 2011 a fine aprile 2014: di queste, il 9,3% sono donne (contro l'83,8% di uomini) e almeno 8.803 sono minori di 18 anni. Lo studio non riporta le percentuali di combattenti e di civili tra le vittime.[610][611]

L'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani (SOHR), un'organizzazione non governativa con sede a Londra, ha documentato 301.781 morti tra marzo 2011 e settembre 2016, di cui poco meno di un terzo sono civili (86.692) e i restanti due terzi combattenti, equamente divisi tra governativi e filo-governativi (oltre 107.054) e anti-governativi moderati ed estremisti (oltre 104.390, di cui 52.359 ribelli siriani e curdi e 52.031 combattenti stranieri appartenenti principalmente a Stato Islamico e al-Nusra). Includendo anche le morti non documentate, SOHR stima un totale di 430.000 morti.[38]

Secondo i dati dell'UNHCR (aggiornati al 29 agosto 2015), i rifugiati siriani espatriati sarebbero 4.088.078 (quasi quanto la popolazione dell'intera Irlanda), molti dei quali all'interno di Libano e Turchia. A questi si aggiungono inoltre circa 7,8 milioni di siriani sfollati all'interno del paese.[612][613]

Il coinvolgimento di altri Stati[modifica | modifica wikitesto]

Posizioni in merito alla guerra civile siriana: gli Stati in rosso appoggiano il Governo siriano, mentre quelli in verde l'opposizione.

Fra gli Stati che appoggiano economicamente e militarmente le forze ribelli che hanno come riferimento politico la Coalizione Nazionale Siriana vi sono Stati Uniti d'America[614], Gran Bretagna[615], Francia[616] e i più importanti Stati sunniti del Medio Oriente, tra cui Qatar[617], Arabia Saudita[618] e Turchia[619] che estendono il loro appoggio anche alle fazioni più integraliste.

Il governo di Damasco riceve sostegno finanziario, politico e militare principalmente da parte di Russia[620] e Iran[621], mentre forniscono un sostegno minore anche Corea del Nord[622], Venezuela[623] e il vicino Iraq[624].

Le Nazioni Unite hanno nominato un inviato speciale per la crisi siriana il 24 febbraio 2012: tale ruolo è stato ricoperto da Kofi Annan[625], sostituito il 17 agosto 2012 da Lakhdar Brahimi[626] e il 10 luglio 2014 da Staffan de Mistura[627].

Impiego delle armi chimiche[modifica | modifica wikitesto]

La Siria fin dagli anni settanta aveva sviluppato segretamente un programma di armamento chimico principalmente come strumento di deterrenza nei confronti dell'armamento nucleare israeliano[628]. Sebbene la detenzione di tale armamento sia stata sempre negata dai governi siriani, alcune analisi condotte da servizi segreti occidentali valutano l'arsenale chimico siriano come "il più grande del mondo"[629] distribuito in una serie di magazzini contenenti circa 1.000 tonnellate di materiale tra cui iprite, gas VX e sarin[630].

L'ONU ha ricevuto, durante la guerra civile siriana, 16 denunce di utilizzo di armi chimiche: di questi episodi solo sette sono stati effettivamente sottoposti a indagine e in quattro casi è stata accertata la presenza di gas sarin. Essendo i magazzini di stoccaggio posizionati in aree sia sotto controllo governativo che ribelle, non è stato possibile accertare chi abbia fatto uso degli agenti chimici[631]. Una relazione dei servizi segreti americani riporta come "sicura" l'entrata in possesso da parte dei ribelli di armi chimiche[632].

Il primo attacco documentato viene condotto il 19 marzo 2013 a Khan al-Assal, sobborgo di Aleppo: a seguito del lancio di un razzo, vengono uccise 26 persone tra cui 16 soldati governativi; i morti e i feriti presentano segni di intossicazione da gas sarin. Governo e ribelli si accusano a vicenda dell'attacco[633]. Una delegazione russa di esperti in arme chimiche, invitata dal governo siriano, trova tracce del componente chimico e attribuisce la responsabilità ai ribelli[634]; l'ONU riesce a organizzare un'indagine indipendente solo nell'agosto 2013 in cui concorda con gli esperti russi sull'uso del gas sarin ma non attribuisce responsabilità[635].

Il 29 aprile 2013 avviene un nuovo sospetto attacco a Saraqib, che causa due morti. Alcuni medici turchi riescono a eseguire analisi del sangue sui cadaveri senza trovare traccia di agenti chimici[636], ma in seguito nuove analisi condotte da medici francesi riportano invece la presenza di gas nervino[630]. Il 5 agosto 2013 i ribelli siriani denunciano un attacco chimico perpetrato dall'esercito siriano ai loro danni, denuncia accompagnata da un filmato la cui autenticità non è provata; non esistono analisi indipendenti di questo episodio[637].

Il 21 agosto 2013 si verifica il più grave attacco chimico verificatosi durante la guerra. Quello che poi verrà chiamato "attacco chimico di Ghuta" colpisce con gas sarin i sobborghi di Damasco di Jobar, Zamalka, 'Ain Tirma, Hazzah e la regione della Ghuta Orientale provocando almeno 635 morti, principalmente civili. Un'indagine dell'ONU di tre settimane conferma l'utilizzo del gas sarin diffuso attraverso missili superficie-superficie[638], tuttavia non chiarisce chi abbia perpetrato l'attacco[639]. L'attacco di Ghuta scatena una forte reazione internazionale in cui gli Stati Uniti accusano il governo siriano, mentre la Russia accusa i ribelli di aver usato le armi chimiche al puro scopo di incolpare il governo e causare un intervento militare occidentale[640]. L'intervento internazionale nella guerra civile siriana grazie ad un accordo tra Stati Uniti, Russia e Siria per l'eliminazione delle armi chimiche siriane attraverso l'intermediazione dell'ONU[641].

L'11 aprile 2014 si verifica un nuovo episodio collegabile all'utilizzo di agenti chimici come strumento d'attacco: nella cittadina di Kafr Zita, nel governatorato di Hama, viene riportata l'intossicazione di circa 200 persone e la morte di due a seguito dell'inalazione di gas al cloro. Secondo fonti vicine ai ribelli l'attacco sarebbe stato condotto dalle forze aeree siriane per interrompere l'avanzata dei miliziani verso la città strategica di Khan Shaykhun[642]. Il cloro tuttavia non è contemplato tra le sostanze proibite dalla Convenzione sulle armi chimiche[643].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) John Irish, Syrian Kurdish leader claims military gains against Islamists, Reuters, 13 novembre 2013.
  2. ^ Siria: appello di Ocalan a curdi di Turchia, andate a combattere l'Is, in AdnKronos, 23 settembre 2014.
  3. ^ Alberto Negri, Il prezzo della politica spericolata di Erdogan, in il sole 24 ore, 30 giugno 2016.
  4. ^ (EN) Islamist group claims Syria bombs ‘to avenge Sunnis’, in Al Arabiya, 21 marzo 2012.
  5. ^ (EN) Serene Assir, Islamists forge Syria's biggest rebel alliance, in The Da ly Star, 22 novembre 2013.
  6. ^ (EN) Hwaida Saad e Rick Gladstone, Qaeda-Linked Insurgents Clash With Other Rebels in Syria, as Schism Grows, in The New York Time, 30 gennaio 2014.
  7. ^ Vijay Prashad, Il Bay’ah del Qatar dal re saudita, in Aurora, 7 agosto 2013.
  8. ^ (EN) Zachary Laub, Al-Qaeda in Iraq (a.k.a. Islamic State in Iraq and Greater Syria), in Council on Foreign Relations, 9 gennaio 2014.
  9. ^ Elisabetta Di Francesca, “Complotto esterno” o “rivoluzione”, i due linguaggi della Siria, in Limes, 6 febbraio 2012.
  10. ^ (EN) Karen DeYoung e Joby Warrick, Iran and Hezbollah build militia networks in Syria, officials say, in The Guardian, 12 febbraio 2013.
  11. ^ (EN) Suadad Al-Sahly, Iraqi Shi'ites flock to Assad's side as sectarian split widens, in Reuters, 19 giugno 2013.
  12. ^ Siria, Iran invia 4mila uomini per Assad, ansa.it. URL consultato il 16 giugno 2013.
  13. ^ Iran's Hizbullah sends more troops to help Assad storm Aleppo, fight Sunnis, su World News Tribune, 29 luglio 2012. URL consultato il 18 agosto 2012.
  14. ^ (EN) Syrian rebels clash with army, Palestinian fighters, in China Daily, 31 ottobre 2012.
  15. ^ Siria/ Baghdad: Sciiti iracheni combattono al fianco di Assad
  16. ^ Alberto Negri, Il prezzo della politica spericolata di Erdogan, in il sole 24 ore, 30 giugno 2016.
  17. ^ Michael Kelley, It Looks Like Iraq Has Joined Assad's Side In The Syrian War, in Businners Inside, 6 marzo 2013.
  18. ^ (EN) Free Syrian Army fires military chief, in Al Jazeera, 18 febbraio 2014.
  19. ^ (EN) Rania Abouzeid, Meet the Islamist Militants Fighting Alongside Syria’s Rebels, in TIME, 26 luglio 2012.
  20. ^ (EN) Aron Lund, The death of Abdelqader Saleh, in Syria Comment, 17 novembre 2013.
  21. ^ (EN) Leading Syrian rebel groups form new Islamic Front, in BBC News, 22 novembre 2013.
  22. ^ (DE) Reportage. Zwischen Revolution und Krieg – Eindrücke einer Reise durch die kurdischen Gebiete Syriens, in Junge Welt, 6 novembre 2013.
  23. ^ West suspends aid for Islamist rebels in Syria, underlining their disillusionment with those forces opposed to President Bashar al-Assad, The Independent, 11 dicembre 2013.
  24. ^ (EN) Richard Hall, Turning the tide? Six Syrian rebel groups join forces to counter rise of al-Qa'ida, in The Independent, 22 novembre 2013. URL consultato il 26 novembre 2013.
  25. ^ (EN) Kamal Kaddourah e David Doyle, Syria interactive: the rebels, their weapons and funds, channel4.com, 29 maggio 2013. URL consultato il 26 novembre 2013.
  26. ^ Alan Cullison, Meet the Rebel Commander in Syria That Assad, Russia and the U.S. All Fear, in The Wall Street Journal, 19 novembre 2013. URL consultato il 26 novembre 2013.
  27. ^ (EN) NGO: Islamic State has 50,000 members in Syria, in AFP, 19 agosto 2014.
  28. ^ (EN) Number of foreign militants in Syria exceeds 5,000, in Press TV, 11 dicembre 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013.
  29. ^ Syria: over 20,000 foreign jihadists fighting against Assad, in ANSAmed, 6 febbraio 2014.
  30. ^ Syria Military Strength, Globalfirepower.com. URL consultato l'8 luglio 2012.
  31. ^ Syria's diminished security forces, AFP, 28 agosto 2103. URL consultato il 10 maggio 2015.
  32. ^ (EN) Joe Sterling, Regime-backed militia does Syria's 'dirty work,' analysts say, in CNN, 8 giugno 2012).
  33. ^ (EN) Julian Borger, Iran and Hezbollah 'have built 50,000-strong force to help Syrian regime', in The Guardian, 14 marzo 2013.
  34. ^ (EN) Mona Mahmood e Martin Chulov, Syrian war widens Sunni-Shia schism as foreign jihadis join fight for shrines, in The Guardian, 4 giugno 2013.
  35. ^ (EN) Elhanan Miller, Hezbollah sent 5,000 fighters to help Assad, daily reports, in The Times of Israel, 8 gennaio 2013.
  36. ^ a b (EN) Saud Al Sarhan, From Qusair to Yabrud: Shiite foreign fighters in Syria, in Al Monitor, 6 marzo 2014.
  37. ^ Balance of the War Against Hostile Groups in Rojava, Northern Syria: Year 2015, in ypgrojava.com, 1º gennaio 2016.
  38. ^ a b c d About 430 thousands were killed since the beginning of the Syrian revolution, Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, 13 settembre 2016.
  39. ^ (EN) Alarmed by Continuing Syria Crisis, Security Council Affirms Its Support for Special Envoy’s Approach in Moving Political Solution Forward, in United Nations, 17 agosto 2015.
  40. ^ (EN) Syria's neighbors now host four million of its refugees, U.N. says, in Reuters, 9 luglio 2015.
  41. ^ Largest Syrian rebel groups form Islamic alliance, in possible blow to U.S. influence - The Washington Post
  42. ^ You searched for isis - Pagina 4 di 17 - GEOPOLITICA.info, su www.geopolitica.info. URL consultato il 1º maggio 2015.
  43. ^ TMNews - Siria, proteste represse nel sangue, 70 morti, condanna Obama
  44. ^ Economia e Finanza - Corriere della Sera
  45. ^ Ecco come l'Iran sostiene il regime di Assad
  46. ^ Jihādisti, sciiti e Iran: l'Arabia Saudita e la sindrome del nemico - rivista italiana di geopolitica - Limes
  47. ^ Russia, Turchia, Isis e ribelli: chi combatte in Siria, contro chi, rivistastudio.com, 24 novembre 2015.
  48. ^ Siria, secondo una fonte Arabia saudita ha fornito missili a ribelli | Prima Pagina | Reuters
  49. ^ Ghuta/Siria, testimonianze: ribelli riforniti dall'Arabia Saudita all'origine dell'attacco chimico | Infopal
  50. ^ L'Arabia Saudita aumenta il supporto ai ribelli in Siria
  51. ^ Siria: Qatar, armi ribelli sola via pace - Mondo - ANSA.it
  52. ^ Redazione, Siria, la Cia entro un mese fornirà armi ai ribelli, in Il Corriere, 26 giugno 2013. URL consultato il 5 febbraio 2016.
  53. ^ Altitude
  54. ^ Siria: Assad ringrazia Cina, Russia e Iran per il sostegno - Adnkronos Esteri
  55. ^ The one map that shows why Syria is so complicated - The Washington Post
  56. ^ Siria: esercito a Homs, ancora fuoco a Latakia | euronews, mondo
  57. ^ Dalla parte di Assad: i cristiani in Siria sostengono il presidente | Blitz quotidiano
  58. ^ Druze youth from Golan flocking to Syria to join Assad army - Diplomacy and Defense Israel News | Haaretz
  59. ^ Sunnis fill rebel ranks, but also prop up Assad regime
  60. ^ Khaled Diab: Syria's Sunni vs. Shia Myth
  61. ^ Why Most Syrian Officers Remain Loyal to Assad
  62. ^ Pro-regime Sunni fighters in Aleppo defy sectarian narrative - Al-Monitor: the Pulse of the Middle East
  63. ^ Siria. «Sadad, più grande massacro di cristiani in guerra» | Tempi.it
  64. ^ Scenari Globali - Siria, ribelli saccheggiano la città cristiana di Maalula
  65. ^ Siria, jihadisti massacrano alawiti - SiriaLibano
  66. ^ UN says Syria conflict is 'overtly sectarian' - Al Jazeera English
  67. ^ Syrian rebels accused of killing hundreds of civilians | World news | theguardian.com
  68. ^ «400 civili rapiti o uccisi» Le prove che incastrano i ribelli siriani, in Il Corriere, 11 ottobre 2013. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  69. ^ Croce Rossa: "È guerra civile", Repubblica.it, 16 luglio 2012. URL consultato il 27 agosto 2012.
  70. ^ New York Times, 26 marzo 2011
  71. ^ Syrian Human Rights Committee, 2005
  72. ^ (EN) JAY SOLOMON, BILL SPINDLE, Syria Strongman: Time for 'Reform', in Wall Street Journal, 31 gennaio 2011. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  73. ^ a b Fear barrier crumbles in Syrian kingdom of silence | Reuters
  74. ^ Siria: fallisce la "giornata della rabbia" indetta on-line, in AGI News, 4 febbraio 2011. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  75. ^ a b Siria, sì a Facebook e Youtube dopo divieto di 5 anni, in Newsnotizie. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  76. ^ Siria/ Blogger condannata a 5 anni, "lavorava per la Cia", in TMNews, 17 febbraio 2011. URL consultato il 21 febbraio 2011.
  77. ^ a b Siria, ancora repressione Bagno di sangue a Daraa- LASTAMPA.it
  78. ^ ASCA.it
  79. ^ SIRIA Manifestazioni anche a Damasco, malgrado le promesse di Assad - Asia News
  80. ^ Siria, fiamme a una sede del partito Baʿth. Da Facebook parte l'appello alla rivolta - Adnkronos Esteri
  81. ^ ansa.it.
  82. ^ Siria, da Asad decisioni a breve. Spari su folla a Deraa | Prima Pagina | Reuters
  83. ^ Siria: a Latakia 25 civili uccisi - Top News - ANSA.it
  84. ^ Siria. Assad nomina il primo ministro
  85. ^ Dozens of Syrians reported killed in Daraa - CNN.com
  86. ^ Siria: Assad, pronte riforme su corruzione e aumento stipendi - Adnkronos Politica
  87. ^ Assad attacca Al Jazeera e paesi stranieri "Cospirazione, chi vuole guerra l'avrà" - Repubblica.it
  88. ^ In Siria la polizia spara sui funerali di Daraa - Il Sole 24 ORE
  89. ^ Ultime Notizie Online | Agenzia Giornalistica Italia | AGI
  90. ^ La Stampa - Siria, Daraa sott'assedioinvoca il cessate il fuoco
  91. ^ (EN) Anthony Sahidid, Syria Escalates Crackdown as Tanks Go to Restive City, in The New York Times, 25 aprile 2011. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  92. ^ Siria: Ancora sangue e violenze. Daraa chiede il cessate il fuoco.| euronews, mondo
  93. ^ Siria: attivista, 200 morti in scontri scorsa notte a Latakia, Homs e Damasco - Adnkronos Esteri
  94. ^ a b Siria:lacrimogeni a Damasco su raduno - Top News - ANSA.it
  95. ^ Siria, almeno un morto nelle proteste - Top News - ANSA.it
  96. ^ Siria: tv, almeno 10 manifestanti uccisi - Top News - ANSA.it
  97. ^ Siria: attivisti, 112 vittime ieri - Top News - ANSA.it
  98. ^ Ugo Tramballi, Siria, nuovo venerdì di sangue, in Il sole 24 ore, 29 aprile 2011.
  99. ^ Siria, ancora un "venerdì di collera e sangue" - Tg24 - Sky.it
  100. ^ Siria, attivisti: 9 morti per attacco carri armati a Homs - Adnkronos Esteri
  101. ^ Siria: attivista, 27 civili morti in 3 giorni di scontri a Tall Kalakh - Adnkronos Sicurezza
  102. ^ Siria: attivisti, 44 persone uccise ieri da sicurezza Damasco - Adnkronos Esteri
  103. ^ Siria: attivisti, almeno 34 morti in scontri - Adnkronos Esteri
  104. ^ SIRIA Assad concede un'amnistia, ma le forze di sicurezza continuano a uccidere - Asia News
  105. ^ Pro-Assad rally in Damascus decries ‘one-year conspiracy' (VIDEO) — RT News
  106. ^ Massive pro-Assad rallies in Syria - The Hindu
  107. ^ BBC News - Syria unrest: Aleppo sees huge pro-Assad rally
  108. ^ Pro Assad Rally - 10 - Tartous, 03-11-2011 - YouTube
  109. ^ Lattakia pro-Assad rally draws tens of thousands, security forces kill 9 | News, Middle East | THE DAILY STAR
  110. ^ Syria's Assad ends state of emergency | Reuters
  111. ^ a b c d (EN) Joseph Holliday, the struggle for syria in 2011 (PDF), ISW, dicembre 2011.
  112. ^ Syria to send in army after 120 troops killed | Top News | Reuters
  113. ^ WebCite query result
  114. ^ Syrian forces take over northwestern town of Maaret al-Numan Israel News | Haaretz
  115. ^ a b BBC News - Syria unrest: Protests in Aleppo as troops comb border
  116. ^ BBC News - Syria: 'Hundreds of thousands' join anti-Assad protests
  117. ^ Civilian Toll Is Mounting in Assault on Syrian City - NYTimes.com
  118. ^ BBC News - Syria unrest: Barack Obama condemns 'brutal' Hama raid
  119. ^ Syria: Bashar al-Assad's tanks renew assault on Hama - Telegraph
  120. ^ Syria Comment - Archives Free Syrian Army Founded by Seven Officers to Fight the Syrian Army
  121. ^ (EN) Life in Syria’s Capital Remains Barely Touched by Rebellion, in The New York Times, 5 settembre 2011. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  122. ^ a b Syria | News | Protests | Assad | GlobalPost
  123. ^ (EN) Syrian dissidents form national council, in The Edmond Sun.
  124. ^ Syria — Uprising and Civil War
  125. ^ Thousands of troops desert from Syrian army | The National
  126. ^ Syrian forces pound western city in battle against defectors - CNN.com
  127. ^ Syria sends extra troops after rebels seize Idlib: NGO - Region - World - Ahram Online
  128. ^ Assad losing control as 10,000 soldiers desert Syrian military Israel News | Haaretz
  129. ^ BBC News - Syria's Assad warns of 'earthquake' if West intervenes
  130. ^ Inside Syria: Daily Life Amid The Gunfire
  131. ^ BBC News - Homs: Syrian revolution's fallen 'capital'
  132. ^ Homs - Dec 5, 2011 - 19:27 - Al Jazeera Blogs
  133. ^ Ranks of Free Syrian Army 'gaining strength' - Al Jazeera English
  134. ^ (EN) Nada Bakri, New Phase for Syria in Attacks on Capital, in The New York Times, 20 novembre 2011. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  135. ^ (EN) Nada Bakri, Syrian Army Defectors Reportedly Kill 27 Soldiers, in The New York Times, 15 dicembre 2011. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  136. ^ Refworld | Syria frees hundreds of prisoners as Arab monitors continue visit
  137. ^ http://www.bbc.co.uk/news/world-middle-east-17040392
  138. ^ http://www.reuters.com/article/2012/02/25/us-syria-constitution-idUSTRE81O0BT20120225
  139. ^ Syria Truce Dawns With Protests, Ends in Clashess - WSJ
  140. ^ Syria's Zabadani is ‘liberated,' but for how long? - The Washington Post
  141. ^ Syria rebels retreat after seizing area near capital | Reuters
  142. ^ (EN) AFP, Islamist group claims Syria bombs ‘to avenge Sunnis’, in Al arabya news, 21 marzo 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  143. ^ Syria - Jan 7, 2012 - 20:28 - Al Jazeera Blogs
  144. ^ Syrian troops retake opposition stronghold - Al Jazeera English
  145. ^ Syria agrees to Kofi Annan's April 10 peace deadline, UN Security Council told | Metro News
  146. ^ (EN) Lt Col S. Edward Boxx, Observations on the Air War in Syria (PDF), Air & Space Power Journal, marzo-aprile 2013. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  147. ^ BBC News - Houla massacre: UN blames Syria troops and militia
  148. ^ Most Houla victims killed in summary executions: U.N. | Reuters
  149. ^ Security Council Press Statement on Attacks in Syria
  150. ^ Siniora condemns massacre in Syria's Al-Kubeir
  151. ^ BBC News - New 'massacre' reported in Syria's Hama province
  152. ^ http://www.sana.sy/eng/337/2012/05/26/421559.htm
  153. ^ 25 Killed in Syria Violence
  154. ^ (EN) Several countries expel Syrian diplomats as EU mulls joint expulsion, in Al Arabya, 29 maggio 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  155. ^ U.S., allies expel Syrian diplomats after massacre - CNN.com
  156. ^ Middle east - Syrian dissidents convene in Turkey to discuss regime change - France 24
  157. ^ Syria and Turkey: A Complex Relationship | The Rundown | PBS NewsHour
  158. ^ Exclusive: Obama authorizes secret U.S. support for Syrian rebels | Reuters
  159. ^ http://www.nytimes.com/2012/06/21/world/middleeast/cia-said-to-aid-in-steering-arms-to-syrian-rebels.html?_r=0
  160. ^ (EN) France gives non-lethal military aid to Syrian opposition: PM, in Al arabya news, 22 agosto 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  161. ^ BBC News - Syria conflict: UK to give extra £5m to opposition groups
  162. ^ Syria's Opposition Hopes to Win the War by Selling Oil | TIME.com
  163. ^ (EN) C. J. Chivers ed Eric Schmitt, audis Step Up Help for Rebels in Syria With Croatian Arms, The New York Times, 25 febbraio 2013. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  164. ^ Qatar bankrolls Syrian revolt with cash and arms - FT.com
  165. ^ (EN) Tentative Jihād: Syria’s Fundamentalist Opposition, International Crisis Group, 12 ottobre 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  166. ^ French direct aid a dubious break for Syria rebels | World news | The Guardian
  167. ^ Exclusive: Iran flouts U.N. sanctions, sends arms to Syria: panel | Reuters
  168. ^ Rebel Syria: Celebrating Bashar Assad's Departure Even Though He's Staying | TIME.com
  169. ^ Syria's Qusayr prepares for Ramadan under siege - World - DAWN.COM
  170. ^ Syria suffers worst terror attack since start of uprising | World news | The Guardian
  171. ^ (EN) Islamist Group Says it carried out Damascus bombing, in Turkish Weekly, 30 aprile 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  172. ^ 27 killed as twin bombings strike Damascus security buildings (VIDEO, PHOTOS) — RT News
  173. ^ Lone survivor describes Aleppo mass killings
  174. ^ Syria - Apr 6, 2012 - 17:52 - Al Jazeera Blogs
  175. ^ (EN) Syria says security forces push back Damascus rebels, in LBC, 17 luglio 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  176. ^ 'Operation Damascus Volcano' Erupts Across Syrian Capital
  177. ^ In Syria, Rebels Celebrate Stunning Assassinations–and Send More Forces to Damascus | TIME.com
  178. ^ How "Damascus Volcano" erupted in Assad's stronghold - Chicago Tribune
  179. ^ Assad's brother-in-law and top Syrian officials killed in Damascus suicide bomb - Telegraph
  180. ^ BBC News - Syria conflict: Central Damascus hit by clashes
  181. ^ Syria Conflict: Damascus Suffers Destruction, Hunger As Fighting Hits Country's Heart
  182. ^ Syrian rebels fight Assad troops in Aleppo | World news | theguardian.com
  183. ^ Fears about the 'mother of all battles' for Aleppo - ABC News (Australian Broadcasting Corporation)
  184. ^ BBC News - Battle for Aleppo: Syrians react
  185. ^ Rebels use tanks to attack air base - thenews.com.pk
  186. ^ Syria: clashes near airport in contested Aleppo - Yahoo News
  187. ^ (EN) Sakar Abdullazada, Now Kurds are in charge of their fate: Syrian Kurdish official, in Ekurd daily, 29 luglio 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  188. ^ Ras al-Ain Agreement Between FSA and Kurds Reduces Tensions - Al-Monitor: the Pulse of the Middle East
  189. ^ Kurdistan Commentary, "Syrian Kurdish Parties Boycott Syrian Opposition Conference in Antalya, Turkey"
  190. ^ PYD: “Yes to democratic change, no to foreign interference!" - The Kurdistan Tribune
  191. ^ (EN) More Kurdish cities in Syrian Kurdistan liberated as Assad's army withdraws from area, in Ekurd daily, 21 luglio 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  192. ^ After quiet revolt, power struggle looms for Syria's Kurds
  193. ^ ANF | Ajansa Nûçeyan a Firatê
  194. ^ (EN) Clashes between Kurds and Syrian army in the Kurdish city of Qamişlo, Western Kurdistan, in Ekurd daily, 21 luglio 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  195. ^ Armed Kurds Surround Syrian Security Forces in Qamishli | Hastanewe
  196. ^ Qamishli's cold war - Le Monde diplomatique - English edition
  197. ^ Girke Lege Becomes Sixth Kurdish City Liberated in Syria | Zocialized
  198. ^ Fighting in Syria indicates Bashar Assad's end isn't imminent | Middle East | McClatchy DC
  199. ^ PYD Press Release: A call for support and protection of the peaceful establishment, the self-governed Syrian Kurdish region | هيئة التنسيق الوطنية لقوى التغيير الديمقراطي
  200. ^ Syrian rebels still hopeful as government regains initiative in Damascus - The Washington Post
  201. ^ Assad's forces overrun Damascus suburb, kill 20 | Reuters
  202. ^ Syria violence flares ahead of possible truce - Al Jazeera English
  203. ^ Syrian army clashes with rebels in Damascus - Al Jazeera Blogs
  204. ^ Activists: Clashes near airport in Mazzeh - Al Jazeera Blogs
  205. ^ romenews-tribune.com/view/full_story/19883002/article-Syrian-forces-kill-23-rebels-in-town-near-Damascus?instance=home_news_lead
  206. ^ Syria activists report massacre by army near Damascus | Reuters
  207. ^ (EN) Patrick J. McDonnell, Dozens more bodies found at Syria massacre site, in Los Angeles Times, 27 agosto 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  208. ^ Syria's worst massacre: Daraya death toll reaches 400 | World news | The Guardian
  209. ^ 8 ottobre 2012: Support Kurds in Syria
  210. ^ 11 ottobre 2012: Support Kurds in Syria
  211. ^ 16 ottobre 2012: Support Kurds in Syria
  212. ^ Syria warplane hits Damascus as rebels say killed general | News, Middle East | THE DAILY STAR
  213. ^ Fighting cuts access to Damascus airport, flights suspended | Reuters
  214. ^ UPDATE 1-Syria rebels say they seize army base on Damascus outskirts | Reuters
  215. ^ (EN) EMPLOYEE of THE NEW YORK TIMES in SYRIA and ANNE BARNARD, Fighting Drives an Old Sense of Peace From Damascus, The New York Times, 9 dicembre 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  216. ^ Syrian rebels, army clash in Damascus during U.N. visit | Reuters
  217. ^ blogs.aljazeera.com/topic/syria/activists-say-40-government-soldiers-and-9-opposition-fighters-were-killed-province
  218. ^ Syria: Rebel fighters capture historical town of Azmarin in 3-day battle | GlobalPost
  219. ^ Syrian rebels fully capture town near Turkey - World - CBC News
  220. ^ http://www.nytimes.com/2012/09/23/world/middleeast/rebels-move-command-from-turkey-to-syria.html
  221. ^ Syria rebels cut highway to northern battlefields
  222. ^ At least 30 people killed in clashes, most of them in Damascus - Al Jazeera Blogs
  223. ^ Syria army quits base on strategic Aleppo road | Reuters
  224. ^ 125 victims in Syria Alawite bombing | News.com.au
  225. ^ Siria, reportage. Perché le armi non servono | Tempi.it
  226. ^ Insight: Minority militias stir fears of sectarian war in Damascus | Reuters
  227. ^ http://www.upi.com/Top_News/World-News/2012/09/06/Militias-form-as-Aleppo-clashes-stalemate/UPI-66041346913000/?spt=hts∨=3
  228. ^ The Non-State Militant Landscape in Syria | Combating Terrorism Center at West Point
  229. ^ Syria rebels say launch decisive battle in Aleppo | Reuters
  230. ^ (EN) Death toll mounts as Syria rebels claim advances in Aleppo, but no breakthrough, Al arabya news, 28 settembre 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  231. ^ Siria, il dramma di Aleppo: il suk millenario è quasi distrutto - Corriere.it
  232. ^ Syria rebels struggle to advance in Aleppo offensive | Reuters
  233. ^ Syria: Rebels Seize Military Base Near Aleppo - Middle East - News - Arutz Sheva
  234. ^ Syria: Fighting In Aleppo Continues Between Assad Forces And Rebels Near Supply Road, Historic Mosque
  235. ^ (EN) AFP, Syria’s PM in first Aleppo visit since outbreak of fighting, in Al arabya news, 17 dicembre 2012. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  236. ^ Rebels seize towns in central Syria | Reuters
  237. ^ EA WorldView - Home - Syria Live Coverage: A Battle for Hama?
