Inverno arabo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Inverno arabo
Char Etat islamique Raqqa.jpg
Un carro armato dell'ISIS durante la guerra civile siriana
Data2014 - 2018 (sviluppo)
Dal 2018 (pieno svolgimento)
LuogoVicino Oriente e Nordafrica
Casus belliPrimavera araba
Esito
Perdite
Centinaia di migliaia di civili uccisi
Voci di guerre presenti su Wikipedia

Con inverno arabo[1][2][3][4][5] giornalisticamente si intende il riaffiorare di autoritarismi, monarchie assolute ed estremismo islamico negli anni successivi alle rivolte della primavera araba. In particolare l'espressione è usata per riferirsi agli eventi avvenuti nei Paesi facenti parte della Lega araba nel Vicino Oriente e nel Nordafrica, inclusi la guerra civile siriana, l'insurrezione sunnita irachena e la conseguente guerra civile irachena, la crisi egiziana che ha portato al colpo di stato del generale Abdel Fattah al-Sisi, la seconda guerra civile in Libia e la guerra civile in Yemen.[6] La transizione dalla primavera araba all'inverno arabo è avvenuta entro il 2014 in tutti i Paesi coinvolti.

Durante l'inverno arabo sono emerse guerre civili regionali multiple, caratterizzate nella gran parte dei casi da conflitti di natura settaria. La crescente instabilità politica e militare regionale ha comportato un declino economico e demografico delle nazioni arabe interessate causando almeno 250 000 morti oltre che diversi milioni di profughi.[7]

Tra gli eventi più significativi dell'inverno arabo figura la rapida ascesa della formazione estremista salafita dello Stato Islamico dell'Iraq e della Siria (ISIS) che dal 2014 al 2019 controllò un'ampia regione situata in larga parte sulla frontiera tra i due stati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Richard Spencer, Middle East review of 2012: the Arab Winter, in The Telegraph, 31 dicembre 2012. URL consultato il 19 luglio 2014.
  2. ^ Analysis: Arab Winter is coming to Baghdad, in The Telegraph, The Jerusalem Post. URL consultato l'8 ottobre 2014.
  3. ^ Expert Warns of America's Coming 'Arab Winter', CBN, 8 settembre 2014. URL consultato l'8 ottobre 2014.
  4. ^ The Arab Winter, in The New Yorker, 28 dicembre 2011. URL consultato l'8 ottobre 2014.
  5. ^ Arab Spring or Arab Winter?, in The New Yorker. URL consultato l'8 ottobre 2014.
  6. ^ Egypt & Tunisia's new Arab winter, in Euro news, 8 febbraio 2013.
  7. ^ Displacement in the Middle East and North Africa – between the Arab Winter and the Arab Spring (PDF), LB, International Affairs, 28 agosto 2013. URL consultato il 2 settembre 2019 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2014).
Politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica