Corte permanente di arbitrato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Corte permanente di arbitrato
(EN) Permanent Court of Arbitration
(FR) Cour Permanente d'Arbitrage
(NL) Permanent Hof van Arbitrage
Permanent Court of Arbitration - Cour permanente d'arbitrage.svg
Abbreviazione CPA
Fondazione 1899
Scopo Risoluzione di controversie internazionali
Sede centrale Paesi Bassi L'Aia
Area di azione Internazionale, 121 stati aderenti
Segretario Generale Paesi Bassi Hugo Hans Siblesz
Sito web 

La Corte permanente di arbitrato (CPA) è un'organizzazione internazionale fondata nel 1899 per facilitare la risoluzione delle controversie fra gli stati membri. I casi trattati spaziano in molteplici campi inclusi la delimitazione di confini terrestri e marini, sovranità, diritti umani, investimenti internazionali e commerci esteri e interni. Ha sede a L'Aia nei Paesi Bassi, nel Palazzo della Pace, che ospita anche la Corte internazionale di giustizia e l'Accademia del diritto internazionale. Il numero di stati aderenti ammonta a 121.

I precedenti storici[modifica | modifica wikitesto]

L'idea di una corte che si occupasse degli arbitrati internazionali non era nuova, infatti i primi esempi documentati di risalgono addirittura al re Dario di Persia.

Successivamente, durante l'armistizio dei trent'anni del 445 a.C. tra Atene e Sparta, si istituì un ente simile per risolvere le dispute tra le due città.

Nel Medioevo il ruolo di intermediario tra due autorità spettava al papa, tuttavia vi era disaccordo riguardo al fatto che i suoi verdetti fossero considerati vincolanti o semplicemente dei consigli per i regnanti.

Nel XIX secolo sono documentati diversi casi in cui una procedura d'arbitrato fu usata per risolvere dispute internazionali prima dello scoppio delle ostilità[1].

L'idea di una corte permanente fu introdotta in un accordo tra le repubbliche dell'America Latina e gli Stati Uniti. Prevedeva anche che una corte di arbitrato analizzasse le diatribe tra le nazioni, così da evitare conflitti.

Dopo la Prima Conferenza Panamericana di Washington il ricorso ad una corte di arbitrato fu esteso a qualunque disputa che riguardasse "l'onore nazionale e gli interessi vitali di uno stato".[2]

Fu solamente durante la conferenza dell'Aia del 1899 che venne istituita la prima Corte di arbitrato a livello mondiale.[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo della Pace, sede della Corte permanente di arbitrato.

Gli storici suddividono la storia della Corte in quattro differenti periodi:

Il compito di costituire la Corte fu lasciato al ministro degli Affari Esteri dei Paesi Bassi de Beaufort, il quale ritenne il numero di nazioni aderenti sufficiente nel settembre del 1900 e dunque convocò la prima riunione il 9 aprile del 1901, al fine di nominare i funzionari. Questa riunione ebbe come risultato la nomina a segretario generale di R. Melvil Baron van Lynden. Questa e tutte le altre riunioni fino all'agosto del 1913 furono tenute in un palazzo dell'Aia, finché la corte non si trasferì definitivamente nel Palazzo della Pace.

Tra il 1914 e il 1919 la corte non fu mai convocata, ispirando vignette satiriche che mostravano il palazzo fuori uso in vendita.

Con la fine della Grande Guerra, la Corte Permanente di Arbitrato divenne parte della Società delle Nazioni, appena fondata con la volontà di istituire un'organizzazione con più competenze e più affidabile.

Un secondo periodo di inattività della corte, tra il 1938 e il 1954, portò molti esperti di diritto internazionale a chiederne l'abolizione. Una proposta alternativa fu quella di trasformarla in una corte che si occupasse solamente di risolvere le dispute tra stati e privati. Tuttavia, nessuna di queste proposte ebbe successo e la Corte mantenne lo stesso ruolo.