  238. ^ Assad still confident that he can control Syria - The Washington Post
  239. ^ Syrian rebels seize control of border crossing on frontier with Turkey - CBS News
  240. ^ Analysts Weigh In on Longevity of Syria's Assad
  241. ^ Syrian rebels seize key air base, activists say
  242. ^ Cookies must be enabled. | The Australian
  243. ^ (EN) H. SAAD, R. GLADSTONE, Syrian Insurgents Claim to Control Large Hydropower Dam, The New York Times, 11 febbraio 2013. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  244. ^ Jihādists seize Syria town on Iraq border
  245. ^ Syria: Raqqa Lies in Ruins - Al-Monitor: the Pulse of the Middle East
  246. ^ Syria rebels capture northern Raqqa city - Al Jazeera English
  247. ^ (EN) Firas Al-Akhbar, The Mysterious Fall of Raqqa, Syria’s Kandahar, in Al-Akhbar, 8 novembre 2013. URL consultato il 6 febbraio 2016.
  248. ^ Under the black flag of al-Qaeda, the Syrian city ruled by gangs of extremists - Telegraph
  249. ^ Syrian rebels fight close to heart of Damascus | Reuters
  250. ^ Missile blast wounds Syrian rebel commander: activists | Reuters
  251. ^ Assad's strategy shift keeps rebels at gates of Damascus - Middle East - World - The Independent
  252. ^ No Cookies | Herald Sun
  253. ^ Up to 6,000 jihadists fighting with al Qaeda groups in Syria
  254. ^ Assad's Survival in Syria Is Doubted in Russia - NYTimes.com
  255. ^ Saudi Arabia and Qatar funding Syrian rebels | Reuters
  256. ^ Iran-Saudi Geopolitical Rivalry and Future Security Equations in Middle East
  257. ^ Syria: Iran vows it will not allow Assad to fall - Telegraph
  258. ^ King Abdullah II of Jordan - msnbc - Hardball with Chris Matthews | NBC News
  259. ^ Iran helping Syrian regime crack down on protesters, say diplomats | World news | The Guardian
  260. ^ Syrian army being aided by Iranian forces | World news | theguardian.com
  261. ^ http://www.irantracker.org/sites/default/files/imce-images/Iranian_Strategy_in_Syria.pdf
  262. ^ Syrian rebels cross border, clash with Hizbullah in Lebanon's Bekaa Valley - World Tribune | World Tribune
  263. ^ Arsal residents ready to back Syria rebels | News, Lebanon News | THE DAILY STAR
  264. ^ http://english.alarabiya.net/en/News/middle-east/2013/04/13/Activists-say-40-Hezbollah-Syrian-regime-fighters-killed-in-Qusayr-clashes.html
  265. ^ Hezbollah deploys 700 fighters in Syria's Homs, report | Ya Libnan
  266. ^ Syrian troops battle rebels in hills near Lebanon | CP24.com
  267. ^ Hezbollah's elite leading the battle in Qusayr region of Syria | Ya Libnan
  268. ^ http://english.alarabiya.net/en/News/middle-east/2013/04/21/Activists-Syrian-regime-provides-Hezbollah-aerial-shield-in-Qusayr-.html
  269. ^ BBC News - Syrian army retakes key town of Qusair from rebels
  270. ^ http://english.al-akhbar.com/content/syria-turning-point-battle-qusayr
  271. ^ Siria, le lezioni di Qusayr - rivista italiana di geopolitica - Limes
  272. ^ Activists say dozens killed in Syrian village - Businessweek
  273. ^ Syrie: l'armée resserre l'étau autour des rebelles à Homs - L'Orient-Le Jour
  274. ^ Syrian forces Loyal to Asaad break Rebel Blockade in North Syria | Jafria News
  275. ^ In Syria, Hezbollah forces mass around Aleppo to aid Assad - The Washington Post
  276. ^ Syrian army starts "North storm" to save Aleppo
  277. ^ PressTV-Syrian army launches Aleppo operation
  278. ^ Rebel brigades check loyalist advances in Aleppo: opposition | Reuters
  279. ^ Putin, Obama face off over Syria; rebels get Saudi missiles | Reuters
  280. ^ 'Dozens dead' in Aleppo car bomb attack - Al Jazeera English
  281. ^ Syria: rebels heed lesson of Qusayr to drive back Assad forces in Aleppo - Telegraph
  282. ^ Assad's forces capture strategic town in southern Syria | Reuters
  283. ^ Syrian troops retake strategic town - Middle East - World - The Independent
  284. ^ Syrian troops battle rebels outside Damascus | The Times of Israel
  285. ^ BBC News - Syria army seizes Jdaidet al-Fadl 'killing dozens'
  286. ^ Syrian army seizes strategic town near capital | Reuters
  287. ^ Al-Nusra Commits to al-Qaida, Deny Iraq Branch 'Merger' — Naharnet
  288. ^ Qaeda chief annuls Syrian-Iraqi jihad merger - Al Jazeera English
  289. ^ New front opens in Syria as rebels say al Qaeda attack means war | Reuters
  290. ^ [1]
  291. ^ Kurds increasingly entangled in Syrian war - Middle East - Al Jazeera English
  292. ^ Jihādists expelled from flashpoint Kurdish Syrian town, NGO says
  293. ^ http://www.lorientlejour.com/article/833671/syrie-les-kurdes-chassent-des-jihadistes-dun-village-du-nord-est.html
  294. ^ http://in.reuters.com/article/2013/09/26/syria-crisis-kurds-idINL5N0HM3M220130926
  295. ^ Regime Regains Ground on the Coast | Institute for the Study of War
  296. ^ http://www.al-monitor.com/pulse/security/2013/08/syrian-war-jihadists-alawite-stronghold-coast.html#
  297. ^ http://www.nytimes.com/2013/10/11/world/middleeast/syrian-civilians-bore-brunt-of-rebels-fury-report-says.html?_r=1&
  298. ^ http://www.dailystar.com.lb/News/Middle-East/2013/Aug-07/226582-latakia-offensive-inflames-syrias-sectarian-wounds.ashx#axzz2b3ceER74
  299. ^ http://www.arabnews.com/news/459554
  300. ^ http://it.euronews.com/2013/09/04/siria-testimonianze-dell-attacco-chimico/
  301. ^ http://www.dailystar.com.lb/News/Middle-East/2013/Sep-02/229697-france-says-at-least-281-killed-in-syria-chemical-attack.ashx#axzz2nm0IGG2V
  302. ^ http://www.dailystar.com.lb/News/Middle-East/2013/Aug-22/228268-bodies-still-being-found-after-alleged-syria-chemical-attack-opposition.ashx#axzz2chzutFua
  303. ^ http://www.internazionale.it/news/siria/2013/09/04/obama-il-mondo-non-io-ha-stabilito-una-linea-rossa/
  304. ^ http://www.cbsnews.com/news/us-detected-activity-at-syria-chemical-weapons-sites-before-attack/
  305. ^ http://world.time.com/2013/08/27/russia-and-iran-warn-against-intervention-in-syria/
  306. ^ http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/northamerica/usa/10269591/Western-attack-to-punish-Syria-likely-to-begin-with-barrage-of-more-than-100-missiles-in-48-hour-blitz.html
  307. ^ http://www.huffingtonpost.com/2013/09/03/syria-airstrike-polls_n_3861639.html
  308. ^ http://thehill.com/blogs/defcon-hill/operations/320823-congressional-vets-line-up-against-action-in-syria
  309. ^ http://www.bbc.co.uk/news/world-us-canada-23845800
  310. ^ http://worldnews.nbcnews.com/_news/2013/08/31/20270696-obama-will-seek-congressional-approval-before-any-military-action-against-syria?lite
  311. ^ http://www.slate.com/articles/news_and_politics/politics/2013/08/france_s_plan_of_attack_against_syria_should_fran_ois_hollande_join_barack.html
  312. ^ http://worldnews.nbcnews.com/_news/2013/08/27/20209022-military-strikes-on-syria-as-early-as-thursday-us-officials-say?lite
  313. ^ http://www.nytimes.com/2013/08/29/world/middleeast/syria-iran-israel.html
  314. ^ http://www.voanews.com/content/china-warns-against-syria-intervention/1738509.html
  315. ^ http://qn.quotidiano.net/esteri/2013/08/27/940312-siria-rinvio-riunione-usa-russia.shtml
  316. ^ http://www.repubblica.it/esteri/2013/09/05/news/giornata_di_preghiera_sabato_alle_19_l_inizio_della_veglia_si_allunga_la_lista_di_adesioni_da_tutto_il_mondo-65958593/
  317. ^ http://www.bbc.co.uk/news/uk-politics-23892783
  318. ^ http://www.state.gov/r/pa/prs/ps/2013/09/214247.htm
  319. ^ http://www.bloomberg.com/news/2013-09-15/china-welcomes-russia-u-s-framework-agreement-on-syria-wang.html>
  320. ^ China Welcomes Russia-U.S. Framework Agreement on Syria: Wang - Bloomberg
  321. ^ Syria army retakes northern strategic town | GulfNews.com
  322. ^ http://online.wsj.com/news/articles/SB10001424052702303382004579127881524159704
  323. ^ http://dailystar.com.lb/News/Middle-East/2013/Nov-01/236495-syrian-forces-capture-town-near-chemical-weapons-site-activists.ashx#axzz2hs2ziHUm
  324. ^ http://www.dailystar.com.lb/News/Middle-East/2013/Nov-04/236755-leading-fsa-commander-quits-lashes-out-at-lack-of-support.ashx#axzz2lqpFZAqC
  325. ^ http://www.reuters.com/article/2013/11/10/us-syria-crisis-conflict-idUSBRE9A90D620131110
  326. ^ http://arabpress.eu/siria-ribelli-aleppo-allarme-per-avanzata-esercito-regolare/
  327. ^ http://www.dailystar.com.lb/News/Middle-East/2013/Dec-19/241680-syria-extends-air-campaign-on-aleppo-region-activists.ashx#axzz2nv9rWutS
  328. ^ http://rudaw.net/english/middleeast/syria/05122013>
  329. ^ http://www.dailystar.com.lb/News/Middle-East/2013/Oct-26/235860-syria-kurds-take-iraq-border-post-from-jihadists-monitor.ashx
  330. ^ http://iswsyria.blogspot.it/2013/11/the-serekeniye-martyrs-offensive-ypg.html
  331. ^ http://en.firatajans.com/news/news/ypg-liberated-two-villages-in-til-temir.htm
  332. ^ http://live.aljazeera.com/Event/Syria_Live_Blog/92582874
  333. ^ http://www.thestar.com.my/News/World/2013/10/11/Syrian-army-retakes-two-Damascus-suburbs-from-rebels.aspx/
  334. ^ http://www.manartv.com.lb/english/adetails.php?eid=124562&frid=71&seccatid=271&cid=71&fromval=1
  335. ^ http://www.mcclatchydc.com/2013/11/25/209706/hezbollah-takes-casualties-in.html
  336. ^ http://www.reuters.com/article/2013/11/19/us-syria-crisis-town-idUSBRE9AI0FX20131119
  337. ^ http://www.adn.com/2013/11/28/3201911/syrian-troops-capture-western.html
  338. ^ http://www.dailystar.com.lb/News/Middle-East/2013/Dec-02/239655-syria-rebels-send-tyre-bombs-hurtling-down-on-army-source.ashx#axzz2lGvTgDRI
  339. ^ http://www.wnd.com/2013/12/3-christians-executed-after-refusing-to-convert/
  340. ^ http://www.tsdtv.it/blog/2013/12/03/siria-la-cristiana-maalula-attaccata-dai-ribelli-12-suore-sequestrate/
  341. ^ Siria, Washington e Londra sospendono gli aiuti ai ribelli del Nord - Il Sole 24 ORE
  342. ^ http://www.latimes.com/world/worldnow/la-fg-wn-syrian-rebel-infighting-20140105,0,2285747.story#axzz2pX5mNcca
  343. ^ http://www.theguardian.com/world/2014/jan/06/syrian-rebeal-oust-a-qaidi-jihadists-raqqa?CMP=twt_fd
  344. ^ http://www.almanartv.com.lb/english/adetails.php?eid=129281&cid=23&fromval=1&frid=23&seccatid=20&s1=1
  345. ^ http://edition.cnn.com/2014/01/12/world/meast/syria-violence/
  346. ^ SYRIA Syria, anti-Assad rebel infighting leaves 700 dead, including civilians - Asia News
  347. ^ Al-Qaeda-linked group ousts rivals from Syria town | News, Middle East | THE DAILY STAR
  348. ^ Nusra Front under ISIL Fire: 100 Militants Killed in Syria Clashes
  349. ^ Siria: scontri ribelli-Qaida, 1000 morti - Top News - ANSA.it
  350. ^ Regime advances near Aleppo, ISIS tightens grip on Raqqa | News, Middle East | THE DAILY STAR
  351. ^ Syria Live Blog - Live Blogs - Al Jazeera English
  352. ^ (EN) Syria in the Last 24 Hours: Army Makes Major Advances in Aleppo, in Fars News, 22 febbraio 2014.
