Osservatori dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera delle Nazioni Unite

Oltre ai suoi 193 stati membri, la Nazioni Unite accolgono le organizzazioni internazionali, gli enti e i paesi non membri come osservatori. Lo status di osservatore è garantito da una risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite. Lo status di osservatore permanente si basa esclusivamente sulla pratica, non essendo previsto dalla Carta delle Nazioni Unite.[1]

Gli osservatori hanno il diritto di parlare agli incontri dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, votare su questioni procedurali, servire come firmatari su documenti di lavoro, e firmare le risoluzioni, ma non possono sponsorizzare risoluzioni o voti sulle risoluzioni di questioni sostanziali. Diversi altri diritti (ad esempio, parlare nei dibattiti, presentare proposte ed emendamenti, il diritto di replica, l'aumentare i punti dell'ordine del giorno e di far circolare i documenti, etc.) sono dati selettivamente solo alcuni osservatori. Finora, l'Unione europea è l'unica organizzazione internazionale ad avere queste autorizzazioni avanzate.[2]

Esiste una distinzione tra gli osservatori statali e non statali. Gli Stati non membri delle Nazioni Unite, che sono membri di una o più agenzie specializzate, possono presentare domanda per lo status di osservatore permanente.[1] Gli osservatori non statali sono le organizzazioni internazionali e altri enti.

Gli Stati non membri osservatori sono disposti a sedere nella sala dell'Assemblea generale immediatamente dopo gli Stati membri e prima degli altri osservatori.[3]

Stati non-membri[modifica | modifica wikitesto]

Gli Stati "amanti della pace"[4] sono liberi di presentare una petizione per unirsi come membro a loro discrezione. La petizione viene poi valutata dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite[4] e dall'Assemblea generale.[5] Ad esempio, la Svizzera è stato un paese osservatore permanente dal 1948 al 2002, fino a diventare membro a tutti gli effetti, il 10 settembre 2002. Attualmente, ci sono due osservatore permanenti non membri: la Santa Sede e la Palestina. Sono entrambi osservatori permanenti, descritti come "Stati non membri che hanno ricevuto un invito permanente a partecipare come osservatori alle sessioni e ai lavori dell'Assemblea generale ed al mantenimento di missioni di osservatori permanenti presso la sede".[6]

Qualifiche degli stati membri delle Nazioni Unite[modifica | modifica wikitesto]

Carta delle Nazioni Unite II: articolo 4,[4]

"L'essere delle Nazioni Unite è aperto a tutti gli altri Stati amanti della pace che accettino gli obblighi del presente Statuto e, a giudizio dell'Organizzazione, sono in grado e disposti a svolgere tali obblighi. L'ammissione di tale stato di appartenenza alle Nazioni Unite sarà effettuata con decisione dell'Assemblea generale su raccomandazione del Consiglio di sicurezza."

