Criptovaluta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Una criptovaluta (o crittovaluta o criptomoneta) è una valuta paritaria, decentralizzata e digitale la cui implementazione si basa sui principi della crittografia per convalidare le transazioni e la generazione di moneta in sé.

Le implementazioni spesso usano uno schema proof-of-work come salvaguardia alla contraffazione digitale. Esse utilizzano tecnologie di tipo peer-to-peer (p2p) su reti i cui nodi sono computer di utenti disseminati in tutto il globo. Su questi computer vengono eseguiti appositi programmi che svolgono funzioni di portamonete. Non c'è attualmente alcuna autorità centrale che le controlla. Le transazioni e il rilascio avvengono collettivamente in rete, pertanto non c'è una gestione di tipo "centralizzato". Queste proprietà uniche nel loro genere, non possono essere esplicate dai sistemi di pagamento tradizionale.

Sono state definite oltre trenta diverse specifiche e protocolli per lo più simili o derivate dal Bitcoin. Dopo l’avvento di questa moneta sono nate nel mondo tutta una serie di criptovalute, subito ribattezzate altcoin, che si differenziano per alcuni aspetti, e utilizzano un sistema differente dalla blockchain. Le altcoin puntano su caratteristiche che Bitcoin, pur con tutti i suoi pregi, non possiede. In particolare, provano a convincere gli utenti puntando su una maggiore attenzione ad aspetti come privacy e sicurezza.[1]

La tecnologia di blockchain non è ancora stata chiarita del tutto dal punto di vista legale e legislativo, ma i governi stanno cercando di andare nella direzione di un progressivo aggiornamento: nel 2017, per esempio, lo stato del Nevada, Stati Uniti, ha approvato una legge per la completa liberalizzazione della blockchain[2]. Questa visione non è condivisa da tutti però: per esempio sempre negli Stati Uniti, lo stato di New York ha imposto leggi molto ferree per chi faccia uso di questa tecnologia per scambi monetari, con una condanna anche di espulsione dallo stesso stato.[2]

Alcuni stati, tra cui il Giappone, hanno riconosciuto al Bitcoin corso legale, e dunque in questi stati può essere usato legalmente al posto della valuta locale.[3]

La maggior parte delle criptomonete sono progettate per introdurre gradualmente nuove unità di valuta, ponendo un tetto massimo alla quantità di moneta che sarà in circolazione. Ciò viene fatto sia per imitare la scarsità (e il valore) dei metalli preziosi, sia per evitare l'iperinflazione. Comparate con le valute ordinarie gestite dagli istituti finanziari o tenute come contante, le criptomonete sono meno suscettibili a confische da parte delle forze dell'ordine. Le transazioni effettuate con le criptomonete offrono un buon[4] livello di privacy, grazie alla caratteristica di pseudonimia degli utilizzatori. Il livello di privacy varia a seconda del protocollo utilizzato, ed è totale per quelle criptovalute (quali Monero, Dash, Zcash) che utilizzano il sistema di validazione "zero knowledge", grazie al quale non viene scambiata nessuna informazione delle parti.

Alcuni ricercatori hanno trovato vulnerabilità nell'implementazione del protocollo usato da Monero[5], in particolare sono stati in grado di ricostruire la storia delle transazioni avvenute sulla catena di Monero fino a Gennaio 2017.

Attacchi simili sono stati portati a compimento anche nei confronti di Dash e Zcash[6].

Principali criptovalute[modifica | modifica wikitesto]

