Morbillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Morbillo
RougeoleDP.jpg
Esantema maculo-papuloso di colore rosso cupo, confluente, specie al volto.
Specialità infettivologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 055
ICD-10 B05 e B05.9
MeSH D008457
MedlinePlus 001569
eMedicine 966220

Il morbillo (dal latino morbus, malattia) è una malattia infettiva esentemica altamente contagiosa causata da un virus, il Paramyxovirus del genere Morbillivirus.[1][2] I segni e sintomi iniziali di solito includono febbre, spesso superiore a 40° C, tosse, naso che cola e occhi rossi.[1][3] Due o tre giorni dopo l'inizio dei sintomi, piccole macchie bianche possono formarsi all'interno della bocca, note come macchie di Köplik. Un rash cutaneo rosso e che di solito inizia sul viso e poi si diffonde al resto del corpo, esordisce tipicamente da tre a cinque giorni dopo l'inizio dei sintomi.[3] I sintomi si sviluppano solitamente in 10-12 giorni dopo l'esposizione ad una persona infetta e si protraggono per 7-10 giorni.[4][5] Complicazioni si verificano in circa il 30% dei casi e possono includere, tra le altre, diarrea, cecità, infiammazione del cervello e polmonite.[4][6] La rosolia (morbillo tedesco) e il morbillo sono malattie diverse.[7]

Il morbillo è una malattia che si diffonde facilmente per via aerea, soprattutto attraverso i colpi di tosse e gli starnuti delle persone infette. Può anche essere diffuso attraverso il contatto con la saliva o le secrezioni nasali.[4] Nove persone su dieci che non sono immuni e condividono lo spazio in cui vivono con una persona infetta, saranno contagiati. Le persone sono infettive da quattro giorni prima a quattro giorni dopo l'inizio del rash.[6] Solitamente chi ha contratto la condizione, non la svilupperà più nella vita.[4] Il test per il virus, da utilizzare nei casi sospetti, è importante per le iniziative della sanità pubblica.[6]

Il vaccino contro il morbillo è efficace nel prevenire la malattia. La vaccinazione ha portato ad una diminuzione del 75% dei decessi dovuti a questa malattia tra il 2000 e il 2013 e circa l'85% dei bambini a livello mondiale sono attualmente vaccinati. Nessun trattamento specifico è disponibile. La terapia di supporto può migliorare la prognosi.[4] Questa può consistere nella somministrazione di una soluzione orale di reidratazione, cibo sano e farmaci per controllare la febbre.[4][5] Gli antibiotici possono essere utilizzati nel caso si verifichi un'infezione batterica secondaria, come la polmonite. L'assunzione di vitamina A è anche consigliata nei paesi in via di sviluppo.[4]

Il morbillo colpisce circa 20 milioni di persone l'anno,[1] soprattutto nelle aree in via di sviluppo dell'Africa e dell'Asia[4] ed è la malattia, prevenibile con il vaccino, che provoca il maggior numero di morti rispetto qualsiasi altra patologia.[8] Nel 2013 vi sono stati circa 96.000 decessi dovuti al morbillo, un dato in calo rispetto ai 545.000 decessi registrati nel 1990.[9] Si stima che negli anni 1980, la malattia causasse 2,6 milioni di morti all'anno.[4] Prima che fosse disponibile il vaccino, negli Stati Uniti si verificavano da tre a quattro milioni di casi ogni anno.[6] La maggior parte delle morti riguarda bambini di età inferiore ai cinque anni.[4] Il rischio di morte tra quelli infetti è di solito dello 0,2%,[6] ma può arrivare fino al 10% in coloro che accusano malnutrizione.[4] Si ritiene che non colpisca gli altri animali.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Disegno azteco del XVI secolo che rappresenta una persona con il morbillo

Stime basate sulla biologia molecolare moderna collocano la nascita di morbillo come malattia umana poco dopo il 500 d.C.[10] (è ormai appurato che la peste antonina del 165-180 d.C. potrebbe essere stata causata dal morbillo). La prima descrizione sistematica della malattia e la sua distinzione dal vaiolo e dalla varicella, è accreditata al medico persiano Rhazes (860-932), che pubblicò il libro del vaiolo e del morbillo.[11] Considerando quello che oggi è noto circa l'evoluzione del morbillo, il resoconto di Rhazes appare straordinariamente preciso e un recente lavoro che ha esaminato il tasso di mutazione del virus indica che dal virus del morbillo è nata la peste bovina (bovini peste) come una zoonosi tra il 1100 e il 1200 d.C., un periodo che potrebbe essere stato preceduto da focolai limitati che coinvolgevano un virus non ancora completamente adattato agli esseri umani.[10] Questo concorda con l'affermazione che il morbillo richieda una popolazione suscettibile maggiore di 500.000 individui per sostenere una epidemia, una situazione che si è verificata solo in seguito alla crescita delle città medievali europee.[12]

Si stima che il vaccino contro il morbillo di Maurice Hilleman abbia evitato 1 milione di morti ogni anno.[13]

Il morbillo è una malattia endemica, il che significa che è continuamente presente in una comunità, e molte persone riescono a sviluppare resistenza. Nelle popolazioni non abituate al morbillo, l'eventuale esposizione ad un nuovo focolaio può essere devastante. Nel 1529, un'epidemia di morbillo a Cuba ha ucciso i due terzi di coloro che in precedenza erano sopravvissuti al vaiolo. Due anni più tardi, il morbillo è stato responsabile della morte di metà della popolazione dell'Honduras e aveva colpito duramente il Messico, l'America Centrale e la civiltà Inca.[14]

