Operazione Power Pack

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Operazione Power Pack
parte Guerra fredda
Domrep-f2.jpg
Ufficiali del Servizio Medico si riuniscono vicino Santo Domingo ai primi di maggio. Rivolti verso la camera ci sono il tenente colonnello William L. Richardson, ufficiale di comando del 15º Ospedale da campo, e il maggiore Quitman W. Jones, chirurgo, 82ª Divisione aviotrasportata
Data28 aprile 1965 - settembre 1966
LuogoRepubblica Dominicana
CausaInvasione statunitense per impedire la dittatura comunista nell'isola caraibica
EsitoVittoria statunitense;
Juan Bosch ritirò la sua candidatura;
Joaquín Balaguer Ricardo venne eletto presidente della Repubblica Dominicana
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
Stati Uniti 42 000 Marines statunitensi
1 748 Forza di pace interamericana:
Brasile 1 130 brasiliani
Honduras 250 honduregni
Paraguay 184 paraguayani
Nicaragua 160 nicaraguensi
Costa Rica 21 poliziotti costaricani
El Salvador 3 ufficiali salvadoregni
Rep. Dominicana 6 000 Esercito della difesa dominicana
Perdite
Stati Uniti 44 morti e 283 feriti
Leali dominicani 825 morti
IAPF 17 feriti
Rep. Dominicana 600 morti soldati dominicaniPiù di mille vittime civili
Voci di operazioni militari presenti su Wikipedia

L'operazione Power Pack (nella storiografia è conosciuta con il termine seconda occupazione della Repubblica Dominicana per gli Stati Uniti d'America) è stato l'intervento militare condotto dagli Stati Uniti nella Repubblica Dominicana durante il 1965. I Marines, sostenuti da elementi dell'82ª Divisione Aviotrasportata, sbarcarono il 28 aprile; tutte le unità statunitensi si ritirarono alla fine del settembre 1966.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerra