Gruppo di Visegrád

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gruppo di Visegrad
(CS) Visegrádská čtyřka / Visegrádská skupina
(HU) Visegrádi Együttműködés / Visegrádi négyek
(PL) Grupa Wyszehradzka
(SK) Vyšehradská skupina / Vyšehradská štvorka
Visegrád Group logo.svg
Fondazione15 febbraio 1991
PresidenteUngheria Presidenza a rotazione
MembriPolonia Polonia

Rep. Ceca Repubblica Ceca

Slovacchia Slovacchia

Ungheria Ungheria
Sito web
Paesi membri
MembriPolonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria
Ex membriCecoslovacchia
Statistiche complessive
Superficie533 616 k
Popolazione64 007 048

Il Gruppo di Visegrád (polacco: Grupa wyszehradzka, ungherese: Visegrádi Együttműködés, slovacco: Višegrádská skupina, ceco: Vyšehradská skupina), noto anche come Visegrád 4 o V4, è un'alleanza culturale e politica di quattro paesi dell'Europa centrale - che sono membri dell'UE - ai fini dell'avanzamento militare, culturale, economico e della cooperazione energetica; in più il gruppo serve a promuovere l'integrazione dei singoli stati nell'Unione Europea.

Il gruppo trae le sue origini dalle riunioni dei leader della Cecoslovacchia, dell'Ungheria e della Polonia tenutesi nel castello-città ungherese di Visegrád il 15 febbraio 1991. Visegrád fu scelto come luogo dell'incontro nel 1991 come allusione al Congresso medioevale di Visegrád nel 1335 tra Giovanni I di Boemia, Carlo I d'Ungheria e Casimiro III di Polonia. Dopo lo scioglimento della Cecoslovacchia nel 1993, la Repubblica Ceca e la Slovacchia divennero membri indipendenti del gruppo, aumentando così il numero di membri da tre a quattro. Tutti e quattro i membri del gruppo Visegrád hanno aderito all'Unione europea il 1º maggio 2004.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il cerimoniale della firma al vertice di Visegrád, 1991

Il Gruppo di Visegrád (pronuncia: "viscegrad") si è costituito a seguito di un vertice dei capi di Stato e di governo di Cecoslovacchia, Ungheria e Polonia tenutosi nella piccola cittadina ungherese di Visegrád, posta sulle rive del Danubio, già luogo di conservazione della Sacra Corona Apostolica di Santo Stefano d'Ungheria e corte del grande sovrano rinascimentale Mattia Corvino, il 15 febbraio 1991. L'incontro si era svolto per stabilire e rafforzare la cooperazione fra questi tre stati (divenuti quattro il 1º gennaio del 1993 con la divisione consensuale della Cecoslovacchia), allo scopo di promuovere l'integrazione unitaria del gruppo nell'Unione europea. Questo tipo di approccio fallì e si passò presto a rapporti diretti tra Bruxelles e i singoli stati candidati.

Tutti i membri del Gruppo di Visegrád sono entrati nell'Unione europea il 1º maggio 2004, l'unico paese tra questi ad aver adottato l'euro è la Slovacchia dal 2009. In origine era prevista la partecipazione al gruppo anche della Romania. Furono i gravissimi scontri etnici avvenuti in Transilvania nella cittadina di Târgu Mureș/Temesvár tra ungheresi e rumeni nel 1990 ad allontanare la Romania di Ion Iliescu dai processi preparatori per la formazione del gruppo di cooperazione.

La cooperazione e l'alleanza fra i quattro diversi stati proseguì comunque nei diversi campi della cultura, dell'educazione, della scienza, nonché in quello dell'economia. Nel 1999 è stato istituito il Fondo Internazionale di Visegrád (in inglese International Visegrad Fund, IVF), un fondo d'investimento e aiuto finanziario con sede a Bratislava, che, in accordo con la decisione dei capi di governo dei paesi membri, dal 2005 ha un budget annuale di 3 milioni di euro. Il gruppo di Visegrád riunisce quattro degli stati post-comunisti più prosperi, che presentano un'economia di mercato relativamente affermata e un tasso di crescita piuttosto alto rispetto alla media europea[1].