  353. ^ (EN) Islamic front blows up Assad forces' HQ in Aleppo, in Anadolu Agency, 17 febbraio 2014.
  354. ^ Siria, il 22 gennaio Ginevra 2 | mondo | Il Secolo XIX
  355. ^ http://www.ilpost.it/2014/02/08/tregua-homs-siria/
  356. ^ In Siria evacuati 1.200 civili da Homs, proroga tregua fino venerdì
  357. ^ Giordano Stabile, Siria, fallisce secondo round di colloqui. Brahimi: “Chiedo scusa alla Siria”, in La Stampa, 15 febbraio 2014.
  358. ^ (EN) Syria Army Regains Strategic Town of Jarajir near Lebanon, in Fars News, 13 febbraio 2014.
  359. ^ (EN) Syria says gov't forces seize key rebel town near Lebanon border, in CTV News, 16 marzo 2014.
  360. ^ (EN) Syria rebels surrender in border town, in Al Jazeera, 26 aprile 2014.
  361. ^ (EN) Nabih Bulos e Patrick J. McDonnell, Syria government forces seize strategic town near Lebanon border, in Los Angeles Times, 16 marzo 2014.
  362. ^ (EN) Misbah al-Ali, Wounded rebels flee Homs for Lebanon, in The Daily Star, 20 marzo 2014.
  363. ^ Siria. Le forze di Damasco conquistano il Krak dei Cavalieri, in Internazionale, 20 marzo 2014.
  364. ^ (EN) Pascale Menassa, Syrian army to impose blockade in Aleppo, in Al Monitor, 5 marzo 2014.
  365. ^ (EN) Syrian rebels seize prison near Jordan and free inmates: activists, in Reuters, 19 marzo 2014.
  366. ^ (EN) Syria fighting rages in Assad's home province, in The Daily Star, 22 marzo 2014.
  367. ^ (EN) Site of Al-Samra Police Station in Lattakia under Army’s Control, in Fars News, 27 aprile 2014.
  368. ^ Alberto Stabile, Homs torna sotto le ali del regime siriano, in La Repubblica, 8 maggio 2014.
  369. ^ (EN) Talks progress over rebel withdrawal from Homs, in Al Monitor, 3 maggio 2014.
  370. ^ Siria, i governativi rompono l'assedio alla prigione di Aleppo, in Rai News 24, 22 maggio 2014.
  371. ^ (EN) 15 pro-Assad fighters killed in Daraa clashes, in Aran News, 21 maggio 2014.
  372. ^ (EN) Diaa Hadid Albert Aji, Syria's 2014 Presidential Election Ignored In Opposition-Held Areas, in The Huffington Post, 6 aprile 2014.
  373. ^ (EN) Wladimir van Wilgenburg, Syria's Kurdish region to boycott presidential elections, in Al Monitor, 2 giugno 2014.
  374. ^ (EN) Jim Muir, Syria election: Refugees vote in Lebanon and Jordan, in BBC News, 28 maggio 2014.
  375. ^ (EN) International observers ratified transparent elections in Syria, in La Info, 5 giugno 2014.
  376. ^ (EN) Supreme Constitutional Court: Number of participants in Presidential elections reached at 11.634.412 with 73.42%, in SANA, 5 giugno 2014.
  377. ^ (EN) Rebel mortar fire kills 21 at Assad election rally, in Digital Journal, 23 maggio 2014.
  378. ^ (EN) Syrian President Bashar al-Assad wins third term, in BBC News, 5 giugno 2014.
  379. ^ Al Qaeda conquista Mosul la seconda città dell’Iraq, in La Stampa, 10 giugno 2014.
  380. ^ Terriost Group Isis Loots $429 Million Dollars of Fiat and Gold Bullion From Mosul Central Bank, in ETF Daily News, 12 giugno 2014.
  381. ^ State of emergency: ISIS militants overrun Iraq city of 1.8mn, free 2,500 prisoners, in RT, 10 giugno 2014.
  382. ^ Mushreq Abbas, ISIS erases Iraq-Syria border, in Al Monitor, 11 giugno 2014.
  383. ^ Mark Tran e Matthew Weaver, Isis announces Islamic caliphate in area straddling Iraq and Syria, in The Guardian, 30 giugno 2014.
  384. ^ 'Islamic State' expels rivals from Syria city, in Al Jazeera, 15 luglio 2014.
  385. ^ Mousab Alhamadee, Syria fights to free gas field from Islamic State, in McClatchy DC News, 19 luglio 2014.
  386. ^ Syria Regime Forces Retake Gas Field from Jihādists, in Naharnet, 26 luglio 2014.
  387. ^ ISIS take over Syria army base, behead soldiers: Activists, in The Daily Star, 26 luglio 2014.
  388. ^ Jihādists storm Syrian army base in Raqqa, in The Daily Star, 7 agosto 2014.
  389. ^ Hundreds dead as Islamic State seizes Syrian air base - monitor, in Reuters, 24 agosto 2014.
  390. ^ Islamic State executes soldiers, takes hostages at Syria base: social media, in Reuters, 27 agosto 2014.
  391. ^ Syrian Army Wins Back Control over 2 Strategic Towns in Hama, in Fars News, 9 settembre 2014.
  392. ^ Fierce Clashes in West Hama Result in Heavy Losses; 2 Nusra Emirs Killed, in The Arab Source, 18 settembre 2014.
  393. ^ Syrian army takes town near Damascus in blow to rebels, in Reuters, 14 agosto 2014.
  394. ^ Ziad Haydar, Syrian army captures Al-Maliha, in Al Monitor, 18 agosto 2014.
  395. ^ L’Iraq chiede agli Usa di intervenire. Merkel: «Usa sono responsabili», in Corriere della Sera, 18 giugno 2014.
  396. ^ (EN) Tim Arango, Sunni Extremists in Iraq Seize 3 Towns From Kurds and Threaten Major Dam, in The New York Times, 3 agosto 2014.
  397. ^ (EN) Martin Chulov, Iraq's largest Christian town abandoned as Isis advance continues, in The Guardian, 7 agosto 2014.
  398. ^ Esplora il significato del termine: Iraq, aerei Usa bombardano postazioni dello Stato Islamico Iraq, aerei Usa bombardano postazioni dello Stato Islamico, in Corriere della Sera, 7 agosto 2014.
  399. ^ (EN) Adam Entous, Julian E. Barnes e Dion Nissenbaum, Iraq's U.S. Lays Groundwork for Syria Strike, in The Wall Street Journal, 25 agosto 2014.
  400. ^ (EN) David Hudson, President Obama: “We Will Degrade and Ultimately Destroy ISIL”, in The White House, 10 settembre 2014.
  401. ^ Isis: Usa e Riad bombardano il Califfato, Damasco applaude, in AGI, 23 settembre 2014.
  402. ^ (EN) Adam Chandler, Russia Condemns U.S. Airstrikes on ISIS and al-Qaeda; Assad Approves, in Yahoo News, 23 settembre 2014.
  403. ^ (EN) Phil Stewart e Tom Perry, U.S. and Arab allies launch first strikes on militants in Syria, in Reuters, 23 settembre 2014.
  404. ^ (EN) Lizzie Dearden, Syria air strikes: US targeted Khorasan terrorist group to stop 'imminent attack', in The Independent, 23 settembre 2014.
  405. ^ (EN) Unintended consequences, in The Economist, 4 ottobre 2014.
  406. ^ (EN) ISIS, Syria rebel group sign pact of ‘non-aggression’, in Al Arabiya, 13 settembre 2014.
  407. ^ (EN) Catherine James, Syrian Kurds plea for help defending Kobani from Isis advance, in The Guardian, 3 ottobre 2014.
  408. ^ (EN) Syria says giving military support to Kurds in Kobani, in The Daily Star, 22 ottobre 2014.
  409. ^ (EN) US: Strikes near Kobani have killed hundreds, in The Washington Post, 15 ottobre 2014.
  410. ^ (EN) Bill Park, Why won't Turkey help save Kobane from Isil?, in The Telegraph, 10 ottobre 2014.
  411. ^ Siria-Iraq: Peshmerga curdi iracheni arrivano a Kobane, in Euronews, 31 ottobre 2014.
  412. ^ Chi vince a Kobane?, in Analisi Difesa, 1º gennaio 2015.
  413. ^ Siria, forze curde: 85% di Kobane "è nelle nostre mani", in First, 22 dicembre 2014.