  • Bitcoin (BTC o XBT), nata a gennaio 2009, basata sul protocollo proof-of-work, è la prima criptomoneta per valore, la prima ad essere conosciuta in massa, e ad essere riconosciuta come forma di pagamento da diversi siti Internet, nonché commercianti.
  • Ethereum (ETH), piattaforma rilasciata nel 2015, prevede l'esecuzione di smart contracts tramite la rete peer-to-peer. La potenza computazionale messa a disposizione sulla rete viene convertita nell'unità di conto denominata Ether.
  • Ripple (XRP), dove l'XRP è la criptovaluta centralizzata creata come token antispam sulla rete di Ripple, che è la società proprietaria di tutti i nodi di distribuzione. Il network si pone come competitore del protocollo SWIFT, e il fine ultimo è quello di agire sugli scambi monetari bancari. Garantisce un'alta velocità sulle transazioni (1500/s, al 06 ottobre 2017).
  • Bitcoin Cash (BCH), frutto del fork sulla rete Bitcoin eseguito il 01 agosto 2017, che prevedeva l'aumento della dimensione dei blocchi da 1 a 8 MB.
  • Litecoin (LTC), che rispetto al Bitcoin elabora un blocco ogni 2.5 minuti (contro i 10 minuti del Bitcoin) e produce scrypt nell'esecuzione del proof-of-work.
  • Monero (XMR), criptovaluta che punta alla privacy degli utenti, non avendo una blockchain pubblica.
  • Waves (WAVES), criptovaluta fulcro di un progetto che prevede un exchange monetario (sia di moneta FIAT che criptovalute) decentralizzato, ovvero basato sulla rete p2p. Dà ai suoi utenti la possibilità di creare token monetari senza alcuna nozione di programmazione e nel futuro è prevista l'introduzione degli smart contracts. Attualmente, tramite il protocollo Waves-NG, è la blockchain decentralizzata più veloce, potendo gestire 1000 transazioni al secondo contro le 7 al secondo del Bitcoin.
  • IOTA (IOTA), un token crittografico di nuova generazione, creato per essere lightweight e venire utilizzato nei pagamenti automatici che gli smart device effettueranno nell'Internet of Things. IOTA è programmato in ternario e ha un Tangle al posto di una Blockchain, il che lo rende infinitamente scalabile e rimuove la necessità di avere costi di transazione.
  • Neo, garantisce rendite passive a tutti i suoi possessori tramite la distribuzione gratuita di Token Gas. Inoltre Neo non presenta alcun costo di transazione. Attualmente (Maggio 2018) neo è nella top 10 delle criptovalute per capitalizzazione di mercato.
  • Cardano
  • Stellar

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Blockchain[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Blockchain.

La validità delle monete di ciascuna criptovaluta è fornita da una blockchain. Una blockchain è un elenco di record in continua crescita, chiamati blocchi, che sono collegati e protetti usando la crittografia.[7] Ogni blocco contiene, in genere, un puntatore hash come collegamento a un blocco precedente,[7] un timestamp e dati sulle transazioni.[8] Per costruzione le blockchain sono intrinsecamente resistenti alle modifiche dei dati. È "un registro aperto e distribuito che può registrare transazioni tra due parti in modo efficiente e in modo verificabile e permanente".[9] Per l'utilizzo come libro mastro distribuito, una blockchain viene generalmente gestita da una rete peer-to-peer che aderisce collettivamente a un protocollo per la convalida di nuovi blocchi. Una volta registrati, i dati in un dato blocco non possono essere modificati retroattivamente senza la modifica di tutti i blocchi successivi, il che richiede la collusione della maggioranza della rete.

Una blockchain è sicura per costruzione ed è un esempio di un sistema di calcolo distribuito con elevata tolleranza agli errori. Risolve il problema di doppia spesa senza la necessità di un'autorità attendibile o di un server centrale.

Il tempo di blocco è il tempo medio impiegato dalla rete per generare un blocco aggiuntivo nella blockchain.[10] Alcune blockchain creano un nuovo blocco con frequenza ogni cinque secondi.[11]

Timestamping[modifica | modifica wikitesto]

Le criptovalute utilizzano vari schemi di timestamping per evitare la necessità di una terza parte attendibile per le registrazioni di timestamp aggiuntive alla blockchain.

Schema proof-of-work[modifica | modifica wikitesto]

Il primo schema di timestamp inventato fu lo schema di proof-of-work. Gli schemi di proof-of-work più utilizzati sono basati su SHA-256 e scrypt.[12]

Proof-of-stake e schemi combinati[modifica | modifica wikitesto]

Alcune criptovalute usano uno schema combinato di proof-of-work / proof-of-stake .Il proof-of-stake è un metodo per proteggere una rete di criptovaluta e una certa quantità di valuta di loro proprietà. È diverso dai sistemi di proof-of-work che eseguono algoritmi di hash complessi per convalidare le transazioni elettroniche. Lo schema dipende in gran parte dalla moneta, e al momento non esiste una forma standard.

