Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite
(EN) United Nations Human Rights Council
UNHRC.png
Emblema dell'UNHRC
Abbreviazione UNHRC
Tipo organo sussidiario dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite
Fondazione 15 marzo 2006
Scopo promozione del rispetto dei diritti umani nel mondo
Sede centrale Svizzera Ginevra
Presidente Germania Joachim Rücker
Lingue ufficiali inglese, francese, spagnolo, arabo, cinese, russo
Sito web 
Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite è un organismo delle Nazioni Unite (UNHRC, in inglese United Nations Human Rights Council), con sede a Ginevra; organo sussidiario dell'Assemblea generale, lavora a stretto contatto con l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti Umani. Dal 15 marzo 2006 ha sostituito la Commissione per i Diritti Umani delle Nazioni Unite. Il Consiglio per i diritti umani costituisce uno dei tre organi per i diritti umani basati sulla Carta delle Nazioni Unite, assieme all'Esame Periodico Universale e alle Procedure Speciali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Consiglio è stato istituito il 15 marzo 2006 con la risoluzione 60/251 dell'Assemblea generale, approvata con 170 voti a favore, 4 contrari (Stati Uniti, Isole Marshall, Palau, Israele) e 3 astensioni (Bielorussia, Iran, e Venezuela).

Il Consiglio sostituisce, come organo di simile competenza ma dal potere decisionale più forte, la Commissione per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, istituita dal Consiglio economico e sociale nel 1946.

È composto da 47 Stati, eletti a scrutinio segreto dall'Assemblea generale a maggioranza dei suoi membri. Come in altri organismi dell'ONU, si applica il principio dell'equa ripartizione geografica; in questo caso, 13 Stati sono africani, 13 asiatici, 8 latino-americani, 6 est-europei, 7 europei occidentali e altri. I membri restano in carica tre anni e non sono rieleggibili. Al fine di assicurare un rinnovo periodico, nella prima composizione del Consiglio tredici Stati sono stati sorteggiati per essere sostituiti dopo un anno, e quattordici dopo due anni.

La Dichiarazione dei diritti dell'uomo evidenzia come la parità di condizioni debba essere assicurata a tutti, senza differenza alcuna, ma le vicende storiche testimoniano come tale condizione sia stata spesso negata e come anche adesso vi siano dei luoghi della Terra in cui parità e uguaglianza sono semplici utopie. La donna è stata ed è ancora oggetto di discriminazioni. Per tali ragioni risulta utile effettuare una breve ricognizione che illustri tale stato di cose.

L'unica linea guida nella scelta dei membri indicata dalla risoluzione istitutiva è che i "membri eletti al consiglio devono affermare i più alti livelli nella promozione e protezione dei diritti umani"[1].

Mandato[modifica | modifica wikitesto]

Il mandato del consiglio è quello di supervisionare il rispetto e le violazioni dei diritti umani in tutti gli stati aderenti alle Nazioni Unite (anche quelli che hanno votato contro la creazione del Consiglio), e informare l'opinione pubblica mondiale dello stato dei diritti umani nel mondo.

Il consiglio può contare su 29 rappresentanti che si occupano di verificare la violazione di ciascuno dei diritti umani.

Il consiglio, qualora ravvisasse violazioni dei diritti umani in un paese, può aprire le cosiddette "procedure speciali": l'apertura di una "procedura speciale" può essere richiesta da uno Stato membro o su segnalazione di un'organizzazione per il rispetto dei diritti umani; il consiglio delibera a maggioranza se si debba aprire o meno la procedura. Se viene aperta la procedura, un pool di esperti guidato da un rappresentante del consiglio si reca di persona nell'area interessata per verificare il rispetto dei diritti umani e le eventuali violazioni, per poi riferirne al Consiglio.

Il consiglio a maggioranza decide in base al rapporto fornito se si è verificata una violazione dei diritti umani, e può imporre con una risoluzione il ripristino dei diritti umani violati.

Va però precisato che la risoluzione non è vincolante, ed il consiglio non può imporre un embargo per la violazione dei diritti umani.

Attualmente gli stati contro i quali è stata aperta una "procedura speciale " sono 13: Birmania, Burundi, Cambogia, Congo, Corea del Nord, Haiti, Israele, Somalia, Sudan ed Uzbekistan.

Il 30 giugno 2006 il consiglio, per la prima volta dalla sua creazione, ha ravvisato la violazione dei diritti umani da parte dello Stato di Israele nell'occupazione dei territori palestinesi.

Il Consiglio dei diritti umani, alla conclusione del suo quinto periodo di sessioni, a Ginevra, ha deciso di interrompere l'incarico della denominata rappresentante personale dell'alta commissaria dei diritti umani per Cuba.

Critiche ed accuse di scarsa credibilità[modifica | modifica wikitesto]

La presenza tra i membri di tale consiglio di numerosi stati non democratici al cui interno i diritti umani vengono palesemente violati (Cina, Russia, Arabia Saudita, Cuba, Pakistan ecc.) ha attirato numerose critiche e messo in dubbio la credibilità di questo organismo ONU.[2][3].

Il Consiglio ONU per i diritti umani è stato inoltre spesso accusato di mancanza di neutralità, per via delle dure critiche ripetutamente espresse nei confronti di Israele; Stati Uniti, Canada, l'Unione Europea e lo stesso Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon hanno ripetutamente criticato il consiglio per essere intervenuto in maniera eccessivamente monolaterale nei confronti di Israele, ignorando altre situazioni di maggiore gravità a livello internazionale. La rappresentanza statunitense alle Nazioni Unite ha accusato il consiglio di avere "un'ossessione patologica con Israele"[4][5].

Composizione[modifica | modifica wikitesto]

Con la risoluzione che sanciva la nascita dell'UNHRC venne anche decisa la ripartizione dei 47 seggi tra i continenti: 13 seggi all'Africa, 13 seggi all'Asia, 6 all'Europa dell'Est, 8 seggi all'America Latina e Centrale, 7 tra Europa occidentale, America del Nord e Oceania.

Gli Stati membri durano in carica cinque anni e l'elenco aggiornato è disponibile sul sito ufficiale del Consiglio[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "... members elected to the Council shall uphold the highest standards in the promotion and protection of human rights, ..."
  2. ^ Diritti umani: Cina e Cuba nel Consiglio Onu - Corriere della Sera
  3. ^ I dieci peggiori regimi del mondo - Il Sole 24 ORE
  4. ^ Ynet
  5. ^ Reuters
  6. ^ Current Membership of the Human Rights Council

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Sito della Commissione

Controllo di autorità VIAF: (EN149299359 · LCCN: (ENno2007020522 · ISNI: (EN0000 0001 2181 9435 · GND: (DE10173696-4 · BAV: ADV12371301
Nazioni Unite Portale Nazioni Unite: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nazioni Unite