Mercato nero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il mercato nero, detto anche borsa nera, è il commercio clandestino di beni di prima necessità, spesso collegato a contingenze belliche, o incentrato sulla vendita di particolari prodotti il cui scambio sia regolamentato o vietato da politiche di limitazione e controllo[1].

Il fenomeno del mercato nero ebbe un particolare sviluppo in alcuni paesi coinvolti nella seconda guerra mondiale.

Beni e servizi[modifica | modifica wikitesto]

Esempi di economia sommersa:

Stupefacenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Traffico di droga.

Nel XIX e XX secolo diversi Stati hanno iniziaot a rendere illegal l’uso e il commercio di droghe. I consumatori continuano comunque ad usare tali droghe e un fiorente mercato nero li approvvigiona. Anche se viene portata avanti una battaglia contro il traffico di droga, la domanda resta sempre alta e i profitti notevoli dal traffico fanno si che nuovi soggetti entrino nel commercio oltre alle storiche organizzazioni criminali. Le Nazioni Unite nel 2005 cita in 321.6 miliardi di US$ il fatturato mondiale.[2]

Alcune forme di legalizzazione per le droghe leggere sono sono presenti in Stati come l’Olanda e gli USA. Alcuni fanno paralleli con il proibizionismo degli anni’20 negli USA, per favorirne la legalizzazione.

Tratta di esseri umani[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Tratta di esseri umani e Traffico di migranti.

Armi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Traffico di armi.
Armi confiscate pronte per essere distrutte a Nairobi, Kenya

Prostituzione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Prostituzione.

La prostituzione è illegale o regolamentata in molte Nazioni. La prostituzione è presente ovunque ma studi dimostrano che è maggiormente fiorente in paesi poveri.[3][4] In paesi dove è legale e regolamentata come Germania, Austria, Svizzera e Paesi Bassi, le prostitute illegali che operano fuori dalle regole offrono servizi a prezzi ridotti, senza controllo sanitario e pagamento delle tasse.

Diboscamento illegale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Diboscamento illegale.

Il diboscamento illegale rappresenta un fenomeno che secondo l'Interpol, vale quanto il traffico di droga in taluni stati, vedi Romania.[5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Definizione di Mercato Nero, pbmstoria.it. URL consultato il 05-12-2011.
  2. ^ World Drug Report 2005, in United Nations Office on Drugs and Crime. URL consultato il 05 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2006).
  3. ^ A Theory of Prostitution (PDF), vol. 110, nº 1, Journal of Political Economy, 2002. URL consultato il 06 marzo 2012.
  4. ^ Men in transit and prostitution: using political conventions as a natural experiment. B.E, in Journal of Economic Analysis & Policy, vol. 11, 2011, DOI:10.1515/1935-1682.3059.
  5. ^ Illegal logging news, illegal-logging.info. URL consultato il September 14, 2014.
  6. ^ Illegal logging industry worth almost as much as drug production industry

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4180357-7