Tra circa 1855 e il 2005, è stato stimato che il morbillo abbia ucciso circa 200 milioni di persone in tutto il mondo.[15] Nel 1850 è stato responsabile del decesso del 20% della popolazione delle Hawaii.[16] Nel 1875, il morbillo uccise oltre 40.000 figiani, circa un terzo della popolazione.[17] Si ritiene che, prima dell'introduzione del vaccino, ogni anno morissero sette-otto milioni di bambini in tutto il mondo.[18]

Nel 1954, il virus che causa la malattia è stato isolato su un ragazzo di 13 anni, David Edmonston, e poi è stato adattato e propagato in coltura di tessuti embrionali di pollo.[19] Ad oggi, 21 ceppi del virus del morbillo sono stati identificati.[20] Presso la Merck, Maurice Hilleman sviluppò il primo vaccino di successo[21] e nel 1963 diversi vaccini sono stati resi disponibili.[22] Nel 1958, è stato messo a punto un migliore vaccino contro il morbillo.[23] Il morbillo, come malattia endemica, è stato eliminato dagli Stati Uniti nel 2000, ma continua ad essere presente portato dai viaggiatori internazionali.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Disability-adjusted life year per il morbillo per 100.000 abitanti nel 2002.

__ nessun dato

__ ≤ 10

__ 10–25

__ 25–50

__ 50–75

__ 75–100

__ 100–250

__ 250–500

__ 500–750

__ 750–1000

__ 1000–1500

__ 1500–2000

__ ≥ 2000

Il morbillo è una malattia estremamente contagiosa e la sua continua presenza in una comunità dipende dalla generazione di ospiti suscettibili, prevalentemente dalla nascita di bambini. Nelle comunità che generano insufficienti nuovi ospiti, la malattia si estinguerà. Questo concetto è stato riconosciuto da Bartlett nel 1957, che fece riferimento al numero minimo di supporto per il morbillo come la dimensione critica della comunità.[24] L'analisi dei focolai nelle comunità insulari ha suggerito che la dimensione critica per il morbillo è di circa 250.000 individui.[25] Per ottenere l'immunità di gregge, oltre il 95% della comunità deve essere vaccinata a causa della facilità con cui il virus viene trasmesso da persona a persona.[18]

Nel 2011, l'Organizzazione mondiale della sanità ha stimato 158.000 decessi causati dal morbillo; un dato in forte discesa rispetto ai 630.000 decessi registrati nel 1990.[26] Dal 2013, il morbillo rimane la principale causa, in tutto il mondo, di morti prevenibili mediante vaccinazione.[8] Nei paesi sviluppati, la morte avviene in 1 o 2 casi ogni 1.000 (0,1% - 0,2%).[27] Nelle popolazioni con alti livelli di malnutrizione e con la mancanza di un'adeguata assistenza sanitaria, la mortalità può raggiungere il 10%. Nei casi con complicanze, il tasso può salire al 20%-30%.[28] Nel 2012, il numero di decessi dovuti al morbillo è stato inferiore del 78% rispetto al 2000, per via di un aumento dei tassi di vaccinazione tra gli stati membri delle Nazioni Unite.[18]

Casi segnalati [29][30][31][32][33][34]
WHO-Regione 1980 1990 2000 2005 2014
Regione Africana 1.240.993 481.204 520.102 316.224 71.574
Region delle America 257.790 218.579 1.755 66 19.898
Regione mediterranea orientale 341.624 59.058 38.592 15.069 28.031
Regione europea 851.849 234.827 37.421 37.332 16.899
Regione del sude-est asiatico 199.535 224.925 61.975 83.627 112.418
Regione del Pacifico occidentale 1.319.640 155.490 176.493 128.016 213.366
Mondiale 4.211.431 1.374.083 836.338 580.287 462.186

A livello mondiale, il tasso di mortalità è stato notevolmente ridotto da una campagna di vaccinazione guidata da partner dell'"iniziativa contro il morbillo": la Croce Rossa statunitense, i Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC), la Fondazione delle Nazioni Unite, l'UNICEF e l'OMS. A livello globale, il morbillo è diminuito del 60%, da una stima di 873.000 decessi del 1999 a 345.000 nel 2005.[35] Estimates for 2008 indicate deaths fell further to 164,000 globally, with 77% of the remaining measles deaths in 2008 occurring within the Southeast Asian region.[36] Le stime per il 2008 indicano che il numero di morti è sceso ulteriormente a 164.000 casi a livello globale, con il 77% dei decessi che si verificano all'interno della regione sud-est asiatico.