Stato non-membro[7] Date significative Ulteriori dettagli
Emblem of the Holy See, (usual 2012).svg Santa Sede 6 aprile 1964: concessione dello status di osservatore
1º luglio 2004 (A/RES/58/314):[3] acquista tutti i diritti di piena adesione ad eccezione "del diritto di voto, di presentazione delle proposte di deliberazione senza co-proponenti e di proporre candidati"
Entità sovrana con sovranità sulla Città del Vaticano.
Palestina Palestina 22 novembre 1974 (A/RES/3237 (XXIX):[8] concessione dello status di osservatore all'Organizzazione per la Liberazione della Palestina
9 dicembre 1988 (A/RES/43/160):[9] concessione del diritto di comunicare senza intermediari
15 dicembre 1988 (A/RES/43/177):[10] cambio di nome in "Palestina"
7 luglio 1998 (A/RES/52/250):[11] concessione del diritto di partecipare al dibattito generale ed altri diritti aggiuntivi
29 novembre 2012 (A/RES/67/19):[12] concessione dello status di osservatore[13]
28 ottobre 1974: l'Organizzazione per la Liberazione della Palestina viene riconosciuta come "unica legittima rappresentante del popolo palestinese", da parte degli Stati del settimo vertice arabo (e più tardi da più di 100 paesi con cui detiene rapporti diplomatici e da Israele).[14][15][16][17]
22 novembre 1974: l'OLP viene riconosciuta come competente in tutte le questioni concernenti la questione della Palestina da parte dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, oltre al diritto del popolo palestinese in Palestina per l'indipendenza nazionale e la sovranità.
15 novembre 1988: l'OLP dichiara unilateralmente lo Stato di Palestina.
4 maggio 1994: l'OLP ha istituito l'amministrazione territoriale dell'Autorità Nazionale Palestinese a seguito degli accordi di Oslo firmati dall'OLP stessa, Israele, Stati Uniti e Russia.
7 luglio 1998: all'OLP è stato assegnato un seggio nella Sala dell'Assemblea generale subito dopo gli Stati non membri e prima degli altri osservatori.[11][18]
17 dicembre 2012: Il Capo del Protocollo delle Nazioni Unite, decide che "la designazione di 'Stato di Palestina' verrà utilizzato dal Segretariato in tutti i documenti ufficiali delle Nazioni Unite".[19]
Note
  • La Repubblica di Cina, o Taiwan, oltre ad applicare per l'adesione,[22] ha chiesto più volte di diventare membro o osservatore dal 1991.[23] Tali richieste sono state sempre negate a causa del riconoscimento delle Nazioni Unite alla Repubblica popolare Cinese come "legittimo rappresentante della Cina alle Nazioni Unite"; questo dopo la sostituzione operata nel 1971 della Repubblica di Cina con la Repubblica Popolare Cinese come rappresentante ufficiale della Cina.
  • Altri paesi sono riconosciuti dalle Nazioni Unite come entità non autonome e appaiono nella lista delle Nazioni Unite come territori non autonomi, ma sono rappresentati alle Nazioni Unite dal rispettivo Stato membro di riferimento.[24]

Ex stati non-membri osservatori[modifica | modifica wikitesto]

A sedici ex Stati non membri era stato concesso lo status di osservatore.[25][26] Quattordici di questi Stati alla fine divennero membri delle Nazioni Unite, mentre gli altri due costituiscono un caso particolare.

La maggior parte degli ex Stati osservatori aveva presentato domanda di adesione, che però era stata respinta a causa del veto (reale o minacciato) di uno o più dei membri permanenti del Consiglio di Sicurezza. I veti sono stati successivamente superati o da cambiamenti di circostanze geopolitiche o da altri fattori, in base ai quale il Consiglio di Sicurezza ha approvato diversi nuovi Stati membri contemporaneamente, come è stato fatto con una dozzina di paesi nel 1955 e con Germania Est e Germania Ovest nel 1973.

Stato Osservatore Membro Differenza
Austria Austria 1952 1955 3 anni
Bangladesh Bangladesh 1973 1974 1 anno
Corea del Nord Corea del Nord 1973 1991 18 anni
Corea del Sud Corea del Sud 1949 1991 42 anni
Finlandia Finlandia 1952 1955 3 anni
Flag of Spain (1945 - 1977).svg Regno di Spagna 1955 1955 pochi mesi
Germania Est Repubblica Democratica Tedesca 1972 1973 1 anno
Germania Repubblica Federale Tedesca 1952 1973 21 anni
Giappone Giappone 1952 1956 4 anni
Italia Italia 1952 1955 3 anni
Kuwait Kuwait 1962 1963 1 anno
Monaco Monaco 1956 1993 37 anni
Svizzera Svizzera 1946 2002 56 anni
Vietnam del Nord Repubblica Democratica del Vietnam 1975 - osservatore per 1 anno
Vietnam del Sud Repubblica del Vietnam 1952 - 24 anni
Vietnam Vietnam 1976 1977 1 anno
Note

Il 30 aprile 1975 il Vietnam del Sud è stato conquistato dalle forze comuniste ed il 2 luglio 1976 è stato annesso al Vietnam del Nord per formare il Vietnam, a cui è stato concesso lo status di osservatore nel 1976. Le risoluzioni dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite 30 e 31 non hanno riconosciuto alla nuova entità statale lo status di osservatore, ma la risoluzione 31/21 del 26 novembre 1976 ha riconosciuto osservatore permanente la Repubblica Socialista del Vietnam. Il Vietnam è diventato membro delle Nazioni Unite il 20 settembre 1977.[27]

