Governatorato di Quneitra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quneitra
governatorato
مُحافظة القنيطرة
Localizzazione
StatoSiria Siria
Amministrazione
CapoluogoQuneitra
Data di istituzione1964
Territorio
Coordinate
del capoluogo
33°07′N 35°49′E / 33.116667°N 35.816667°E33.116667; 35.816667 (Quneitra)Coordinate: 33°07′N 35°49′E / 33.116667°N 35.816667°E33.116667; 35.816667 (Quneitra)
Superficie1 861[1] km²
Abitanti90 000[2] (stima 2011)
Densità48,36 ab./km²
Governatorati confinantiDar'a, Rif di Damasco (Siria), Nabatiye, Beqā (Libano), Irbid (Giordania), Distretto Settentrionale (Israele)
Altre informazioni
Linguearabo
Fuso orarioUTC+2
ISO 3166-2SY-QU
Cartografia
Quneitra – Localizzazione

Il governatorato di Quneitra (in arabo: مُحافظة القنيطرة‎, Muḥāfaẓat Al-Qunayṭrah) è uno dei quattordici governatorati della Siria. Posto nella parte meridionale del paese al confine con Giordania, Israele e Libano, è il meno popolato dello stato con circa 37 000 abitanti. La capitale storica è stata la città fantasma di Quneitra, ma dal 1986 la città di Madinat al-Baath è de facto il centro amministrativo del governatorato.

Circa 1 176 km² del governatorato sono stati occupati da Israele durante la guerra del Kippur e sono amministrati dal distretto Settentrionale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Teatro di scontro tra Israeliani e Siriani durante la guerra dei sei giorni, la regione fu occupata da Israele. Dopo il ritiro israeliano dalla zona, le alture del Golan, che prima facevano parte della regione, rimasero in mano israeliana, mentre il restante territorio venne lasciato alla Siria. Città principale che dà il nome a questo governatorato è proprio la città di Quneitra, che attualmente si trova all'interno della fascia di sicurezza dell'ONU, tra il confine israeliano sulle Alture del Golan e il confine siriano di questa provincia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Syria, su citypopulation.de. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  2. ^ (EN) Syria, su citypopulation.de. URL consultato il 27 febbraio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Asia Portale Asia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Asia