Nel 2013-14, vi sono stati quasi 10.000 casi in 30 paesi europei. La maggior parte di essi si sono verificati in soggetti non vaccinati e oltre il 90% dei casi si sono verificati in cinque nazioni europee: Germania, Italia, Paesi Bassi, Romania e Regno Unito.,[37] All'inizio del 2014, vi è stata un'epidemia di morbillo in Vietnam che ha causato oltre 100 decessi.[38]

Nel 2014, una revisione da parte del Centers for Disease Control ha registrato un totale di 911 casi di morbillo tra il 2001 e il 2011, con un numero medio annuale di 61 casi concludendo che "l'eliminazione del morbillo endemico è stata ottenuta negli Stati Uniti."[39] Tuttavia, nel 2015, un'epidemia di morbillo si è verificato negli Stati Uniti con una diffusione più elevata di quanto le previsioni avessero stimato, a causa di campagne anti-vaccinazione che hanno ridotto l'immunità della comunità. Nel 2015, una donna statunitense è morta di polmonite in seguito al morbillo. È stato il primo decesso negli Stati Uniti a causa del morbillo dal dal 2003.[40] La donna era stata vaccinato contro il morbillo ma assumeva farmaci immunosoppressiovi per un'altra condizione.[41]

Tra ottobre 2014 e marzo 2015, un'epidemia di morbillo nella capitale tedesca Berlino, ha provocato almeno 782 casi.[42]

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Il virus del morbillo visto al microscopio elettronico.

Il morbillo è causato dal Paramyxovirus, un virus a RNA a singolo filamento negativo, del genere Morbillivirus della famiglia Paramyxoviridae.[43] Il virus è stato isolato nel 1954 dal premio Nobel John Franklin Enders e Thomas Peebles, da pazienti che presentavano le macchie di Koplik.[44] Gli esseri umani sono gli unici ospiti naturali del virus e non vi sono altri serbatoi animali noti. Questo virus è altamente contagioso e si diffonde attraverso la tosse e gli starnuti, con uno stretto contatto personale o il contatto diretto con le secrezioni. I fattori di rischio per l'infezione da virus del morbillo comprendono l'immunodeficienza causata dal virus dell'HIV o dall'AIDS,[45] immunosoppressione dopo un trapianto di organo o di un trapianto di cellule staminali ematopoietiche,[46] terapia con corticosteroidi,[47] viaggi in zone dove il morbillo è endemico o il contatto con i viaggiatori provenienti da quelle aree[47] e la perdita di anticorpi, ereditati prima dell'età della vaccinazione di routine.[48]

Modalità di contagio[modifica | modifica wikitesto]

Il morbillo è una malattia infettiva acuta con altissimo indice di contagiosità (97-98%); il contagio avviene per via aerea, per contatto diretto o indiretto con i fluidi corporei di una persona malata (muco, starnuti). Il bambino è contagioso da 1-3 giorni prima dell'inizio dei sintomi (e quindi 3-5 giorni prima della comparsa delle manifestazioni cutanee) fino a 7 giorni dopo la comparsa dell'esantema.

Segni e sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Cute di una persona dopo 3 giorni di morbillo
"Macchie di Köplik" il terzo giorno di pre-eruttiva

I classici segni e i sintomi del morbillo includono febbre alta per quattro giorni, seguita da tosse, rinite (raffreddore, febbre, starnuti) e congiuntivite (occhi rossi) - con febbre ed eruzioni cutanee.[49] La febbre è frequente e di solito dura circa una settimana, arrivando fino a 40° C.[18] Le macchie di Köplik che si possono osservare all'interno della bocca sono patognomoniche (diagnostiche) per il morbillo, ma sono temporanee e quindi raramente possono essere viste.[49] Riconoscere queste macchie prima che una persona raggiunga l'infettività massima può aiutare i medici a ridurre la diffusione della malattia.[50]

La caratteristica eruzione cutanea del morbillo viene classicamente descritta come una eruzione cutanea maculopapulare rossa generalizzata che inizia diversi giorni dopo l'inizio della febbre. Inizia sul retro delle orecchie e, dopo poche ore, si diffonde alla testa e al collo prima di arrivare a coprire la maggior parte del corpo, causando spesso prurito. Questa eruzione cutanea appare da due a quattro giorni dopo i sintomi iniziali e dura fino a otto giorni. L'eruzione cutanea è detta a "macchia", cambiando colore dal rosso al marrone scuro, prima di scomparire.[51] Nel complesso, il morbillo di solito si risolve dopo circa tre settimane.[18]

Complicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Le complicazioni del morbillo sono relativamente comuni e vanno da lievi, come la diarrea, a gravi, come la polmonite (o polmonite diretta virale o polmonite batterica secondaria), la bronchite (sia bronchite virale diretta o bronchite batterica secondaria), l'otite media,[52] l'encefalite acuta,[53] e ulcere corneali (che portano a cicatrici corneali).[54] Si riscontrano complicanze generalmente più gravi negli adulti che contraggono il virus.[55] Nel 1920, il tasso di mortalità per la polmonite a seguito del morbillo fu di circa il 30%.[56]

Tra il 1987 e il 2000, il tasso di mortalità negli Stati Uniti, a causa del morbillo, si attestava a 3 casi su 1000 casi o lo 0,3%. [57] Nelle nazioni in via di sviluppo, con alti tassi di malnutrizione e scarsa assistenza sanitaria, i tassi di mortalità erano intorno al 28%.[57] Nei soggetti immunocompromessi (ad esempio, le persone con AIDS) il tasso di mortalità è di circa il 30%.[58] I più gravi fattori di rischio per il morbillo e le sue complicanze, comprendono la malnutrizione,[47] l'immunodeficienza,[47] la gravidanza,[47] e la carenza di vitamina A.[47][59]