  414. ^ Deir Ezzor: ISIS Sustains Heavy Casualties Attacking Al-Jafra, in The Arab Source, 12 dicembre 2014.
  415. ^ (EN) Mustafa al-Haj, Syrian army closes in on Douma after Adra victory, in Al Monitor, 6 ottobre 2014.
  416. ^ (EN) Syrian army fights for last major rebel route into Aleppo, in Reuters, 3 ottobre 2014.
  417. ^ (EN) Siria, forze di Bashar conquistano città di Morek, in Internazionale, 23 ottobre 2014.
  418. ^ Al Qaeda seizes territory from moderate Syrian group, in Reuters, 28 ottobre 2014.
  419. ^ Syria Daily, Nov 10: Insurgents Take Key Town of Nawa, South of Damascus, in EA WorldView, 10 novembre 2014.
  420. ^ Rebels lose momentum in Sheikh Miskeen, in Syria Direct, 1º dicembre 2014.
  421. ^ Kobane è libera, in Ufficio d'informazione del Kurdistan in Italia, 26 gennaio 2015.
  422. ^ (EN) Isis finally admits defeat in Kobani after air strikes force its fighters to retreat, in The Guardian, 31 gennaio 2015.
  423. ^ (EN) YPG and rebel battalions reach to the outskirts of Jarablos, and retake about 300 villages in al- Raqqa and Aleppo, in SOHR, 1º marzo 2015.
  424. ^ (EN) Under Kurdish attacks, ISIS loses main stronghold in Hasakah, in AraNews, 1º marzo 2015.
  425. ^ (EN) Number of Christians kidnapped in ISIS offensive up to 220, Syria monitoring groups say, in Fox News, 26 febbraio 2015.
  426. ^ (EN) YPG and allied forces advance in al- Hasakah, and the regime warplanes attack areas in Deir Ezzor, in SOHR, 16 marzo 2015.
  427. ^ (EN) Breaking: Large armored convoy arrived in Aleppo, in The Arab Source, 16 febbraio 2015.
  428. ^ (EN) Sylvia Westall, BreakingSyrian army makes rapid advance north of Aleppo - monitor, in Reuters, 17 febbraio 2015.
  429. ^ (EN) Syrian rebels regain ground lost near Aleppo, battles leave over 150 dead, in The Daily Star, 18 febbraio 2015.
  430. ^ (EN) Rebel counter-attack, storms halt Aleppo offensive, in The Daily Star, 19 febbraio 2015.
  431. ^ (EN) Rebel groups seize land north of Aleppo, in The Daily Star, 10 marzo 2015.
  432. ^ (EN) The Syrian Army begins an offensive in northern Dara’a, in The Arab Source, 9 febbraio 2015.
  433. ^ (EN) The Battle for Southern Syria Has Been Joined and a Regional Conflict May Just Be the Main Event, in The World Post, 12 febbraio 2015.
  434. ^ (EN) Rebel Iran mourns 7 Afghans killed fighting for Syria's Assad, in Middle East Eye, 3 marzo 2015.
  435. ^ (EN) Mustafa al-Haj, Syria opposition forces claim regime attack in Daraa futile, in Al Monitor, 20 febbraio 2015.
  436. ^ Eugenio Dacrema, Siria, sconfitte e regolamenti di conti: tutte le crepe del regime di Assad, in Corriere della Sera, 5 maggio 2015.
  437. ^ Daniele Ranieri, Bibi bombarda Assad, in Il Foglio, 28 aprile 2015.
  438. ^ Al Qaeda and allies form coalition to battle Syrian regime in Idlib, in The Long War Journal, 24 marzo 2015.
  439. ^ Davide Vannucci, «Siria, è ora di un accordo tra regime e ribelli. Se no, arriva l’Isis», in LinkIesta, 11 maggio 2015.
  440. ^ (EN) Tom Perry, Syrian rebels seize historic town in south: monitor, in Reuters, 25 marzo 2015.
  441. ^ (EN) Syria rebels storm Idlib city in three-pronged attack, in The Daily Star, 25 marzo 2015.
  442. ^ (EN) Syria crisis: Idlib 'captured by Islamist groups', in BBC News, 28 marzo 2015.
  443. ^ (EN) autore:Jeffrey White, The Battle for Idlib: Military Implications, in The Washington Institute, 30 marzo 2015.
  444. ^ Siria, Al Nusra prende Idlib e impone la sharia, in Corriere della Sera, 1º aprile 2015.
  445. ^ (EN) Syrian rebels capture main border crossing with Jordan, in The Cairo Post, 2 aprile 2015.
  446. ^ (EN) Qaeda, allies take key regime holdout in northwest Syria, in Mail Online, 25 aprile 2015.
  447. ^ (EN) The Islamist factions advance in Hama, and clashes break out near the city of Tadmor, in SOHR, 26 aprile 2015.
  448. ^ (EN) Pamela Engel, ISIS now reportedly controls more than half of Syria, in Reuters, 21 maggio 2015.
  449. ^ (EN) Rebels storm last regime-held city in Syria's Idlib: monitor, in Yahoo News, 28 maggio 2015.
  450. ^ (EN) First stage of 'Operation Commander Rûbar Qamishlo' successfully finalized, in DIHA, 27 maggio 2015.
  451. ^ (EN) IS pulls back from the town of Salouk and YPG backed by rebels advance in it, in SOHR, 14 giugno 2015.
  452. ^ (EN) YPG and rebels take full control on Tal Abiad city, in SOHR, 16 giugno 2015.
  453. ^ Tel Abyad liberata, in Il Manifesto, 18 giugno 2015.
  454. ^ (EN) Tom Perry e Laila Bassam, Syria Kurds seize town from Islamic State near its 'capital', in Reuters, 23 giugno 2015.
  455. ^ (EN) ISIL on 24-hour 'killing rampage' in Syria's Kobane, in Al Jazeera, 27 giugno 2015.
  456. ^ (EN) Kurdish forces besiege Isis fighters in Kobani after massacre of civilians, in The Guardian, 26 giugno 2015.
  457. ^ (EN) Syria crisis: IS makes deadly return to Kobane, in BBC News, 25 giugno 2015.
  458. ^ (EN) ISIS re-enters Syria's Tal Abyad, takes district: Monitor, in Al Arabiya, 30 giugno 2015.
  459. ^ (EN) Islamic State suicide bombers attack Hasaka, 10 killed, in Reuters, 23 giugno 2015.
  460. ^ (EN) Leith Fadel, Islamic Republican Guard Arrives in Al-Hasakah City to Forestall ISIS Advance, in The Arab Source, 27 giugno 2015.
  461. ^ (EN) U.S., allies target Islamic State in Syria, Iraq with 14 air strikes - U.S. Military, in The Star Online, 30 giugno 2015.
  462. ^ (EN) August 1: Strong Resistance Finally Results in Full Liberation of the City Hasakah from the ISIL Terrorists, in YPG Official Statement, 1º agosto 2015.
  463. ^ (EN) Tom Perry e Laila Bassam, Syria conflict: Al-Nusra fighters kill Druze villagers, in BBC News, 11 giugno 2015.
  464. ^ (EN) Syrian rebels seize parts of air base in south: monitor, in Reuters, 11 giugno 2015.
  465. ^ (EN) Lora Moftah, Who Are The Druze? Minority Sect In Peril After Syrian Al Qaeda Branch Slaughters Villagers, in International Business Time, 11 giugno 2015.
  466. ^ (EN) Why Syria’s Druse are sticking with Assad for now, in The Jerusalem Post, 11 giugno 2015.
  467. ^ (EN) Syria conflict: Rebels launch Quneitra offensive, in BBC News, 17 giugno 2015.
  468. ^ (EN) John Reed, Druze pressure Israel to help besieged Syrians, in The Financial Times, 19 giugno 2015.
  469. ^ (EN) Scott Lucas, Syria Feature: Joint Operations Room in Jordan Halted Rebel Assault on Key Regime Airbase, in EA WorldView, 17 giugno 2015.
  470. ^ (EN) Leith Fadel, Breaking: Syrian Army Recaptures Tal Hamr in Al-Quneitra; Siege of Hadar Lifted, in The Arab Source, 19 giugno 2015.
  471. ^ (EN) ere is Hezbollah's Qalamoun battle, in one gif, in Albawaba, 19 giugno 2015.
  472. ^ (EN) Zen Adra, Rebels collapse as Syrian Army, Hezbollah storm Zabadani, in The Arab Source, 5 luglio 2015.
  473. ^ (EN) Syria rebels surrender in border town, in Al Jazeera, 29 aprile 2014.
  474. ^ (EN) Syrian forces close in on rebel-held Zabadani, in BBC News, 4 luglio 2015.
  475. ^ (EN) Hezbollah losses mount in Zabadani, in NOW, 8 luglio 2015.
  476. ^ (EN) Violent attack launched by Jabhat al- Nusra the rebel and Islamist factions on the town of al- Fu’ah, and the clashes renew in Sahl al- Ghab, in SOHR, 10 agosto 2015.
  477. ^ (EN) Mariam Karouny e Tom Perry, Turkey, Iran help broker rare truce in Syria, in Reuters, 12 agosto 2015.
  478. ^ (EN) Preparations carried out to transport the wounded, fighters and citizens from Kefrayya, al- Fu’ah and al- Zabadani, in SOHR, 26 settembre 2015.
  479. ^ Syria conflict: 'Dire situation' in besieged villages, in BBC News, 6 gennaio 2016.
  480. ^ (EN) Leith Fadel, Jaysh Al-Fateh Captures Remaining Hills Near Jisr Al-Shughour, in The Arab Source, 28 luglio 2015.
  481. ^ (EN) Leith Fadel, Jaysh Al-Fateh Launches Massive Offensive to Recapture Lost Territory in the Al-Ghaab Plains, in The Arab Source, 6 agosto 2015.
  482. ^ (EN) The violent clashes continue and the hit-and-run battles in the Sahl al-Ghab and the countryside of Jesr al-Shoghour and the outskirts of Idlib province, in SOHR, 5 agosto 2015.
  483. ^ (EN) Leith Fadel, Breaking: Syrian Army Recaptures Al-Misheek and Several Points at Qarqour in the Wadi Al-Ghaab, in The Arab Source, 7 agosto 2015.
  484. ^ SIRIA, GIUNTI A LATAKIA AIUTI RUSSI, in RaiNews, 12 settembre 2015.
  485. ^ Le manovre militari russe in Siria e i timori della comunità internazionale, in Internazionale, 10 settembre 2015.
  486. ^ AUMENTA IL SOSTEGNO RUSSO PER IL GOVERNO SIRIANO, in The Post Internazionale, 16 settembre 2015.
  487. ^ Il Pentagono: “La Russia sta costruendo una base militare in Siria”, in La Stampa, 15 settembre 2015.