Il 13 ottobre del 1993 le è stato riconosciuto lo status di osservatore dell'Assemblea generale dell'ONU.[4]

Il 18 ottobre 2007 e l'11 ottobre 2013 si tennero due eventi per ricordare, rispettivamente, il centenario della conferenza del 1907 e del trasferimento dell'organizzazione nel Palazzo della Pace.[1]

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

I soli elementi permanenti della Corte sono l'Ufficio internazionale di cancelleria, il Consiglio di amministrazione permanente, gli arbitri designati dagli Stati parti della Convenzione dell'Aia e infine da un elenco di regole di procedura. Per questo aspetto si distingue dalla Corte Internazionale di Giustizia; un'altra differenza è il fatto che le sessioni della Corte Permanente di Arbitrato si tengano in privato e siano riservate.[5]

La CPA non è una "corte" nel proprio significato del termine, ma una organizzazione amministrativa con l'obiettivo di avere mezzi permanenti e prontamente disponibili per servire come registro degli arbitrati internazionali e di altre procedure connesse, comprese le commissioni d'inchiesta e conciliazione. La corte "non è un tribunale arbitrale precostituito, bensì semplicemente un elenco di persone designate dagli Stati parte della convenzione, da cui gli Stati parte a una controversia possono scegliere gli arbitri investiti della soluzione e utilizzare l'assistenza di un segretariato".[6]

Il Consiglio d'amministrazione è un organismo composto da tutti i rappresentanti diplomatici degli Stati membri accreditati nei Paesi Bassi. È presieduto dal Ministro degli affari esteri olandese, che ne è anche un membro,e composto dagli agenti diplomatici degli Stati facenti parte della Convenzione, accreditati nei Paesi Bassi. Il Consiglio è responsabile della direzione dell'Ufficio internazionale, del bilancio dell'organizzazione e di un rapporto sulle attività.

I giudici o arbitri che ascoltano i casi sono chiamati membri della Corte. Ogni Stato membro può nominarne fino a quattro "di buone competenze in questioni di diritto internazionale, di alta reputazione morale e disposti ad accettare le funzioni di arbitri" per un periodo rinnovabile di 6 anni. Gli arbitri di ogni Stato membro formano insieme un "gruppo nazionale". I giudici possono essere selezionati nei casi di arbitrato in cui la CPA fornisce supporto. Gruppi Nazionale possono proporre candidati per i membri della Corte Internazionale di Giustizia.

La CPA a volte si confonde con la Corte internazionale di giustizia, che ha sede nello stesso edificio. La CPA non è tuttavia parte del sistema delle Nazioni Unite, anche se ha lo status di osservatore nell’assemblea generale delle Nazioni Unite dal 1993.

Consiglio Amministrativo[modifica | modifica wikitesto]

Il Consiglio Amministrativo (Permanent Administrative Council) è l'organo atto a controllare e supervisionare l'organizzazione, ha principalmente una funzione amministrativa nel controllo del Bureau internazionale, soprattutto in questioni inerenti salari e budget, inoltre redige il report annuale sulle attività dei Poteri Contraenti.[7]

La sua attività è regolata dalle Regole procedurali del Consiglio Amministrativo (Rules of Procedure of the Administrative Council of the Permanent Court of Arbitration) approvate all'Aia il 19 settembre 1900.[8]

Il Consiglio è composto da rappresentanti diplomatici accreditati dalle Conferenze internazionali per la pace dell'Aia.

Dal 1907 9 membri partecipano alla formazione dell'organo che nomina il Segretario Generale, capo del Bureau internazionale e Rappresentante della Corte.

Il suo mandato è di 5 anni con possibilità di rinnovo.

Ognuno degli Stati aderenti è incaricato di nominare un massimo di 4 arbitri della Corte. I loro nomi sono poi indicati sulla lista stilata dal Bureau, per un periodo di 6 anni, oltre il quale il loro mandato può essere rinnovato. È da questa lista che gli arbitri per ogni specifico caso in questione sono scelti. Il 1 gennaio 1988 il numero degli arbitri sulla lista era 244.