Mining[modifica | modifica wikitesto]

Hashcoin mine

Il mining si presenta come uno strumento per la convalida delle transazioni nella rete di una criptovaluta. Il miner è un individuo o società che investe potenza di elaborazione per ottenere come ricompensa una parte della stessa criptovaluta. La ricompensa diminuisce le commissioni di transazione creando un incentivo per contribuire alla potenza di elaborazione della rete. La velocità di generazione degli hash, che convalidano qualsiasi transazione, è stata aumentata dall'uso di macchine specializzate come FPGA e ASIC che eseguono algoritmi di hashing complessi come SHA-256 e Scrypt.[13] Questa continua "corsa agli armamenti" per macchine meno costose ma efficienti è attiva dal giorno in cui la prima criptovaluta, Bitcoin, è stata introdotta nel 2009.[13] Con più persone che si sono avventurate nel mondo delle monete virtuali, la generazione di hash per questo tipo di convalida è diventata molto più complessa nel corso degli anni, con i minatori che devono investire ingenti somme di denaro impiegando più ASIC ad alte prestazioni. Pertanto, il valore della valuta ottenuta per trovare un hash spesso non giustifica la quantità di denaro speso per l'installazione delle macchine, le strutture di raffreddamento per superare l'enorme quantità di calore che producono e l'elettricità necessaria per gestirle.[13][14]

Alcuni minatori utilizzano la rete per condividere il carico di lavoro. Una quota viene assegnata ai membri di questo “pool” minerario in base alla quantità di lavoro svolto e presentando una Proof-of-work parziale valida.

Date le preoccupazioni economiche e ambientali associate al mining, varie criptovalute che superano il sistema di mining sono in fase di sviluppo attivo.[15][16][17] A differenza delle blockchain convenzionali, alcune criptovalute con grafo aciclico diretto utilizzano un sistema di pagamento anticipato, in cui ciascun account esegue calcoli leggermente pesanti su due transazioni precedenti come verifica. Altre criptovalute come Nano utilizzano una struttura a reticolo a blocchi in cui ogni singolo account ha la propria blockchain. Con ogni account che controlla le proprie transazioni, non è richiesto il tradizionale mining di proof-of-work , consentendo transazioni istantanee e senza costi.[18]

A partire dal febbraio 2018, il governo cinese ha bloccato il commercio di valuta virtuale, ha vietato le ICO e ha interrotto l'attività di mining. Alcuni miner cinesi si sono trasferiti in Canada. Secondo un rapporto del febbraio 2018 di “Fortune”,[19] l'Islanda è diventata un paradiso per i minatori di criptovaluta a causa della sua elettricità a basso costo. I prezzi sono contenuti perché quasi tutta l'energia del paese proviene da fonti rinnovabili, spingendo più aziende minerarie a prendere in considerazione l'apertura di operazioni in Islanda. La compagnia energetica della regione afferma che il bitcoin mining sta diventando così popolare che nel 2018 il paese utilizzerà probabilmente più elettricità per estrarre le monete che per dare elettricità alle case. Ad ottobre 2018 la Russia diventerà la sede di una delle più grandi operazioni di estrazione legale del mondo, situata in Siberia . Più di 1,5 milioni di russi sono impegnati nell'estrazione domestica. Le risorse energetiche e il clima della Russia forniscono alcune delle migliori condizioni per l'estrazione di criptovalute.[20] Nel giugno del 2018, Hydro Quebec propose al governo provinciale di destinare 500 MW alle compagnie cripto per il mining.[21]

Nel marzo del 2018, una città nella parte settentrionale dello Stato di New York mise una moratoria di 18 mesi su tutte le miniere di criptovalute, nel tentativo di preservare le risorse naturali e il "carattere e la direzione" della città.[22]

Anonimato[modifica | modifica wikitesto]

Bitcoin presenta un buon livello di anonimato in quanto la criptovaluta all'interno di un portafoglio virtuale non è legata alle persone, ma piuttosto a una o più chiavi specifiche (o "indirizzi").[23] In tal modo, i proprietari di bitcoin non sono identificabili, ma tutte le transazioni sono pubblicamente disponibili nella blockchain.[23]

Approfondimenti economici[modifica | modifica wikitesto]

Le Criptovalute vengono principalmente utilizzate su internet attraverso circuiti esterni al sistema bancario, ponendosi come alternativa ai tradizionali sistemi di pagamento e di riserva di valore. Pur essendo questi sistemi di scambio ancora nelle fasi iniziali di sviluppo, la capitalizzazione di mercato delle Criptovalute ha superato i 450 miliardi di USD a Maggio 2018.[24]

Andamento della capitalizzazione di mercato[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2017 si é verificato un incremento della capitalizzazione di mercato da 30 a 800 miliardi di USD. Nel primo trimestre del 2018 la capitalizzazione é scesa fino a 400 miliardi di USD.

Competizione tra Criptovalute[modifica | modifica wikitesto]

A Maggio 2018 oltre 1600 Criptovalute vengono scambiate su vari exchange.[25]

Indici[modifica | modifica wikitesto]

Un indice viene utilizzato come strumento di misura per l'andamento di un mercato. Esistono vari metodi per costruire un indice, e anche nel settore delle Criptovalute ne sono stati creati alcuni.

