Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani
(EN) Office of the United Nations High Commissioner for Human Rights
(FR) Haut-Commissariat des Nations unies aux droits de l'homme
Abbreviazione OHCHR
Tipo agenzia specializzata dell'Organizzazione delle Nazioni Unite
Fondazione 20 dicembre 1993
Scopo promozione del rispetto dei diritti umani nel mondo
Sede centrale Svizzera Ginevra
Presidente Sudafrica Navanethem Pillay
Lingua ufficiale inglese
Sito web

L' Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani[1] (in inglese United Nations High Commissioner for Human Rights, UNHCHR o OHCHR, in francese Haut-Commissariat des Nations unies aux droits de l'homme) è l'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di promuovere e proteggere i diritti umani che sono garantiti dal diritto internazionale e previsti nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo del 1948. Tale agenzia è stata istituita dalla risoluzione 48/141 dell'Assemblea generale ONU.

L'ufficio è presieduto dal Commissario per i diritti umani, che coordina le attività dei diritti umani in tutto il sistema delle Nazioni Unite e supervisiona il Consiglio dei diritti umani a Ginevra in Svizzera. L'attuale Alto Commissario è l'avvocato sudafricano Navanethem Pillay, il cui mandato di quattro anni è iniziato il 1 ° settembre 2008 e poi è stato prorogato di altri due anni nel 2012.

A partire dal 2008, l'agenzia ha avuto un budget di 120 milioni di $ USA e 1.000 dipendenti con sede a Ginevra. E 'un membro ex-officio del Comitato del Gruppo di Sviluppo delle Nazioni Unite.

Alti commissari[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nome dell'agenzia tratto dalla pagina italiana del sito ufficiale delle Naziono Unite

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]