Era già sancito nello Statuto della Società delle Nazioni che i candidati giudici a questa corte dovessero essere scelti dalla lista sottoposta dai "gruppi nazionali" (al massimo 4 arbitri scelti da ogni stato) per la Corte Permanente di Arbitrato. Lo stesso rimane valido per la Corte Internazionale di Giustizia i cui membri sono appunto scelti dalla Assemblea Generale e dal Consiglio di Sicurezza da una lista sottoposta dai gruppi nazionali nella Corte Permanente di Arbitrato.[9]

I membri della Corte Permanente di Arbitrato possono oltretutto proporre candidati per il Premio Nobel per la Pace.[10]

Il segretariato o International Bureau[modifica | modifica wikitesto]

Il Bureau internazionale, guidato dal Segretario generale della Corte Permanente di Arbitrato, fornisce supporto legale, tecnico e amministrativo, conserva i documenti ed è il canale ufficiale di comunicazione.[11]

Procedura di Arbitrato[modifica | modifica wikitesto]

Gli articoli 30-57 della Conferenza dell'Aia del 1899[12], per la maggior parte basati su accordi preesistenti tra stati, definirono le regole delle procedure di arbitrato. Queste norme furono emendate nel 1907: la creazione di una procedura semplificata per casi più semplici è l'innovazione principale. Furono poi impiegate nel 1920 nella Corte Permanente di Giustizia Internazionale.[13]

In primo luogo le parti accettano i cosiddetti "compromessi", che dichiarano le competenze e i poteri degli arbitri. La procedura legale è composta da due differenti fasi: la scrittura della richiesta e la discussione verbale. Durante la prima parte della procedura gli agenti e gli avvocati raccolgono e depositano documenti e prove a favore della propria parte.

Nella seconda fase avviene il dibattito orale davanti alla Corte, la quale si ritira al termine della discussione e decide a maggioranza la sentenza.

Il verdetto scritto, che include le motivazioni dell'opinione dissenziente della minoranza degli arbitri, è firmato dal presidente e dal segretario (prima del 1907 dagli arbitri) e viene letto alle parti senza possibilità di appello. Tuttavia è possibile ottenere una revisione in caso di rinvenimento di nuove prove di natura decisiva tra la fase di dibattito e la dichiarazione del verdetto. L'ammissione della richiesta di revisione e ogni decisione in merito sono affidate alla Corte. È il compromesso a stabilire il periodo entro il quale può essere presentata domanda di revisione. Queste norme sono stabilite nell'articolo 55, animatamente dibattuto dalla Terza Commissione nel 1899.[14]

Supporto per arbitrati UNCITRAL[modifica | modifica wikitesto]

La Corte Permanente di arbitrato fornisce supporto ai casi di controversie che si svolgono secondo i regolamenti della Commissione delle Nazioni Unite per il diritto commerciale internazionale o UNCITRAL,[15] che coinvolgono, quali parti Stati, entità statali o organizzazioni governative.

Nel caso in cui le parti non riescano a nominare gli arbitri, il Segretario della Corte Permanente di Arbitrato può agire come autorità investita del potere di nomina (appointing authority.

Arbitrati UNCLOS[modifica | modifica wikitesto]

La Corte può essere scelta nei casi di controversie che ricadono sotto la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS). La Corte ha effettivamente amministrato tutti i casi di controversie UNCLOS, tranne uno.[16]

Regole Opzionali per l’Arbitrato di Dispute riguardanti Attività Extra-atmosferiche[modifica | modifica wikitesto]

La PCA ha dato avvio nel 2009 a un progetto finalizzato a creare un insieme di regole di arbitrato che rispondessero alle esigenze specifiche di dirimere dispute internazionali sullo spazio extra-atmosferico. Infatti non vi era un metodo alternativo per risolvere questo tipo di questioni oltre al meccanismo istituito dalla Liability Convention, che per di più non permette la partecipazione di entità non governative.

Furono quindi promulgate il 6 dicembre 2011 le Regole Opzionali per l’Arbitrato di Dispute riguardanti Attività Extra-atmosferiche. Esse riconoscono che gli scopi delle attività extra-atmosferiche non includono solo potenziali dispute tra nazioni, ma anche tra privati.[17][18]

Stati membri[modifica | modifica wikitesto]

Membri della Corte Permanente di Arbitrato (in verde sono indicate le nazioni aderenti alla convenzione del 1907, in blu quelle aderenti alla convenzione del 1899)

Sono 121 gli Stati che hanno aderito a una o ad entrambe le convenzioni dell'Aia del 1899 e 1907.[19]

Ogni Stato membro può nominare fino ad un massimo di 4 delegati, che svolgono le funzioni di arbitri. Essi devono possedere "una vasta competenza nel campo del diritto internazionale, un'alta reputazione morale e devono essere disposti ad accettare gli obblighi degli arbitri".[20]