Cripto indice CRIX[modifica | modifica wikitesto]

L'indice CRIX è il frutto di uno studio della Università Humboldt di Berlino, della Singapore Management University e della società CoinGecko.[26] Utilizza un algoritmo che tiene in considerazione i frequenti cambiamenti del mercato, con la creazione continua di nuove Criptovalute e i pochi volumi di scambio di alcune di esse.[27][28] Per questo motivo, il numero di componenti di questo indice è rivisto ogni 3 mesi. Si tratta dunque di un indice "dinamico".

CCI30 Crypto Currencies Index[modifica | modifica wikitesto]

L'indice CCI30 è costituito dalle 30 Criptovalute con la più grande capitalizzazione di mercato. È stato creato da un'equipe di matematici, analisti quantitativi e traders, guidati dal Professor Igor Rivin e da Carlo Scevola, economista. Tali componenti sono pesati in base alla radice quadrata della capitalizzazione di mercato, opportunamente filtrata. La composizione dell'indice è rivista ogni tre mesi, utilizzando la media mobile esponenziale della capitalizzazione di mercato. L'indice CCI30 viene calcolato a partire dal 1 gennaio 2015, con un valore impostato arbitrariamente a 100. Il CCI30 è disponibile gratuitamente al pubblico,[29] e può essere replicato dai fondi che seguono una strategia di investimento passiva.

Bolla Speculativa[modifica | modifica wikitesto]

La diffusione delle criptovalute ha esposto alcuni problemi economici: uno di questi è la possibilità di descrivere queste monete con il termine bolla speculativa. Questo significa che il grande aumento del valore di alcune di queste monete, in primis BitCoin, si fonderebbe non su caratteristiche economiche vere e proprie, e potrebbe portare forti disagi nel futuro per chi ha investito.[30]

Evasione fiscale[modifica | modifica wikitesto]

Il problema più grande riguardante le criptovalute potrebbe essere il danno causato da esse, a lungo andare, alle finanze dello Stato attraverso perdite di introiti per la mancanza di un'adeguata tassazione sulle transazioni.[31] Queste nuove valute non sono soggette a nessun tipo di regolamentazione ed è quindi molto probabile che vengano utilizzate per svolgere attività illegali, come il riciclaggio di denaro o l'evasione fiscale rimanendo nell'anonimato.[32]