Enti e organizzazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Molte organizzazioni intergovernative e pochi altri soggetti (organizzazioni non governative e altri con vari gradi di statualità o sovranità), sono invitati a diventare osservatori presso l'Assemblea generale. Alcuni di loro mantengono un ufficio permanente nella sede delle Nazioni Unite a New York, mentre altri non lo fanno; tuttavia, questa è scelta è lasciata all'organizzazione e non implica differenze nel loro status.[28]

Organizzazioni regionali autorizzate dai loro Stati membri a parlare a loro nome[modifica | modifica wikitesto]

Nella risoluzione adottata nel maggio 2011, che concede diritti aggiuntivi verso l'Unione europea, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha deciso che accordi simili possano essere adottati con qualsiasi altra organizzazione regionale che è autorizzato a parlare a nome dei suoi Stati membri.[29]

Organizzazione o entità Data in cui è stato concesso lo stato di osservatore Tipo di entità
Europa Unione europea[30] 11 ottobre 1974 (A/RES/3208 (XXIX)): status di osservatore
10 maggio 2011 (A/RES/65/276):[29] diritti addizionali
Unico osservatore che opera attraverso un sistema ibrido di internazionalismo e sovranazionalismo, dandogli uno status di qualità.

Organizzazioni intergovernative[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione Data in cui lo status di osservatore è stato riconosciuto
Agenzia per la proibizione delle armi nucleari in America Latina e nei Caraibi 11988-10-1717 ottobre 1988 (A/RES/43/6)
Asian Development Bank 12002-11-1919 novembre 2002 (A/RES/57/30)
Assemblea parlamentare del Mediterraneo 12009-12-1616 dicembre 2009 (A/RES/64/124)
Associazione degli Stati caraibici 11998-10-1515 ottobre 1998 (A/RES/53/17)[31]
Associazione delle Nazioni del Sud-est asiatico 12006-12-044 dicembre 2006 (A/RES/61/44)
Associazione di integrazione latino americana 12005-11-2323 novembre 2005 (A/RES/60/25)
Associazione sud-asiatica per la cooperazione regionale 12004-12-022 dicembre 2004 (A/RES/59/53)
Autorità internazionale dei fondali marini 11996-10-2424 ottobre 1996 (A/RES/51/6)
Banca africana di sviluppo 11987-10-2828 ottobre 1987 (A/RES/42/10)
Banca islamica per lo sviluppo 12007-03-2828 marzo 2007 (A/RES/61/259)
Caribbean Community 11991-10-1717 ottobre 1991 (A/RES/46/8)
Centro internazionale per lo sviluppo delle politiche di migrazione 12002-11-1919 novembre 2002 (A/RES/57/31)
Centro regionale sulle armi di piccolo calibro e armi leggere nella regione dei Grandi Laghi, del Corno d'Africa e degli Stati confinanti 12007-12-066 dicembre 2007 (A/RES/62/73)
Centro Sud 12008-12-1111 dicembre 2008 (A/RES/63/131)
Commissione dell'Oceano Indiano 12006-12-044 dicembre 2006 (A/RES/61/43)
Commonwealth delle nazioni 24 marzo 1994 (A/RES/48/237)
Comunità andina 11997-10-2222 ottobre 1997 (A/RES/52/6)
Comunità degli Stati del Sahel e del Sahara 12001-12-1212 dicembre 2001 (A/RES/56/92)
Comunità degli Stati Indipendenti 11994-03-2424 marzo 1994 (A/RES/48/237)
Comunità dei Paesi di lingua portoghese 11999-10-2626 ottobre 1999 (A/RES/54/10)
Comunità dell'Africa orientale 12003-12-099 dicembre 2003 (A/RES/58/86)
Comunità di sviluppo dell'Africa meridionale 12004-12-022 dicembre 2004 (A/RES/59/49)
Comunità economica degli Stati dell'Africa centrale 12000-12-1212 dicembre 2000 (A/RES/55/161)
Comunità economica degli Stati dell'Africa occidentale 12004-12-022 dicembre 2004 (A/RES/59/51)
Comunità economica eurasiatica 12003-12-099 dicembre 2003 (A/RES/58/84)
Conferenza dell'Aia di diritto internazionale privato 12005-11-2323 novembre 2005 (A/RES/60/27)
Conferenza internazionale sulla regione dei Grandi Laghi dell'Africa 12009-12-1616 dicembre 2009 (A/RES/64/123)
Conferenza sull'interazione e le misure di rafforzamento della fiducia in Asia 12007-12-066 dicembre 2007 (A/RES/62/77)
Consiglio d'Europa 11989-10-1717 ottobre 1989 (A/RES/44/6)
Consiglio di cooperazione del Golfo 12007-12-066 dicembre 2007 (A/RES/62/78)