Stato Aderente al concordato del 1899 Aderente al concordato del 1907 Delegati

(lista aggiornata al 2016)[21]

Albania Albania No Qirjako Qirko, Suela Janina, Armand Skapi, Gentian Zybery
Arabia Saudita Arabia Saudita No /
Argentina Argentina No Susan Myrta Ruiz Cerutti, Raul Emilio Vinuesa, Enrique J. A. Candioti, Horacio A. Basabe
Australia Australia Si Ivan A. Shearer, Hilary Charlesworth, Robert Shenton French, Justin Glesson
AustriaAustria Gerhard Hafner, August Reinisch, Wolfgang Benedek, Ursula Kriebaum
Bahamas Bahamas No /
Bahrein Bahrain No /
Bangladesh Bangladesh No Tofazzal Islam, Awlad Ali,Payam Akhavan
Belgio Belgio Marc Bossuyt, Erik Franckx
Belize Belize No /
Bielorussia Bielorussia Uladzimir A. Sakalouski, Valyantsin N. Fisenka, Mikhail M. Khvostov, Olga G. Sergeeva
Bolivia Bolivia /
Brasile Brasile Celso Lafer, Nadia De Araujo, Antonio Augusto Cançado Trinidade, Eduardo Grebler, Antonio Paulo Cachapuz de Medeiros
Bulgaria Bulgaria Margarit Ganev, Zlatko B. Dimitroff, Tsvetana Kamenova
Burkina Faso Burkina Faso /
Cambogia Cambogia /
Camerun Camerun Maurice Kamto, Michel Mahouve, Galega Feh Helen Kwanga, Jean Bosco Essoh
Canada Governo canadese William R. Crosbie
Cile Cile Ximena Fuentes Torrijo, Maria Teresa Infante Caffi, Edmundo Vargas Carreño, Eduardo Vio Grossi
Cina Cina Liu Zhenmin, Liu Daqun
Cipro Cipro No Aleocs Markides, James Droushiotis, George Erotocritou, George Nicolaou, Nicholas Emiliou, Georghios Pikis, Sotos Demetriou
Colombia Colombia Eduardo Cifuentes Muñoz, Ruth Stella Correa Palacio, Jaime Cordoba Triviño, Ricardo Abello Galvis
Costa Rica Costa Rica No Elizabeth Odio Benito, Sonia Picado Sotela, Rodrigo Oreamuno Blanco, Sergio Ugalde Godinez
Croazia Croazia No /
Cuba Cuba /
Danimarca Danimarca Tyge Lehmann, Poul Søgaard, Jonas Bering Liisberg, Anne Kristine Axelsson
Ecuador Ecuador No Alexis Mera Giler, Marcelo Vazques-Bermudez, Alvaro Galindo
Egitto Egitto No /
El Salvador El Salvador /
Emirati Arabi UnitiEmirati Arabi Uniti No /
EritreaEritrea No /
Estonia Estonia No Triinu Hiob, Lauri Mälksoo, Toomas Vaher, René Värk, Julia Laffranque, Heiki Lindpere, Andres Hallmägi, Rait Maruste
Etiopia Etiopia No /
Figi Fiji No /
Filippine Filippine No Lilia R. Bautista, Merlin M. Magallona, Hilario G. Davide
Finlandia Finlandia No Martti Koskenniemi, Tiina Astola, Gustav Bygglin, Päivi Kaukoranta
Francia Francia Gilbert Guillaume, Edwige Belliard, Geneviève Bastid Burdeau, François Alabrune, Jean-Pierre Puissochet
Georgia Georgia No /
Germania Germania Doris König, Stefan Oeter,Eibe Riedel, Andreas Zimmermann
Giappone Giappone Shunji Yanai, Shinya Murase, Hisashi Owada, Nisuke Ando
Gibuti Gibuti No /
Giordania Giordania No Awn Shawkat Al Khasawneh, Ibrahim Amosh, Hamza Haddad, Omar Aljazy
