Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia
(EN) United Nations Children's Fund
(FR) Fonds des Nations unies pour l'enfance
(AR) صندوق الأمم المتحدة للطفولة
(ZH) 联合国儿童基金会
(RU) Детский фонд Организации Объединённых Наций
(ES) Fondo de Naciones Unidas para la Infancia
UNICEF Logo.png
Abbreviazione UNICEF
Tipo agenzia specializzata dell'Organizzazione delle Nazioni Unite
Fondazione 11 dicembre 1946
Sede centrale Stati Uniti New York
Area di azione Mondo Mondo
Direttore esecutivo Stati Uniti Anthony Lake
Lingue ufficiali inglese, francese, spagnolo, arabo, cinese, russo
Sito web
Premio Nobel
Nobel per la pace
1965

Il Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia, in sigla UNICEF (pron. /ˈuniʧef/[1]; già United Nations International Children's Emergency Fund, e dal 1953 United Nations Children's Fund), è un fondo delle Nazioni Unite, organo sussidiario fondato nel dicembre 1946 per aiutare i bambini vittime della seconda guerra mondiale[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'UNICEF, con sede centrale a New York, è presente in 190 paesi e si occupa di assistenza umanitaria per i bambini e le loro madri in tutto il mondo, principalmente nei paesi in via di sviluppo. I bambini e i ragazzi sotto i 15 anni sono circa 2 miliardi nel mondo. L'UNICEF è finanziato con contributi volontari di paesi, governi e privati e ha ricevuto il premio Nobel per la pace nel 1965[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luciano Canepari, UNICEF, in Il DiPI – Dizionario di pronuncia italiana, Zanichelli, 2009, ISBN 978-88-08-10511-0.
  2. ^ (EN) Milestones: 1946-1955, su unicef.org. URL consultato il 30 novembre 2016.
  3. ^ (EN) 1965 Nobel Peace Prize awarded to UNICEF, su unicef.org. URL consultato il 30 novembre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN154182010 · LCCN: (ENn79093850 · ISNI: (EN0000 0001 2189 1912 · GND: (DE2023668-2 · BNF: (FRcb118684944 (data) · NLA: (EN35561200