Arma bianca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il film omonimo, vedi Arma bianca (film 1936)
Insieme di asce da battaglia

L'arma bianca indica tutte quelle armi che provocano ferite per mezzo di punte (come pugnali e baionette)[1], forme contundenti (come martelli e arieti)[2][3][4] o lame di metallo (come spade e sciabole);[4][5] quelle che lanciano oggetti bellici (come archi, balestre, cerbottane e catapulte),[2][5][4] e quelle che fungono da difesa da esse (come scudi e armature). [6]

La locuzione deriverebbe dal bianco riflesso del sole sopra le superfici metalliche da parte di queste armi.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nell'età della pietra si fabbricarono lame, coltelli, scuri di selce, e mazze semplici o formate di un bastone spaccato a una delle estremità, avente dentro lo spacco una pietra tenuta a posto con una legatura fatta di strisce di corteccia di albero o con una cordicella fatta di minugia attorcigliata.

In età antica, la hasta dei Romani era lunga circa 1.75 metri, quanto l'altezza di chi la portava il quale era chiamato hastatus. Nei secoli XV secolo, XVI secolo e XVII secolo si chiamò picca ed era per la fanteria molto lunga, facendo riscontro all'antico contus, arma propria dei cavalieri o all'antica sarissa della fanteria dell'esercito macedone.

Funzionamento[modifica | modifica sorgente]

Gli oggetti contundenti basano il danno inferto sul principio dell'urto col bersaglio e per questo, sono chiamati anche armi da botta e ne sono tipici rappresentanti i bastoni, i martelli, le mazze, le clave. Infatti, queste sono armi da offesa, con manico più o meno lungo atte a ferire, ammaccare, contundere mediante percossa. I bastoni nodosi e le clave rappresentano i rudimenti di tali armi e sono antichi quanto l'umanità. Dopo le clave vennero le mazze e quindi la scure nell'età della pietra. Seguì il mazzafrusto (o flagello) simile al flagrum degli antichi romani, strumento di punizione formato da parecchie catene con palle di metallo alla loro estremità, sospese ad un manico corto: tale strumento fu anche usato come arma da guerra.

Le lame invece, si basano appunto sull'utilizzo della lama: questa è un pezzo di metallo di forma adeguata che presenta una o più parti affilate chiamate "filo".

Le lame possono essere più adatte a tagliare (in questo caso si parla di armi da taglio e ne sono tipici rappresentanti le spade, i coltelli, le sciabole e le asce) od a colpire di punta per penetrare nel bersaglio (da qui la nascita del termine armi da punta), come i pugnali o le lance, le picche e le baionette: a questo scopo, alcune armi da punta non prevedono nemmeno la presenza del filo sulla lama, ma hanno solamente la punta acuminata necessaria per penetrare e/o sfondare (come alcuni stiletti, i fioretti, i "centodieci", il "becco di corvo").

Esistono pure le armi da lancio come l'arco e la balestra; esse grazie alla forza fisica dell'uomo e in abbinamento a dispositivi meccanici (ma sempre caricati dalla forza del lanciatore) servono per lanciare - anche a distanze considerevoli - proiettili di vario tipo come pietre, frecce, quadrella, o vengono esse stesse lanciate (giavellotto, asce da lancio, coltelli da lancio).

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Sciabola da ufficiale di marina francese del XIX secolo

Secondo alcuni sono dette armi bianche le armi che non provocano rumore.[5] Per altri, si possono definire come gli strumenti atti ad offendere e che sfruttano solo la forza del combattente.[7] Oppure si possono definire come tutte le armi in metallo che non siano armi da fuoco.[8] Si possono suddividere le armi bianche secondo la dimensione: armi corte da mano, armi lunghe da mano e armi inastate, ad esempio:[9]

  • Le armi bianche corte da mano sono occultabili e generalmente non superano la trentina di centimetri: in questa categoria si possono catalogare i coltelli, i pugnali, gli stiletti, le daghe corte, le accette da lancio.
  • Le armi bianche lunghe da mano erano le tipiche armi individuali da guerra, da usare a corta distanza, che precedettero le armi da fuoco: spade, sciabole, katane, asce da guerra ecc.
  • Sono armi bianche inastate o immanicate, quelle munite di un manico lungo da due a più metri che aumenta il raggio d'azione delle armi stesse.

Inoltre possono essere divise pure a seconda del fine per cui sono state costruite, quindi in:

  • Armi da lancio, create al fine di poter essere scagliate da una corta distanza contro l'avversario, in caso di necessità, (ad esempio i giavellotti e certi tipi di accetta, come il tomahawk);
  • Armi da botta[2] e ne sono tipici rappresentanti i bastoni, i martelli, le mazze, le clave. Infatti, queste sono armi da offesa, con manico più o meno lungo atte a ferire, ammaccare, contundere mediante percossa;[3]
  • Armi da taglio e ne sono tipici rappresentanti le spade, i coltelli, le sciabole e le asce, infatti tali armi sono finalizzate a tagliare;
  • Armi da punta, finalizzate nel colpire di punta il bersaglio, come i pugnali o le lance, le picche e le baionette: a questo scopo, alcune armi da punta non prevedono nemmeno la presenza del filo sulla lama, ma hanno solamente la punta acuminata necessaria per penetrare e/o sfondare (come alcuni stiletti, i fioretti, i "centodieci", il "becco di corvo");
  • Armi che lanciano a grandi distanze (come la balestra e l'arco) oggetti bellici (frecce, quadrella...).[10]
  • Armi da difesa che difendono da colpi di armi bianche, come armature, scudi e cimieri.[6]
  • Le Armi morbide sono tutte le armi pieghevoli o snodate, come il Chigiriki ed il Jiu jie bian.[11]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b http://www.riaonweb.it/Documenti/landuzzi/appunti_sintetici_landuzzi_arma_bianca.pdf
  2. ^ a b c arma - Sapere.it
  3. ^ a b Manuale IGI
  4. ^ a b c Glossario delle armi bianche antiche ed esotiche
  5. ^ a b c http://www.vicoalighieri.it/Sport%20varie/TIRO%20CON%20L'ARCO.pdf
  6. ^ a b Manifestazioni storiche con armi
  7. ^ Glossario
  8. ^ Glossario
  9. ^ lama Fissa Armi Bianche Lunghe | Coltelleria
  10. ^ Armi bianche - A spasso nella storia - Voyager dans l'histoire
  11. ^ http://www.centrotaichichuan.it/files/documenti/la_spada_tai_chi.pdf

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]