Regno Unito Gran Bretagna Lady Justice Arden, Franklin Delow Berman, Christopher Greenwood, Elihu Lauterpacht
Grecia Grecia No Emmanuel Roucounas, Christos Rozakis, Linos-Alexandre Sicilianos, Maria Telalian
Guatemala Guatemala /
Guyana Guyana No /
HaitiHaiti Camille LeBlanc, Louis Gary Lissade, Jean-Henri Ceant
Honduras Honduras Carlos Lopez Contreras, Julio Rendon Banica, Mireya Agüero De Corrales, Jorge Ramon Hernandez Alcerro
IndiaIndia No H. L. Dattu, G. T. Nanavati, Mukul Rohatgi, Harish Salve
IranIran No Mohsen Mohebi, Djamchid Momtaz, Alireza Jahangiri, Hossein Piran
Iraq Iraq Al-Adhami Riyadh Hashim Abdul-Razzaq, Abduduallteef Naif Abdullteef, Mohammed H. Hamoud, Wael Abdul Lateef Hussain Alfadhel
Irlanda Irlanda No Maire R. Whelan, Nicholas Kearns, Siobhan Mullally, James Kingston
Islanda Islanda /
Israele Israele No Ruth Lapidoth, Meir Shamgar, Alan Baker, Robbie Sabel
Italia Italia No Ida Caracciolo, Umberto Leanza, Mauro Politi, Attila Tanzi
Kenya Kenya No S. Amos Wako, Willy M. Mutunga, Phoebe Okowa, Githu Muigai
Kirghizistan Kirghizistan /
Kosovo No Jetish Jashari, Robert Muharremi
Kuwait Kuwait No Yaacoub Abdulmohsen Alsaneaa, Zakaria Al-Ansari, Mansour Faraj Al-Saeed, Khalifah Thamer Alhamidah
LaosLaos Ket Kiettisak, Kisinh Sinphanngam, Ouan Phommachack
Lettonia Lettonia No /
Libano Libano Chukri Sader, Wassim Mansouri, Ghaleb Mahmassani, Ramzi Joreige
Libia Libia No /
Liechtenstein Liechtenstein No /
Lituania Lituania No Renata Berzanskiene, Andrius Smaliukas, Saulius Katuoka, Justinas Zilinskas
Lussemburgo Lussemburgo Patrick Kinsch
Macedonia Macedonia Nikola Dimitrov, Saso Georgievski, Toni Deskoski
Madagascar Madagascar No /
Malesia Malesia No Karam Chand Vohrah, Vinayak P. Pradhan, Cecil W. M. Abraham, Abdul Aziz Mohamad
Malta Malta No David J. Attard, Giovanni Grixti, George M. Hyzler, James Busuttil
Marocco Marocco No El Hassan El Guassem, M. Mohamed Bennouna, M. Mostafa Faress, M. Mostafa Maddah, M. Mohamed Said Bennani
Mauritius Mauritius No A. G. Pillay, D. B. Seetulsingh, Satyanhooshan Gupt Domah, Hamid Moollan
Messico Messico Alberto Szekely Sanchez, Alonso Gomez Robledo Verduzco, Salazar Ugarte, Bernardo Sepulveda-Amor
Montenegro Montenegro No /
Nicaragua Nicaragua /
Nigeria Nigeria No Chirstopher Bayo Ojo, Alhaji Abdullhai Ibrahim, Adedoyin Oyinkan Rhodes-Vivour
Norvegia Norvegia Ingse Stabel, M. Rolf Einar Fife, Liv Gjølstad, Margit Tveiten
Nuova Zelanda Nuova Zelanda Sian Ellias, Christopher Finlayson, Una Jagose, Gerard Van Boehemen, Michael Heron
Paesi Bassi Paesi Bassi André Nollkaemper, Alphons Orie, Elisabeth Lijnzaad, Nico J. Schrijver
Pakistan Pakistan No Faqir Muhammad Khokhar, Malik Hamid Saeed, Masood Kausar, Muhammad Ahsan Bhone
