Atrofia cerebrale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Atrofia cerebrale
Specialitàneurologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-10G31.9

Per atrofia cerebrale si intende una riduzione del numero di neuroni a livello dell'encefalo, e conseguentemente del volume cerebrale. Tale riduzione può riguardare l'intero encefalo, determinando una riduzione simmetrica, oppure un'area specifica, dando sintomi specifici a seconda della zona interessata ed una riduzione asimmetrica[1][2][3].

Si tratta di una condizione tipica di alcune patologie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer[1][4], anche se in buona parte nella popolazione anziana è normalmente riscontrabile una riduzione del volume cerebrale collegabile all'avanzare dell'età[2].

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Al di là della fisiologica riduzione del volume cerebrale negli individui anziani, l'atrofia cerebrale può avere una serie di cause patologiche:

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

L'atrofia generalizzata dà tipicamente sintomi di natura psichiatrica, come demenza, amnesie, afasia, irritabilità, crisi epilettiche[19].

Per quanto riguarda le lesioni focali, i sintomi associati ad atrofia cerebrale dipendono dalla zona di interesse[2].

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

La diagnosi viene effettuata tramite tecniche radiologiche, come TC e risonanza magnetica, che permettono di individuare immediatamente eventuali riduzioni di volume[2][4][6].

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

L'atrofia cerebrale purtroppo non è generalmente regredibile, mentre è possibile ritardarne lo sviluppo tramite modifiche allo stile di vita e terapie mirate[19].