  488. ^ Russia Surprises U.S. With Accord on Battling ISIS, in New York Times, 27 settembre 2015.
  489. ^ Siria, Spagna e Austria ora aprono ad Assad: “Includiamolo nelle trattative”, in Il Giornale, 9 settembre 2015.
  490. ^ Merkel: includere Assad in colloqui pace, in ANSA, 24 settembre 2015.
  491. ^ (EN) Cameron open to keeping Assad in power in short term - Telegraph, in Reuters, 27 settembre 2015.
  492. ^ Siria, svolta Erdogan: Assad può rimanere per periodo transizione, in Askanews, 24 settembre 2015.
  493. ^ (EN) After Netanyahu-Putin meeting, Israel military says it is coordinating with Russia on Syria, in FOX News, 24 settembre 2015.
  494. ^ Russia, sì Parlamento intervento Siria, in ANSA, 30 settembre 2015.
  495. ^ (EN) Why Russia has started bombing Syria now - and what it hopes to achieve, in The Independent, 30 settembre 2015.
  496. ^ Maurizio Molinari, Ecco dove hanno colpito i jet russi in Siria, in La Stampa, 30 settembre 2015.
  497. ^ (EN) Russia launches first air strikes in Syria as non-Isis rebels claim they are being targeted, 30 settembre 2015.
  498. ^ (EN) Russia finally blitzes ISIS: At least 12 jihadis killed after Kremlin strikes targets near Raqqa - as fanatics hit back with 'Death to Putin' tweet and image of Moscow in flames, in The Daily Mail, 2 ottobre 2015.
  499. ^ (EN) Bassem Mroue e Sarah El Deeb, Syrian rebel groups unite to fight Russian ‘occupiers’, in The Times of Israel, 5 ottobre 2015.
  500. ^ (EN) Syrian troops launch ground offensive backed by Russian airstrikes, in The Guardian, 7 ottobre 2015.
  501. ^ (EN) Russia launches naval bombardment of targets in Syria, in CNN, 7 ottobre 2015.
  502. ^ (EN) Syrian army, Russian jets target rebels in western Syria, in The Daily Star, 7 ottobre 2015.
  503. ^ (EN) Rebels fortify front line with anti-tank missiles, in The Daily Star, 14 ottobre 2015.
  504. ^ (EN) Russian Airstrikes in Syria: September 30 - October 18, 2015 (PDF), in ISW, 19 ottobre 2015.
  505. ^ (EN) Leith Fadel, Breaking: Syrian Army and Hezbollah Launch Their Southern Aleppo Offensive – 4 Sites Captured, in The Arab Source, 16 ottobre 2015.
  506. ^ (EN) Laila Bassam e Tom Perry, How Iranian general plotted out Syrian assault in Moscow, in Reuters, 16 ottobre 2015.
  507. ^ (EN) Loveday Morris e Mustafa Salim, How Iran backs Assad in battle for Aleppo with proxies, ground troops, in The Washington Post, 19 ottobre 2015.
  508. ^ (EN) Loveday Tom Perry e Suleiman Al-Khalidi, Syrian rebels say they receive more weapons for Aleppo battle, in Reuters, 19 ottobre 2015.
  509. ^ (EN) Christopher Kozak, This map shows the intensifying battle for Syria's largest city before the war, in Business Insider, 22 ottobre 2015.
  510. ^ (EN) Breaking: Syrian Army and Hezbollah Advance to Khan Touman in Southern Aleppo, in The Arab Source, 30 ottobre 2015.
  511. ^ (EN) Syrian Army and Hezbollah Reclaim Talaylat Before Entering the Strategic City of Al-Hadher in Southern Aleppo, in The Arab Source, 9 novembre 2015.
  512. ^ (EN) Albert Aji e Bassem Mroue, Syrian troops capture villages on the way toward air base besieged by IS militants, in US News, 19 ottobre 2015.
  513. ^ (EN) ISIL siege of Aleppo airbase 'broken by Syrian army', in Al Jazeera, 11 novembre 2015.
  514. ^ (EN) Aron Lund, Strategic Implications of Assad’s Victory at Kweiris, in CARNEGIE, 10 novembre 2015.
  515. ^ Siria, Assad a Mosca da Putin, il presidente russo: "Serve processo politico di pace", in La Repubblica, 21 ottobre 2015.
  516. ^ (EN) Syria conflict: World powers to intensify quest for peace, in BBC News, 30 ottobre 2015.
  517. ^ (EN) Arch-rivals Saudi Arabia, Iran to discuss Syria face-to-face for first time, in Reuters, 28 ottobre 2015.
  518. ^ (EN) Violent clashes and advancment for the regime forces in Ghamam area in the northern countryside of Lattakia, in SOHR, 6 novembre 2015.
  519. ^ (EN) Jaysh Al-Fateh Captures the Strategic Town of Morek While the Syrian Army Captures Tal Uthman and Al-Bani, in The Arab Source, 4 novembre 2015.
  520. ^ (EN) Syria army takes key rebel town south of Aleppo: military source, in The Daily Star, 12 novembre 2015.
  521. ^ (EN) Syrian Army and Hezbollah Sweep Through Southern Aleppo: Islamist Rebels Suffer Massive Defeat, in The Arab Source, 13 novembre 2015.
  522. ^ (EN) Syrian army captures village in Aleppo province: Monitor, state TV, in Ahram Online, 13 novembre 2015.
  523. ^ (EN) Syrian Syria army scores key victories ahead of Vienna talks, in Yahoo News, 12 novembre 2015.
  524. ^ (EN) Islamist Rebels Capture Several Sites in Southern Aleppo, in The Arab Source, 23 novembre 2015.
  525. ^ (EN) Tiger Forces Capture 3 Villages in East Aleppo as ISIS Fighters Abandon the Jabboul Lake Front, in The Arab Source, 19 novembre 2015.
  526. ^ (EN) Syrian Breaking: Syrian Army Enters Deir Hanna in Northern Latakia, in The Arab Source, 16 novembre2015.
  527. ^ (EN) Syrian Army Launches a Massive Operation in Northern Latakia: Several Sites Captured, in The Arab Source, 19 novembre 2015.
  528. ^ (EN) The regime forces advance again in the northern countryside of Lattakia, and airstrikes leave casualties in Deir Ezzor city, in SOHR, 23 novembre 2015.
  529. ^ (EN) Jet russo abbattuto: chi sono i Turcomanni alleati di Erdogan, in Il Sole 24 Ore, 24 novembre 2015.
  530. ^ (EN) Syrian Turkey downs Russian warplane near Syria border, in The Daily Star, 25 novembre 2015.
  531. ^ (EN) T-90 tanks help propel Hezbollah and the Syrian Army in Southern Aleppo, in The Arab Source, 21 dicembre 2015.
  532. ^ (EN) Hezbollah, Syrian Army cutoff the Aleppo-Damascus Highway after seizing Khan Touman in southern Aleppo, in The Arab Source, 20 dicembre 2015.
  533. ^ (EN) Syrian SAA Forces Capture Strategic Terrorist Supply Lines, in Global Research, 25 dicembre 2015.
  534. ^ Siria, raid russo uccide il leader dei ribelli Alloush: il risiko della pace si complica, in Il Sole 24 Ore, 26 dicembre 2015.
  535. ^ Chi era Zahran Alloush, in Il Post, 26 dicembre 2015.
  536. ^ Quali saranno le ripercussioni della vittoria dell'esercito siriano a Salma?, in L'AntiDiplomatico, 14 gennaio 2016.
  537. ^ (EN) Syria army seizes key rebel-held Latakia town, in Al Arabiya, 24 gennaio 2016.
  538. ^ (EN) Breaking: Syrian Army storms town of Sheikh Miskeen in northern Daraa, in The Arab Source, 27 dicembre 2015.
  539. ^ (EN) Forces fight for strategic Syrian gateway to south, in Al Monitor, 8 gennaio 2016.
  540. ^ (EN) Syrian army seizes strategic town in Deraa province: monitor, in Reuters, 25 gennaio 2016.
  541. ^ (EN) U.S.-backed alliance captures key dam from Islamic State: alliance spokesman, in Reuters, 26 dicembre 2015.
  542. ^ (EN) Syrian Army marches towards al-Bab: Aleppo map update, in The Arab Source, 14 gennaio 2016.
  543. ^ Il massacro dell’ISIS a Deir Ezzor, in Il Post, 17 gennaio 2016.
  544. ^ Siria, strage dell'Is a Deir Ezzor. Civili uccisi, rapimenti di massa, in La Repubblica, 17 gennaio 2016.
  545. ^ (EN) Something big is brewing in Aleppo as more government reinforcements arrive, in The Arab Source, 26 gennaio 2016.
  546. ^ (EN) Exclusive: U.S. Allies Now Fighting CIA-Backed Rebels, in The Daily Beast, 12 febbraio 2016.
  547. ^ (EN) Something Syrian Army, Hezbollah launch preliminary offensive in northern Aleppo, in The Arab Source, 1º febbraio 2016.
  548. ^ (EN) Laila Bassam, Syrian army and allies breaks rebel siege of Shi'ite towns: army, in Reuters, 3 febbraio 2016.
  549. ^ (EN) Syrian Idlib 'on the verge of a catastrophe' as regime severs vital supply route, and with it, cuts off fuel access, in Syria Direct, 3 febbraio 2016.
  550. ^ UN agency provides food to Syrians fleeing Aleppo fighting, in UN News Centre, 9 febbraio 2016.
  551. ^ (EN) Morgan L. Kaplan, Why are Syrian Kurds pivoting toward Moscow?, in The Washington Post, 12 febbraio 2016.
  552. ^ Siria: curdi siriani si schierano con Assad e russi, in AGI, 11 febbraio 2016.
  553. ^ (EN) Suleiman Al-Khalidi, Kurdish forces said to take air base near Turkish border, in Reuters, 11 febbraio 2016.
  554. ^ (EN) Turkey Strikes Kurd, Regime Forces in Syria, Mulls Ground Attack, in Breitbart, 13 febbraio 2016.
  555. ^ (EN) Turkish forces shell Kurdish camp in Syria, reportedly hit govt forces, in RT, 13 febbraio 2016.
  556. ^ (EN) Syria: Turkey and Saudi Arabia consider ground campaign following border strikes, in The Guardian, 14 febbraio 2016.
  557. ^ (EN) Kurdish-backed forces take Syrian town near Turkish border, in Reuters, 15 febbraio 2016.
  558. ^ (EN) Turkey cries foul over US call to stop shelling Syrian Kurds, in Time of Israel, 15 febbraio 2016.
  559. ^ (EN) Chris Tomson, ISIS pocket in eastern Aleppo surrounded by the Syrian Army, in Al Masdar News, 3 febbraio 2016.
  560. ^ (EN) ISIS pocket in eastern Aleppo surrounded by the Syrian Army, in Yahoo News, 21 febbraio 2016.
