Organizzazione degli Stati americani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Organizzazione degli Stati americani
(FR) Organisation des États américains
(EN) Organization of American States
(PT) Organização dos Estados Americanos
(ES) Organización de los Estados Americanos
Flag of the Organization of American States.svg
Organization american states building.jpg
La sede dell'OAS a Washington D.C..
AbbreviazioneOEA - OAS
TipoOrganizzazione internazionale
Fondazioneprima firma 30 aprile 1948,
in vigore 1º dicembre 1951
Sede centrale  Washington
Area di azioneAmeriche
Lingue ufficialifrancese, inglese, portoghese, spagnolo
Membri35 Stati membri
MottoDemocracy for peace, security, and development (Democrazia per la pace, la sicurezza e lo sviluppo)
Sito web
Paesi membri 2011
Organization of American States (orthographic projection).svg
Membri  Antigua e Barbuda (1967)
  Argentina (1948)
  Bahamas (1982)
  Barbados (1967)
  Belize (1991)
  Bolivia (1948)
  Brasile (1948)
  Canada (1990)
  Cile (1948)
  Colombia (1948)
  Costa Rica (1948)
  Cuba (1948-1962; 2009-)
  Dominica (1979)
  Ecuador (1948)
  El Salvador (1948)
  Giamaica (1969)
  Grenada (1975)
  Guatemala (1948)
  Guyana (1991)
  Haiti (1948)
  Honduras (1948-2009; 2011-)
  Messico (1948)
  Nicaragua (1948)
  Panama (1948)
  Paraguay (1948)
  Perù (1948)
  Rep. Dominicana (1948)
  Saint Kitts e Nevis (1984)
  Saint Vincent e Grenadine (1981)
  Saint Lucia (1979)
  Stati Uniti (1948)
  Suriname (1977)
  Trinidad e Tobago (1967)
  Uruguay (1948)
  Venezuela (1948)
Osservatori  Albania
  Algeria
  Angola
  Arabia Saudita
  Armenia
  Austria
  Azerbaigian
  Bangladesh
  Belgio
  Benin
  Bosnia ed Erzegovina
  Bulgaria
  Cina
  Cipro
  Città del Vaticano
  Corea del Sud
  Croazia
  Danimarca
  Egitto
  Estonia
  Filippine
  Finlandia
  Francia
  Georgia
  Germania
  Ghana
  Giappone
  Grecia
  Guinea Equatoriale
  India
  Irlanda
  Islanda
  Israele
  Italia
  Kazakistan
  Lettonia
  Libano
  Liechtenstein
  Lussemburgo
  Lituania
  Macedonia del Nord
  Malta
  Marocco
  Moldavia
  Monaco
  Montenegro
  Nigeria
  Norvegia
  Paesi Bassi
  Pakistan
  Polonia
  Portogallo
  Qatar
  Regno Unito
  Rep. Ceca
  Romania
  Russia
  Serbia
  Slovacchia
  Slovenia
  Spagna
  Sri Lanka
  Svezia
  Svizzera
  Thailandia
  Tunisia
  Turchia
  Ucraina
  Ungheria
  Unione europea
  Vanuatu
  Yemen[1]
Statistiche complessive
Fusi orarida UTC-10 a UTC-2

L'Organizzazione degli Stati americani (OSA, spesso OAS, dal nome in lingua inglese, o OEA, dal nome in lingue francese, portoghese e spagnola) è un'organizzazione internazionale di carattere regionale che comprende i 35 stati indipendenti delle Americhe (l'unico territorio americano sulla terraferma a non far parte dell'OSA è la Guyana francese, in quanto dipartimento d'oltremare francese). L'organizzazione è il principale forum politico per il dialogo multilaterale e per la soluzione di problemi politici locali. Lo scopo dell'organizzazione è di mantenere la pace, rinforzare la democrazia e i diritti dell'uomo, e migliorare le condizioni sociali ed economiche dei paesi dell'America.

Nel 1962 una risoluzione dell'VIII riunione del Consiglio dei ministri degli Esteri sospese Cuba, membro dell'organizzazione dal 1948, dall'OSA. Nel 2009 l'OAS ha riammesso Cuba nell'organizzazione, mentre ha sospeso l'Honduras a causa di un colpo di Stato avvenuto nello stesso anno. Il 1º giugno 2011 l'organizzazione ha infine riammesso nel consesso l'Honduras con 32 voti a favore e un solo voto contrario da parte dell'Ecuador.

L'organizzazione ha 4 lingue ufficiali, il francese (Organisation des États américains, OEA), l'inglese (Organization of American States, OAS), il portoghese (Organização dos Estados Americanos, OEA), e lo spagnolo (Organización de los Estados Americanos, OEA). La sede principale si trova a Washington, con sedi sussidiarie in altri paesi membri.