Palestina Palestina No /
Panama Panama /
Paraguay Paraguay José Félix Fernandez Estigarribia, M. Enrique A. Sosa Elizeche, M. Emilio Camacho Paredes, M. Hugo Esteban Estigarribia Gutierrez
Perù Perù No Eduardo Ferrero Costa, Diego Garcia-Sayan Larrabure, Enrique Martin Bernales Ballesteros, Juan José Ruda Santolaria
Polonia Polonia No Jerzy Makarczyk, Janusz Symonides, Kazimierz Lankosz, Anna Wyrozumska
Portogallo Portogallo José Miguel Judice, Miguel De Serpa Soares, José Manuel Servulo Correia, Patricia Galvão Teles
Qatar Qatar No /
Rep. Ceca Repubblica Ceca No Dalibor Jilek, Validimir Balas, Jiri Malenovski, Pavel Sturma
Rep. del Congo Repubblica Democratica del Congo /
Corea del Sud Repubblica di Corea No Kak-Soo Shin, Byung Chul So, Jang-Hie Lee, Byung-Sun Oh
Rep. Dominicana Repubblica Dominicana /
Romania Romania Bogdan Aurescu, Raluca Miga Beșteliu, Alina Orosan, Anca Maria Stoica
Ruanda Ruanda No /
Russia Russia Kirill G. Gevorgian, Roman A. Kolodkin, Kamil Abdulovich Bekiashev, Stanislav Valentinovich Tchernichenko
São Tomé e Príncipe Sao Tomé e Principe No /
Senegal Senegal Papa Oumar Sakho, Demba Kandji, Abdou Salam Diallo, Fatimatou Ka Diop
Serbia Serbia No Milenko Kreca
Singapore Singapore No Tommy Koh, Sundaresh Menon, Lionel Yee, Chan Sek Keong
Slovacchia Slovacchia No Jan Klucka, Peter Tomka, Peter Vrsanky, Vaclav Mikulka
Slovenia Slovenia Borut Bohte, Mirjam Skrk, Jerney Sekolec, Rajko Knez
Spagna Spagna Juan Antonio Yanez-Barnuevo, Santiago Torres Bernardez, Antonio Remiro Brotons, José Antonio Pastor Ridruejo
Sri Lanka Sri Lanka No /
Stati Uniti Stati Uniti d'America Harold Hongju Koh, Brian J. Egan, John B. Bellinger, Stephen M. Schwebel, Mary Mcleod
SudafricaSud Africa No /
Sudan Sudan No (Mult) Kamil El Tayeb Idris, Osman El Sharf, Sirajuddin Hamid Yousif, Abdel Rahman Ibrahim El Khalifa
Suriname Suriname No /
Svezia Svezia Anders Rönquist,Mats Melin, Ove Bring, Carl Henrik Ehrenkrona
Svizzera Svizzera Lucius Caflisch, Laurence Boisson De Chazournes, Roberto Balzaretti, Daniel Thürer, Valentin Zellweger
Swaziland Swaziland No /
ThailandiaThailandia Arun Panupong, Sansern Kraichitti, Prajit Rojanaphruk, Chalermpon Ake-Uru
Togo Togo No /
TurchiaTurchia No Yusuf Aksar, Ali Yesilimark, Mehmet Ali Zengin, Mehmet Bedii Kaya
Ucraina Ucraina /
UgandaUganda No /
Ungheria Ungheria Vanda Lamm, Janos Bruhacs, Reka Varga, Marcel Szabò, Csaba Pakozdi
Uruguay Uruguay No Alberto Pèrez Pérez, Carlos Alberto Mata Prates, Jose Korzeniak, Roberto Puceiro Ripoll
Venezuela Venezuela No /
Vietnam Vietnam Nguyen Thi Thanh Ha, Nguyen Quy Binh, Nguyen Khanh Ngoc, Giang Thanh Tung
Zambia Zambia No Mathew M. S. W. Ngulube, Albert M. Wood
Zimbabwe Zimbabwe No /