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

La diagnosi clinica del morbillo richiede una storia di febbre da almeno tre giorni accompagnata da almeno tosse, rinite o congiuntivite. L'osservazione delle macchie di Köplik è diagnostica per il morbillo.[50][60][61]

Test di laboratorio[modifica | modifica wikitesto]

In alternativa, una diagnosi di laboratorio può essere fatta con la conferma della presenza di anticorpi IgM per il morbillo o l'isolamento di del virus a RNA del morbillo dai campioni respiratori.[62] Quando non è possibile prelevare il sangue, può essere raccolta la saliva per test sulle IgA specifiche per il morbillo.[63] Un contatto con altri pazienti noti per avere la malattia aggiunge una forte evidenza epidemiologica per la diagnosi. Qualsiasi contatto con una persona infetta, tra cui lo sperma attraverso un rapporto sessuale, la saliva o il muco, può trasmettere l'infezione.[61]

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

Non esiste un trattamento specifico per il morbillo. La maggior parte delle persone affette si riprenderà con il riposo e terapia di supporto, se non si verificheranno complicanze.

I pazienti che dimostrano un peggioramento possono sviluppare ulteriori complicazioni mediche. Alcune persone incorreranno nella polmonite come conseguenza della infezione con il virus del morbillo. Altre complicazioni includono infezioni dell'orecchio, bronchite (sia bronchite virale o bronchite batterica secondaria) e infiammazione del cervello.[64] Quest'ultima ha un tasso di mortalità del 15%. Mentre non vi è alcun trattamento specifico per l'encefalite da morbillo, gli antibiotici sono necessari per polmonite batterica, per la sinusite e la bronchite.

Rappresentazione di una molecola di ibuprofene, un farmaco utilizzato per ridurre febbre e dolore nei casi di morbillo.

Tutti i sintomi che si possono presentano possono essere trattati: l'ibuprofene o il paracetamolo per ridurre la febbre e il dolore e, se richiesto, un farmaco ad azione rapida per dilatare le vie aeree per la tosse. Per quanto riguarda l'aspirina, alcune ricerche hanno suggerito una correlazione tra i bambini che l'assumono e lo sviluppo della sindrome di Reye.[65] Alcune ricerche hanno dimostrato l'aspirina non può essere l'unico farmaco associato con la Reye, ma anche gli antiemetici sono stati considerati.[66] Il legame tra l'uso di aspirina nei bambini e lo sviluppo della sindrome di Reye è debole nella migliore delle ipotesi, se non addirittura inesistente.[67] Tuttavia, la maggior parte delle autorità sanitarie ancora mette in guardia per l'uso dell'aspirina per ogni febbre nei bambini sotto i 16 anni.[68][69][70]

L'uso della vitamina A durante il trattamento è raccomandato dall'Organizzazione mondiale della sanità per diminuire il rischio di cecità.[71] Una revisione sistematica di studi per il suo utilizzo non ha trovato significative riduzioni della mortalità complessiva, ma ha ridotto la mortalità nei bambini di età inferiore ai due anni.[72][73][74]

Non è chiaro se la supplementazione di zinco nei bambini con il morbillo possa influire sul decorso della malattia.[75]

Prognosi[modifica | modifica wikitesto]

La maggioranza delle persone sopravvive al morbillo, anche se in alcuni casi, possono verificarsi complicazioni. Possibili conseguenze dell'infezione comprendono la bronchite, la perdita dell'udito neurosensoriale[43] e in circa 1 caso su 10.000 a 1 su 300.000,[76] panencefalite, che di solito è fatale.[77] Casi acuti di encefalite dovuti al morbillo, rappresentano un altro grave rischio della condizione. Essa si verifica in genere da due giorni a una settimana dopo la comparsa delle eruzioni cutanee e inizia con febbre molto alta, forte mal di testa, convulsioni e percezione alterata. Una persona con encefalite da morbillo può entrare in coma e può andare incontro alla morte o a lesioni cerebrali.[78]

Le principali complicanze del morbillo sono rappresentate da:

L'epidemia italiana di morbillo del 2002 ha causato, su circa 40.000 bambini malati, più di 600 ricoveri ospedalieri, 15 encefaliti e 6 decessi[81].

Prevenzione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Vaccino del morbillo.
Il vaccino del morbillo viene iniettato con un ago e siringa.

Nei paesi sviluppati, i bambini vengono immunizzati contro il morbillo a 12 mesi, in genere come parte del vaccino MPR (morbillo, parotite e rosolia). La vaccinazione vine somministrato prima di questa età, poiché i bambini più piccoli non rispondono adeguatamente al vaccino a causa di un sistema immunitario immaturo.[48] ai neonati gli anticorpi anti-morbillo vengono trasferiti dalle madri che sono state vaccinate contro il morbillo o che sono state precedentemente infettate dal virus.[48] Tuttavia, questi anticorpi vengono trasferiti in basse quantità e di solito negli ultimi sei mesi o meno.[48] Pertanto i bambini sotto un anno di età, i cui anticorpi anti-morbillo materni sono scomparsi, diventano sensibili alla infezione.[48] Una seconda dose di vaccino viene solitamente somministrata ad un'età compresa tra i quattro e i cinque anni, in modo da aumentarne l'immunità. I tassi di vaccinazione sono stati sufficientemente elevati da rendere il morbillo relativamente raro. Le reazioni avverse alla vaccinazione sono altrettanto rare, con febbre e dolore nel sito di iniezione le più frequenti. Le reazioni avverse potenzialmente letali si verificano in meno di un caso per milione di vaccinazioni (<0,0001%).[82]

I tassi di vaccinazione contro il morbillo in tutto il mondo.