Corte penale internazionale 12004-09-1313 settembre 2004 (A/RES/58/318)[32]
Corte permanente di arbitrato 11993-10-1313 ottobre 1993 (A/RES/48/3)
Eurasian Development Bank 12007-12-066 dicembre 2007 (A/RES/62/76)
Fondo comune per i prodotti di base 12005-11-2323 novembre 2005 (A/RES/60/26)
Fondo globale per la lotta all'Aids, la tubercolosi e la malaria 12009-12-1616 dicembre 2009 (A/RES/64/122)
Fondo internazionale per il salvataggio del lago d'Aral 12008-12-1111 dicembre 2008 (A/RES/63/133)
Fondo per lo sviluppo internazionale OPEC 12006-12-044 dicembre 2006 (A/RES/61/42)
Forum delle isole del Pacifico 11994-10-1717 ottobre 1994 (A/RES/49/1)
Gruppo degli stati dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico 11981-10-1515 ottobre 1981 (A/RES/36/4)
GUAM Organizzazione per la democrazia e lo sviluppo economico 12003-12-099 dicembre 2003 (A/RES/58/85)
Inter-American Development Bank 12000-12-1212 dicembre 2000 (A/RES/55/160)
Istituto internazionale per la democrazia e l'assistenza elettorale 12003-12-099 dicembre 2003 (A/RES/58/83)
Istituto italo-latino americano 12007-12-066 dicembre 2007 (A/RES/62/74)
Lega araba 11950-11-011º novembre 1950 (A/RES/477 (V))
Organizzazione degli Stati americani 11948-10-1616 ottobre 1948 (A/RES/253 (III))
Organizzazione degli Stati dei Caraibi Orientali 12004-12-022 dicembre 2004 (A/RES/59/52)
Organizzazione degli Stati dell'America centrale 11995-10-1919 ottobre 1995 (A/RES/50/2)
Organizzazione del trattato di sicurezza collettiva 12004-12-022 dicembre 2004 (A/RES/59/50)
Organizzazione della cooperazione economica del mar Nero 11999-10-088 ottobre 1999 (A/RES/54/5)
Organizzazione della cooperazione islamica (già Organizzazione della conferenza islamica) 11975-10-1010 ottobre 1975 (A/RES/3369 (XXX))
Organizzazione di cooperazione economica 11993-10-1313 ottobre 1993 (A/RES/48/2)
Organizzazione europea per la ricerca nucleare 12012-12-1414 dicembre 2012 (A/RES/67/102)
Organizzazione idrografica internazionale 12001-12-1212 dicembre 2001 (A/RES/56/91)
Organizzazione Internazionale della Francofonia[33] 11978-11-1010 novembre 1978 (A/RES/33/18)[34]
18 dicembre 1998 (General Assembly decision 53/453)
Organizzazione internazionale della polizia criminale - Interpol 11996-10-1515 ottobre 1996 (A/RES/51/1)
Organizzazione internazionale per le migrazioni 11992-10-1616 ottobre 1992 (A/RES/47/4)
Organizzazione legale consultiva Asia-Africa (già Comitato legale consultivo Asia-Africa) 11980-10-1313 ottobre 1980 (Template:UN document)
Organizzazione mondiale delle dogane (già Consiglio di cooperazione doganale) 11999-03-2323 marzo 1999 (A/RES/53/216)
Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai 12004-12-022 dicembre 2004 (A/RES/59/48)
Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico 11998-10-1515 ottobre 1998 (A/RES/53/6)
Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa 11993-10-1313 ottobre 1993 (A/RES/48/5)
Organizzazione per lo sviluppo internazionale della legge 12001-12-1212 dicembre 2001 (A/RES/56/90)
Parlamento latino americano 11993-10-1313 ottobre 1993 (A/RES/48/4)
Partners nella popolazione e nello sviluppo 12002-11-1919 novembre 2002 (A/RES/57/29)
Segretariato del Commonwealth 11976-10-1818 ottobre 1976 (A/RES/31/3)
Sistema economico latino americano (SELA) 11980-10-1313 ottobre 1980 (A/RES/35/3)
Summit ibero-americano 12005-11-2323 novembre 2005 (A/RES/60/28)
Trattato sulla Carta dell'energia 12007-12-066 dicembre 2007 (A/RES/62/75)
Tribunale internazionale del diritto del mare 11996-12-1717 dicembre 1996 (A/RES/51/204)
Unione africana (già Organizzazione dell'unità africana) 11965-10-1111 ottobre 1965 (A/RES/2011(XX))
15 agosto 2002 (General Assembly decision 56/475)
Unione delle nazioni sudamericane 12011-12-099 dicembre 2011 (A/RES/66/484)[35]
Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (o Unione mondiale per la conservazione) 11999-12-1717 dicembre 1999 (A/RES/54/195)
Università per la Pace 12008-12-1111 dicembre 2008 (A/RES/63/132)