I segretari generali[modifica | modifica wikitesto]

Casi esaminati[23][modifica | modifica wikitesto]

Enrica Lexie, da cui il nome del caso 2015-28
La nave Enrica Lexie, da cui il nome del caso 2015-28

In corso[modifica | modifica wikitesto]

Controversie tra stati[modifica | modifica wikitesto]

La nave Arctic Sunrise, oggetto dell'omonimo caso

Controversie tra stato e privati[modifica | modifica wikitesto]

  • Caso nº 2016-21: Josias Van Zyl (Sud Africa), il fondo familiare di Josias Van Zyl (Sud Africa) e il fondo Burmilla vs il Regno del Lesotho
  • Caso nº 2016-17: Michael Ballantine e Lisa Ballantine vs la Repubblica Dominicana
  • Caso nº 2016-13: Resolute Forest Products Inc. vs il Governo Canadese
  • Caso nº 2016-08: Manuel García Armas, Pedro García Armas, Sebastián García Armas, Domingo García Armas, Manuel García Piñero, Margaret García Piñero, Alicia García González, Domingo García Cámara e Carmen García Cámara vs Venezuela
  • Caso nº 2015-40: Indian Metals & Ferro Alloys Limited (India) vs il Governo Indonesiano
  • Caso nº 2015-36: Everest Estate LLC e altri vs la Federazione Russa
  • Caso nº 2015-35: Stabil LLC, Rubenor LLC, Rustel LLC, Novel-Estate LLC, PII Kirovograd-Nafta LLC, Crimea-Petrol LLC, Pirsan LLC, Trade-Trust LLC, Elefteria LLC, VKF Satek LLC e Stemv Group LLC vs la Federazione Russa
  • Caso nº 2015-34: PJSC Ukrnafta vs Federazione Russa
  • Caso nº 2015-32: Stans Energy Corp., Kutisay Mining LLC vs Kirghizistan
  • Caso nº 2015-07: aeroporto Belbek LLC e Igor Valerievich Kolomoisky vs Federazione Russa
  • Caso nº 2014-34: WNC Factoring Limited (Regno Unito) vs Repubblica Ceca
  • Caso nº 2014-30: Mytilineos Holdings S.A. (Grecia) vs Serbia
  • Caso nº 2014-26: Louis Dreyfus Armateurs SAS (Francia) vs India
  • Caso nº 2014-01: Antaris Solar Gmbh (Germania), Michael Göede (Germania) vs Repubblica Ceca
  • Caso nº 2013-23: Tenoch Holdigns Limited (Cipro), Maxim Naumchenko (Federazione Russa), Andrey Poluektov (Federazione Russa) vs India
  • Caso nº 2013-09: CC/Devas (Mauritius) Ltd, Devas Employees Mauritius Private Limited, Telcom Devas Mauritius Limited vs India
  • Caso nº 2012-16: Murphy Exploration & Production Company-International vs Ecuador
  • Caso nº 2012-12: Philip Morris Asia Limited (Hong Kong) vs Australia
  • Caso nº 2012-10: Merck Sharpe & Dohme (I. A.) LLC vs Ecuador
  • Caso nº 2010-21: Dunkeld International Investment Limited (Turks & Caicos) vs Belize
  • Caso nº 2010-20: China Heilongjiang International Economic & Technical Cooperative Corp., Beijing Shougang Mining Investment Company Ltd, Qinhuangdaoshi Qinlong International Industrial Co. Ltd vs Mongolia
  • Caso nº 2009-23: Chevron Corporation, Texaco Petroleum Company vs Ecuador
  • Caso nº 2009-4: Bilcon of Delaware ed altri vs Governo canadese

Altri arbitrati[modifica | modifica wikitesto]

  • Caso nº 2017-01: Manila Water Company Inc. (Filippine) vs Filippine
  • Caso nº2016-03: D. v. Energy Community
  • Caso nº 2015-37: Maynilad Water Services, Inc. (Filippine) vs Filippine
  • Caso nº 2014-32: Ecuador TLC S. A. (Ecuador), Cayman International Exploration Company S. A. (Panama), Teikoku Oil Ecuador (Isole Cayman) vs Ecuador, Segretariato degli idrocarburi Ecuador, Impresa Statale degli idrocarburi Ecuador EP Petroecu.

Casi passati[modifica | modifica wikitesto]

Questa è una lista parziale: la Corte sta infatti gradualmente rendendo accessibili elettronicamente tutti i registri riguardanti i casi esaminati in passato.