Nei paesi in via di sviluppo, in cui il morbillo è altamente endemico, si raccomanda la somministrazione di due dosi di vaccino a sei e a nove mesi di età.[83] Il vaccino risulta meno efficace nei bambini con infezione da HIV rispetto alla popolazione generale, ma il trattamento precoce con farmaci antiretrovirali può aumentare la sua efficacia.[84]

Stato della ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di maggio 2015, sulla rivista Science, è stato pubblicato un rapporto in cui i ricercatori hanno scoperto che l'infezione di morbillo può lasciare nella popolazione un maggior rischio di mortalità da altre malattie per 2 o 3 anni.[85][86]

Un trattamento specifico per il morbillo, tramite il farmaco sperimentale ERDRP-0519, ha mostrato risultati promettenti in studi su animali, ma non è ancora stato testato negli esseri umani.[87][88][89]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Caserta, MT (a cura di), Measles, su Merck Manual Professional, Merck Sharp & Dohme Corp., September 2013. URL consultato il 23 marzo 2014.
  2. ^ Measles (Red Measles, Rubeola), su Dept of Health, Saskatchewan. URL consultato il 10 febbraio 2015.
  3. ^ a b Measles (Rubeola) Signs and Symptoms, su cdc.gov, 3 novembre 2014. URL consultato il 5 febbraio 2015.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l Measles Fact sheet N°286, su who.int, November 2014. URL consultato il 4 febbraio 2015.
  5. ^ a b Conn's Current Therapy 2015: Expert Consult - Online, Elsevier Health Sciences, 2014, p. 153, ISBN 978-0-323-31956-0.
  6. ^ a b c d e William Atkinson, Epidemiology and Prevention of Vaccine-Preventable Diseases, 12ª ed., Public Health Foundation, 2011, pp. 301–323, ISBN 978-0-9832631-3-5. URL consultato il 5 febbraio 2015.
  7. ^ John A. Marx, Rosen's emergency medicine : concepts and clinical practice, 7th, Philadelphia, Mosby/Elsevier, 2010, pp. 1541, ISBN 978-0-323-05472-0.
  8. ^ a b SK Kabra e R Lodhra, Antibiotics for preventing complications in children with measles, in Cochrane Database of Systematic Reviews, vol. 8, 14 agosto 2013, pp. CD001477, DOI:10.1002/14651858.CD001477.pub4, PMID 23943263.
  9. ^ Collaborators GBD 2013 Mortality and Causes of Death, Global, regional, and national age-sex specific all-cause and cause-specific mortality for 240 causes of death, 1990-2013: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2013., in Lancet, vol. 385, 17 dicembre 2014, pp. 117–171, DOI:10.1016/S0140-6736(14)61682-2, PMC 4340604, PMID 25530442.
  10. ^ a b Yuki Furuse, Akira Suzuki e Hitoshi Oshitani, Origin of measles virus: divergence from rinderpest virus between the 11th and 12th centuries, in Virology Journal, vol. 7, 4 marzo 2010, pp. 52, DOI:10.1186/1743-422X-7-52, ISSN 1743-422X, PMC 2838858, PMID 20202190. URL consultato il 14 settembre 2014.
  11. ^ Cohen SG, Measles and immunomodulation, in The Journal of allergy and clinical immunology, vol. 121, nº 2, February 2008, pp. 543–4, DOI:10.1016/j.jaci.2007.12.1152, PMID 18269930.
  12. ^ Francis L. Black, Measles endemicity in insular populations: Critical community size and its evolutionary implication, in Journal of Theoretical Biology, vol. 11, nº 2, July 1966, pp. 207–211, DOI:10.1016/0022-5193(66)90161-5, ISSN 0022-5193, PMID 5965486. URL consultato il 15 ottobre 2014.
  13. ^ "Maurice R. Hilleman Dies; Created Vaccines". The Washington Post. April 13, 2005.
  14. ^ Joseph Patrick Byrne, Encyclopedia of Pestilence, Pandemics, and Plagues: A–M, ABC-CLIO, 2008, p. 413, ISBN 0-313-34102-8.
  15. ^ Torrey EF and Yolken RH. 2005. Their bugs are worse than their bite. Washington Post, April 3, p. B01.
  16. ^ Migration and Disease. Digital History.
  17. ^ Fiji School of Medicine
  18. ^ a b c d e Ludlow M, McQuaid S, Milner D, de Swart RL, Duprex WP, Pathological consequences of systemic measles virus infection, in The Journal of pathology, vol. 235, nº 2, January 2015, pp. 253–65, DOI:10.1002/path.4457, PMID 25294240.
  19. ^ Live attenuated measles vaccine, in EPI Newsletter / C Expanded Program on Immunization in the Americas, vol. 2, nº 1, 1980, p. 6, PMID 12314356.
  20. ^ Rima BK, Earle JA, Yeo RP, Herlihy L, Baczko K, ter Meulen V, Carabaña J, Caballero M, Celma ML, Fernandez-Muñoz R, Temporal and geographical distribution of measles virus genotypes, in The Journal of General Virology, vol. 76, nº 5, 1995, pp. 1173–80, DOI:10.1099/0022-1317-76-5-1173, PMID 7730801.
  21. ^ Offit PA, Vaccinated: One Man's Quest to Defeat the World's Deadliest Diseases, Washington, DC, Smithsonian, 2007, ISBN 0-06-122796-X.
  22. ^ "Measles Prevention: Recommendations of the Immunization Practices Advisory Committee (ACIP)". Centers for Disease Control and Prevention (CDC).
  23. ^ Measles: Questions and Answers, Immunization Action Coalition.
  24. ^ M.S. Bartlett, Measles periodicity and community size, in J. Roy. Stat. Soc., Ser. A, nº 120, 1957, pp. 48–70.
  25. ^ Black FL, Measles endemicity in insular populations; critical community size and its evolutionary implications, in Journal of Theoretical Biology, vol. 11, nº 2, 1966, pp. 207–11, DOI:10.1016/0022-5193(66)90161-5, PMID 5965486.
  26. ^ Lozano R, Naghavi M, Foreman K, Lim S, Shibuya K, Aboyans V, Abraham J, Adair T, Aggarwal R, Ahn SY, Global and regional mortality from 235 causes of death for 20 age groups in 1990 and 2010: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2010, in Lancet, vol. 380, nº 9859, 15 dicembre 2012, pp. 2095–128, DOI:10.1016/S0140-6736(12)61728-0, PMID 23245604.
  27. ^ Complications of measles, CDC, 3 novembre 2014. URL consultato il 7 novembre 2014.
  28. ^ Measles, World Health Organization Fact sheet N°286. Retrieved June 28, 2012. Updated February 2014
  29. ^ WHO: Global summary on measles, 2006
  30. ^ Measles Surveillance Data after WHO, last updated 2014-3-6
  31. ^ Measles reported cases by WHO in 2014
  32. ^ Số người chết và mắc bệnh theo quốc gia, last update 2014-4-7 by WHO
  33. ^ Measles---United States, 2005, Centers for Disease Control and Prevention, 22 dicembre 2006. URL consultato il 30 marzo 2015.
  34. ^ Reported Measles Cases by WHO region 2014, 2015, as of 07 July 201, WHO
  35. ^ UNICEF Joint Press Release
  36. ^ WHO Weekly Epidemiology Record, 4th December 2009 WHO.int
  37. ^ Vietnam minister calls for calm in face of 8,500 measles cases, 114 fatalities | Health | Thanh Nien Daily, Thanhniennews.com. URL consultato il 19 aprile 2014.
  38. ^ Bộ Y tế: "VN đã phản ứng rất nhanh đối với dịch sởi", tuoitre.vn. (archiviato dall'url originale il 1º giugno 2014).
  39. ^ Mark Papania, Elimination of Endemic Measles, Rubella, and Congenital Rubella Syndrome From the Western Hemisphere The US Experience, in JAMA Pediatrics, Feb 2014.
  40. ^ Measles kills first patient in 12 years, USA Today, 2 luglio 2015. URL consultato il 2 luglio 2015.
  41. ^ First Measles Death in US Since 2003 Highlights the Unknown Vulnerables – Phenomena: Germination, phenomena.nationalgeographic.com. URL consultato il 3 luglio 2015.
  42. ^ Elizabeth Whitman, Who Is Stefan Lanka? Court Orders German Measles Denier To Pay 100,000 Euros, International Business Times, 13 marzo 2015. URL consultato il 31 marzo 2015.
  43. ^ a b Cohen BE, Durstenfeld A, Roehm PC, Viral causes of hearing loss: a review for hearing health professionals, in Trends in Hearing, vol. 18, July 2014, pp. 2331216514541361, DOI:10.1177/2331216514541361, PMC 4222184, PMID 25080364.
  44. ^ Enders JF, Peebles TC, Propagation in tissue culture of cytopathogenic agents from patients with measles, in Proceedings of the Society for Experimental Biology and Medicine. Society for Experimental Biology and Medicine (New York, N.Y.), vol. 86, nº 2, 1954, pp. 277–86, DOI:10.3181/00379727-86-21073, PMID 13177653.
  45. ^ Gowda VK, Sukanya V, Acquired Immunodeficiency Syndrome with Subacute Sclerosing Panencephalitis, in Pediatric Neurology, vol. 47, nº 5, 2012, pp. 379–381, DOI:10.1016/j.pediatrneurol.2012.06.020, PMID 23044024.
  46. ^ Waggoner JJ, Soda EA, Deresinski S, Rare and emerging viral infections in transplant recipients, in Clinical Infectious Diseases, vol. 57, nº 8, October 2013, pp. 1182–8, DOI:10.1093/cid/cit456, PMID 23839998.
  47. ^ a b c d e f Chen S.S.P., Measles, Medscape, 3 ottobre 2011.
  48. ^ a b c d e Leuridan E, Sabbe M, Van Damme P, Measles outbreak in Europe: susceptibility of infants too young to be immunized, in Vaccine, vol. 30, nº 41, September 2012, pp. 5905–13, DOI:10.1016/j.vaccine.2012.07.035, PMID 22841972.
  49. ^ a b Biesbroeck L, Sidbury R, Viral exanthems: an update, in Dermatologic therapy, vol. 26, nº 6, November 2013, pp. 433–8, DOI:10.1111/dth.12107, PMID 24552405.