Attualmente (2014) vi sono 70 tra paesi e organizzazioni estere, che partecipano alle attività dell'Organizzazione degli Stati Americani in qualità di osservatori permanenti. Tra questi vi sono l'Unione europea e lo Stato della Città del Vaticano.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nella metà degli anni trenta Franklin Delano Roosevelt organizzò una conferenza inter-americana a Buenos Aires. Uno degli argomenti di questa conferenza fu una "Lega delle Nazioni dell'America", idea proposta da Colombia, Guatemala e Repubblica Dominicana.[3] Alla successiva Conferenza Interamericana per il Mantenimento della Pace, 21 nazioni s'impegnarono a tenersi neutrali in casi di conflitti fra due membri qualsiasi della Conferenza.[4] L'esperienza della seconda guerra mondiale convinse i governi dei paesi dell'emisfero meridionale, che azioni unilaterali non avrebbero potuto garantire l'integrità territoriale delle nazioni americane in caso di aggressione esterna. Per fronteggiare la sfida di un conflitto globale nel mondo del dopoguerra e contenere conflitti nell'emisfero, essi adottarono un sistema di sicurezza collettiva, il Trattato interamericano di assistenza reciproca, detto anche "Trattato di Rio", firmato a Rio de Janeiro nel 1947.

La Nona Conferenza Internazionale degli Stati Americani fu tenuta a Bogotà, tra marzo e maggio del 1948 e guidata dal Segretario di Stato degli Stati Uniti d'America George Marshall. Si trattò di un incontro che portò all'impegno, da parte dei Pesi membri, di combattere il comunismo nell'emisfero occidentale. Questo fu l'evento che vide la nascita dell'Organizzazione degli Stati americani, così come la vediamo oggi, con la firma da parte di 21 Paesi americani della Carta dell'Organizzazione degli Stati Americani il 30 aprile 1948 (con effetto dal dicembre 1951).

La Conferenza adottò anche la Dichiarazione americana dei diritti e dei doveri dell'uomo, il primo strumento generale sui diritti umani.

Il 16 ottobre 1948 le è stato riconosciuto lo status di osservatore dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite.

La transizione dalla Unione Panamericana alla OAS sarebbe stata graduale se non ci fosse stato l'assassinio del leader colombiano Jorge Eliécer Gaitán e le conseguenze emotive che ne seguirono. Il direttore generale della precedente, Alberto Lleras Camargo, divenne il primo Segretario Generale dell'Organizzazione degli Stati americani. L'attuale Segretario Generale è l'ex Ministro degli Affari Esteri dell'Uruguay, Luis Almagro.

Punti salienti della storia della Organizzazione fin dalla firma della sua Carta istitutiva:

  • 1959: Creazione della Commissione interamericana sui Diritti Umani
  • 1959: Creazione della Banca Interamericana di Sviluppo
  • 1961: Sottoscrizione a Punta del Este del Documento che sanciva il lancio dell'Alleanza per il Progresso
  • 1962: L'organizzazione sospende Cuba.
  • 1965: L'organizzazione istituisce una Forza di pace interamericana per ristabilire l'ordine nella Repubblica Dominicana, sconvolta da una violenta guerra civile.
  • 1969: Sottoscrizione della Convenzione americana dei diritti dell'uomo (in vigore dal 1978).
  • 1970: Definizione dell'Assemblea dell'Organizzazione degli Stati Americani come corpo supremo per l'assunzione di decisioni.
  • 1979: Creazione del Tribunale Interamericano per i Diritti Umani.
  • 1991: Adozione della Risoluzione 1080, che impone al Segretario Generale la convocazione del Consiglio Permanente dell'Organizzazione entro dieci giorni da un colpo di stato che si verifichi in uno qualunque dei Paesi membri dell'Organizzazione.
  • 1994: Primo summit delle Americhe (Miami), che decise di stabilire una Zona di libero scambio delle Americhe entro il 2005
  • 2001: Adottata a Lima la Carta Democratica Interamericana.
  • 2009: L'Organizzazione revoca la sospensione di Cuba del 1962.
  • 2009: L'Organizzazione sospende l'Honduras a causa del colpo di stato che ne cacciò il Presidente Manuel Zelaya.
  • 2011: L'Organizzazione toglie all'Honduras la sospensione a seguito del ritorno in patria dell'ex presidente Manuel Zelaya dall'esilio
  • 2017: Il Venezuela annuncia di cominciare il processo per abbandonare l'Organizzazione a causa della sua interferenza nella crisi politica del Paese

Stati membri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Permanent Observers, su der.oas.org. URL consultato il 22 dicembre 2020.
  2. ^ (EN) Department of International Affairs.
  3. ^ (EN) Special to the New York Times. "League of Nations in Americas urged by 3 Latin states", The New York Times. April 13, 1936. p. 1.
  4. ^ (EN) "Americas adopt neutrality pact", The New York Times. December 20, 1936.
  5. ^ Escluso dalla partecipazione dal 31 gennaio 1962 e riammesso il 3º giugno 2009.
  6. ^ Sospeso il 5 luglio 2009 e riammesso il 1º giugno 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN144934838 · ISNI (EN0000 0004 1936 9481 · LCCN (ENn80121278 · GND (DE37761-2 · BNF (FRcb11865218r (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80121278