Fondi e tasse d'Arbitrato[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 2007 e i 2008 il budget per la Corte era di 1 800 000 €[25]I fondi per la Corte provengono dai contributi dei suoi membri e dalle tasse corrisposte dalle parti per i casi di arbitrato. I costi fissi che ogni stato membro deve pagare individualmente si basano sul sistema dell'Unione Postale Universale.[26]

Ogni parte richiedente l'arbitrato deve pagare le spese per organizzare il tribunale, inclusi gli stipendi degli arbitri, le spese per i registri e le funzioni amministrative, ma non le spese generali dell'organizzazione[27][28]. I costi variano da caso a caso e possono essere oggetto di trattativa tra la Corte Permanente di Arbitrato e la parti in causa.[29]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Arthur Eyffinger, The Peace Palace, Carnegie, 1988, pp. 129-136
  2. ^ Boeckel R., Pan American arbitration conference, in Editorial research reports, vol. 1928, IV, CQ Press, Washington. URL consultato il 24 febbraio 2017.
  3. ^ Arthur Eyffinger, The Peace Palace, Carnegie, 1988, p.137
  4. ^ General Assembly A/RES/48/3 13 ottobre 1993, un.org.
  5. ^ The Hague Justice Portal, haguejusticeportal.net. URL consultato il 19.02.2017.
  6. ^ Tullio Treves, Diritto internazionale. Problemi fondamentali, Giuffrè editore, 2005. p. 597.
  7. ^ PCA - Administrative Council, pca-cpa.org.
  8. ^ Rules of Procedure of the Administrative Council of the Permanent Court of Arbitration (PDF) (PDF), pca-cpa.org.
  9. ^ art. 4 Statuto Corte Internazionale di GIustizia, icj-cij.org.
  10. ^ PCA - Members of the Court, pca-cpa.org.
  11. ^ (EN) International Bureau | PCA-CPA, su pca-cpa.org. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  12. ^ 1899 Convention for the Pacific Settlement of International Disputes (PDF), pca-cpa.org.
  13. ^ 1907 Convention for the Pacific Settlement of International Disputes (PDF), pca-cpa.org.
  14. ^ Arthur Eyffinger, The Peace Palace, p. 136.
  15. ^ (EN) UNCITRAL Arbitration Rules | PCA-CPA, su pca-cpa.org. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  16. ^ (EN) UNCLOS | PCA-CPA, su pca-cpa.org. URL consultato il 22 febbraio 2017.
  17. ^ thespacereview.com, http://www.thespacereview.com/article/2002/1 .
  18. ^ pca-cpa.org, https://pca-cpa.org/wp-content/uploads/sites/175/2016/01/Permanent-Court-of-Arbitration-Optional-Rules-for-Arbitration-of-Disputes-Relating-to-Outer-Space-Activities.pdf .
  19. ^ Sito Ufficiale Corte Permanente di Arbitrato, pca-cpa.org.
  20. ^ pca-cpa.org, https://pca-cpa.org/en/about/structure/members-of-the-court/ .
  21. ^ pca-cpa.org, https://pca-cpa.org/wp-content/uploads/sites/175/2016/08/2016-Annex-1-MC.pdf .
  22. ^ pca-cpa.org, https://pca-cpa.org/en/about/introduction/secretary-general/ .
  23. ^ Permanent Court of Arbitration - Case Repository, pcacases.com.
  24. ^ The "Enrica Lexie" Incident (Italy v. India) - PCA Case Repository, pcacases.com.
  25. ^ The Permanent Court of Arbitration, su City of The Hague, November 2008. URL consultato il 31 luglio 2016.
  26. ^ Administrative Council, PCA. URL consultato il 30 luglio 2016.
  27. ^ Art. 85 Convention for the Pacific Settlement of International Disputes (Hague I), October 18, 1907.
  28. ^ Schedule of Fees and Costs, PCA.
  29. ^ FAQ, PCA-CPA. URL consultato il 14 luglio 2016.
    «The costs of arbitration vary from case to case. To promote maximum flexibility in each case, the PCA has no fixed fee schedule. The PCA assists the parties and tribunal in finding a fee arrangement that is most appropriate for the case.».

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manley O. Hudson, The Permanent Court of International Justice 1920-1942 (A Treatise), New York, The Macmillan Company, June 1943, pp. 3–36, sezz.1-32.
  • Leonida Tedoldi (a cura di), La giustizia internazionale. Un profilo storico-politico dall'arbitrato alla corte penale, Carocci, Roma 2012, ISBN 978843063510

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN142506469 · ISNI: (EN0000 0001 2172 7493 · BNF: (FRcb117140209 (data)