  50. ^ a b Baxby D, Classic Paper: Henry Koplik. The diagnosis of the invasion of measles from a study of the exanthema as it appears on the buccal membrane, in Reviews in Medical Virology, vol. 7, nº 2, 1997, pp. 71–4, DOI:10.1002/(SICI)1099-1654(199707)7:2<71::AID-RMV185>3.0.CO;2-S, PMID 10398471.
  51. ^ NHS UK: Symptoms of measles. Last reviewed: 26/01/2010.
  52. ^ W. T. Gardiner, Otitis Media in Measles, in The Journal of Laryngology & Otology, vol. 39, nº 11, 2007, pp. 614–617, DOI:10.1017/S0022215100026712.
  53. ^ Fisher DL, Defres S, Solomon T, Measles-induced encephalitis, in QJM, vol. 108, 2014, pp. 177–182, DOI:10.1093/qjmed/hcu113, PMID 24865261. URL consultato il 27 agosto 2014.
  54. ^ Semba RD, Bloem MW, Measles blindness, in Survey of Ophthalmology, vol. 49, nº 2, March 2004, pp. 243–55, DOI:10.1016/j.survophthal.2003.12.005, PMID 14998696.
  55. ^ Sabella C, Measles: Not just a childhood rash, in Cleveland Clinic Journal of Medicine, vol. 77, nº 3, 2010, pp. 207–213, DOI:10.3949/ccjm.77a.09123, PMID 20200172.
  56. ^ J.B Ellison, Pneumonia in Measles, su 1931 Archives of Disease in Childhood, vol. 6, nº 31, 1931, pp. 37–52, PMC 1975146.
  57. ^ a b Perry RT, Halsey NA, The Clinical Significance of Measles: A Review, in The Journal of Infectious Diseases, vol. 189, S1, 1º maggio 2004, pp. S4–16, DOI:10.1086/377712, PMID 15106083.
  58. ^ Sension MG, Quinn TC, Markowitz LE, Linnan MJ, Jones TS, Francis HL, Nzilambi N, Duma MN, Ryder RW, Measles in hospitalized African children with human immunodeficiency virus, in American Journal of Diseases of Children (1960), vol. 142, nº 12, 1988, pp. 1271–2, DOI:10.1001/archpedi.1988.02150120025021, PMID 3195521.
  59. ^ National Institutes of Health Office of Dietary Supplements, Vitamin A, U.S. Department of Health & Human Services, 2013. URL consultato l'11 marzo 2015.
  60. ^ Bug of the Month—Measles, su Banner Gateway Medical Center, April 2012. URL consultato il 3 maggio 2013.
  61. ^ a b Total Health, Actual Confirmed Measles Cases in UK, in totalhealth, 5 maggio 2010. URL consultato il 4 maggio 2013.
  62. ^ Durrheim DN, Kelly H, Ferson MJ, Featherstone D, Remaining measles challenges in Australia, in The Medical journal of Australia, vol. 187, nº 3, August 2007, pp. 181–4, PMID 17680748.
  63. ^ Friedman M, Hadari I, Goldstein V, Sarov I, Virus-specific secretory IgA antibodies as a means of rapid diagnosis of measles and mumps infection, in Israel Journal of Medical Sciences, vol. 19, nº 10, 1983, pp. 881–884, PMID 6662670.
  64. ^ Complications of Measles, Centers for Disease Control and Prevention (CDC).
  65. ^ Starko KM, Ray CG, Dominguez LB, Stromberg WL, Woodall DF, Reye's Syndrome and Salicylate Use, in Pediatrics, vol. 66, nº 6, 6 dicembre 1980, pp. 859–64, PMID 7454476. URL consultato il 17 marzo 2011.
    «It is postulated that salicylate [taken by school-age children], operating in a dose-dependent manner, possibly potentiated by fever, represents a primary causative agent of Reye's syndrome.».
  66. ^ Casteels-Van Daele M, Van Geet C, Wouters C, Eggermont E, Reye syndrome revisited: a descriptive term covering a group of heterogeneous disorders, in European Journal of Pediatrics, vol. 159, nº 9, April 2000, pp. 641–8, DOI:10.1007/PL00008399, PMID 11014461. URL consultato il 17 marzo 2011.
    «Reye syndrome is a non-specific descriptive term covering a group of heterogeneous disorders. Moreover, not only the use of acetylsalicylic acid but also of antiemetics is statistically significant in Reye syndrome cases. Both facts weaken the validity of the epidemiological surveys suggesting a link with acetylsalicylic acid.».
  67. ^ Schrör K, Aspirin and Reye Syndrome: A Review of the Evidence, in Paediatric Drugs, vol. 9, nº 3, 2007, pp. 195–204, DOI:10.2165/00148581-200709030-00008, PMID 17523700. URL consultato il 17 marzo 2011.
    «The suggestion of a defined cause-effect relationship between aspirin intake and Reye syndrome in children is not supported by sufficient facts. Clearly, no drug treatment is without side effects. Thus, a balanced view of whether treatment with a certain drug is justified in terms of the benefit/risk ratio is always necessary. Aspirin is no exception.».
  68. ^ Macdonald S, Aspirin use to be banned in under 16 year olds, in BMJ (Clinical Research Ed.), vol. 325, nº 7371, 2002, pp. 988, DOI:10.1136/bmj.325.7371.988/c, PMC 1169585, PMID 12411346.
