Sesta malattia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Sesta malattia
Sestamalattia.JPG
Tipico esantema della sesta malattia caratterizzato per fini maculo-papule di colorito rosa tenue estese al tronco e alla radice del collo.
Specialitàinfettivologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
MeSHD005077
MedlinePlus000968
eMedicine803804, 1133023 e 219019
Sinonimi
Esantema critico
Esantema subitum
Roseola
Febbre dei tre giorni
Roseola infantum

La sesta malattia (chiamata anche roseola, roseola infantum, esantema critico, esantema subitum o febbre dei tre giorni) è una malattia infettiva che si manifesta soprattutto nei bambini tra i 6 mesi ed i due anni di età. La si definisce "sesta" malattia in quanto è considerata come la sesta malattia diagnosticata, in ordine cronologico, che si manifesta tipicamente nell'infanzia dopo morbillo, scarlattina, rosolia, morbo di Dukes (o quarta malattia) ed eritema infettivo (o quinta malattia).

La causa[modifica | modifica wikitesto]

La sesta malattia è causata dall'Herpes Virus umano di tipo 6B (HHV6B). L'herpes virus di tipo 6A (HHV6A) al contrario non presenta sintomi; gli herpes virus di tipo 6 sono presenti in tutto il mondo e quasi tutta la popolazione umana adulta risulta sieropositiva[1].

Nel 1990 è stato isolato l'Herpes Virus umano di tipo 7 (HHV7), contratto (solitamente tra i 2 e i 5 anni) dal 95% dei bambini[2] senza presentare sintomi o con sintomatologia del tutto sovrapponibile a quella del tipo 6 ma con occasionalmente sintomi influenzali, febbre, vomito, diarrea, basso conteggio dei leucociti,[3] e convulsioni[4].

Trasmissione[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione avviene per via rinofaringea, con starnuti o tosse e penetra attraverso le vie aeree superiori o la congiuntiva.

Periodo di incubazione[modifica | modifica wikitesto]

Circa 9 giorni (da 5 a 15 giorni). [1] Viene chiamata sesta malattia in quanto, tra le malattie esantematiche, è la sesta in ordine cronologico di identificazione.

Chi colpisce[modifica | modifica wikitesto]

Esclusivamente i bambini tra i 6 ed i 18 (max 24) mesi di età. Le infezioni primarie negli adulti sono rare ma possono colpire (e, qualora si presentino, manifestano sintomi più gravi), e le riattivazioni sono solitamente asintomatiche a meno che l'adulto sia immunosoppresso (ad esempio dopo un trapianto di organo, o in presenza di AIDS conclamata).

Contagiosità[modifica | modifica wikitesto]

Soprattutto durante la fase febbrile della malattia, quindi prima o contemporaneamente alla comparsa delle manifestazioni cutanee.

Sintomi e segni[modifica | modifica wikitesto]

Nella maggior parte dei casi la malattia decorre in forma paucisintomatica. Nei casi clinicamente manifesti si distinguono due periodi:

Periodo pre esantematico (enantema)[modifica | modifica wikitesto]

Il periodo pre esantematico ha una durata di circa 3-4 giorni, inizia con febbre elevata, in genere sui 39-41 °C, malessere generale, raffreddore, arrossamento del faringe con mal di gola, presenza di piccole vescicole sui pilastri tonsillari, congiuntivite, irritabilità, talvolta vomito o diarrea. Compare inoltre una linfoadenopatia diffusa alle catene occipitali, latero-cervicali e retroauricolari. Talora può rendersi manifesta anche una meningite di lieve entità. Frequente il meningismo con tensione delle fontanelle e con possibili convulsioni febbrili.

Periodo esantematico[modifica | modifica wikitesto]

Esantema

Dopo 3-5 giorni, in corrispondenza con la scomparsa della febbre che avviene per crisi, compare un esantema morbilli-rubeoliforme (fini macule-papule) che interessa prima il tronco ed il collo e successivamente si diffonde al viso e alle estremità scomparendo poi rapidamente nell'arco di 24-48 ore senza desquamazione. In alcuni casi irritabilità e nervosismo. Negli ultimi giorni di malattia si possono avere dolori muscolari ed articolari.

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

Si basa sull'osservazione clinica ed entra in diagnosi differenziale con la rosolia per l'aspetto dell'esantema e per il coinvolgimento dei linfonodi cervicali e retro-auricolari. Può essere talora scambiato con il morbillo, una reazione da farmaci (importante l'anamnesi farmacologica), manifestazioni allergiche cutanee, infezioni da Enterovirus e Morbillivirus. Una diagnosi di certezza si stabilisce attraverso l'isolamento dei virus nella saliva o nel sangue oppure attraverso la PCR. A causa della natura benigna della malattia queste costose metodiche non vengono utilizzate.

Prognosi e Complicanze[modifica | modifica wikitesto]

La prognosi è buona, uniche complicanze le convulsioni in corrispondenza delle puntate febbrili nei bambini predisposti.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

La terapia è solo di supporto. Una copertura antibiotica blanda va scartata, e comunque considerata utile solo ed esclusivamente nel caso in cui si debbano affrontare eventuali complicazioni all'apparato respiratorio, per scongiurare le quali bastano i normali accorgimenti come evitare le correnti d'aria ed ossigenare l'ambiente. Si somministrano antifebbrili, solo se il bimbo è sintomatico, come paracetamolo orale (in base all'età, distanza minima di somministrazione 3 ore) o sciroppo di ibuprofene (in base al peso, distanza minima di somministrazione 8 ore, 4 ore dal paracetamolo). Idratare il bambino è fondamentale. Se compaiono le convulsioni febbrili non si utilizzano anticonvulsivanti. Se disponibile somministrare diazepam 0.8 mg/kg per via rettale e portare il bambino al pronto soccorso più vicino, per escludere cause non benigne di convulsioni (peraltro rare).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jaworska J, Gravel A, Flamand L. Divergent susceptibilities of human herpesvirus 6 variants to type I interferons PROCEEDINGS OF THE NATIONAL ACADEMY OF SCIENCES OF THE UNITED STATES OF AMERICA 107 (2010): 8369-8374.
  2. ^ DA Clark, ML Freeland, LK MacKie, RF Jarrett e DE Onions, Prevalence of antibody to human herpesvirus 7 by age, in The Journal of Infectious Diseases, vol. 168, nº 1, University of Chicago Press, 1993, pp. 251–2, PMID 8390545.
  3. ^ S Suga, T Yoshikawa, T Nagai e Y Asano, Clinical features and virological findings in children with primary human herpesvirus 7 infection, in Pediatrics, vol. 99, nº 3, 1997, pp. E4, DOI:10.1542/peds.99.3.e4, PMID 9099769.
  4. ^ DA Clark, IM Kidd, KE Collingham, M Tarlow, T Ayeni, A Riordan, PD Griffiths, VC Emery e D Pillay, Diagnosis of primary human herpesvirus 6 and 7 infections in febrile infants by polymerase chain reaction, in Archives of Disease in Childhood, vol. 77, nº 1, 1997, p. 42, DOI:10.1136/adc.77.1.42, PMC 1717251, PMID 9279150.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina