Tribunale speciale della Cambogia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Tribunale speciale della Cambogia per la persecuzione di crimini commessi durante il periodo della Kampuchea Democratica, più noto col nome di Tribunale speciale per i Khmer Rossi è un tribunale misto, un tribunale speciale cambogiano istituito a seguito di un accordo tra il Regno di Cambogia e le Nazioni Unite per processare i responsabili del genocidio perpetrato in territorio cambogiano durante il regime di Pol Pot e dei Khmer Rossi.

Il tribunale, ECCC - Extraordinary Chambers in the Courts of Cambodia, è "una corte nazionale sostenuta da personale internazionale e istituita in accordo con le leggi cambogiane"[1] si avvale dell'UNAKRT - United Nations Assistance to the Khmer Rouges Trials, unità distaccata delle Nazioni Unite per l'Assistenza tecnica nei processi ai Khmer Rossi.

In base all'accordo stipulato tra l'ONU e il Regno di Cambogia, l'ECCC processerà i leader della Kampuchea Democratica e i presunti responsabili dei crimini e delle gravi violazioni del diritto penale cambogiano, del diritto umanitario, delle convenzioni internazionali ratificate dalla Cambogia, commessi nel periodo tra il 17 aprile 1975 al 6 gennaio 1979.

Il tribunale speciale segue un corpo di leggi ad hoc per il tribunale speciale, promulgato il 10 agosto 2001, e ha giurisdizione sui crimini di genocidio[2], crimini contro l'umanità[3] e gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Il Tribunale speciale è composto da corti e uffici giudiziari (Chambers and Judiciary Offices) e un ufficio amministrativo (Office of Administration).

Le corti e gli uffici giudiziari comprendono:

  • Camera preliminare (Pre-Trial Chamber) composta da

Giudici di riserva: Pen Pichsaly (Cambodia) e Steven J. Bwana (Tanzania)

  • Camera giudicante (Trial Chamber) composta da

Giudici di riserva: Claudia Fenz (Austria) e Thou Mony (Cambogia)

  • Corte suprema (Supreme Court Chamber)

Giudici di riserva: Florence Mumba (Zambia) e Sin Rith (Cambogia)

  • Ufficio dei Co-Procuratori (Office of the Co-Prosecutors) composto dalla Procuratore Nazionale Chea Leang e dal Procuratore internazionale Andrew T. Cayley (Gran Bretagna)
  • Ufficio congiunto dei Giudici investigativi (Office of the Co-Investigative Judges) composto dal cambogiano You Bunleng e Mark Brian Harmon (Stati Uniti)


L'ufficio amministrativo comprende:
  • Ufficio del Direttore (S.E. Kranh Tony) e Ufficio del Vice-direttore (Mr. Knut Rosandhaug)(Office of Director e Office of Deputy Director), che hanno competenze su
  • Cancelleria (Court Management), Pubblica informazione (Public Affairs), Personale (Personel), Tecnologie e TLC (ICT), Finanze e budget (Budget and Finance), Servizi generali (General Services), Sicurezza e difesa (Security and Defense)
  • Sezione di Sostegno per la Difesa (Defence Support Section)
  • Unità per le Vittime di parte civile (Victim Unit)

Casi[modifica | modifica sorgente]

Kang Kek Iew Kang Kek Iew è stato uno dei leader dei Khmer Rossi, a capo dell'unità Santebal che si occupava della sicurezza interna e di gestire i campi di prigionia. Kang Kek Iew ha inoltre diretto la tristemente nota prigione Tuol Sleng (S-21) a Phnom Penh. Noto anche come "Compagno Duch" è stato il primo dei cinque ad essere portato in tribunale. Le udienze del suo processo nono iniziate il 17 settembre 2009 e si sono concluse il 27 novembre 2010. Il 26 luglio 2010 il tribunale lo ha condannato per crimini contro l'umanità, genocidio e violazioni delle Convenzioni di Ginevra. L'iniziale condanna di 35 anni è stata ridotta tra il 1999 e il 2007 visto il periodo già trascorso in carcere e in seguito all'illegale detenzione presso la Corte Militare della Cambogia.

Nuon Chea Durante il regime Khmer Rossi Nuon Chea era la mano destra del leader Pol Pot. Arrestato nel 2007, il processo è iniziato nel 2011. Tra le altre cose è accusato di crimini contro l'umanità (omicidio, sterminio, riduzione in schiavitù, deportazione, tortura, etc.), genocidio, e gravi violazioni delle Convenzioni di Ginevra del 1949 (omicidio volontario, tortura o trattamento disumano, deportazione di civili, etc.). Le indagini sul suo caso, il numero 002, vanno avanti dal 2007, si sospetta che sia responsabile della morte di 1,7 milioni di persone durante il regime. Nonostante sia il più alto ufficiale detenuto dal Tribunale, nega il suo coinvolgimento nelle azioni dei Khmer Rossi.

Ieng Sary Ieng Sary è stato arrestato il 12 novembre 2007 con l'accusa di aver, agendo o tramite omissioni, pianificato, istigato, ordinato, aiutato o supervisionato i crimini dei Khmer Rossi tra il 1975 e il 1979. Tra le accuse crimini contro l'umanità, genocidio e violazioni delle Convenzioni di Ginevra. Ieng Sary è morto a marzo 2013.

Ieng Thirith Ieng Thirith, moglie di Ieng Sary e cognata di Pol Pot, è stata un membro dei Khmer Rossi, è stata arrestata insieme al marito il 12 novembre 2007 con le accuse di essere responsabile della pianificazione, istigazione dei cambogiani durante il regime dei Khmer Rouge. Tra le accuse, crimini contro l'umanità, genocidio e violazioni delle Convenzioni di Ginevra. Nel novembre 2011 è stata dichiarata mentalmente inadatta ad essere processata a causa del morbo di Alzheimer.

Khieu Samphan Khieu Samphan ha rivestito ruoli di prim'ordine tra i Khmer Rossi, è stato arrestato il 12 novembre 2007 per crimini contro l'umanità, genocidio e violazioni delle Convenzioni di Ginevra.


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Traduzione dall'inglese dal sito UNAKRT
  2. ^ In base alla definizione della Convenzione del 1948 sulla prevenzione e punizione del crimine di genocidio
  3. ^ Definizione presente nello Statuto di Roma della Corte Penale Internazionale

Riferimenti e Link[modifica | modifica sorgente]

  • ECCC - Extraordinary Chambers in the Courts of Cambodia, sito ufficiale in inglese, francese e cambogiano [1]
  • UNAKRT - United Nations Assistance to the Khmer Rouge Trials, sito ufficiale in inglese e francese [2]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]