  561. ^ (EN) Aleppo Thermal Power Plant to be operational soon, in Syria Online, 28 febbraio 2016.
  562. ^ Syrian Army reaches Al-Raqqa border after regaining offensive initiative, in Al Masdar News, 3 marzo 2016.
  563. ^ Kurds celebrate capture of key IS stronghold in Syria, in Middle East Eye.
  564. ^ (EN) Top diplomats to meet in Munich for Syrian peace effort, in DW, 11 febbraio 2016.
  565. ^ (EN) Partial Syria ceasefire agreed at talks in Munich, in The Guardian, 12 febbraio 2016.
  566. ^ (EN) Anne Barnard, Syrian Government and Rebel Group Agree to Partial Cease-Fire, in The New York Times, 23 febbraio 2016.
  567. ^ (EN) SyriaMap, 25 febbraio 2016, http://syria.liveuamap.com/en/2016/25-february-sdf-statement-on-the-ceasefire-we-consider-this .
  568. ^ (EN) Josh Wood, Nearly 100 rebel groups sign up to Syria truce, in The National, 27 febbraio 2016.
  569. ^ Josh Wood, Siria, entrato in vigore il cessate il fuoco, in La Repubblica, 26 febbraio 2016.
  570. ^ Siria, resiste solo la tregua Obama-Putin. Ma Turchia, il regime di Assad e i ribelli continuano a sparare, in Il Fatto Quotidiano, 27 febbraio 2016.
  571. ^ Regge la tregua in Siria. Una luce alla fine del tunnel, in Il Corriere della Sera, 12 marzo 2016.
  572. ^ (EN) Syria truce offers glimpses of normality, in Channel Asia, 3 marzo 2016.
  573. ^ (EN) Siria, primi aiuti umanitari consegnati dopo inizio tregua, in Askanews, 29 febbraio 2016.
  574. ^ Cosa vuol dire il ritiro della Russia dalla Siria, in Il Post, 15 marzo 2016.
  575. ^ Russia esclude ritiro completo delle forze aeree dalla Siria, in Sputnik News, 25 marzo 2016.
  576. ^ Siria, le forze di Assad riconquistano Palmira, in La Repubblica, 27 marzo 2016. URL consultato il 27 marzo 2016.
  577. ^ Siria: Damasco riprende pieno controllo Palmira, in ANSA, 27 marzo 2016. URL consultato il 27 marzo 2016.
  578. ^ Siria: l’esercito governativo ha preso il controllo della città cristiana Al-Quaryatayn, in Sputnik Italia, 3 aprile 2016. URL consultato il 3 aprile 2016.
  579. ^ Assad’s party wins majority in Syrian election, in France24.
  580. ^ Syria announces parliamentary elections results, in Xinhua.
  581. ^ First Turkey-backed operation against IS becomes a fiasco, in Al Monitor, 14 aprile 2016.
  582. ^ Nusra Front, Syrian rebels attack government forces near Aleppo, gain ground, in Reuters, 2 aprile 2016.
  583. ^ Syria war: Rebels capture strategic Aleppo village, in Al Jazeera, 6 maggio 2016.
  584. ^ East Ghouta loses its breadbasket: ‘The regime exploited the ongoing infighting’, in Syria Direct, 19 maggio 2016.
  585. ^ Syrian army opens new front as Islamic State's many foes attack, in Reuters, 3 giugno 2016.
  586. ^ Syrian Army closes in on ISIS at Tabqa Airbase, in Al Masdar, 7 giugno 2016.
  587. ^ Islamic State launches desert attack, repels Syrian army advances towards Tabqa, in Syria direct, 21 giugno 2016.
  588. ^ Syrian army says cut off all supply routes into east Aleppo, in Reuters.
  589. ^ Russia says starts humanitarian operation in Syria's Aleppo, in Reuters.
  590. ^ Rebels launch major assault to try to break Aleppo siege, in Reuters.
  591. ^ Who Is Laying Siege to Whom in Aleppo?, 8 agosto 2016.
  592. ^ Turkish forces deepen push into Syria, draw U.S. rebuke over their target, in Reuters, 29 agosto 2016.
  593. ^ Turkish tanks roll into Syria, opening new line of attack, in Reuters, 4 agosto 2016.
  594. ^ Siege of eastern Aleppo resumes as Syrian government re-takes army site, in reuters, 4 settembre 2016.
  595. ^ Syria truce largely holds as aid preparations begin, in Reuters, 13 settemnre 2016.
  596. ^ Sputnik, Coalizione USA attacca l'esercito siriano, ne approfitta il Daesh, su it.sputniknews.com. URL consultato il 17 settembre 2016.
  597. ^ Syrian army, rebels wage fierce battles in Aleppo, in reuters, 30 settembre 2016.
  598. ^ Syrian rebels launch Aleppo counter-attack to break siege, in Reuters, 29 ottobre 2016.
  599. ^ Syrian army says takes Aleppo area, rebels say battle continues, in Reuters, 8 novembre 2016.
  600. ^ Russia Prepares to Escalate Military Intervention in Syria, in Institute for the Study of War, 4 novembre 2016.
  601. ^ Syrian rebels and families leave another town near Damascus, in Reuters.
  602. ^ (EN) ISIS Fighters Killed by Israeli Airstrikes After Opening Fire on IDF Soldiers in Golan Heights, in Haaretz, 27 novembre 2016. URL consultato il 27 novembre 2016.
  603. ^ (EN) Syrian government drives rebels from swath of Aleppo, in Reuters, 29 novembre 2016.
  604. ^ Aleppo siege: Syria rebels lose 50% of territory, in BBC News.
  605. ^ After retaking control of Palmyra, Islamic State targets Tiyas airbase, in International Business Times.
  606. ^ Aleppo endgame nears as evacuation resumes, in Reuters.
  607. ^ Syrian army announces victory in Aleppo in boost for Assad, in Reuters.
  608. ^ U.N. Security Council welcomes Syria truce, rebels warn they could abandon it, in Reuters.
  609. ^ L'ONU non conterà più i morti in Siria da ilpost.it, 7 gennaio 2014
  610. ^ Pillay castigates “paralysis” on Syria, as new UN study indicates over 191,000 people killed, UN Office of the High Commissioner for Human Rights, 22 agosto 2014.
  611. ^ Updated Statistical Analysis of Documentation of Killings in the Syrian Arab Republic (PDF), Human Rights Data Analysis Group, Agosto 2014.
  612. ^ Syrian Refugees
  613. ^ (EN) Syria Regional Refugee Response, in UNHCR, 7 febbraio 2015.
  614. ^ http://www.npr.org/blogs/thetwo-way/2013/09/13/222020019/as-talks-continue-cia-gets-some-weapons-to-syrian-rebels
  615. ^ http://www.bbc.co.uk/news/uk-19205204
  616. ^ http://www.france24.com/en/20130920-france-says-ready-arm-syrian-rebels-hollande-assad-fsa-islamists/
  617. ^ http://www.nytimes.com/2013/09/13/world/middleeast/syrian-rebels-say-saudi-arabia-is-stepping-up-weapons-deliveries.html
  618. ^ http://www.jpost.com/Middle-East/Saudis-Gulf-allies-to-boost-military-support-for-Syrian-rebels-independent-of-US-330461
  619. ^ http://www.nytimes.com/2013/10/18/world/middleeast/erdogan-syria-rebels-leading-ally-hesitates-31-months-in.html
  620. ^ http://today.ucla.edu/portal/ut/PRN-russia-s-support-for-assad-regime-228392.aspx
  621. ^ http://www.understandingwar.org/sites/default/files/IranianStrategyinSyria-1MAY.pdf
  622. ^ http://www.reuters.com/article/2012/09/21/us-syrai-crisis-iraq-idUSBRE88K0EL20120921
  623. ^ http://www.trust.org/item/?map=venezuela-to-ship-more-fuel-to-syria-as-crackdown-spreads/
  624. ^ http://www.washingtonpost.com/world/national-security/iraq-siding-with-iran-sends-lifeline-to-assad/2011/10/06/gIQAFEAIWL_story.html
  625. ^ Siria: Kofi Annan inviato speciale di Onu e Lega araba | euronews, mondo
  626. ^ SIRIA - ONU L'Onu nomina il successore di Kofi Annan in Siria
  627. ^ Siria, Staffan De Mistura sarà il nuovo inviato Onu - Rai News
  628. ^ (EN) M. Zuhair Diab, Syria's Chemical and Biological Weapons: Assessing capabilities and motivations (PDF), in The Nonproliferation Review, 1997.
  629. ^ (EN) Syria's Chemical Weapons: Issues for Congress (PDF), in Congressional Research Service, 12 settembre 2013.
  630. ^ a b (EN) Kim Willsher, Syria crisis: French intelligence dossier blames Assad for chemical attack, in The Guardian, 2 settembre 2013.
  631. ^ (EN) Brian Whitaker, Sarin in Syria, in Al Bab, 14 dicembre 2013.
  632. ^ (EN) Seymour M. Hersh, Whose sarin?, in London Review of Books, 19 dicembre 2013.
  633. ^ (EN) Anne Bernard, Syria and Activists Trade Charges on Chemical Weapons, in The New York Times, 19 marzo 2013.
  634. ^ (EN) Syrians trade Khan al-Assal chemical weapons claims, in BBC News, 19 marzo 2013.
  635. ^ (EN) Louis Charbonneau e Michelle Nichols, U.N. confirms chemical arms were used repeatedly in Syria, in Reuters, 13 dicembre 2013.
  636. ^ (EN) Turkish doctors say no nerve gas in Syrian victims' blood, in Global Post, 5 maggio 2013.
  637. ^ (EN) Ari Soffer, Syria: Rebels Allege Another Chemical Attack by Regime, in Israel National News, 5 agosto 2013.
  638. ^ (EN) Denis Fitzgerald, Syria: UN Chemical Weapons Report Will Confirm Sarin Gas Used in Aug. 21 Attack, in UN Tribune, 16 settembre 2013.
  639. ^ (EN) Rick Gladstone e C. J. Chivers, Forensic Details in U.N. Report Point to Assad’s Use of Gas, in The New York Times, 17 settembre 2013.
  640. ^ Armi chimiche in Siria, la Russia replica agli Usa: «Le prove mostrate non ci convincono», in Corriere della Sera, 2 settembre 2013.
  641. ^ (EN) John Solomon, US, Russia reach deal on Syria chemical weapons, in The Washington Times, 14 settembre 2013.
  642. ^ (EN) Syrian regime accused of chlorine gas attacks, in Al Jazeera, 17 aprile 2014.
  643. ^ (EN) Christoph Reuter, Assad's New Bomb: Syrian Regime Hasn't Abandoned Chemical Weapons, in Spiegel Online, 8 maggio 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE1041651422