Nella atrofia cerebrale legata a dipendenza alcolica è stato dimostrato tuttavia che la sospensione dell'assunzione di alcol può permettere una regressione dell'atrofia[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Emma J. Burton, Ian G. McKeith e David J. Burn, Cerebral atrophy in Parkinson's disease with and without dementia: a comparison with Alzheimer's disease, dementia with Lewy bodies and controls, in Brain: A Journal of Neurology, vol. 127, Pt 4, 2004-4, pp. 791–800, DOI:10.1093/brain/awh088. URL consultato il 16 luglio 2018.
  2. ^ a b c d e f g h i j k Loeb, Carlo., Neurologia di Fazio Loeb, 4. ed, SEU, 2003, ISBN 88-87753-73-3, OCLC 848847158. URL consultato il 16 luglio 2018.
  3. ^ a b (EN) K. Hestad, J. H. McArthur e G. J. Dal Pan, Regional brain atrophy in HIV-1 infection: association with specific neuropsychological test performance, in Acta Neurologica Scandinavica, vol. 88, nº 2, 29 gennaio 2009, pp. 112–118, DOI:10.1111/j.1600-0404.1993.tb04201.x. URL consultato il 16 luglio 2018.
  4. ^ a b c (EN) Nick C. Fox e Peter A. Freeborough, Brain atrophy progression measured from registered serial MRI: Validation and application to alzheimer's disease, in Journal of Magnetic Resonance Imaging, vol. 7, nº 6, 1997-11, pp. 1069–1075, DOI:10.1002/jmri.1880070620. URL consultato il 16 luglio 2018.
  5. ^ (EN) J. M. Burns, B. B. Cronk e H. S. Anderson, Cardiorespiratory fitness and brain atrophy in early Alzheimer disease, in Neurology, vol. 71, nº 3, 15 luglio 2008, pp. 210–216, DOI:10.1212/01.wnl.0000317094.86209.cb. URL consultato il 16 luglio 2018.
  6. ^ a b (EN) Topography of brain atrophy during normal aging and alzheimer's disease, in Neurobiology of Aging, vol. 17, nº 4, 1º luglio 1996, pp. 513–521, DOI:10.1016/0197-4580(96)00005-X. URL consultato il 16 luglio 2018.
  7. ^ (EN) Y. W. Wu, L. A. Croen e S. J. Shah, Cerebral Palsy in a Term Population: Risk Factors and Neuroimaging Findings, in PEDIATRICS, vol. 118, nº 2, 1º agosto 2006, pp. 690–697, DOI:10.1542/peds.2006-0278. URL consultato il 16 luglio 2018.
  8. ^ (EN) Claudine P. Torfs, Barbara J. van den Berg e Frank W. Oechsli, Prenatal and perinatal factors in the etiology of cerebral palsy, in The Journal of Pediatrics, vol. 116, nº 4, 1990-04, pp. 615–619, DOI:10.1016/S0022-3476(05)81615-4. URL consultato il 16 luglio 2018.
  9. ^ (EN) D.M.A. Mann, R. Oliver e J.S. Snowden, The topographic distribution of brain atrophy in Huntington's disease and progressive supranuclear palsy, in Acta Neuropathologica, vol. 85, nº 5, 1993-04, DOI:10.1007/bf00230496. URL consultato il 16 luglio 2018.
  10. ^ Nancy C. Andreasen, Dawei Liu e Steven Ziebell, Relapse Duration, Treatment Intensity, and Brain Tissue Loss in Schizophrenia: A Prospective Longitudinal MRI Study, in The American journal of psychiatry, vol. 170, nº 6, 1º giugno 2013, DOI:10.1176/appi.ajp.2013.12050674. URL consultato il 14 luglio 2018.
  11. ^ (EN) J. H. Simon, L. D. Jacobs e M. K. Campion, A longitudinal study of brain atrophy in relapsing multiple sclerosis, in Neurology, vol. 53, nº 1, 1º luglio 1999, pp. 139–139, DOI:10.1212/WNL.53.1.139. URL consultato il 16 luglio 2018.
  12. ^ (EN) R. Zivadinov, J. Sepcic e D. Nasuelli, A longitudinal study of brain atrophy and cognitive disturbances in the early phase of relapsing-remitting multiple sclerosis, in Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry, vol. 70, nº 6, 1º giugno 2001, pp. 773–780, DOI:10.1136/jnnp.70.6.773. URL consultato il 16 luglio 2018.
  13. ^ (EN) D. T. Chard, C. M. Griffin e G. J. M. Parker, Brain atrophy in clinically early relapsing–remitting multiple sclerosis, in Brain, vol. 125, nº 2, 1º febbraio 2002, pp. 327–337, DOI:10.1093/brain/awf025. URL consultato il 16 luglio 2018.
  14. ^ (EN) W. J. Shian e C. S. Chi, Epstein-Barr virus encephalitis and encephalomyelitis: MR findings, in Pediatric Radiology, vol. 26, nº 9, 1996-09, pp. 690–693, DOI:10.1007/bf01356839. URL consultato il 16 luglio 2018.
  15. ^ (EN) Mechanisms of brain injury after intracerebral haemorrhage, in The Lancet Neurology, vol. 5, nº 1, 1º gennaio 2006, pp. 53–63, DOI:10.1016/S1474-4422(05)70283-0. URL consultato il 16 luglio 2018.
  16. ^ (EN) Robert C Tasker, Claire H Salmond e Amber Gunn Westland, Head Circumference and Brain and Hippocampal Volume after Severe Traumatic Brain Injury in Childhood, in Pediatric Research, vol. 58, nº 2, 2005-08, pp. 302–308, DOI:10.1203/01.PDR.0000169965.08854.25. URL consultato il 16 luglio 2018.
  17. ^ (EN) C. Harper e J. Kril, Brain atrophy in chronic alcoholic patients: a quantitative pathological study., in Journal of Neurology, Neurosurgery & Psychiatry, vol. 48, nº 3, 1º marzo 1985, pp. 211–217, DOI:10.1136/jnnp.48.3.211. URL consultato il 16 luglio 2018.
  18. ^ (EN) Antti Muuronen, Hans Bergman e Tomas Hindmarsh, Influence of Improved Drinking Habits on Brain Atrophy and Cognitive Performance in Alcoholic Patients: A 5-Year Follow-up Study, in Alcoholism: Clinical and Experimental Research, vol. 13, nº 1, 1989-02, pp. 137–141, DOI:10.1111/j.1530-0277.1989.tb00298.x. URL consultato il 16 luglio 2018.
  19. ^ a b Cerebral Atrophy Information Page | National Institute of Neurological Disorders and Stroke, su www.ninds.nih.gov. URL consultato il 16 luglio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Loeb, Carlo., Neurologia di Fazio Loeb, 4. ed, SEU, 2003, ISBN 8887753733, OCLC 848847158.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]