Nel 2018 i tassi di crescita variano dal 3% al 3,8%,[2] attirando investimenti dal resto d'Europa e da altri parti del mondo. Un dinamismo economico utilizzato anche per contare politicamente di più in Europa fino ad arrivare a scelte (dal problema migranti all'involuzione autoritaria di alcune riforme istituzionali sino a una certa insofferenza nei riguardi di Bruxelles)[3] non in linea con i principi di appartenenza alla Ue.[2]

Ispirazione storica[modifica | modifica wikitesto]

I Paesi del Gruppo di Visegrád

La scelta di riunirsi, il 15 febbraio 1991, nella città ungherese di Visegrád è dovuta ad un incontro ivi avvenuto tra i sovrani Carlo I d'Ungheria, Casimiro III di Polonia e Giovanni I di Boemia nel 1335. Carlo I d'Ungheria e Giovanni I concordarono sulla necessità di creare nuove vie commerciali che evitassero il centro di Vienna e di ottenere accessi più veloci ai diversi mercati europei. Un secondo incontro si svolse sempre a Visegrád nel 1339.

Dati[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i paesi del Gruppo di Visegrad fanno parte dell'Unione europea dal 2004, ma per ora solo la Slovacchia ha anche adottato l'euro come moneta, a partire dal 2009, mentre le altre nazioni non hanno ancora deciso una data per l'eventuale adozione.

Nome Superficie
(km²)
Popolazione
(abitanti)
UE Euro
Polonia Polonia 312.685 38.073.745 Unione europea
Rep. Ceca Repubblica Ceca 78.866 10.467.542 Unione europea
Slovacchia Slovacchia 49.035 5.389.180 Unione europea Euro symbol.svg
Ungheria Ungheria 93.030 10.076.581 Unione europea
Visegrad group.png Gruppo di Visegrad 533.616 64.007.048 Unione europea

Presidenza del Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

La presidenza del gruppo V4 cambia annualmente nel mese di giugno.

  • Rep. Ceca 1999-2000 Presidenza ceca;
  • Polonia 2000-2001 Presidenza polacca;
  • Ungheria 2001-2002 Presidenza ungherese;
  • Slovacchia 2002-2003 Presidenza slovacca;
  • Rep. Ceca 2003-2004 Presidenza ceca;
  • Polonia 2004-2005 Presidenza polacca;
  • Ungheria 2005-2006 Presidenza ungherese;
  • Slovacchia 2006-2007 Presidenza slovacca;
  • Rep. Ceca 2007-2008 Presidenza ceca;
  • Polonia 2008-2009 Presidenza polacca;
  • Ungheria 2009-2010 Presidenza ungherese;
  • Slovacchia 2010-2011 Presidenza slovacca;
  • Rep. Ceca 2011-2012 Presidenza ceca;
  • Polonia 2012-2013 Presidenza polacca;
  • Ungheria 2013-2014 Presidenza ungherese;
  • Slovacchia 2014-2015 Presidenza slovacca;
  • Rep. Ceca 2015–2016 Presidenza ceca;
  • Polonia 2016-2017 Presidenza polacca;
  • Ungheria 2017-2018 Presidenza ungherese.

Sede[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo in stile neo-moresco del Vigado, sede dell'Accademia delle Arti di Budapest e luogo di riunioni delle riunioni del Gruppo di Visegrad organizzate dall'Ungheria

Il gruppo non ha una sede fissa. L'unica sede è quella del Fondo Internazionale di Visegrad, a Presburgo/Bratislava. Ogni paese membro poi ospita riunioni in vari edifici. L'Ungheria lo fa nel palazzo in stile neo-moresco dell'Accademia delle Arti, nel cuore di Budapest, al centro di Pest, sulla riva del Danubio, non lontano dal neogotico Parlamento Ungherese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jana Vargovčíková, Le Groupe de Visegrad, 20 ans après, Politique étrangère, Vol. 77, No. 1 (Printemps 2012), pp. 147-159.
  2. ^ a b Visegrad, la crescita record dell'Ue contro la Ue, su repubblica.it, 12 febbraio 2018. URL consultato il 15 agosto 2018.
  3. ^ Visegrad, chi sono e cosa vogliono i paesi del Club ribelle d'Europa, su panorama.it, 23 giugno 2018. URL consultato il 15 agosto 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN132696726 · ISNI (EN0000 0001 2161 2709 · GND (DE4398309-1