L'Australia è forse tra i primi paesi a prendere posizione sulla questione, introducendo nuove leggi antiriciclaggio e contro il finanziamento del terrorismo attraverso l'Ufficio di tassazione australiano (Australian Taxation Office, ATO) per tassare i profitti delle criptovalute e smascherare gli investitori.[33]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Altcoin, cosa sono: non solo Bitcoin | Digital4Trade, in Digital4Trade, 2 febbraio 2018. URL consultato il 12 giugno 2018.
  2. ^ a b CRIPTOVALUTE: HANNO SENSO TUTTE QUESTE ICO? SITUAZIONE DEL GIORNO | Scenarieconomici.it, su scenarieconomici.it. URL consultato il 14 giugno 2018.
  3. ^ japaneselawtranslation.go.jp, http://www.japaneselawtranslation.go.jp/law/detail_download/?ff=09&id=2319.
  4. ^ Fergal Reid e Martin Harrigan, An Analysis of Anonymity in the Bitcoin System, in arXiv:1107.4524 [physics], 22 luglio 2011. URL consultato il 7 febbraio 2018.
  5. ^ (EN) Decentralized Systems Lab, MoneroLink, su monerolink.com. URL consultato il 23 marzo 2018.
  6. ^ (EN) BlockSci Traces Transactions Performed With Dash, ZCash, and Other Currencies, in The Merkle. URL consultato il 23 marzo 2018.
  7. ^ a b Arvind Narayanan, Joseph Bonneau, Edward Felten, Andrew Miller e Steven Goldfeder, Bitcoin and cryptocurrency technologies: a comprehensive introduction, Princeton, Princeton University Press, 2016, ISBN 978-0-691-17169-2.
  8. ^ Blockchain, su Investopedia. URL consultato il 19 marzo 2016 (archiviato il 23 marzo 2016).
    «Based on the Bitcoin protocol, the blockchain database is shared by all nodes participating in a system.».
  9. ^ Marco Iansiti e Karim R. Lakhani, The Truth About Blockchain, in Harvard Business Review, Harvard University, gennaio 2017. URL consultato il 17 gennaio 2017 (archiviato il 18 gennaio 2017).
    «The technology at the heart of bitcoin and other virtual currencies, blockchain is an open, distributed ledger that can record transactions between two parties efficiently and in a verifiable and permanent way.».
  10. ^ Muhammad Ghayas, What does "Block Time" mean in cryptocurrency?, su Quora. URL consultato il 21 gennaio 2018.
  11. ^ Jamie Redman, Disney Reveals Dragonchain, an Interoperable Ledger, su Bitcoin.com, 25 ottobre 2016. URL consultato il 4 dicembre 2016 (archiviato il 2 novembre 2016).
  12. ^ Discussing the World of Cryptocurrencies, in CryptoCoinTalk. URL consultato il 24 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2014).
  13. ^ a b c Hari Krishnan, Sai Saketh e Venkata Tej, Cryptocurrency Mining – Transition to Cloud, in International Journal of Advanced Computer Science and Applications, vol. 6, nº 9, 2015, DOI:10.14569/IJACSA.2015.060915, ISSN 2156-5570 (WC · ACNP).
  14. ^ Alex Hern, Bitcoin’s energy usage is huge – we can't afford to ignore it, The Guardian, 17 gennaio 2018. URL consultato il 23 gennaio 2018 (archiviato il 23 gennaio 2018).
  15. ^ Peter Ryszkiewicz, IOTA vs NANO (RaiBlocks), su Hackernoon. URL consultato il 23 gennaio 2018 (archiviato il 21 gennaio 2018).
  16. ^ Future of Digital Currency May Not Involve Blockchains, su Cointelegraph.com. URL consultato il 23 gennaio 2018 (archiviato il 2 novembre 2017).
  17. ^ RaiBlocks Review – Instant, Free Transactions, su coinreviews.io. URL consultato il 23 gennaio 2018 (archiviato il 24 gennaio 2018).
  18. ^ Colin LeMahieu, RaiBlocks: A Feeless Distributed Cryptocurrency Network, su nano.org. URL consultato il 4 dicembre 2017 (archiviato il 7 dicembre 2017).
  19. ^ Iceland Expects to Use More Electricity Mining Bitcoin Than Powering Homes This Year, in Fortune. URL consultato il 25 marzo 2018.
  20. ^ Bitcoin Mining Operations Legalized in Russia Following The Launch of A Minery in Russia. | Coin Daily, su www.coindaily.co. URL consultato il 22 maggio 2018.
  21. ^ (EN) Bitcoin and crypto currencies trending up today - Crypto Currency Daily Roundup June 25 - Market Exclusive, su marketexclusive.com. URL consultato il 27 giugno 2018.
  22. ^ Bitcoin Mining Banned for First Time in Upstate New York Town, su bloomberg.com, 16 marzo 2018. Ospitato su www.bloomberg.com.
  23. ^ a b Bitcoin Basics Lesson 2: Essentials of Bitcoin, su Medium.com. URL consultato il 21 gennaio 2018 (archiviato il 22 gennaio 2018).
  24. ^ Global Charts - CoinMarketCap, su coinmarketcap.com. URL consultato il 19 novembre 2017.
  25. ^ coinmarketcap.com, https://coinmarketcap.com/all/views/all/.
  26. ^ CRIX—CRypto IndeX, su crix.hu-berlin.de. URL consultato il 12 agosto 2016.
  27. ^ Ladislav Kristoufek, What are the main drivers of the Bitcoin price? Evidence from wavelet coherence analysis, vol. 1406, 2 June 2014, p. 1 Section 1 Introduction, "(the) success has ignited an exposition of new alternative crypto–currencies, Bibcode:2014arXiv1406.0268K, arXiv:1406.0268.
  28. ^ Crypto-Currency Market Capitalizations, su coinmarketcap.com.
  29. ^ CCI30 Index, su cci30.com, 16 ottobre 2017.
  30. ^ (EN) The 'Crypto Bubble' Is About More Than Market Mania - CoinDesk, in CoinDesk, 21 marzo 2018. URL consultato il 12 giugno 2018.
  31. ^ (EN) Opinion | Why the I.R.S. Fears Bitcoin. URL consultato il 12 giugno 2018.
  32. ^ (EN) Criptovalute: "Nuova frontiera per l’evasione fiscale?". URL consultato il 12 luglio 2018.
  33. ^ (EN) Blitz del fisco sugli investitori in bitcoin. URL consultato il 12 luglio 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]