Altre entità[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione o entità Data in cui lo status di osservatore è stato riconosciuto
Comitato internazionale della Croce Rossa 11990-10-1616 ottobre 1990 (A/RES/45/6)[36]
Comitato Olimpico Internazionale 12009-10-2020 ottobre 2009 (A/RES/64/3)[37]
Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa 11994-10-1919 ottobre 1994 (A/RES/49/2)[38]
Sovrano militare ordine di Malta 11994-08-2424 agosto 1994 (A/RES/48/265)[39]
Unione inter-parlamentare 12002-11-1919 novembre 2002 (A/RES/57/32)[40]

Entità già osservatori[modifica | modifica wikitesto]

L'Organizzazione del Popolo dell'Africa del Sud-Ovest (SWAPO)[41], movimento di liberazione della Namibia, ha ottenuto lo status di osservatore con diritto di comunicare senza intermediari nel 1976.[42] Nel 1990, quando la Repubblica di Namibia ha raggiunto l'indipendenza e le è stata concessa la piena adesione alle Nazioni Unite, lo SWAPO è stata trasformato in un partito politico e ha cessato di essere osservatore.

Unione europea[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a essere è un osservatore l'Unione europea è parte di circa 50 accordi internazionali delle Nazioni Unite come unico partecipante non statale. Si tratta di un partecipante a pieno titolo della Commissione per lo sviluppo sostenibile, del Forum sulle foreste e dell'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura. È stato anche partecipante a pieno titolo in certi vertici delle Nazioni Unite, come i vertici di Rio e di Kyoto sui cambiamenti climatici, e ospitante di un summit. Inoltre, la delegazione UE mantiene strette relazioni con gli organi di aiuto delle Nazioni Unite.[43] Nel 2011 all'UE sono state concesse avanzate competenze in seno all'Assemblea generale: il diritto di parlare nel dibattito, di presentare proposte ed emendamenti, il diritto di replica, di raccogliere i punti dell'ordine del giorno e di far circolare i documenti. Questi diritti sono aperti anche ad altre organizzazioni internazionali che ne hanno fatto richiesta,[2][44] se i loro membri hanno dato loro il diritto di parlare a loro nome.[29]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b United Nations - Permanent Observers
  2. ^ a b Phillips, Leigh (3 May 2011) EU wins new powers at UN, transforming global body, EU Observer
  3. ^ a b Template:UN document
  4. ^ a b c United Nations, UN Charter, United Nations. URL consultato il 21 novembre 2014.
  5. ^ About UN Membership, United Nations.
  6. ^ UN site on Permanent Missions
  7. ^ Non-member States, United Nations.
  8. ^ Template:UN document
  9. ^ Template:UN document
  10. ^ Template:UN document
  11. ^ a b Template:UN document
  12. ^ Template:UN document
  13. ^ Permanent Observer Mission of Palestine to the United Nations: "since ... Vote in the United Nations General Assembly which accorded to Palestine Observer State Status, the official title of the Palestine mission has been changed to The Permanent Observer Mission of the State of Palestine to the United Nations."
  14. ^ Israel-PLO Recognition-Exchange of Letters between PM Rabin and Chairman Arafat-Sept 9- 1993. Mfa.gov.il (9 September 1993). Retrieved on 25 August 2013.
  15. ^ At the threshold of peace Mutual recognition ends 3 decades of strife between Israel and PLO ISRAELI-PLO PEACE TALKS. URL consultato il 6 aprile 2010.
  16. ^ Madiha Rashid al Madfai, Jordan, the United States and the Middle East Peace Process, 1974-1991, Cambridge Middle East Library, Cambridge University Press (1993). ISBN 0-521-41523-3. p. 21:"On 28 October 1974, the seventh Arab summit conference held in Rabat designated the PLO as the sole legitimate representative of the Palestinian people and reaffirmed their right to establish an independent state of urgency."