    «Professor Alasdair Breckenridge, said, "There are plenty of analgesic products containing paracetamol and ibuprofen for this age group not associated with Reye's syndrome. There is simply no need to expose those under 16 to the risk—however small."».
  69. ^ Aspirin and Reye's Syndrome, su MHRA, October 2003. URL consultato il 17 marzo 2011.
  70. ^ Surgeon General's advisory on the use of salicylates and Reye syndrome, in MMWR. Morbidity and Mortality Weekly Report, vol. 31, nº 22, June 1982, pp. 289–90, PMID 6810083.
  71. ^ Measles vaccines: WHO position paper. (PDF), in Weekly epidemiological record, vol. 84, nº 35, 28 agosto 2009, pp. 349–60, PMID 19714924.
  72. ^ Huiming Y, Chaomin W, Meng M, Vitamin A for treating measles in children, in Huiming Yang (a cura di), The Cochrane Database of Systematic Reviews, nº 4, 2005, pp. CD001479, DOI:10.1002/14651858.CD001479.pub3, PMID 16235283.
  73. ^ D'Souza RM, D'Souza R, Vitamin A for treating measles in children, in The Cochrane Database of Systematic Reviews, nº 1, 2002, pp. CD001479, DOI:10.1002/14651858.CD001479, PMID 11869601.
  74. ^ D'Souza RM, D'Souza R, Vitamin A for preventing secondary infections in children with measles—a systematic review, in Journal of Tropical Pediatrics, vol. 48, nº 2, April 2002, pp. 72–7, DOI:10.1093/tropej/48.2.72, PMID 12022432.
  75. ^ AA Awotiwon, O Oduwole, A Sinha e CI Okwundu, Zinc supplementation for the treatment of measles in children., in The Cochrane database of systematic reviews, vol. 3, 20 marzo 2015, pp. CD011177, DOI:10.1002/14651858.CD011177.pub2, PMID 25794053.
  76. ^ Noyce RS, Richardson CD, Nectin 4 is the epithelial cell receptor for measles virus, in Trends in Microbiology, vol. 20, nº 9, September 2012, pp. 429–39, DOI:10.1016/j.tim.2012.05.006, PMID 22721863.
  77. ^ [1] "NINDS Subacute Sclerosing Panencephalitis Information Page"
  78. ^ Template:MerckManual
  79. ^ Ministero della Salute
  80. ^ William J. Bellini, Jennifer S. Rota e Luis E. Lowe, Subacute sclerosing panencephalitis: more cases of this fatal disease are prevented by measles immunization than was previously recognized, in The Journal of Infectious Diseases, vol. 192, nº 10, 15 novembre 2005, pp. 1686-1693, DOI:10.1086/497169. URL consultato il 4 giugno 2015.
  81. ^ Network Italiano Vaccinazioni
  82. ^ Galindo BM, Concepción D, Galindo MA, Pérez A, Saiz J, Vaccine-related adverse events in Cuban children, 1999–2008, in MEDICC Review, vol. 14, nº 1, 2012, pp. 38–43, PMID 22334111.
  83. ^ Helfand RF, Witte D, Fowlkes A, Garcia P, Yang C, Fudzulani R, Walls L, Bae S, Strebel P, Broadhead R, Bellini WJ, Cutts F, Evaluation of the immune response to a 2-dose measles vaccination schedule administered at 6 and 9 months of age to HIV-infected and HIV-uninfected children in Malawi, in The Journal of Infectious Diseases, vol. 198, nº 10, 2008, pp. 1457–65, DOI:10.1086/592756, PMID 18828743.
  84. ^ UNICEF, Global goal to reduce measles deaths in children surpassed, su Joint press release, 2007. URL consultato l'11 marzo 2015.
  85. ^ Nicholas Bakalar, Measles May Increase Susceptibility to Other Infections, su The New York Times, The New York Times Company. URL consultato il 7 giugno 2015.
  86. ^ Mina, Long-term measles-induced immunomodulation increases overall childhood infectious disease mortality, in Science, vol. 348, nº 6235, 8 maggio 2015, pp. 694–699, DOI:10.1126/science.aaa3662. URL consultato il 7 giugno 2015.
  87. ^ White LK, Yoon JJ, Lee JK, Sun A, Du Y, Fu H, Snyder JP, Plemper RK, Nonnucleoside Inhibitor of Measles Virus RNA-Dependent RNA Polymerase Complex Activity, in Antimicrobial Agents and Chemotherapy, vol. 51, nº 7, 2007, pp. 2293–303, DOI:10.1128/AAC.00289-07, PMC 1913224, PMID 17470652.
  88. ^ Krumm SA, Yan D, Hovingh ES, Evers TJ, Enkirch T, Reddy GP, Sun A, Saindane MT, Arrendale RF, Painter G, Liotta DC, Natchus MG, von Messling V, Plemper RK, An Orally Available, Small-Molecule Polymerase Inhibitor Shows Efficacy Against a Lethal Morbillivirus Infection in a Large Animal Model, in Science Translational Medicine, vol. 6, nº 232, 2014, pp. 232ra52, DOI:10.1126/scitranslmed.3008517, PMID 24739760.
  89. ^ Will an anti-viral drug put paid to measles? New Scientist 16 April 2014

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità LCCN: (ENsh85082696 · GND: (DE4120705-1