  17. ^ Deon Geldenhuys, Isolated states: a comparative analysis, Cambridge University Press, 1990, p. 155, ISBN 978-0-521-40268-2.
  18. ^ UN observers: Non-member States and Entities Palestine is listed immediately after non-member States (on the same page) and before the other observers (that are on the next page).
  19. ^ Ali Gharib, U.N. Adds New Name: "State of Palestine", The Daily Beast, 20 dicembre 2012. URL consultato il 10 gennaio 2013.
  20. ^ Repertory of Practice (PDF), nº 8, UN, p. 10.
  21. ^ The World today (PDF), UN.
  22. ^ U.N. again throws out Taiwan bid for recognition, in Reuters, 18 settembre 2008. URL consultato il 27 ottobre 2013.: "This time, Taiwan was not applying for membership, just to take part in unspecified U.N. 'activities'."
  23. ^ Taiwan drops annual U.N. bid as China relations warm, in Reuters, 4 febbraio 2009. URL consultato il 27 ottobre 2013.
  24. ^ UN THE WORLD TODAY (PDF) showing UN member states (blue), non-member states (green and yellow), non-self-governing territories (red) and the Occupied Palestinian Territory (gray).
  25. ^ Connie L. McNeely, Constructing the nation-state: international organization and prescriptive action, Greenwood Publishing Group, 1995, pp. 44–45, ISBN 978-0-313-29398-6. URL consultato il 1º maggio 2011.
  26. ^ Status of Palestine at the United Nations, Permanent Observer Mission of Palestine to the United Nations. URL consultato il 1º maggio 2011.
  27. ^ Admission of the Socialist Republic of Viet Nam to membership in the United Nations
  28. ^ United Nations http://www.un.org/ga/search/view_doc.asp?symbol=A/INF/63/6&Lang=E
  29. ^ a b c Template:UN document
  30. ^ Come Comunità economica europea. La CEE, diventata CE nel 1993, è diventata UE nel 2009 ed è divenuta membro osservatore nel 2011.
  31. ^ Template:UN document
  32. ^ United Nations General Assembly, Session 58, Resolution 318, Cooperation between the United Nations and the International Criminal Court, accessed 11 October 2013
  33. ^ L'Agenzia di cooperazione culturale e tecnica diventa osservatore nel 1978 e questo suo status è stato trasferito al suo successore, l'Organizzazione Internazionale della Francofonia, nel 1998.
  34. ^ Template:UN document
  35. ^ Documentos oficiales de las Naciones Unidas
  36. ^ United Nations General Assembly, Session 45, Resolution 6, Observer status for the International Committee of the Red Cross in the General Assembly, accessed 11 October 2013
  37. ^ United Nations General Assembly, Session 64, Resolution 3, Observer status for the International Olympic Committee in the General Assembly, accessed 11 October 2013
  38. ^ United Nations General Assembly, Session 49, Resolution 2, Observer status for the International Federation of Red Cross and Red Crescent Societies in the General Assembly, accessed 11 October 2013
  39. ^ United Nations General Assembly, Session 48, Resolution 265, Observer status for the Sovereign Military Order of Malta in the General Assembly, accessed 11 October 2013
  40. ^ United Nations General Assembly, Session 57, Resolution 32, Observer status for the Inter-Parliamentary Union in the General Assembly, accessed 11 October 2013
  41. ^ Template:UN document
  42. ^ UNGA Resolution A/RES/31/152 Observer status for the South West Africa People's Organization
  43. ^ Description of the European Union Delegation in New York, EU Delegation to the UN
  44. ^ Phillips, Leigh (15 July 2010) EU reaches out for new powers at United Nations, EU Observer

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Nazioni Unite Portale Nazioni Unite: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Nazioni Unite